Salute 22 Maggio 2017

Settimana Mondiale Tiroide, a soffrirne anche bambini. Quali sintomi? Lo spiega l’endocrinologa

In Italia l’alimentazione è carente di iodio, fondamentale per un buon funzionamento tiroideo, ed ecco che la iodoprofilassi assume un ruolo fondamentale. A spiegarlo l’endocrinologa, esperta di terapie di iodoprofilassi, Segretaria Scientifica ATTA-Lazio ONLUS, Dominique Van Doorne

Questa è la Settimana Mondiale della Tiroide (21-27 maggio), dedicata a fare il punto della situazione sulla iodoprofilassi in Italia, in Europa e nel mondo. La iodoprofilassi è una pratica che punta a monitorare e dunque ad assicurare, in caso di carenza, una sicura fonte di iodio. Lo iodio infatti è fondamentale per la sintesi degli ormoni tiroidei, messaggeri biologici importantissimi per regolare il metabolismo corporeo.  «La iodoprofilassi è l’apporto corretto di iodio nell’alimentazione» lo spiega la Dottoressa Dominique Van Doorne, Specialista in Endocrinologia ed esperta proprio in terapie di iodoprofilassi e Segretaria Scientifica ATTA-Lazio ONLUS. «Si tratta di una componente fondamentale dell’ormone tiroideo e dunque per una buona funzione tiroidea è essenziale avere un apporto corretto di iodio giornaliero».

Gli ormoni tiroidei vengono rilasciati dalla ghiandola endocrina e influenzano appunto non solo il funzionamento del nostro organismo ma anche l’umore. Quando la tiroide è soggetta a qualche malfunzionamento, può dare luogo a diverse patologie, come l’ipertiroidismo l’ipotiroidismo, le più conosciute e diffuse nella popolazione mondiale«L’ipertiroidismo si manifesta quando la ghiandola tiroidea funziona troppo – spiega la Dottoressa -. Spieghiamo prima di tutto che cosa è esattamente la tiroide e come si comporta nel nostro organismo: regola il metabolismo cellulare, dunque un’iperfunzione tiroidea aumenta il metabolismo cellulare. Il paziente tende a mangiare molto e nonostante questo non aumenta di peso e anzi perde peso, è iperattivo, è insonne, sente molto caldo perché produce molto calore, ha ovviamente un aumento del battito cardiaco, dunque una tachicardia, e anche talvolta problemi intestinali».

«L’ipotiroidismo è esattamente il contrario – prosegue la Dottoressa – poca energia, dunque il paziente la prima cosa che riferisce è una grande stanchezza, spossatezza che può durare anche molti mesi prima che capisca che si tratta di ipotiroidismo. Altri sintomi abbastanza tipici: sensazione costante di freddo, stipsi, cute secca, rallentamento cardiaco, voce rauca, sonnolenza di giorno».

Ma l’ipotiroidismo si può manifestare anche durante l’infanzia, anzi, in alcuni casi, può essere un problema congenito, cioè che si manifesta sin dalla nascita. Importante conoscere quale siano i sintomi più evidenti di ipotiroidismo tanto da orientare i genitori a rivolgersi ad uno specialista. «Nel bambino è abbastanza evidente la presenza di malattie tiroidee – spiega la Dottoressa – infatti il piccolo smette di giocare, di essere attivo, di aver l’energia per fare tutto e smette di crescere in altezza e prendere peso. Questo è un segnale molto importante da dover riconoscere».

In Italia purtroppo il deficit di iodio è un problema sanitario abbastanza importante. «L’alimentazione in Italia ha una carenza di iodio per il 30% e molto spesso le tiroidi sono sotto sforzo – evidenzia la Dottoressa – . Come si assume lo iodio? Lo iodio si assume sempre e solo unicamente attraverso l’alimentazione dunque bisogna mangiare prodotti del mare, il pesce di mare, crostacei, comprese le alghe.  In alcuni paesi dove cucinano le alghe ovviamente c’è un maggior apporto di iodio, per esempio il Giappone».

Articoli correlati
Settimana della tiroide, Toscano (AME): «È legata allo stress e condiziona la fertilità»
Si celebra, quest’anno, dal 25 al 31 maggio. Vincenzo Toscano (Past President dell'Associazione Medici Endocrinologi) «La gestione dello stress è importante per la salute della tiroide. Dobbiamo tornare a sensibilizzare le persone sulle patologie tiroidee»
Congresso AME, il presidente Guastamacchia: «I giovani la nostra più grande risorsa. Puntare su innovazione digitale»
A Roma i lavori del 18° Congresso nazionale dell’Associazione medici endocrinologi: «Ampio spazio a diabete e tiroide e alle potenzialità della tecnologia per migliorare l’assistenza e il rapporto con il paziente»
“Forti come noi”, Valentina Vignali si racconta: «Così sono riuscita a superare il tumore»
La celebre cestista ed influencer presenta il suo primo libro autobiografico e parla della sua esperienza con il cancro: «Non è stato facile né per me né per la mia famiglia, ma alla fine ho vinto io»
Noduli tiroidei, intervento chirurgico necessario solo nel 5% dei casi. Guglielmi (Ame): «Evitare eccesso interventismo»
«Esistono metodiche alternative alla chirurgia che sono collaudate ed efficaci per i noduli tiroidei benigni». L’intervista al dottor Rinaldo Guglielmi, direttore della struttura complessa di Endocrinologia e Malattie del Metabolismo dell’Ospedale Regina Apostolorum, a margine del convegno “Thyroid UpToDate” organizzato dall’Associazione medici endocrinologi
Noduli della tiroide, donne colpite 5 volte in più degli uomini. Monito di AME: «Benigni nel 95% dei casi, eccesso di interventi»
Guglielmi (Regina Apostolorum): “Ogni anno 40mila interventi chirurgici, ma molti sono inutili o addirittura dannosi”. Papini (AME): “Con esami precoci possiamo capire se il nodulo è benigno o se servono ulteriori approfondimenti”
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 23 ottobre, sono 41.705.699 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.137.333 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 23 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare