Salute 23 Novembre 2020 08:31

Paziente positivo al Covid-19 perde improvvisamente l’udito. Lo studio

Sardone (SIA): «Serviranno ulteriori studi che, analizzando i fenotipi uditivi, possano approfondire le casistiche di soggetti Covid-positivi affetti da ipoacusia»

di Isabella Faggiano

Non solo gusto e olfatto: il Covid-19 potrebbe compromettere anche l’udito. È quanto emerso da uno studio inglese di recente pubblicazione che ha analizzato il caso di un paziente di 45 anni, in ospedale per infezione da Covid-19. «Esaminando un’unica storia clinica potrebbe essere considerato a bassa rilevanza scientifica – spiega Rodolfo Sardone, presidente SIA, la Società Italiana di Audiometria -. Ma la sua pubblicazione su una rivista scientifica di fama internazionale, il British Medical Journal, ne garantisce l’attendibilità».

IL CASO

Il paziente è stato intubato per 30 giorni e il suo ricovero è stato ulteriormente complicato da un’embolia polmonare bilaterale, ipertensione polmonare e anemia. «A sette giorni dall’estubazione – racconta Sardone – ha perso l’udito improvvisamente e bilateralmente». Il 45enne non aveva mai avuto problemi di udito, né patologie dell’orecchio. Alla valutazione degli otorini i suoi canali uditivi sono apparsi pervi, non infiammati e con membrane timpaniche intatte. Il quadro clinico ha fatto ipotizzare una perdita dell’udito neurosensoriale.

LE REAZIONI

Un risultato che non ha sorpreso gli esperti del settore: «Già numerosi studi hanno associato l’ipoacusia sia alla neurodegenerazione che ad aspetti più funzionali legati all’invecchiamento,  come la sindrome da fragilità», spiega il presidente SIA.

Un aspetto che Rodolfo Sardone, in qualità di dirigente analista presso l’IRCCS  Saverio de Bellis di Castellana Grotte (BA), sta personalmente studiando. «Da tempo teniamo sotto stretta osservazione una coorte di 2 mila anziani, per valutarne le condizioni e le possibili correlazioni tra segni, sintomi e patologie. Tra gli studi più recenti proprio la valutazione di una possibile associazione tra il deficit uditivo e la fragilità dell’anziano, che ha confermato un legame tra le due condizioni».

I PRECEDENTI

Gli studiosi inglesi, dopo aver analizzato il caso del paziente 45enne, hanno ricercato altre descrizioni simili in letteratura che associassero la perdita dell’udito all’infezione da SARS-CoV-2. Sono quattro i casi finora analizzati, nessuno dei quali in Inghilterra. «Ovviamente – sottolinea Sardone – serviranno ulteriori studi che, analizzando i fenotipi non solo olfattivi e gustativi, ma anche uditivi, possano aumentare le casistiche di soggetti Covid-positivi affetti da ipoacusia».

LE CONCLUSIONI

Gli studiosi inglesi, come riportato nella pubblicazione del caso clinico del paziente 45enne, ritengono che l’udito possa essere facilmente perso all’interno della terapia intensiva, possibilità che mette a rischio di ipoacusia tutti i soggetti intubati per insufficienza respiratoria grave causata da Covid-19. «Esserne consapevoli – scrivono gli studiosi – permette di sottoporre i pazienti a screening per SSNHL (perdita dell’udito neurosensoriale a insorgenza improvvisa), così da sottoporre i soggetti a rischio ad un percorso terapeutico precoce che aumenti le possibilità di recuperare l’udito».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid e animali domestici, nessun rischio da gatti e cani. Lo studio
Dai dati raccolti dagli scienziati italiani si esclude che gli animali domestici abbiano un ruolo nella diffusione del contagio all'uomo: «La suscettibilità al nuovo coronavirus degli animali da compagnia dipende da uno stretto contatto con persone che sono risultate positive»
Vaccini, Smi: «Si convochi tavolo nazionale per concertare campagna vaccinale anti Covid»
Pina Onotri, Segretario Generale del Sindacato Medici Italiani (Smi) scrive una lettera al Ministro della Salute Roberto Speranza
Covid-19, quasi 300 medici deceduti. Anelli (FNOMCeO): «Una vera e propria strage»
Dalla mancanza di Dpi alla disorganizzazione di alcune strutture, il Presidente della FNOMCeO spiega a Sanità Informazione perché gli operatori sanitari sono ancora così colpiti dalla pandemia. E sui medici “no-vax” aggiunge: «Si pongono fuori dalla comunità scientifica»
Ritardi vaccini Pfizer, Rasi: «Sono marginali, ma ci saranno altri incidenti. Serve flessibilità»
L'ex direttore esecutivo dell'Agenzia Europea del Farmaco interviene sulla scelta di ritardare la somministrazione della seconda dose: «Se non si tengono conto dei risultati delle sperimentazioni, abbiamo solo perso tempo». E sui decessi in Norvegia: «Le autorità ci devono alcune risposte»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 21 gennaio, sono 96.868.849 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.074.886 i decessi. Ad oggi, oltre 46,89 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns H...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...
Assicurativo

Posso portare in deduzione la mia Rc professionale?

Tutti coloro che devono stipulare una polizza per la responsabilità civile in ambito professionale hanno la necessità di far pesare il meno possibile tale onere obbligatorio sul loro reddito da lavo...