Salute 18 Giugno 2018

Ostetricia: quando gli uomini sono una minoranza. Le storie di due professionisti al vertice di un mestiere ‘rosa’

Elio Lopresti e Michele Trinchese sono 2 dei 300 ostetrici italiani a fronte di 22mila donne che svolgono la professione. «Una scelta in controtendenza ma non ci sentiamo discriminati, anzi»

di Isabella Faggiano
Immagine articolo

Elio Lopresti, 49 anni, siciliano. Michele Trinchese, 33 anni, campano. Due storie di vita diverse, due generazioni distanti, ma unite da una passione comune: il “mistero” della nascita. Un amore che li ha spinti controcorrente fino a diventare due dei 300 ostetrici uomini presenti su tutto il territorio nazionale. Una cifra minuscola se paragonata a quella delle colleghe del gentil sesso: le iscritte ai vari ordini provinciali della Penisola sono ben 22 mila.

LEGGI ANCHE: TUMORI GINECOLOGICI, LE NUOVE FRONTIERE DELLA CHIRURGIA MININVASIVA

Elio Lopresti e Michele Trinchese non rappresentano il genere maschile solo tra le corsie ospedaliere, ma hanno sradicato il concetto di una presenza “tutta al femminile” anche tra i vertici degli Ordini provinciali. Lopresti ci è riuscito da quasi 20 anni: dirige quello di Palermo dal 2000. Michele Trinchese, invece, è stato eletto Presidente a Caserta da poco. Una vera soddisfazione per il giovane ostetrico: «Sono riuscito ad entrare a far parte di un organigramma storicamente composto da sole donne – ha sottolineato Trinchese –  addirittura conquistandone la presidenza».

Michele Trinchese, nato ad Avellino nel febbraio del 1985, si è laureato da 9 anni, dopo aver già conseguito una laurea in zootecnia: «Aiutavo mia sorella minore a preparare i test di ammissione alla facoltà di ostetricia – ha spiegato il giovane – ed ho sentito una sorta “di chiamata”». Anche per Elio Lopresti sì è trattato di una vocazione. Una passione che li ha aiutati a non arrendersi mai, neanche nei momenti più difficili.

Per entrambi l’accesso al modo del lavoro, nonostante la differenza anagrafica, è stato un percorso in salita. Michele Trinchese, dopo diversi anni di volontario, ha fatto la valigia per cercare fortuna all’estero: «Sono andato in Inghilterra perché in Italia, a 5 anni dalla laurea – ha spiegato il presidente dell’Ordine di Caserta – non riuscivo a trovare un impiego retribuito. Ho lavorato in Inghilterra per due anni e, nonostante la mia sia stata una scelta obbligata, è proprio grazie a questa che sono riuscito ad ottenere una vera maturazione professionale, attraverso i consigli e la supervisione di un’ostetrica “senior”. Ho potuto lavorare in un ambiente totalmente meritocratico: ogni fine anno venivano assegnati anche dei premi per “il miglior contatto con la paziente”, “il miglior parto naturale” o “la migliore assistenza al parto cesareo”».

LEGGI ANCHE: OSTETRICIA, VICARIO (FNOPO): «REVISIONARE PERCORSO FORMATIVO. VOGLIAMO UN CORSO DI LAUREA QUINQUENNALE

Le difficoltà d’inserimento nel mondo del lavoro di Michele Trinchese non sono solo frutto della crisi economica dei nostri tempi. Anche Elio Lopresti, che all’attività professionale si è affacciato nei primi anni ’90, ha dovuto affrontare molte resistenze: «Lavoro da 25 anni – ha detto Lopresti – ma ho ottenuto un impiego fisso solo negli ultimi 10. Avrei potuto trovare una stabilità lavorativa molto prima, ma solo rinunciando alla mia vocazione di ostetrico. Ho preferito la precarietà all’abbandono di una passione».

Ma è proprio vero che dalle difficoltà s’impara: entrambi gli ostetrici hanno fatto tesoro delle problematiche affrontate, maturando proposte in grado di migliorare le condizioni della categoria professionale. Innanzitutto, modificherebbero qualche aspetto della formazione. «Lavorare all’estero – ha spiegato Trinchese – è stata un’esperienza talmente formativa, che  dovrebbe essere estesa a tutti i laureandi». Anche Elio Lopresti sul tema formazione ha le idee molto chiare, soprattutto da quando ha lasciato la sala parto per diventare docente del corso di laurea in Ostetricia all’Università di Palermo. A contatto con gli studenti ha capito che molti sono spaventati «dalle troppe responsabilità affidate a questa categoria professionale. Responsabilità – ha detto – del tutto sproporzionate alla remunerazione economica. Per non parlare della difficoltà di accesso al mondo del lavoro: i posti disponibili sono troppo pochi rispetto alle richieste dei neolaureati».

Tutte difficoltà che s’incontrano a prescindere dal sesso. Nel rapporto con le pazienti, invece, qualche differenza di genere c’è, ma per entrambi è solo “una questione di approccio”. «Dobbiamo superare il primo impatto – ha spiegato Trinchese –  Entrando nella stanza in punta di piedi, chiedendo il permesso. Poi, trascorsi i primi minuti, la diffidenza cade. Ho sempre avuto la sensazione di riuscire a far dimenticare che io fossi un maschio, sia alle pazienti che alle mie colleghe». Anche Lopresti, ostetrico con qualche anno in più di esperienza sulle spalle, entrato nel mondo del lavoro quando gli ostetrici erano probabilmente molto meno di 300, non ci sono state particolari diffidenze da superare: «nessuna donna ha mai manifestato un malcontento vedendomi. L’importante – ha aggiunto – è avvicinarsi nel modo giusto, con rispetto, senza invadere l’intimità».

Soddisfazione e contentezza di poter svolgere, ogni giorno, il lavoro che amano: sono queste le emozioni che emergono dalla voce di entrambi quando raccontano del loro passato e del loro presente. Anche parlando del futuro dimostrano entusiasmo, ma più che dei progetti personali preferiscono puntare l’attenzione sulle nuove sfide che dovranno affrontare tutti i professionisti della categoria, maschi o femmine che siano.

LEGGI ANCHE: GINECOLOGIA, QUANTO CONTA IL DIALOGO CON LE PAZIENTI. A RACCONTARLO UNA GIOVANE SPECIALIZZANDA

«Ognuno di noi – hanno sottolineato Lopresti e Trinchese – deve impegnarsi per ottenere un ruolo importante anche al di fuori della sala parto. Le ostetriche e gli ostetrici dovranno lavorare al fianco dei medici di medicina generale, dovranno essere presenti in ogni ambulatorio, seguendo quella strada già inaugurata  dall’ostetrico di famiglia e di comunità. Un professionista che si forma per la donna e che pertanto – hanno concluso – è in grado di assisterla in ogni fase della sua vita».

 

Articoli correlati
Ginecologia, la professoressa Caserta: «Gravidanza e parto siano trattati come eventi fisiologici»
La direttrice della UOC di Ginecologia dell’Ospedale Sant’Andrea di Roma contro la medicina difensiva. E sfata le fake news più comuni sulla gravidanza: «Non è vero che la donna incinta deve mangiare per due»
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Giornata Ostetriche, al via il “Virtual International Day of the Midwife”: 24 ore di eventi in diretta online da tutto il mondo
Pellegrini (ostetrica): «Un giorno dedicato alle donne, ma anche alla nostra professione. Chiediamo la diffusione del modello monoprofessionale, l’implementazione dei punti nascita per gravidanze a basso rischio ed il ritorno ad una formazione quinquennale»
di Isabella Faggiano
Caserta teatro di “Sipps & fimpaggiorna 2019 – Le nuove frontiere della pediatria”
C’è la Ginecologia in età evolutiva al centro del Corso di formazione dal titolo “Sipps & fimpaggiorna 2019 – le nuove frontiere della pediatria: dall’inquadramento clinico alla diagnosi al trattamento”, in programma il prossimo 27 febbraio presso il Golden Tulip Plaza Hotel di Caserta. A partire dalle ore 17:00 e fino alle ore 21:00, pediatri di […]
Manovra di Kristeller, quel rischio “nascosto” del parto. Belli (Gestione rischio clinico): «Utilizzata per evitare cesareo ma spesso genera complicanze»
La pratica, inventata da un medico tedesco nel 1867, ancora oggi si usa durante la gestazione. Il professor Belli: «La manovra spesso non viene segnalata, mancano i codici ministeriali. Non essendo segnalabile, tutte le complicanze generate da questa manovra non vengono associate a questa pratica. Così impossibile risalire alle complicanze». Vescovi (Lega): «Sia effettuata in sicurezza»
Ostetricia, alla professione riconosciuti tre master. Vaccari (Fnopo): «Con quello di famiglia colmiamo vuoto a livello territoriale»
La vicepresidente della Federazione Nazionale degli Ordini della Professione di Ostetricia sottolinea: «Obiettivo creare nuovi posti di lavoro e soprattutto e produrre risposte ferme e culturalmente supportate da evidenze scientifiche agli attuali bisogni di salute»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone