Salute 17 Dicembre 2021 10:59

«Esperienza faticosa ma profonda». In “Fango e risate” Muccioli racconta il padre e i “fratelli” di San Patrignano

La presentazione del volume, organizzata dall’associazione Impresa per la Vita, è avvenuta nella clinica Santa Famiglia. Possemato: «Un libro che vuole aiutare a combattere le patologie dell’età evolutiva». Marrocco (Fi): «Proposta di legge per istituire psicologo scolastico»

Un libro che racconta, prima di tutto, una storia privata. Quella di un padre, Vincenzo Muccioli, e poi di una intera famiglia che comincia ad occuparsi del prossimo, quello messo peggio. Dei tossicodipendenti, negli anni ’70 una vera e propria piaga, per sé stessi, per le loro famiglie e per la società. “Fango e risate”, edito da Piemme, è il libro scritto dal figlio di Vincenzo, Andrea Muccioli. Un libro scritto con la volontà di raccontare la propria esperienza familiare e di comunità (quella di San Patrignano), anche per dare una “risposta” alla docuserie “SanPa – Luci e tenebre di San Patrignano”, rea, a dire dello stesso Muccioli, di aver dato un’immagine tutt’altro che corretta sia del padre che dell’intera vicenda. Si tratta però anche un libro che parla di persone fragili, che cercano nelle sostanze stupefacenti una risposta al proprio vuoto esistenziale. Un libro, dunque, che attraverso una memoria soggettiva vuole arrivare a parlare, a tutti, della vita e dei suoi problemi, dei suoi punti più bassi e del suo riscatto. Da un lato chi ha bisogno di essere salvato e trova un senso a tutto ciò che gli è capitato convivendo e lavorando con altre persone che vivono il suo stesso dramma, dall’altro chi trova un senso nell’aiutare chi è stato scaricato dalla società come un sacco vuoto e che da solo non ce la farebbe mai.

Muccioli: «Accogliere i reietti della società esperienza dolorosa ma toccante»

Andrea Muccioli racconta di come abbia scoperto a 12 anni che i suoi genitori «volevano aiutare, accogliendo in casa propria come dei figli, gli esseri umani più disperati», e di come questa «esperienza straordinaria e anche bizzarra» sia stata per lui «un qualcosa di doloroso e faticoso». Dover «accettare come fratelli e sorelle» perfetti sconosciuti, tra l’altro anche parecchio problematici, non è stato facile per lui. Ma con il tempo, quella che all’inizio era «un’esperienza dolorosa e faticosa» è poi diventata «esaltante, toccante, emotivamente molto profonda». Dopo un inizio difficile, dunque, «quelle persone sono state accettate come familiari».

Possemato: «Un libro che vuole aiutare a combattere le patologie dell’età evolutiva»

La presentazione romana del volume, organizzata dall’associazione Impresa per la Vita, è avvenuta nella clinica Santa Famiglia. In particolare, nella sua chiesa. Un luogo scelto non a caso, in quanto, come ci dice la presidente di Impresa per la Vita, Donatella Possemato, «la clinica di cura Santa Famiglia è l’unica monospecialistica in ostetricia e ginecologia. Qui nascono bambini e, dunque, la vita. E in questa chiesa, che rappresenta tantissimo per noi, vengo battezzati tanti bambini. Per questo abbiamo voluto battezzare un libro che ha un profondo significato: quello di voler combattere le patologie dell’età evolutiva».

Marrocco: «Proposta di legge per istituire psicologo scolastico»

La storia raccontata nel libro risale, ovviamente, a qualche annetto fa. Ma i problemi con le dipendenze, inutile dirlo, non sono spariti all’improvviso anche se non hanno lo stesso risalto, anche mediatico, della “pandemia” da eroina degli anni ‘70. Forse anche perché oggi, di dipendenze, ne esistono tante, troppe per riuscire facilmente a costruire un fronte comune.

Tant’è che l’onorevole Patrizia Marrocco (Forza Italia), membro della Commissione parlamentare per l’infanzia e l’adolescenza, ha annunciato di aver presentato una «proposta di legge per istituire lo psicologo scolastico». Perché se «esistono dipendenze vecchie e nuove», da un lato alcol e droga e dall’altro «patologie come bulimia e anoressia» che hanno avuto un incremento anche per colpa di internet, non si può pensare di combatterle una per una quando il danno è già fatto ma si può provare ad anticipare l’evolversi del problema, andando a cogliere i segnali scatenanti. «La nostra proposta – spiega ancora Marrocco – vuole andare a regolare una norma che esiste in tutti i Paesi europei ma non in Italia. Quel che noi vogliamo è l’istituzione di una figura stabile che faccia da collante tra alunni, docenti e famiglia, e che vada ad identificare subito un disagio e, perché no, anche un talento…».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Dal cibo ai social, ISS: quasi due milioni di adolescenti della ‘Generazione Z’ a rischio dipendenze comportamentali
Prima indagine ISS, per la maggior parte difficoltà a parlare con i genitori. Tra le più diffuse le dipendenze da cibo, videogiochi e da social media
Diabete. Fand ai medici di famiglia: “Applicare la Nota 100 di Aifa”
I diabetologi denunciano la “mancata applicazione di quanto previsto in materia di compilazione del Piano Terapeutico da parte dei medici di medicina generale sul territorio sta provocando disagi ai pazienti” e invitano Fimmg e Simg a vigilare sui propri iscritti
di Redazione Sics
L’Intelligenza artificiale conquista l’Healthcare: cresce l’impiego in ricerca, diagnosi e cura
In occasione della Milano digital Week confronto tra protagonisti di design, Ai e digitale sull’impiego in sanità. Dalle app che dialogano con i pazienti, ai software che fanno interagire le strutture sanitarie, ma resta aperto il quesito sul consenso dei dati
Scandalo ginnastica ritmica. L’esperto: «La dieta degli atleti sia elaborata insieme al nutrizionista»
A parlare è il dott. Emilio Buono, nutrizionista sportivo di campioni d’élite e formatore professionale. Dal 1° novembre online il nuovo corso Consulcesi sul tema della nutrizione nello sport
Scandalo ginnastica ritmica, il monito dei medici: «Non sottovalutare i rischi della triade dell’atleta»
Gli specialisti di Medicina dello sport dell'Auxologico Irccs invitano genitori e tecnici a non sottovalutare magrezza, amenorrea e osteoporosi che possono creare danni immediati e a lungo termine oltre ai traumi psicologici che possono provocare anoressia e bulimia
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...