Salute 22 Novembre 2018 16:12

Come formare pazienti “esperti”? Ecco il corso promosso dall’Accademia dei Pazienti Onlus -EUPATI Italia

Dominique Van Doorne (Vice presidente Accademia Pazienti Onlus): «Il paziente , oggi, diventa sempre più attivo non solo nel proprio processo di salute, ma anche nelle politiche sanitarie. È lui che ha l’esperienza della malattia, ne sa molto più del ricercatore, dello sperimentatore e del legislatore

Sabato 24 novembre, presso l’Ergife Palace Hotel di Roma, sarà presentato il primo Corso EUPATI dal titolo “Patient Engagement nella Ricerca e Sviluppo dei Farmaci Innovativi” per formare pazienti “esperti”. Il Progetto Europeo EUPATI (European Patients’ Academy on Therapeutic Innovation) è stato avviato nel 2012, grazie ad un finanziamento da parte della Comunità Europea e di EFPIA (European Federation of Pharmaceutical Industries and Associations) con l’obiettivo di formare i pazienti e renderli partecipi del processo di ricerca e sviluppo dei farmaci.

LEGGI ANCHE: MAZZARIOL (EUPATI-ACCADEMIA EUROPEA DEI PAZIENTI): «ANCHE IL CITTADINO DEVE FARE FORMAZIONE MEDICA PER FAR PARTE DEL PERCORSO DI RICERCA E CURA 

Al Progetto EUPATI hanno aderito diciotto paesi: grazie all’Accademia dei Pazienti Onlus, l’Italia è il primo a lanciare un corso della durata di dieci mesi, a cui parteciperanno pazienti, familiari e caregiver. Lo scopo è fornire loro informazioni scientificamente oggettive e valide in materia di ricerca e sviluppo di terapie innovative. L’Accademia dei Pazienti si è occupata di tradurre il corso EUPATI europeo in italiano e, diffondere il progetto a livello nazionale. Il corso ha importanti partner come Omar (Osservatorio Malattie Rare) l’Agenzia di Comunicazione DOCTA e ha ricevuto prestigiosi patrocini istituzionali. Sanità informazione sarà media partner dell’evento di sabato, quando sarà inaugurato il corso.

«L’Accademia dei Pazienti Onlus mira a formare pazienti consapevoli e preparati – spiega a Sanità Informazione Dominique Van Doorne, Vicepresidente dell’Accademia –. I pazienti oggi, tramite il web, hanno accesso a tantissime informazioni mediche ma hanno anche bisogno dei mezzi per “capire” queste informazioni».

Inoltre, il contributo conoscitivo ed esperienziale del paziente, a partire dal processo di ricerca fino all’approvazione dei farmaci, è sempre più rilevante: «Diventa sempre più attivo non solo nel proprio processo di salute, ma anche in generale nelle politiche sanitarie – aggiunge la vicepresidente Van Doorne -. Per questo, viene interpellato e gli si chiede anche il parere nella ricerca e lo sviluppo dei farmaci. Tutti gli stakeholders della ricerca hanno bisogno di avere il prezioso parere del paziente sia dal disegno dello studio clinico – la prima ricerca per un farmaco – sia a livello della registrazione del farmaco».

Ma perché è così fondamentale coinvolgere anche i pazienti nella ricerca clinica? «La ricerca oggi mette a disposizione un numero di farmaci immenso: dare voce a chi si cura sulle problematiche che riscontra e sulla sua qualità di vita è molto d’aiuto» – prosegue la vicepresidente -. «È lui che ha l’esperienza della malattia, ne sa molto più del ricercatore, dello sperimentatore e del legislatore. Lui può capire i suoi bisogni che non sono stati ancora soddisfatti e dunque dirigere la ricerca clinica» specifica Dominique Van Doorne. «Solo il paziente può dire se il disegno dello studio clinico corrisponde alla sua realtà di malattia o si allontana, interagendo in maniera appropriata con le istituzioni, per tutelare dell’accesso alle cure».

Articoli correlati
Generazione V: on air podcast e audiolibro di Guido Rasi, Consulcesi lancia la formazione ECM da ascoltare
La versione audio del libro formazione, accreditato Agenas e scritto dall’ex Direttore dell’Ema è a disposizione di medici, infermieri e operatori sanitari accedendo gratuitamente alla piattaforma Consulcesi Club
«Una visione comune per una nuova sanità». Il manifesto dell’APM in sette punti
Magi (portavoce APM): «Non c’è sanità senza medici. Lavoriamo a un programma di nuova sanità futura performante per i cittadini e soddisfacente per i medici». Ecco le proposte dell’Alleanza per la Professione Medica alla politica
Università e Ssn, Gaudio (ex Rettore Sapienza): «Necessari maggiori investimenti, più territorio e paghe più alte»
Intervista ad Eugenio Gaudio, ex Rettore della Sapienza e attuale Consigliere del Ministro dell’Università e della Ricerca per la formazione nell’area sanitaria e per i rapporti con il Servizio sanitario nazionale
Con pandemia PMI digitalizzate cresciute del 50%. Tortorella (Consulcesi): «Transizione al digitale unica via per crescere»
Come affrontare le sfide di oggi cogliendo le opportunità per un Rinascimento tecnologico italiano: lo spiega Massimo Tortorella, presidente e fondatore Consulcesi, nel libro ‘Il Capitale Digitale’
Giornata Mondiale Sindrome di Sjögren, corsi formativi per farmacisti e fisioterapisti
A.N.I.Ma.S.S. ODV organizza la settimana di celebrazione della Giornata Mondiale della Sindrome di Sjögren Primaria Sistemica dal 19 al 23 luglio 2021 per accendere i riflettori su una malattia rara non ancora inserita come rara nei LEA e che viene celebrata in tutto il Mondo il 23 luglio. Sono tre gli eventi della Settimana di […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 30 luglio, sono 196.654.595 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 4.199.164 i decessi. Ad oggi, oltre 4 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Posso bere alcolici prima o dopo il vaccino anti-Covid?

Sbronzarsi nei giorni a cavallo della vaccinazione può compromettere la risposta immunitaria e, dunque, depotenziare gli effetti del vaccino?
Salute

Guida al Green pass, può essere revocato? Serve anche ai ragazzi? Le risposte di Cittadinanzattiva

Chi ne è esentato? E cosa deve fare chi è guarito? Intervista a Isabella Mori, Responsabile del servizio tutela di Cittadinanzattiva