Professioni Sanitarie 6 Aprile 2021 10:19

Ostetriche, oltre 20mila professioniste pronte a sostenere la campagna vaccini anti-Covid

La presidente Vicario: «Già nel Regio Decreto, nei primi decenni del ‘900, promuovevamo la diffusione delle vaccinazioni disponibili in qualità di ostetriche condotte. Oggi, sosteniamo la prevenzione di malattie come l’Hpv o le patologie che si possono contrarre in gravidanza»

di Isabella Faggiano

Milleseicento ostetriche disponibili immediatamente, a tempo pieno. Altre 20.855 reclutabili attraverso l’istituto delle prestazioni aggiuntive. Una forza lavoro enorme che potrebbe aiutare l’accelerazione della campagna vaccinale anti-Covid-19. «La prevenzione primaria, attraverso la somministrazione di vaccini, è una mansione attribuita alla figura professionale dell’ostetrica fin dagli anni ’30 – spiega Maria Vicario, presidente della FNOPO, la Federazione Nazionale degli Ordini della Professione Ostetrica -. Già nel Regio Decreto, nei primi decenni del ‘900, in qualità di ostetriche condotte, queste professioniste sanitarie promuovevano e sostenevano la diffusione delle vaccinazioni disponibili in quegli anni».

Le mansioni delle ostetriche nelle campagne vaccinali

Si tratta di un ruolo storico, ma anche attuale se si pensa alle vaccinazioni contro papilloma virus, rosolia, pertosse e influenza stagionale. «Le ostetriche, infatti, sono professioniste formate che, da sempre, promuovono la prevenzione di malattie come l’Hpv o le patologie che si possono contrarre in gravidanza, illustrando alle future mamme l’importanza dei vaccini antiinfluenzali e tutti quelli previsti durante la gestazione. Si ricordano, ad esempio, le campagne realizzate dalla FNOPO in collaborazione con la Federazione dei medici di famiglia, FIMMG, “Vaccinarsi in gravidanza è un gesto d’amore”, così come il supporto delle ostetriche alla Federazione italiana medici pediatri (FIMP) con la quale già da tempo la Federazione ostetriche collabora per la vaccinazione dei neonati aderendo attivamente, anche nel 2021, all’evento “La famiglia al centro: un’alleanza per vaccinare al meglio”».

«Noi, ingiustamente escluse»

In virtù della loro storia professionale e del loro impegno quotidiano, la FNOPO ha appreso con grande stupore e dispiacere l’esclusione, sin dal primo decreto emanato in materia, dall’elenco dei soggetti vaccinatori. Già dalla fine dello scorso anno la Federazione Nazionale ha ripetutamente chiesto, prima all’ex Commissario straordinario per l’emergenza Covid-19 Arcuri, ora al nuovo in carica, il generale Figliuolo, che le ostetriche fossero inserite tra gli operatori sanitari addetti alla somministrazione del vaccino anti-Covid. L’ultima comunicazione ufficiale è datata 8 marzo: «Una lettera – sottolinea la presidente Vicario – in cui abbiano nuovamente ribadito il nostro ruolo storico e la nostra piena competenza alla promozione e diffusione dei vaccini, come previsto dalla legge 42 del ‘99 (“Disposizioni in materia di professioni sanitarie” attraverso cui l’ostetricia ha perso la denominazione di professione sanitaria ausiliaria per divenire professione sanitaria, ndr), e dal nostro percorso professionale».

Emergenza Covid, ostetriche in prima linea

Inserire le ostetriche nell’elenco dei soggetti vaccinatori, però, non sarebbe sufficiente a renderle immediatamente operative: «Sarebbe necessario modificare anche il decreto emanato nei mesi scorsi dall’ex commissario Arcuri, affinché anche le ostetriche possano contare su un’adeguata copertura assicurativa in caso di eventi avversi durante l’inoculazione dei vaccini. Potremmo così incrementare ulteriormente il nostro impegno professionale durante l’emergenza Covid. Questo anno di pandemia ha già fatto emergere il ruolo centrale che l’ostetriche hanno per le donne, prima, durante e dopo il parto. Anche sfruttando le nuove tecnologie la nostra categoria professionale – conclude Vicario – ha assicurato vicinanza e continuità assistenziale anche nei momenti più critici dell’emergenza».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Sostegni Bis, Ianaro (M5S): «Emendamento per prevedere sequenziamento Covid nelle strutture sanitarie»
«L’attività di sequenziamento ha consentito al mondo di identificare rapidamente il virus del Covid 19 ed è fondamentale un continuo monitoraggio della situazione epidemiologica per evitare il sovraccarico delle strutture ospedaliere che da oltre un anno sono sottoposte a stress indicibili. Purtroppo è molto carente e poco integrata nel nostro Servizio sanitario nazionale e per […]
Covid, nuovo report Cabina di regia: «Continua calo incidenza». Da lunedì solo Vda in zona gialla
Pubblicato il report settimanale di ISS-Ministero Salute: tutte le Regioni e Pa hanno Rt compatibile con scenario di tipo 1
Regione Lombardia: immunità di gregge, mix di vaccini e piano famiglia gli obiettivi di Moratti e Bertolaso
Presentati questa mattina in conferenza stampa i risultati della campagna vaccinale della regione prima in Italia che punta al traguardo di 10 milioni di somministrazioni entro il 10 luglio
di Federica Bosco
Covid e autopsie, perché sono state vietate ad inizio pandemia?
Fineschi (Sapienza): «Autopsie momento fondamentale dal punto di vista diagnostico». Ricci (Univ. Magna Graecia): «Con autopsie possibile distinguere tra morti di Covid e con Covid»
Via libera alla Certificazione verde Covid-19 in Italia
L’Italia anticipa la diffusione del documento digitale che rende più semplice l'accesso ad eventi e strutture in Italia e che faciliterà dal 1° luglio gli spostamenti in Europa. Tutte le informazioni
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 18 giugno, sono 177.438.001 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.842.377 i decessi. Ad oggi, oltre 2,48 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Ecm

Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM