Voci della Sanità 18 Novembre 2020

Assistenza degli anziani, UGL Sanità a Ministero della Salute: «Servono percorsi terapeutici multidisciplinari»

«Abbiamo portato il nostro saluto al nuovo Presidente Monsignor Paglia», dichiarano Gianluca Giuliano, Segretario Nazionale della UGL Sanità e Valerio Franceschini, Dirigente Nazionale

La UGL Sanità ha partecipato oggi in video conferenza a un’audizione della Commissione per la riforma dell’assistenza sanitaria della persona anziana, istituita dal Ministero della Salute, presieduta da Monsignor Vincenzo Paglia, alla presenza di rappresentanti del Gabinetto del Ministro. «Abbiamo portato il nostro saluto al nuovo Presidente Monsignor Paglia – dichiarano congiuntamente Gianluca Giuliano, Segretario Nazionale della UGL Sanità e Valerio Franceschini, Dirigente Nazionale – e voluto sottolineare come nell’assistenza degli anziani la centralità della persona sia una fondamenta essenziale a cui istituzioni e operatori impiegati devono sempre riferirsi. Per poter fornire servizi adeguati, che rispettino la dignità e i percorsi delle persone anziane bisognerà mettere mano alla rete ospedaliera e socio-sanitaria dove dovrà esserci interazione tra medicina territoriale e cure specialistiche, ricorrendo a un giusto equilibrio tra strutture pubbliche e private. Abbiamo chiesto che i pazienti con malattie croniche possano usufruire, attraverso un approccio integrato, di percorsi terapeutici multidisciplinari forniti da equipe di professionisti che siano adeguatamente valorizzati. Per alleggerire l’attuale pressione sugli ospedali e sulle RSA abbiamo ribadito la necessità di potenziare la medicina del territorio e creare modelli assistenziali che incidano in maniera significativa sui bisogni globali del paziente».
La UGL chiede quindi una svolta nella cura delle persone anziane anche alla luce di quanto è accaduto e sta accadendo in questa drammatica fase. «È necessaria più sicurezza e qualità dell’assistenza. Bisogna riqualificare le strutture esistenti, costruirne di nuove. Luoghi ispirati al bello, confortevoli ma soprattutto integrati con il sistema dei servizi sanitari e socio sanitari presenti nel territorio dove i lavoratori smettano di essere precari e siano remunerati al pari dei loro colleghi europei. Tutto questo nel massimo rispetto degli standard di sicurezza sul lavoro».
Articoli correlati
Oltre 19mila operatori contagiati nell’ultimo mese, UGL: «Mandati allo sbaraglio, Questo il grazie delle istituzioni?»
«Gli operatori della sanità impegnati nella lotta al virus non possono più essere dei fanti mandati ad affrontare il Covid-19 armati solo del proprio coraggio e della loro professionalità» sottolinea il segretario della UGL Sanità Gianluca Giuliano
Pronto Soccorso, Giuliano (UGL): «Sistema in corto circuito, ora tutelare personale con rigida applicazione protocolli»
L'UGL sanità torna a chiedere investimenti, assunzioni e una riforma mirata della Medicina del territorio oltre allo sblocco del turn over. IL segretario Giuliano: «Situazione da girone dantesco, servono investimenti»
Al Senato un Ddl per riforma OSS. Guidolin (M5S): «Alzare qualità e uniformare formazione». Sindacati divisi
Nel Disegno di legge presentato dalla senatrice Barbara Guidolin si prevede la revisione del mansionario (fermo al 2001) e l’istituzione dell'elenco nazionale degli operatori socio-sanitari. MIGEP critico verso la riforma, apre la UGL
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 3 dicembre, sono 64.527.868 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.493.348 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 3 dicembre: ...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli