Salute 7 Giugno 2021 10:29

Punti nascita, la voce di ginecologi e ostetriche: «Ridurli non peggiora l’assistenza»

A Sanità Informazione, la presidente AOGOI, Elsa Viora, e la presidente della FNOPO, Silvia Vaccari, commentano le parole del sottosegretario alla Salute, Pierpaolo Sileri, sulla possibile rimodulazione dei punti nascita in Italia

di Isabella Faggiano

«Presenza nelle 24 ore dell’organico completo delle figure professionali coinvolte (ostetriche, ginecologi, neonatologi, anestesisti), la possibilità di effettuare gli esami ematochimici e diagnostici e di utilizzare una sala operatoria adeguata h24, la disponibilità di sangue ed emoderivati». Sono questi i requisiti minimi standard da garantire affinché i punti nascita possano offrire sicurezza e qualità delle cure, per la mamma e il suo bambino.

Lo aveva detto nei giorni scorsi il sottosegretario alla Salute, Pierpaolo Sileri, rispondendo all’interrogazione sul tema presentata in Commissione Sanità al Senato da Isabella Rauti (FdI) e lo ribadiscono la presidente AOGOI (Associazione ostetrici ginecologi), Elsa Viora, e la presidente FNOPO (Federazione Nazionale degli Ordini della Professione di Ostetrica), Silvia Vaccari, in un’intervista a Sanità Informazione.

La priorità è la sicurezza

I punti nascita ospedalieri sono stati riorganizzati in seguito all’Accordo sancito il 16 dicembre 2010, in sede di Conferenza Unificata Stato-Regioni-Enti Locali, attraverso il documento “Linee di indirizzo per la promozione ed il miglioramento della qualità, della sicurezza e dell’appropriatezza degli interventi assistenziali nel percorso nascita e per la riduzione del taglio cesareo”. «È necessario che questi criteri organizzativi, molto chiari e ben definiti, vengano mantenuti – commenta la presidente dei ginecologi Viora -. Allo stesso tempo, sarebbe opportuno incrementare i servizi territoriali, soprattutto in quelle aree d’Italia geograficamente svantaggiate, lontane da ospedali e punti nascita».

Meglio prevenire che curare

Per migliorare l’assistenza offerta alle donne in gravidanza, e di conseguenza gli standard di sicurezza, sarebbe opportuno valutare i rischi a cui è potenzialmente esposta ogni singola donna. «Una previsione che, in condizioni di efficienza, andrebbe effettuata ancor prima del concepimento. Laddove questo non è realizzabile – aggiunge la presidente Viora -, allora bisognerà seguire la gravida fin dalle prime settimane di gestazione, rivalutando il rischio di mese in mese, poiché la gravidanza presenta e può presentare numerose variabili lungo tutto l’arco dei nove mesi».

L’importanza dell’esperienza sul campo

Tenere chiusi i punti nascita con meno di 500 parti all’anno non è solo una questione economica. «Un professionista, al di là della preparazione universitaria, specialistica e di aggiornamento continuo, si forma anche e soprattutto attraverso l’esperienza sul campo – spiega la presidente dei ginecologi -. Di conseguenza, chi assiste a 200 parti ogni anno, statisticamente, si troverà ad affrontare una complicanza rara (una di quelle che, ad esempio, si verifica ogni mille nati) almeno ogni 5 anni. La scarsa esperienza diretta, che coinvolge l’intera equipe di un determinato punto nascita a bassa natalità, si ripercuote sulla sicurezza della struttura. Chi assiste ad un evento raro più volte in un solo anno sarà, ovviamente, più preparato ad affrontare una situazione di emergenza».

Ridurre i punti nascita non peggiora l’assistenza

Anche i numeri raccolti in questi ultimi anni confermano che l’accordo del 2010 ha aumentato gli standard di sicurezza: «Da quando sono stati chiusi i punti nascita con meno di 500 parti all’anno – aggiunge la presidente della Fnopo Silvia Vaccari – non c’è stato alcun peggioramento nell’assistenza offerta alle madre ed ai neonati. Laddove necessario, a causa di condizioni geografiche avverse, sono stati attivati servizi di elisoccorso per il trasporto delle partorienti nel punto nascita più vicino, così come, in altri territori meno ostacolati dalla presenza di catene montuose, nelle auto mediche e nelle ambulanze predisposte al trasporto delle gravide è stata assicurata la presenza dell’ostetrica».

L’importanza della telemedicina

Ovviamente, in questi anni, che qualche donna non abbia raggiunto in tempo il punto nascita più vicino, nonostante l’organizzazione territoriale, è stato inevitabile. «Quando il parto è tempestivo può essere difficile anche arrivare ad un punto nascita piuttosto vicino, situato a poche decine di minuti di distanza. Fortunatamente, però – sottolinea Vaccari – anche in questo caso è stato assicurato il buon esito, soprattutto grazie all’utilizzo della telemedicina, che ci ha permesso di seguire e monitorare il parto a distanza».

Cambiare sì, ma solo per migliorare

Al di là delle singole peculiarità professionali, appare dunque chiaro che ginecologi e ostetriche hanno lo stesso obiettivo: tutelare la salute della donna e del neonato. «La gestione dei punti nascita può essere rivista, ma solo per essere migliorata, non di certo peggiorata – commentano le presidenti Viora e Vaccari -. Se un punto nascita non può garantire, per carenza di risorse e/o personale, gli standard minimi di sicurezza sanciti nel 2010 – concludono – è molto meglio che continui a restare chiuso».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Giornata internazionale ostetrici, Fnopo: «Investimenti per migliorare la salute di tutti»
«Investire e valorizzare il ruolo delle ostetriche e modelli organizzativi di continuità assistenziale può ridurre del 67% le morti materne e del 64% le morti neonatali prevedibili»
Partorire in Italia, quali punti su cui lavorare ancora? Partoanalgesia, parto a domicilio e violenza ostetrica
L'appello di ginecologi e ostetrici: «Investire sul personale per favorire il rapporto one to one e il ripristino dell’alleanza terapeutica»
Rinnovati i vertici FNOPO: Silvia Vaccari è la nuova presidente nazionale
Vicepresidente della Federazione Nazionale degli Ordini della Professione di Ostetrica è Caterina Masé (Ordine Trento); segretaria Elsa Del Bo (Ordine Pavia); tesoriere Elio Lopresti (Ordine Palermo)
Ostetriche, oltre 20mila professioniste pronte a sostenere la campagna vaccini anti-Covid
La presidente Vicario: «Già nel Regio Decreto, nei primi decenni del ‘900, promuovevamo la diffusione delle vaccinazioni disponibili in qualità di ostetriche condotte. Oggi, sosteniamo la prevenzione di malattie come l’Hpv o le patologie che si possono contrarre in gravidanza»
di Isabella Faggiano
Aborto farmacologico o chirurgico? Come orientarsi nella scelta: cambiano le tempistiche e le modalità
Dopo la Toscana, la Regione Lazio ha approvato la somministrazione della pillola abortiva anche al di fuori delle strutture ospedaliere. Viora (Aogoi): «La RU486 può essere utilizzata pure a seguito di un aborto spontaneo per evitare il raschiamento»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 18 giugno, sono 177.438.001 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.842.377 i decessi. Ad oggi, oltre 2,48 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Ecm

Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM