Salute 9 Luglio 2021 15:29

Osservatorio, centri e sportelli: un nuovo Ddl per potenziare la lotta alle dipendenze sul territorio

Lo ha presentato il senatore M5S Ruggiero Quarto: obiettivo legare la riforma ai fondi del PNRR. «Riorientare il SSN verso un modello incentrato sui territori e sulle reti di assistenza sociosanitaria. Il nostro Ordinamento non può abbandonare i più deboli e non può consentire che questi rinuncino ad una vita dignitosa» spiega il parlamentare Cinque Stelle

Osservatorio, centri e sportelli: un nuovo Ddl per potenziare la lotta alle dipendenze sul territorio

Approfittare delle imponenti risorse messe a disposizione dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza per affrontare il problema delle dipendenze patologiche che affligge un numero crescente di italiani. È l’obiettivo del Disegno di legge presentato da Ruggiero Quarto, senatore del Movimento Cinque Stelle, che sin dal primo articolo, nelle premesse, si prefigge un obiettivo ambizioso: quello di disegnare un Servizio sanitario che metta al centro “la prevenzione e la cura delle dipendenze patologiche garantita a ogni individuo e alla collettività come parte integrante del diritto alla salute”.

Purtroppo, il problema si è allargato con il tempo: non ci sono solo tossicodipendenza e alcolismo a dilagare nella nostra società, ma anche la ludopatia è diventata una vera e propria piaga: coinvolge 1,3 milioni di italiani e l’emergenza Covid non ha affatto migliorato la situazione. La proposta di legge vuole inserirsi nel solco del riassestamento dell’assistenza territoriale che è una delle priorità del PNRR che assegna 7 miliardi di euro alla costruzione di reti di prossimità e allo sviluppo dell’assistenza sanitaria territoriale. «La proposta normativa è una riforma strutturale che potenzia e riorienta il Servizio Sanitario Nazionale verso un modello incentrato sui territori e sulle reti di assistenza socio-sanitaria, supera la frammentazione e il divario strutturale che da lungo tempo caratterizza i diversi sistemi sanitari regionali» spiega il senatore Quarto.

Senatore, che difficoltà incontra chi è vittima di dipendenza?

«È dimostrato che per alcuni soggetti è molto difficile ammettere, prima di tutto a sé stessi, di dover intraprendere un percorso di diagnosi e cura e ciò è ancor più difficile una volta che la dipendenza patologica sia ormai divenuta cronica. Il Disegno di legge predispone nuovi modelli operativi e programmi specifici personalizzati di supporto clinico, psicologico e socioriabilitativo per la prevenzione, la presa in carico e il reinserimento sociale dei soggetti affetti da dipendenze patologiche. Si intende limitare l’incidenza dei fattori di rischio sulla popolazione, specialmente quella più giovane, e supportare i soggetti fragili, mettendo a loro disposizione infrastrutture, servizi, reti di assistenza territoriale e percorsi di reinserimento sociale. È sicuramente questa la strada più giusta da percorrere per garantire ad ognuno uguaglianza sostanziale e pieno riconoscimento della dignità umana».

Quali sono le innovazioni più significative introdotte dal Ddl?

«Il DDL 2062 si colloca nell’ambito delle auspicate riforme indicate dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza per il miglioramento delle prestazioni del sistema-Italia in termini di tutela della salute e perseguimento degli obiettivi di inclusione e coesione sociale. La proposta normativa è una riforma strutturale che potenzia e ri-orienta il Servizio Sanitario Nazionale verso un modello incentrato sui territori e sulle reti di assistenza socio-sanitaria, supera la frammentazione e il divario strutturale che da lungo tempo caratterizza i diversi sistemi sanitari regionali e migliora la capacità di integrare i servizi ospedalieri ed i servizi sanitari locali con le famiglie, la rete dei servizi sociali, i privati e gli enti del terzo settore convenzionati».

Il Ddl prevede anche l’istituzione di uno “Sportello per il cittadino”. Che compiti avrà?

«Lo “sportello per il cittadino” è un luogo d’incontro fondamentale tra i richiedenti assistenza, i loro familiari e le Istituzioni, il Servizio Sanitario nazionale, le organizzazioni della società civile, nonché gli enti del terzo settore che operano in convenzione. Avrà il compito di contribuire a potenziare l’offerta assistenziale sia in termini di risorse umane, che in termini di fruizione delle infrastrutture. È qui che si attiva la capillare rete di supporto psicologico, clinico e legale in favore dei soggetti deboli e si assistono i potenziali beneficiari e le loro famiglie nel percorso di accettazione della dipendenza patologica».

Altra novità è l’Istituzione dei Centri regionali per il monitoraggio, prevenzione e cura delle dipendenze patologiche.  Come evitare le disparità regionali?

«I Centri regionali, diffusi capillarmente sul territorio nazionale, avranno il compito di agevolare l’inserimento dei potenziali beneficiari nei percorsi di diagnosi, cura e reinserimento sociale. Questi coordineranno tutte le attività propedeutiche all’accertamento della sussistenza della dipendenza patologica e faciliteranno l’inserimento dei beneficiari nei programmi terapeutici e socioriabilitativi, così garantendo ad ogni singolo individuo la cosiddetta assistenza di prossimità. A garantire, poi, i livelli essenziali delle prestazioni in maniera uniforme su tutto il territorio nazionale ci sarà l’Osservatorio nazionale per il monitoraggio, prevenzione e cura delle dipendenze patologiche. Quest’ultimo avrà il precipuo compito di indirizzare la politica sanitaria nazionale e territoriale in tema di dipendenze patologiche individuando in primo luogo le migliori pratiche e predisponendo, in secondo luogo, le linee guida cui dovranno attenersi tutti i Centri regionali e le strutture convenzionate con il SSN. Il nostro Ordinamento non può abbandonare i più deboli e non può consentire che questi rinuncino ad una vita dignitosa. Auspico pertanto una piena condivisione delle presenti disposizioni per la prevenzione e cura delle dipendenze patologiche per una società più giusta e più equa, che punti allo sviluppo del Paese».

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Ospedali di Comunità, telemedicina, e assistenza domiciliare: come saranno impiegati i 15,63 miliardi del PNRR per la sanità
Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza è arrivato in Parlamento dove sarà illustrato dal premier Draghi prima del voto. Al comparto salute in tutto 20,82 miliardi considerando anche il Fondo complementare e il React EU. Il Piano in tutto prevede investimenti per 222,1 miliardi. Previsti fondi per aumentare le borse per la medicina generale e le specializzazioni mediche
Longevità, nasce intergruppo. Taverna (M5S): «Tutela degli anziani nella Carta»
Al Senato la presentazione di due Ddl: il primo punta a modificare l’articolo 31 della Costituzione introducendo la parola ‘anziani’, il secondo prevede una Delega al Governo in materia di tutela e valorizzazione della terza età. Centri diurni, servizi di prossimità e assistenza domiciliare integrata continuativa nel piano di Monsignor Paglia, Presidente della Commissione per la riforma dell'assistenza agli anziani
SIOT lancia il decalogo per far conoscere i danni del fumo sull’apparato muscolo scheletrico
Farez (Past President Società italiana ortopedia e traumatologia): «Linee guida che analizzano i rischi, la strategia di comunicazione e il ruolo dei prodotti alternativi»
di Federica Bosco
Piano nazionale demenze, in Senato Ddl per implementarlo. Spadin (AIMA): «Sui familiari il peso delle chiusure»
Forti difformità tra regioni nell’applicazione del Piano e il Covid ha peggiorato la situazione. La senatrice Guidolin (M5S): «Coinvolgere le associazioni del territorio per combattere l’isolamento»
Dottoressa aggredita con mozzarelle, Fnomceo: «La legge non è sufficiente»
Familiare di un paziente lamentava attesa lunga e ha scagliato contenitore di mozzarelle contro il medico, solidarietà dal presidente Anelli. Scotti (presidente OdM Napoli): «Temo per ottobre, pandemia e crisi sociale potrebbero fare del medico un capro espiatorio»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 30 luglio, sono 196.654.595 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 4.199.164 i decessi. Ad oggi, oltre 4 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Posso bere alcolici prima o dopo il vaccino anti-Covid?

Sbronzarsi nei giorni a cavallo della vaccinazione può compromettere la risposta immunitaria e, dunque, depotenziare gli effetti del vaccino?
Salute

Guida al Green pass, può essere revocato? Serve anche ai ragazzi? Le risposte di Cittadinanzattiva

Chi ne è esentato? E cosa deve fare chi è guarito? Intervista a Isabella Mori, Responsabile del servizio tutela di Cittadinanzattiva