Salute 18 Marzo 2022 14:16

Guerra batteriologica, anche le epidemie possono essere un’arma

Intervista al Brig. Gen. Vincenzo Barretta (ex Policlinico Militare Celio Roma): «Gestire una pandemia durante una guerra? Si smette di pensare alla prima». Un altro scenario, dai contorni ben diversi, si delinea invece quando un agente virale o batterico viene usato come arma vera e propria allo scopo di determinare le sorti del conflitto

Guerra batteriologica, anche le epidemie possono essere un’arma

Combattere una guerra tradizionalmente intesa con armi da fuoco e, contemporaneamente, gestire una pandemia. Mentre i due schieramenti contrapposti si affrontano con armi visibili e tangibili e con il corollario di reciproche alleanze c’è un altro nemico invisibile, che non conosce le fazioni in conflitto e non distingue fra gli eserciti contendenti ma continua ad agire in silenzio. Come del resto fa, a sorti alterne, da due anni a questa parte, il virus Sars-CoV-2. Ma potrebbe trattarsi di qualsiasi altro virus, o batterio.

Non è la prima volta che un evento pandemico si sovrappone ad un conflitto. È già successo cento anni fa, quando l’influenza spagnola contribuì a rendere ancora più funesta la Prima Guerra Mondiale. Ma come si combatte un nemico invisibile come un virus nel vivo di un conflitto? Come si mantengono, se si mantengono, in vigore le misure di precauzione e prevenzione (distanziamento sociale, igiene più accurata, vaccinazioni) che in questi due anni abbiamo imparato a adottare?

Di questo, ma anche di altri scenari paralleli, abbiamo parlato con il Brig. Generale Vincenzo Barretta, già direttore della Farmacia del Policlinico Militare di Roma. Una carriera, quella del Generale Barretta, costellata di esperienze alla direzione diretta delle farmacie degli ospedali militari di campo italiani in alcuni dei teatri di guerra degli ultimi 40 anni, dal Libano alla Somalia e in supporto logistico farmaceutico a Kosovo, Sarajevo, Iraq, Afghanistan.

Pandemia e guerra: far fronte a entrambe contemporaneamente è possibile?

«La verità è che in un contesto di conflitto moderno, come quello che attualmente interessa l’Ucraina e tutte le altre aree di crisi belliche mondiali, le misure di prevenzione contro un virus come Sars-CoV-2, semplicemente smettono di essere una priorità – osserva il Generale -. La priorità diventa la sopravvivenza nell’immediato. Chi ha una minimale dimestichezza con i teatri di guerra sa bene che le esigenze primarie essenziali delle popolazioni esacerbate dal conflitto sono: trovare infrastrutture idonee per porsi al riparo sia dalle intemperie che dal conflitto, vestirsi e cambiarsi opportunamente, riuscire a trovare acqua potabile, cibo sufficiente, lavarsi, disporre di servizi igienici. Tutte cose che nell’ordinario diamo per scontate ma che in un periodo di crisi, anche bellica, non lo sono affatto. È chiaro che in una situazione del genere – sottolinea – completamente avulsa dai contesti di normalità in cui siamo stati chiamati a vaccinarci e ad osservare una serie di norme di prevenzione, queste stesse attività non possono essere correttamente praticate (catena del freddo, ambulatori, anagrafica dei vaccinati…) ed avere la stessa importanza, la stessa priorità, la stessa cogenza come nel tempo ordinario».

Il preoccuparsi di reperire una mascherina quando è necessario reperire viveri e coperte per superare la notte, attuare il distanziamento nei rifugi sotterranei, evitare una potenziale polmonite quando il vero rischio è finire dilaniati da un colpo di mortaio, insomma, è assolutamente impensabile, oltre che impraticabile.

Le epidemie come arma vera e propria. Le guerre batteriologiche

Un altro scenario, dai contorni ben diversi, si delinea invece quando un agente virale o batterico viene usato come arma vera e propria allo scopo di determinare le sorti del conflitto, quando cioè uno degli schieramenti decide di dare inizio ad una guerra batteriologica.

«Quando si parla di un’epidemia o pandemia generatasi naturalmente, tutti giocano ad armi pari. Nel caso in cui invece una Nazione decida di dare inizio a una epidemia – spiega il Generale – ricorrendo a un agente batteriologico/virale in suo possesso, è chiaro che quello schieramento sarà già vaccinato o, almeno, immune e quindi in possesso di una difesa anticorpale tale essere inattaccabile da quello stesso agente che si è diffuso fra i nemici».

Le armi batteriologiche, ricordiamo, sono vietate come armi di distruzione di massa. Lo stoccaggio e l’uso di armi biologiche è stato vietato dal 1972 dalla Convenzione per le armi biologiche. L’uso clandestino di armi da parte di uno Stato o l’uso da parte di gruppi non nazionali può essere considerato bioterrorismo. Esse però sono studiate in laboratori biologici che si caratterizzano per classi e livelli. «Il laboratorio di livello 4 – spiega il Generale – custodisce agenti virali/batterici in grado di provocare patologie gravi per le quali non si conoscono cura né vaccino. Il laboratorio di livello 3 custodisce agenti virali/batterici in grado di provocare patologie gravi ma per le quali si conoscono cure e vaccini».

Il massimo risultato con il minimo sforzo: ecco perché le armi batteriologiche sono le più pericolose

«Un attacco batteriologico si attua in maniera decisamente banale. Ad esempio, liberando l’agente letale – spiega Barretta – conservato in un contenitore adatto, nell’aria, nell’acqua o a contatto con le polveri, a seconda del tipo di agente. Gliela faccio ancora più semplice: un solo soggetto libera l’agente letale durante una qualsiasi manifestazione affollata, e l’irreparabile accade. L’arma è invisibile, e possono trascorrere anche diversi giorni prima di vederne gli effetti, quando ormai non ci si può più difendere. Lo scenario è distopico – osserva il Generale – e non credo si realizzerà nel breve periodo, ma qualora dovesse accadere, l’unica misura possibile per limitare i danni è cinturare la zona interessata, se circoscritta, per evitare un ulteriore allargamento dell’epidemia. Chi è dentro la zona potrebbe non avere scampo».

La guerra tra Russia e Ucraina non rischia una escalation batteriologica. Il motivo

«A parte la disponibilità o meno dell’agente patogeno adatto nessuna delle due Nazioni si vorrebbe manifestare al mondo come Nazione bioterrorista, usare armi vietate classificate come arma di distruzione di massa, a meno di non far ricadere la colpa sull’altro. Inoltre, non credo sia ipotizzabile una degenerazione in questo senso – sostiene il Generale Barretta – anche a causa delle connessioni che, nonostante tutto, esistono tra le due nazioni in guerra, che si distinguono per profondi legami anche parentali».

Il terribile “vantaggio” dell’attacco batteriologico rispetto al nucleare

Due scenari spaventosi, con una differenza sostanziale che rende il secondo anche più pericoloso del primo. «Un attacco batteriologico consente alla parte attaccante di conservare un enorme vantaggio – spiega ancora Barretta – cioè sterminare l’avversario senza proprie perdite, mantenendo perfettamente intatte tutte le infrastrutture nemiche, a differenza di una guerra combattuta con armi convenzionali. E soprattutto a differenza di un’eventuale guerra nucleare – conclude – a seguito della quale, se anche ci fosse un vincitore (ma non ci sarà), questi non dominerebbe su altro che non sia uno sconfinato deserto radioattivo».

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Lockdown controproducenti, in alcuni paesi hanno aumentato i contagi
Uno studio dell'Università della Finlandia orientale ha dimostrato che, in alcuni paesi, i lockdown sono stati inutili e controproducenti. In altre parole, i blocchi completi hanno aumentato la diffusione dei contagi
Gb: meno visite faccia a faccia fanno bene all’ambiente e al portafogli
Nel Regno Unito c'è un acceso dibattito sull'opportunità di aumentare le visite a distanza dei pazienti per i suo effetti benefici contro l'inquinamento e per il risparmio economico
Nuova tecnologia made in Italy distrugge Sars-CoV-2 e tutte le sue varianti
Elettronica Group insieme a Lendlease presentano E4Shield, una tecnologia «disruptive» sviluppata per inattivare il Covid-19 e le sue varianti e affrontare nuove potenziali ondate pandemiche. E4Shield è uno dei primi progetti di innovazione nato all’interno dell’ecosistema di MIND Milano Innovation District
Effetti della pandemia, AIP: «Aumentano tentativi di suicidio tra i giovani. Per anziani rischio solitudine»
A Firenze sino al 25 maggio il 22° Congresso dell’Associazione Italiana Psicogeriatria “Dopo la pandemia: la sfida per una medicina a misura della terza età”. Previsti oltre 800 specialisti
Vaiolo delle scimmie, pazienti contagiosi fino a 4 settimane
Il virus del vaiolo può essere trasmesso fino a 4 settimane dalla comparsa dei sintomi. Nel frattempo in Italia si registra il quarto caso e negli Usa viene approvato un nuovo farmaco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 1° luglio, sono 547.500.575 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.335.874 i decessi. Ad oggi, oltre 11,74 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...