Salute 17 Dicembre 2021 10:59

«Esperienza faticosa ma profonda». In “Fango e risate” Muccioli racconta il padre e i “fratelli” di San Patrignano

La presentazione del volume, organizzata dall’associazione Impresa per la Vita, è avvenuta nella clinica Santa Famiglia. Possemato: «Un libro che vuole aiutare a combattere le patologie dell’età evolutiva». Marrocco (Fi): «Proposta di legge per istituire psicologo scolastico»

Un libro che racconta, prima di tutto, una storia privata. Quella di un padre, Vincenzo Muccioli, e poi di una intera famiglia che comincia ad occuparsi del prossimo, quello messo peggio. Dei tossicodipendenti, negli anni ’70 una vera e propria piaga, per sé stessi, per le loro famiglie e per la società. “Fango e risate”, edito da Piemme, è il libro scritto dal figlio di Vincenzo, Andrea Muccioli. Un libro scritto con la volontà di raccontare la propria esperienza familiare e di comunità (quella di San Patrignano), anche per dare una “risposta” alla docuserie “SanPa – Luci e tenebre di San Patrignano”, rea, a dire dello stesso Muccioli, di aver dato un’immagine tutt’altro che corretta sia del padre che dell’intera vicenda. Si tratta però anche un libro che parla di persone fragili, che cercano nelle sostanze stupefacenti una risposta al proprio vuoto esistenziale. Un libro, dunque, che attraverso una memoria soggettiva vuole arrivare a parlare, a tutti, della vita e dei suoi problemi, dei suoi punti più bassi e del suo riscatto. Da un lato chi ha bisogno di essere salvato e trova un senso a tutto ciò che gli è capitato convivendo e lavorando con altre persone che vivono il suo stesso dramma, dall’altro chi trova un senso nell’aiutare chi è stato scaricato dalla società come un sacco vuoto e che da solo non ce la farebbe mai.

Muccioli: «Accogliere i reietti della società esperienza dolorosa ma toccante»

Andrea Muccioli racconta di come abbia scoperto a 12 anni che i suoi genitori «volevano aiutare, accogliendo in casa propria come dei figli, gli esseri umani più disperati», e di come questa «esperienza straordinaria e anche bizzarra» sia stata per lui «un qualcosa di doloroso e faticoso». Dover «accettare come fratelli e sorelle» perfetti sconosciuti, tra l’altro anche parecchio problematici, non è stato facile per lui. Ma con il tempo, quella che all’inizio era «un’esperienza dolorosa e faticosa» è poi diventata «esaltante, toccante, emotivamente molto profonda». Dopo un inizio difficile, dunque, «quelle persone sono state accettate come familiari».

Possemato: «Un libro che vuole aiutare a combattere le patologie dell’età evolutiva»

La presentazione romana del volume, organizzata dall’associazione Impresa per la Vita, è avvenuta nella clinica Santa Famiglia. In particolare, nella sua chiesa. Un luogo scelto non a caso, in quanto, come ci dice la presidente di Impresa per la Vita, Donatella Possemato, «la clinica di cura Santa Famiglia è l’unica monospecialistica in ostetricia e ginecologia. Qui nascono bambini e, dunque, la vita. E in questa chiesa, che rappresenta tantissimo per noi, vengo battezzati tanti bambini. Per questo abbiamo voluto battezzare un libro che ha un profondo significato: quello di voler combattere le patologie dell’età evolutiva».

Marrocco: «Proposta di legge per istituire psicologo scolastico»

La storia raccontata nel libro risale, ovviamente, a qualche annetto fa. Ma i problemi con le dipendenze, inutile dirlo, non sono spariti all’improvviso anche se non hanno lo stesso risalto, anche mediatico, della “pandemia” da eroina degli anni ‘70. Forse anche perché oggi, di dipendenze, ne esistono tante, troppe per riuscire facilmente a costruire un fronte comune.

Tant’è che l’onorevole Patrizia Marrocco (Forza Italia), membro della Commissione parlamentare per l’infanzia e l’adolescenza, ha annunciato di aver presentato una «proposta di legge per istituire lo psicologo scolastico». Perché se «esistono dipendenze vecchie e nuove», da un lato alcol e droga e dall’altro «patologie come bulimia e anoressia» che hanno avuto un incremento anche per colpa di internet, non si può pensare di combatterle una per una quando il danno è già fatto ma si può provare ad anticipare l’evolversi del problema, andando a cogliere i segnali scatenanti. «La nostra proposta – spiega ancora Marrocco – vuole andare a regolare una norma che esiste in tutti i Paesi europei ma non in Italia. Quel che noi vogliamo è l’istituzione di una figura stabile che faccia da collante tra alunni, docenti e famiglia, e che vada ad identificare subito un disagio e, perché no, anche un talento…».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Gonfi e stanchi, dieta detox contro la “sindrome post-abbuffate”
Da Serena Missori endocrinologa, nutrizionista e docente della serie Ecm “Gusto è Salute” di Consulcesi consigli utili per rimettersi in carreggiata dopo gli eccessi natalizi
Prevenzione andrologica, gli uomini ne fanno poca. In loro aiuto arriva “Wikipene” con tutto ciò che c’è da sapere
Il volume, pensato per uomini di tutte le età, è stato presentato in Senato. Annamaria Parente (Presidente Commissione Igiene e Sanità): «Un ragazzo su tre può avere problemi andrologici»
Medicina estetica, con i fili di trazione lifting non chirurgico e risultati garantiti? Cosa dice l’esperto
Domenico Centofanti, vicepresidente SIME, analizza l’ultima moda in ambito estetico: costi, benefici ed effetti collaterali: «Terapia efficace e poco invasiva, con ridotti rischi di complicanze. Indicata per pazienti con un grado di lassità cutanea lieve e anche per chi ha già fatto botox e filler»
di Federica Bosco
Amenorrea e calo della libido, ecco i campanelli d’allarme dell’iperprolattinemia secondo AME
Renato Cozzi, presidente eletto AME: «La pandemia ha reso più difficile l’accesso agli ambulatori di endocrinologia e questo può avere ritardato anche le diagnosi»
Il 21 novembre è la giornata dell’assistente sanitario
Una data scelta in onore dell’anniversario della Carta di Ottawa, sottoscritta da tutti gli Stati appartenenti alla Organizzazione mondiale della Sanità nel 1986
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 21 gennaio, sono 342.684.472 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.574.860 i decessi. Ad oggi, oltre 9,75 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Contributi e Opinioni

«Perché il medico di famiglia non ti risponde al telefono»

di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
Politica

Legge di Bilancio. Dalla stabilizzazione dei precari Covid ai fondi per aggiornare i LEA, tutte le misure per la sanità

Via libera della Camera dopo una maratona di tre giorni. Il Fondo sanitario incrementato di due miliardi all’anno per tre anni, prorogate le USCA e prevista un’indennità per gli ope...
di Francesco Torre