Salute 28 Giugno 2018 10:55

Patologie psichiatriche del terzo millennio, ecco le cause: invecchiamento popolazione, disoccupazione, nuove droghe e dipendenza web

«I grandi cambiamenti sociali hanno contribuito all’aumento del disagio psicologico tra anziani, adulti e adolescenti. Ma la formazione specialistica non si è adeguata ai mutamenti». L’intervista a Massimo di Giannantonio, Presidente del Collegio degli Ordinari di psichiatria

di Isabella Faggiano
Patologie psichiatriche del terzo millennio, ecco le cause: invecchiamento popolazione, disoccupazione, nuove droghe e dipendenza web

«Il disagio psicologico è in crescita. Lo dimostrano i numeri: sono aumentati i ricoveri, è salita la percentuale dell’incidenza delle psicopatologie in tutte le fasce di età e si è allungata la durata del trattamento». A lanciare l’allarme è Massimo di Giannantonio che, in qualità di presidente del Collegio degli ordinari di psichiatria, denuncia l’inadeguatezza dell’attuale formazione specialistica: «esistono nuove patologie psichiatriche che richiedono a gran voce che venga modificato radicalmente il percorso di studi dei nuovi specialisti».

Presidente di Giannantonio, a quarant’anni dall’approvazione della legge Basaglia, che ha sancito la definitiva chiusura dei manicomi, è cambiato radicalmente il modo di curare la malattia mentale. Anche le patologie da trattare non sono più quelle di una volta?

«Certamente sì. Esistono nuove patologie che si sono manifestate in seguito al cambiamento dell’organizzazione della società italiana. Pensiamo innanzitutto all’invecchiamento della popolazione: oggi trattiamo tutta una serie di patologie psichiatriche legate esclusivamente alla terza età. Il numero di pazienti anziani cresce in modo proporzionale alla longevità, un aumento che rappresenta un problema sanitario enorme. Abbiamo più pazienti e meno risorse per potercene occupare».

LEGGI ANCHE: I 40 ANNI DELLA LEGGE BASAGLIA. CARPINIELLO (SIP): «UNA RIVOLUZIONE SOCIALE E CULTURALE. OGGI PERÒ STRUTTURE VECCHIE E POCHI FONDI»

Gli psichiatri devono fare i conti con nuove patologie anche nelle altre fasce di età?

«La diffusione di sostanze psicoattive di ultima generazione ha costruito una nuova psicopatologia dell’età evolutiva e dell’adolescenza. Problemi che preoccupano molto gli specialisti anche per gli effetti che potrebbero avere a lunga distanza nella vita di questi individui, che saranno gli adulti del domani».

E tra gli adulti di oggi ci sono già nuovi disagi da affrontare?

«Non va meglio. Nell’età adulta ci sono stati cambiamenti importanti legati soprattutto alla crisi del mondo del lavoro: dalle famiglie che hanno dovuto imparare a tirare avanti con un solo reddito, alle giovani coppie che non possono formare un proprio nucleo familiare perché disoccupate. Tutto ciò costruisce una bomba che diffonde il disagio psicologico tra tutti gli strati sociali».

Anche le nuove tecnologie contribuiscono ad innescare questo esplosivo?

«Senza dubbio. Oggi trattiamo molti casi di psicopatologie legate all’utilizzo di nuove tecnologie. Le persone si racchiudono in se stesse, sfuggono alla relazione con l’essere umano, si costruiscono uno scudo virtuale che diventa una frattura tra ciò che si è e ciò che si vuole essere. Un rifugio che si trasforma in dipendenza perché, molto spesso, rappresenta l’unico contatto che questi soggetti riescono ad avere con il mondo. Ma questo contatto è manipolato, artefatto, artificiale».

LEGGI ANCHE: PARLA LO PSICHIATRA VITTORINO ANDREOLI: «I SOCIAL NETWORK PORTANO ALLA MORTE DELLA PERSONALITÀ. SCEGLIAMO IL ‘BENDESSERE’…»

Il profondo cambiamento sociale e la conseguente nascita di nuove psicopatologie hanno modificato anche la professione dello psichiatra?

«Queste nuove patologie richiedono una modifica del percorso di studi dei nuovi specialisti. Ma ciò non è ancora avvenuto. Il Miur, per questioni economiche, ha drasticamente ridotto il numero dei posti per quelli che saranno gli psichiatri del domani, una decisione in contraddizione con l’aumento della diffusione delle patologie psichiatriche. Al tempo stesso, però, fortunatamente le Società Scientifiche stanno facendo uno sforzo enorme per poter migliorare ed ammodernare gli strumenti di formazione e  preparare gli psichiatri del futuro ad affrontare al meglio queste nuove sfide. Accanto a quelle di cui abbiamo già discusso ce ne sono altre due che richiedono un’adeguata preparazione: il trattamento psichiatrico nelle carceri e quello per gli immigrati».

Ogni cambiamento richiede un periodo di assestamento. Quanto tempo crede sia necessario per mettersi al passo con queste trasformazioni?

«L’ammodernamento non solo degli specialisti ma di tutta la rete assistenziale potrà avvenire nei prossimi 5-6 anni».

Articoli correlati
Tre tazze di tè al giorno allungano la vita
L'elisir di lunga vita esiste e si cela dentro tre tazze di tè al giorno. A dimostrarlo è uno studio condotto dalla Sichuan University di Chengdu, in Cina, e pubblicato sulla rivista The Lancet Regional Health – Western Pacific. I ricercatori hanno esaminato i dati di quasi 14.000 volontari britannici e cinesi e hanno rilevato che tre tazze di tè al giorno potrebbero rallentare l’invecchiamento biologico, grazie all'azione di diversi potenti composti
Il segreto di una vita felice? Dormire! Perdere anche un’ora di sonno butta giù l’umore
Fare le ore piccole potrebbe presto diventare un'opzione poco entusiasmante. Un gruppo di ricercatori della University of East Anglia ha scoperto che dormire meno del solito, anche solo di un'ora, fa sentire le persone meno positive e felici. I risultati sono stati pubblicati sulla rivista Psychological Bulletin
Arte e letteratura efficace contro depressione e ansia giovanile
L’arte e letteratura può dare un grande contributo nel miglioramento dei sintomi di depressione e di ansia nei ragazzi. A dimostrarlo è uno studio internazionale a cui ha preso parte anche l’Università degli Studi “Gabriele d’Annunzio” di Chieti-Pescara
Una notte “in bianco” può ridurre la depressione per diversi giorni
Uno studio dell'Università Northwestern negli Stati Uniti ha scoperto che la perdita di sonno acuta può avere un effetto anti-depressivo grazie alla sua capacità di riconfigurare il cervello
Sla: studio italiano scopre causa comune con invecchiamento, aperta strada a nuove terapie
L'invecchiamento e le malattie neurodegenerative, come la SLA, hanno una base molecolare comune. A individuarla è uno studio italiano co-coordinato dalle università di Cagliari e Sapienza di Roma e pubblicato su Cell Death and Discovery
di V.A.
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Mieloma multiplo. Aspettativa di vita in aumento e cure sul territorio, il paradigma di un modello da applicare per la prossimità delle cure

Il mieloma multiplo rappresenta, tra le patologie onco-ematologiche, un caso studio per l’arrivo delle future terapie innovative, dato anche che i centri ospedalieri di riferimento iniziano a no...
Salute

Parkinson, la neurologa Brotini: “Grazie alla ricerca, siamo di fronte a una nuova alba”

“Molte molecole sono in fase di studio e vorrei che tutti i pazienti e i loro caregiver guardassero la malattia di Parkinson come fossero di fronte all’alba e non di fronte ad un tramonto&...
di V.A.
Advocacy e Associazioni

Oncologia, Iannelli (FAVO): “Anche i malati di cancro finiscono in lista di attesa”

Il Segretario Generale Favo: “Da qualche anno le attese per i malati oncologici sono sempre più lunghe. E la colpa non è della pandemia: quelli con cui i pazienti oncologici si sco...