Salute 10 Luglio 2020

Lo screening neonatale per la SMA ha cambiato la vita di sei bambini

I risultati del progetto nel Lazio e in Toscana. Il genetista: «Diagnosticare la malattia nella fase pre-sintomatica permette alla maggior parte dei bambini di compiere tutte le tappe motorie»

di Isabella Faggiano
Immagine articolo

Ha solo 9 mesi di vita ed ha già cambiato il destino di 6 neonati e delle loro famiglie. È il progetto pilota per lo screening neonatale per la SMA, l’atrofia muscolare spinale, che per la prima volta in Italia offre la possibilità di un test genetico universale, volontario e gratuito. La SMA è una patologia rara che progressivamente indebolisce le capacità motorie ed è la prima causa di morte genetica infantile. «Diagnosticare la malattia nella fase pre-sintomatica, fin dai primi giorni di vita del neonato, permette di ottenere degli ottimi risultati», spiega  Francesco Danilo Tiziano, professore associato di Genetica Medica all’università Cattolica del Sacro Cuore, campus di Roma.

SCREENING NEONATALE PER LA SMA: DIAGNOSI PRECOCE E QUALITÀ DELLA VITA

«Molti dei bambini con presunte forme gravi di SMA, che avrebbero avuto un’aspettativa di vita inferiore ai due anni per la storia naturale della malattia, se trattati precocemente – aggiunge lo specialista – riescono a compiere tutte le tappe motorie alla stessa stregua dei coetanei non affetti da questa patologia genetica». Il farmaco, incluso da AIFA tra quelli cosiddetti innovativi, è utilizzato dal 2017, un tempo ridotto di somministrazione che non permette di assicurare risultati a lungo termine. «È difficile prevedere – sottolinea il docente – se questi bambini avranno qualche forma di disabilità residua nel corso degli anni. I dati finora raccolti, infatti, coprono un arco temporale ancora troppo breve».

I NUMERI DEL PROGETTO

Il programma di screening, avviato nel mese di settembre dello scorso anno nel Lazio e in Toscana, ha già coinvolto oltre 30 mila neonati (più di 25 mila nel Lazio e oltre 5 mila in Toscana).

Il progetto è stato coordinato dal Dipartimento di Scienze della vita e sanità pubblica dell’Università Cattolica del Sacro Cuore campus di Roma, e realizzato in collaborazione con i centri nascita, le Istituzioni regionali, l’impegno di Famiglie SMA e dell’Osservatorio Malattie Rare (OMaR), grazie al supporto non condizionato di Biogen Italia.

L’adesione dei centri nascita è stata quasi totale: il 95% circa nel Lazio e il 100% in Toscana. Anche i genitori hanno mostrato grande sensibilità con un coinvolgimento che ha superato l’85% nel Lazio ed ha raggiunto il 90% in Toscana. Numeri che piazzano l’Italia sul podio europeo: oltre a quello delle Regioni italiane, sono solo due i progetti pilota di screening neonatale per a SMA in corso: uno in due Lander della Germania e uno in una Regione del Belgio.

LE FORME DELLA SMA

In alcuni bambini la malattia non si manifesta o si manifesta in forma lieve. «La SMA  – spiega il genetista – può dare i primi sintomi più o meno precocemente, a seconda della sua gravità. La forma più severa è la cosiddetta SMA 1 o 0, già presente fin dalla nascita: questi bambini hanno un’aspettativa di vita ridotta e rappresentano circa la metà di tutti i malati di SMA. Esistono, poi, forme intermedie che si manifestano entro i 18 mesi e non permettono ai piccoli che ne sono affetti di acquisire una deambulazione autonoma. Chi è colpito dalla SMA 3, invece, ha tappe di sviluppo del tutto regolari e può perdere la capacità di camminare in modo autonomo ad età variabili. La prognosi e la qualità della vita, dunque, sono completamente diverse a seconda dell’età di esordio».

PROGETTI FUTURI

Quelli raggiunti finora sono solo i primi risultati: entro il 4 settembre 2021, data di conclusione del progetto della durata di due anni, si prevede una diagnosi precoce a circa 20 bambini di cui l’80% affetto da SMA 1 o 2, le forme più gravi della malattia. Ma l’obiettivo è ancora più ambizioso: «Vorremmo espandere il progetto a livello nazionale, inserendo il test per la SMA nello screening neonatale metabolico già effettuato in tutta Italia».

«Per farlo, ovviamente, sarà necessario prepararsi in modo adeguato: oltre ad individuare laboratori dedicati nella varie Regioni, bisognerà creare un network  di professionalità diverse in grado di lavorare insieme, creando un percorso protetto per le famiglie e i bambini a cui verrà diagnosticata la SMA. Una collaborazione che nel Lazio e in Toscana è stato molto facile mettere in piedi, potendo contare sull’appoggio di centri d’eccellenza. In alcune regioni d’Italia, invece – conclude il genetista -, sarà necessario partire da zero o quasi».

 

Iscriviti alla newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Famiglie SMA, Saverio Raimondo sostiene “Non c’è SMA che tenga”: la campagna per il Numero Verde Stella
Il servizio dedicato alle persone con atrofia muscolare spinale risponde a domande mediche, normative e legali, oggi più che mai necessario a causa del Covid-19. Il celebre stand up comedian autore e protagonista della clip
I vincitori della settima edizione del Premio OMaR
Sette i riconoscimenti concessi per il Premio OMaR. Ciancaleoni Bartoli, direttore Omar: «Fondamentale notizie siano accurate»
Recovery Fund, Senatrice Binetti: «Ministero dimentica di destinare quota alle malattie rare»
Presentata relazione programmatica dell’intergruppo parlamentare per le malattie rare sottoscritta dalle Associazioni di pazienti: «Dimenticati durante la pandemia, da quattro anni aspettiamo un nuovo Piano Nazionale finanziato»
Bambino Gesù, scoperta nuova malattia rara che ha colpito 7 bambini nel mondo. Intervista al dottor Tartaglia
Con il dottor Tartaglia (Bambino Gesù) parliamo della scoperta fatta grazie al gene MAPK1. Era l'ultimo a non essere associato a una malattia genetica. Due dei sette bambini colpiti nel mondo sono italiani
SMA e gravidanza, un binomio possibile. Pisoni (ginecologa): «La malattia non compromette la fertilità»
Prima di affrontare una gestazione è necessaria una valutazione pre-concezionale. La specialista: «Un’equipe multidisciplinare, formata da ginecologo, neurologo, pneumologo e anestesista, dovrà prendere in carico la donna e seguirla fino al parto»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 30 ottobre, sono 45.041.948 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.181.321 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 30 ottobre: Ad oggi in I...
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare
Salute

Covid-19, il virologo Palù: «Vi spiego perché non sempre gli asintomatici sono da considerare malati»

Il virologo veneto, già Presidente della Società Europea di Virologia, spiega dove si può intervenire per contenere i contagi: «Stop alla movida, contingentare gli ingressi nei supermercati e ridu...