Salute 22 novembre 2018

Come formare pazienti “esperti”? Ecco il corso promosso dall’Accademia dei Pazienti Onlus -EUPATI Italia

Dominique Van Doorne (Vice presidente Accademia Pazienti Onlus): «Il paziente , oggi, diventa sempre più attivo non solo nel proprio processo di salute, ma anche nelle politiche sanitarie. È lui che ha l’esperienza della malattia, ne sa molto più del ricercatore, dello sperimentatore e del legislatore

Sabato 24 novembre, presso l’Ergife Palace Hotel di Roma, sarà presentato il primo Corso EUPATI dal titolo “Patient Engagement nella Ricerca e Sviluppo dei Farmaci Innovativi” per formare pazienti “esperti”. Il Progetto Europeo EUPATI (European Patients’ Academy on Therapeutic Innovation) è stato avviato nel 2012, grazie ad un finanziamento da parte della Comunità Europea e di EFPIA (European Federation of Pharmaceutical Industries and Associations) con l’obiettivo di formare i pazienti e renderli partecipi del processo di ricerca e sviluppo dei farmaci.

LEGGI ANCHE: MAZZARIOL (EUPATI-ACCADEMIA EUROPEA DEI PAZIENTI): «ANCHE IL CITTADINO DEVE FARE FORMAZIONE MEDICA PER FAR PARTE DEL PERCORSO DI RICERCA E CURA 

Al Progetto EUPATI hanno aderito diciotto paesi: grazie all’Accademia dei Pazienti Onlus, l’Italia è il primo a lanciare un corso della durata di dieci mesi, a cui parteciperanno pazienti, familiari e caregiver. Lo scopo è fornire loro informazioni scientificamente oggettive e valide in materia di ricerca e sviluppo di terapie innovative. L’Accademia dei Pazienti si è occupata di tradurre il corso EUPATI europeo in italiano e, diffondere il progetto a livello nazionale. Il corso ha importanti partner come Omar (Osservatorio Malattie Rare) l’Agenzia di Comunicazione DOCTA e ha ricevuto prestigiosi patrocini istituzionali. Sanità informazione sarà media partner dell’evento di sabato, quando sarà inaugurato il corso.

«L’Accademia dei Pazienti Onlus mira a formare pazienti consapevoli e preparati – spiega a Sanità Informazione Dominique Van Doorne, Vicepresidente dell’Accademia –. I pazienti oggi, tramite il web, hanno accesso a tantissime informazioni mediche ma hanno anche bisogno dei mezzi per “capire” queste informazioni».

Inoltre, il contributo conoscitivo ed esperienziale del paziente, a partire dal processo di ricerca fino all’approvazione dei farmaci, è sempre più rilevante: «Diventa sempre più attivo non solo nel proprio processo di salute, ma anche in generale nelle politiche sanitarie – aggiunge la vicepresidente Van Doorne -. Per questo, viene interpellato e gli si chiede anche il parere nella ricerca e lo sviluppo dei farmaci. Tutti gli stakeholders della ricerca hanno bisogno di avere il prezioso parere del paziente sia dal disegno dello studio clinico – la prima ricerca per un farmaco – sia a livello della registrazione del farmaco».

Ma perché è così fondamentale coinvolgere anche i pazienti nella ricerca clinica? «La ricerca oggi mette a disposizione un numero di farmaci immenso: dare voce a chi si cura sulle problematiche che riscontra e sulla sua qualità di vita è molto d’aiuto» – prosegue la vicepresidente -. «È lui che ha l’esperienza della malattia, ne sa molto più del ricercatore, dello sperimentatore e del legislatore. Lui può capire i suoi bisogni che non sono stati ancora soddisfatti e dunque dirigere la ricerca clinica» specifica Dominique Van Doorne. «Solo il paziente può dire se il disegno dello studio clinico corrisponde alla sua realtà di malattia o si allontana, interagendo in maniera appropriata con le istituzioni, per tutelare dell’accesso alle cure».

Articoli correlati
Formazione, Paola Kruger: «Il paziente esperto è un valore aggiunto per il medico, non un contrasto»
«Essere un paziente esperto significa saper interloquire con gli altri stakeholders allo stesso livello e con un linguaggio scientifico che serve per veicolare le istanze da paziente nella maniera più corretta e autorevole» così Paola Kruger, Paziente Esperto EUPATI
‘Paziente esperto’, Petrangolini (Patient Advocacy Lab): «Cittadino e caregiver portano un contributo fondamentale per efficacia sistema»
«L’inesperienza del paziente è un alibi che oramai non funziona più. Il futuro è una sanità con tutti attori coinvolti in egual misura», così Teresa Petrangolini nota attivista civica ed ex consigliere regionale Lazio
Sciopero medici, la voce degli studenti: «Senza programmazione e finanziamenti il nostro futuro è drammatico»
Blocco del turnover, imbuto formativo e precarietà sono solo alcune delle ragioni che hanno spinto tanti studenti di medicina e specializzandi a supportare lo sciopero di venerdì scorso indetto dalla dirigenza medica e sanitaria: «Per noi studenti diventa sempre più complesso capire se avremo un futuro nell’ambito della sanità»
Pazienti ‘esperti’, al via 1° corso EUPATI in italiano. Buccella (Accademia Pazienti): «Al servizio società per migliorare approcci terapeutici»
«Io ho un figlio con distrofia di Duchenne e mi sono serviti 25 anni per apprendere le nozioni di cui avevo bisogno per assisterlo al meglio. Con il corso è necessario solo un anno per una formazione completa». Così Filippo Buccella, Presidente dell’Accademia
di Serena Santi e Viviana Franzellitti
Sciopero medici, c’è il supporto di Federspecializzandi. Guicciardi: «Ecco come possono aderire i medici in formazione»
Il presidente dell’Associazione nazionale dei medici in formazione specialistica a Sanità Informazione: «Gli specializzandi non godono del diritto di sciopero, ma possono richiedere un permesso per assenza giustificata o, al limite, ricorrere all’assenza ingiustificata. Fondamentale che strutturati in sciopero non facciano ricadere tutte le attività su specializzandi»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

E-fattura, Marino (OMCeO Roma): «Dal 2019 cambia tutto, professionisti sanitari si attivino o rischio sanzioni»

«Per attivare la procedura occorre il ‘sistema d’interscambio’: ecco come funziona» così Emanuela Marino dell’Ufficio relazioni con il pubblico dell’OMCeO Roma parla delle novità in mate...
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...