Salute 28 Febbraio 2022 12:28

«Per i malati rari il 2021 è stato un anno di vittorie a metà», la denuncia di OMAR nella Giornata Mondiale delle Malattie Rare

Il bilancio sulle malattie rare del direttore di Omar, Ilaria Ciancaleoni Bartoli, sul 2021 è caratterizzato da numerose vittorie a metà. Mancano decreti attuativi di molti provvedimenti che hanno l’obiettivo di supportare e sostenere i malati rari e le loro famiglie

«Per i malati rari il 2021 è stato un anno di vittorie a metà», la denuncia di OMAR nella Giornata Mondiale delle Malattie Rare

Avrebbe dovuto essere l’anno della ripresa e, per certi versi, della svolta per i malati rari. Ma i passati 12 mesi sono stati caratterizzati da risultati e vittorie a metà. A raccontarlo in occasione della Giornata Mondiale delle Malattie Rare è Ilaria Ciancaleoni Bartoli, direttore dell’Osservatorio Malattie Rare (Omar), sempre in prima fila a fianco dei pazienti e delle loro famiglie. «La pandemia ha messo a dura prova un sistema ancora poco strutturato e molto fragile come quello delle malattie rare», racconta Ciancaleoni Bartoli.

Visite e terapie saltate, la dura pandemia dei malati rari

«Nel primo anno di pandemia sono saltate visite e terapie ospedaliere e i malati – continua il direttore di Omar – hanno sofferto a causa di un sistema di assistenza domiciliare storicamente molto carente. Da uno studio condotto su alcune regioni si evidenzia un calo delle nuove esenzioni per malattia rara, probabilmente perché sono calate le diagnosi e non perché le malattie rare sono di meno, ma perché di meno sono state le visite». Nel 2021, insomma, non si è riusciti a centrare l’obiettivo principale: recuperare quanto perso e rimandato nell’anno precedente.

 

Il Testo unico sulle malattie rare: la storia di una vittoria a metà

«Dopo 3 anni e mezzo di attesa, lo scorso novembre è stato finalmente approvato il Testo Unico sulle Malattie Rare, una Legge dello Stato che per la prima volta definisce organicamente le malattie rare, i diritti di chi ne è affetto e il quadro organizzativo», racconta Ciacaleoni Bartoli. «Ma ad oggi possiamo definirla una vittoria a metà: ancora mancano i provvedimenti che renderebbero questa Legge quadro operativa», aggiunge. Siamo già in ritardo con l’istituzione del Comitato nazionale per le malattie rare, che sarebbe dovuta avvenire entro lo scorso 10 febbraio. Manca, inoltre, il decreto per il Fondo di solidarietà per le persone affette da malattie rare, che andrebbe istituito entro il 12 marzo.

Senza decreti attuativi il Testo Unico sulle Malattie Rare non sarà operativo

Stessa cadenza e nessuna notizia dell’accordo in Conferenza Stato Regioni per il Piano nazionale per le malattie rare e il riordino della Rete nazionale per le malattie rare. Sempre il 12 marzo è prevista la scadenza dell’accordo in Conferenza Stato Regioni che consentirà di definire le modalità per assicurare un’adeguata informazione dei professionisti sanitari dei pazienti coinvolti e delle loro famiglie. Infine, è il 12 giugno la scadenza per la realizzazione del regolamento che stabilirà i criteri e le modalità di attuazione degli incentivi fiscali. «Siamo contenti per l’approvazione del Testo unico, ma senza i decreti attuativi non andiamo da nessuna parte», sottolinea Ciancaleoni Bartoli.

Successo in Lazio e in Toscana per lo screening neonatale per la Sma, ma serve piano nazionale

Un altro obiettivo importante raggiunto nel 2021 è la conclusione, con successo, del progetto pilota dedicato allo screening neonatale per l’atrofia muscolare spinale (Sma) nelle regioni Lazio e Toscana. «È stato un successo importante tanto che queste regioni hanno deciso di continuare nell’ambito dei rispettivi Servizi sanitari regionali», dice il direttore di Omar. «Ma quello che ci aspettavamo e che ci aspettiamo è quello di estendere questa esperienza a livello nazionale, così come già avviene negli Stati Uniti o in Germania», aggiunge.

Continua la lunga attesa del decreto che renderà operativi in nuovi Lea

Nel 2021 si è mancati anche all’appuntamento, atteso da ben 5 anni, con la piena attuazione dei Nuovi Lea definiti nel 2018. «Secondo il decreto istitutivo dei nuovi Lea, questo decreto doveva essere fatto entro il 28 febbraio 2018, la giornata delle malattie rare di 4 anni fa, ma ancora oggi nulla», dice Ciancaleoni Bartoli. Da due mesi si attende la firma delle Regioni. La bozza di decreto infatti c’è, ma ora si sta tardando con la ratifica. «L’approvazione di questo decreto – dice Ciancaleoni Bartoli – garantirebbe in un solo colpo l’aggiornamento delle tariffe della specialistica ambulatoriale e del comparto protesico e quindi l’erogazione di nuove e lungamente attese prestazioni». I malati rari, le famiglie e le associazioni non si arrendono. «In questa nuova Giornata dedicata alle malattie rare, Omar rinnova ancora una volta il suo impegno verso i malati rari: continueremo a lottare per il loro diritti senza fermarci mai», conclude Ciancaleoni Bartoli.
Dal canto suo il ministro della Salute, Roberto Speranza, conferma il suo impegno in un post pubblicato su Facebook: «Ci dobbiamo prendere cura di ogni malato, estendendo i livelli essenziali di assistenza, e investendo sempre più nella ricerca».

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Arriva la “Carta dei Malati Rari Senza Diagnosi”, decalogo sui diritti di oltre 100mila pazienti italiani
Fondazione Hopen Onlus, Ospedale Pediatrico Bambino Gesù, Orphanet-Italia e Osservatorio Malattie Rare propongono la Carta dei Malati Rari Senza Diagnosi, un decalogo di riferimento sui diritti dei pazienti rari senza diagnosi e sugli impegni richiesti ai decisori politici e alla società tutta affinché siano resi concretamente esigibili
Malattie rare, Fondazione Revert: «In corso trial su sclerosi multipla e SLA»
 Il 28 febbraio si celebra la Giornata Mondiale delle Malattie Rare: un’occasione per sensibilizzare la società nei confronti di tutte quelle malattie che, ad oggi, non hanno una cura e che spesso faticano ad avere una diagnosi precoce. Nell’ambito delle ricerche su queste patologie si inserisce la Fondazione Revert Onlus.   Nata nel 2003, Revert ha […]
Malattie Rare, Regimenti (Forza Italia): «Da Ue strategia per garantire farmaci orfani a prezzi accessibili»
L'europarlamentare azzurra spiega: «Compito delle istituzioni è quello di non far sentire mai sole le famiglie ma metterle nelle migliori condizioni per affrontare la difficile sfida della malattia»
Giornata malattie rare, l’approccio multiprofessionale della FNO TSRM PSTRP a sostegno dei pazienti
Tra le varie iniziative in cantiere sul tema delle malattie rare la FNO TSRM PSTRP ha in programma per il prossimo 29 giugno un evento formativo in occasione della Giornata mondiale della Sclerodermia
Al Pertini di Roma il primo Open Day in Tele-screening per il fenomeno di Raynaud
La medicina digitale e la telemedicina possono rappresentare una valida opportunità per fare Rete, condurre visite e teleconsulti anche a distanza
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

In arrivo il nuovo Piano Nazionale Cronicità. Previsto maggior coinvolgimento dei pazienti e dei caregiver

Il documento redatto dal Ministero della Salute sbarca in Stato-Regioni. Nelle fasi e negli obiettivi che lo compongono, l'erogazione di interventi personalizzati attraverso il coinvolgimento di pazie...
di G.R.
Salute

Gioco patologico, in uno studio la strategia di “autoesclusione fisica”

Il Dipartimento di Scienze cliniche e Medicina traslazionale dell'Università Tor Vergata ha presentato una misura preventiva mirata a proteggere i giocatori a rischio di sviluppare problemi leg...
Salute

Cervello, le emozioni lo ‘accendono’ come il tatto o il movimento. Lo studio

Dagli scienziati dell'università Bicocca di Milano la prima dimostrazione della 'natura corporea' dei sentimenti, i ricercatori: "Le emozioni attivano regioni corticali che tipicamente rispondo...
Advocacy e Associazioni

Porpora trombotica trombocitopenica. ANPTT Onlus celebra la III Giornata nazionale

Evento “WeHealth” promosso in partnership con Sanofi e in collaborazione con Sics Editore per alzare l’attenzione sulla porpora trombotica trombocitopenica (TTP) e i bisogni ancora i...