Salute 23 Novembre 2020 08:31

Paziente positivo al Covid-19 perde improvvisamente l’udito. Lo studio

Sardone (SIA): «Serviranno ulteriori studi che, analizzando i fenotipi uditivi, possano approfondire le casistiche di soggetti Covid-positivi affetti da ipoacusia»

di Isabella Faggiano

Non solo gusto e olfatto: il Covid-19 potrebbe compromettere anche l’udito. È quanto emerso da uno studio inglese di recente pubblicazione che ha analizzato il caso di un paziente di 45 anni, in ospedale per infezione da Covid-19. «Esaminando un’unica storia clinica potrebbe essere considerato a bassa rilevanza scientifica – spiega Rodolfo Sardone, presidente SIA, la Società Italiana di Audiometria -. Ma la sua pubblicazione su una rivista scientifica di fama internazionale, il British Medical Journal, ne garantisce l’attendibilità».

IL CASO

Il paziente è stato intubato per 30 giorni e il suo ricovero è stato ulteriormente complicato da un’embolia polmonare bilaterale, ipertensione polmonare e anemia. «A sette giorni dall’estubazione – racconta Sardone – ha perso l’udito improvvisamente e bilateralmente». Il 45enne non aveva mai avuto problemi di udito, né patologie dell’orecchio. Alla valutazione degli otorini i suoi canali uditivi sono apparsi pervi, non infiammati e con membrane timpaniche intatte. Il quadro clinico ha fatto ipotizzare una perdita dell’udito neurosensoriale.

LE REAZIONI

Un risultato che non ha sorpreso gli esperti del settore: «Già numerosi studi hanno associato l’ipoacusia sia alla neurodegenerazione che ad aspetti più funzionali legati all’invecchiamento,  come la sindrome da fragilità», spiega il presidente SIA.

Un aspetto che Rodolfo Sardone, in qualità di dirigente analista presso l’IRCCS  Saverio de Bellis di Castellana Grotte (BA), sta personalmente studiando. «Da tempo teniamo sotto stretta osservazione una coorte di 2 mila anziani, per valutarne le condizioni e le possibili correlazioni tra segni, sintomi e patologie. Tra gli studi più recenti proprio la valutazione di una possibile associazione tra il deficit uditivo e la fragilità dell’anziano, che ha confermato un legame tra le due condizioni».

I PRECEDENTI

Gli studiosi inglesi, dopo aver analizzato il caso del paziente 45enne, hanno ricercato altre descrizioni simili in letteratura che associassero la perdita dell’udito all’infezione da SARS-CoV-2. Sono quattro i casi finora analizzati, nessuno dei quali in Inghilterra. «Ovviamente – sottolinea Sardone – serviranno ulteriori studi che, analizzando i fenotipi non solo olfattivi e gustativi, ma anche uditivi, possano aumentare le casistiche di soggetti Covid-positivi affetti da ipoacusia».

LE CONCLUSIONI

Gli studiosi inglesi, come riportato nella pubblicazione del caso clinico del paziente 45enne, ritengono che l’udito possa essere facilmente perso all’interno della terapia intensiva, possibilità che mette a rischio di ipoacusia tutti i soggetti intubati per insufficienza respiratoria grave causata da Covid-19. «Esserne consapevoli – scrivono gli studiosi – permette di sottoporre i pazienti a screening per SSNHL (perdita dell’udito neurosensoriale a insorgenza improvvisa), così da sottoporre i soggetti a rischio ad un percorso terapeutico precoce che aumenti le possibilità di recuperare l’udito».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Terza dose di vaccino, chi deve farla e perché? È sicura? Le risposte dell’Aifa
Da lunedì 20 settembre la somministrazione della terza dose di vaccino è diventata realtà. L’Agenzia italiana del Farmaco risponde alle domande più comuni
Midollo, nuovi donatori in (lieve) aumento ma sono ancora pochi: +12,1% nei primi 8 mesi del 2021
Cresce il numero di iscritti al Registro IBMDR rispetto al 2020 ma prima della pandemia erano 10mila in più. Fino a sabato oltre 100 appuntamenti negli ospedali e nelle piazze con i volontari delle associazioni dei donatori per la settimana di sensibilizzazione “Match it now”
TSRM, Galdieri: «Tecnici di radiologia siano inseriti nelle équipe delle Case di Comunità»
La presidente della CdA nazionale dei TSRM Carmela Galdieri ricorda il periodo più difficile della pandemia: «Esperienza che porterò nella mia pratica professionale per tutta la vita». Poi promuove l’idea di creare un Direttore Asistenziale: «È una grande opportunità a favore della necessaria riorganizzazione del servizio sanitario»
di Francesco Torre
Terza dose da oggi in Italia, ma gli esperti sono divisi: «Dati ancora non chiari»
Per ora la platea interessata è formata da circa 3 milioni di immunocompromessi ma si discute sulla possibilità di estenderla a tutta la popolazione
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 22 settembre, sono 229.563.544 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.709.292 i decessi. Ad oggi, oltre 5,96 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco