Salute 2 febbraio 2018

Papilloma virus, Flavia Pennetta: «Il vaccino ti salva la vita». La campagna dell’AIOM

L’Associazione Italiana di Oncologia Medica presenta la campagna di sensibilizzazione alla vaccinazione per prevenire malattie tumorali tra cui l’HPV. Giordano Beretta, Presidente Eletto Aiom: «Creare una cultura sui vaccini è il primo obiettivo, perché è da questi che si parte per la lotta contro il cancro»

di Serena Santi e Giovanni Cedrone
Immagine articolo

«Ogni venti secondi, nel mondo, un bambino muore per malattie per cui esiste il vaccino. E in Italia ogni anno, oltre 6mila uomini e donne vengono colpiti da un tumore provocato dal Papillomavirus. Se ami tuo figlio, lo vaccini». È questo il messaggio che la ex campionessa di Tennis, Flavia Pennetta, lancia nello spot dell’Associazione Italiana di Oncologia Medica nato per promuovere la prevenzione vaccinale contro il cancro.

«Creare una cultura sui vaccini è il primo obiettivo delle istituzioni – dichiara ai nostri microfoni Giordano Beretta, Presidente Eletto Aiom intervenuto alla presentazione della campagna educazionale al Ministero della Salute – perché è dai vaccini che si parte per la lotta contro i tumori. Le vaccinazioni che si fanno durante l’infanzia vedono i genitori protagonisti e il bambino soggetto passivo (perché troppo piccolo per prendere decisioni), mentre nelle vaccinazioni che si fanno da adulti è il soggetto stesso che fa una scelta ma è importante che sia guidato da chi ha più esperienza e preparazione. Quindi bisogna creare una cultura educazionale nei confronti della famiglia, dei formatori e quindi delle scuole oltre che dei ragazzi».

Alla presentazione dell’iniziativa anche Giampietro Chiamenti (Presidente Nazionale Federazione Italiana Medici Pediatri), Elisabetta Iannelli (Vicepresidente Associazione Italiana Malati di Cancro) e Nicoletta Luppi (Presidente e Amministratore delegato di Msd Italia).

«Genitori, mondo medico e istituzioni devono lavorare di comune accordo per far sì che i vaccini siano sempre più sicuri e perché questo messaggio di rassicurazione sia veicolato in maniera corretta ed efficace alla comunità» spiega il Presidente Chiamenti. «Indubbiamente le cifre di morbillo nell’ultimo anno fanno più paura dei ridotti numeri di effetti collaterali dovuti ai vaccini – conclude -. Inoltre ribadisco la necessità di vaccinare il personale sanitario, sia per garantire agli operatori totale sicurezza che per dare il buon esempio».

Articoli correlati
Vaccini, a Perugia convegno SIMEDET e CISL Umbria contro la disinformazione: «Rispondere con evidenze scientifiche a chi parla senza conoscere»
Tra i relatori i professori Gaetano Maria Fara e Susanna Esposito. Il titolo dell’incontro è “La vaccinazione oggi: tra realtà e falsi miti”
Dal “Siero Bonifacio” alla cura Di Bella, Roberto Burioni racconta 10 “Balle mortali”
«Il libro parla delle bugie in medicina e delle conseguenze gravissime che queste possono avere sulla salute e anche sulla vita delle persone» così il virologo del San Raffaele
Morbillo, nel 2017 110mila morti nel mondo. L’OMS: «Senza aumento coperture vaccinali perderemo decenni di progressi»
L’aumento dei casi preoccupa le agenzie sanitarie: «Non sono dati sorprendenti, ma il frutto della combinazione della diffusione di notizie false sui vaccini in Europa, del collasso della sanità in Venezuela e di sacche di povertà e bassa immunizzazione in Africa. Sono necessarie misure urgenti»
Vaccini, il commissario europeo Andriukaitis: «Inutile discutere su obbligatorietà o volontarietà, contano coperture»
«Il nostro dovere è liberarci dal morbillo entro il 2020. Che cosa stiamo facendo, tutti insieme, Parlamenti e governi di tutti gli Stati membri per raggiungere quell'obiettivo?» così il commissario europeo alla Salute in conferenza stampa a Bruxelles VEDI L'INTERVISTA DI SANITA' INFORMAZIONE
Tumori e sostenibilità farmaci innovativi. Gori (AIOM): «Soluzione non è solo in aumento risorse, ecco altre strade…»
Una popolazione che invecchia e malattie oncologiche che aumentano. Ma l'Italia vanta anche il primo posto per guarigioni. La Presidente dell'Associazione Italiana Oncologia Medica: «La scienza va foraggiata ma non trascuriamo prevenzione»
di Giovanni Cedrone e Serena Santi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

E-fattura, Marino (OMCeO Roma): «Dal 2019 cambia tutto, professionisti sanitari si attivino o rischio sanzioni»

«Per attivare la procedura occorre il ‘sistema d’interscambio’: ecco come funziona» così Emanuela Marino dell’Ufficio relazioni con il pubblico dell’OMCeO Roma parla delle novità in mate...
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...