Salute 28 Giugno 2018 10:55

Patologie psichiatriche del terzo millennio, ecco le cause: invecchiamento popolazione, disoccupazione, nuove droghe e dipendenza web

«I grandi cambiamenti sociali hanno contribuito all’aumento del disagio psicologico tra anziani, adulti e adolescenti. Ma la formazione specialistica non si è adeguata ai mutamenti». L’intervista a Massimo di Giannantonio, Presidente del Collegio degli Ordinari di psichiatria

di Isabella Faggiano
Patologie psichiatriche del terzo millennio, ecco le cause: invecchiamento popolazione, disoccupazione, nuove droghe e dipendenza web

«Il disagio psicologico è in crescita. Lo dimostrano i numeri: sono aumentati i ricoveri, è salita la percentuale dell’incidenza delle psicopatologie in tutte le fasce di età e si è allungata la durata del trattamento». A lanciare l’allarme è Massimo di Giannantonio che, in qualità di presidente del Collegio degli ordinari di psichiatria, denuncia l’inadeguatezza dell’attuale formazione specialistica: «esistono nuove patologie psichiatriche che richiedono a gran voce che venga modificato radicalmente il percorso di studi dei nuovi specialisti».

Presidente di Giannantonio, a quarant’anni dall’approvazione della legge Basaglia, che ha sancito la definitiva chiusura dei manicomi, è cambiato radicalmente il modo di curare la malattia mentale. Anche le patologie da trattare non sono più quelle di una volta?

«Certamente sì. Esistono nuove patologie che si sono manifestate in seguito al cambiamento dell’organizzazione della società italiana. Pensiamo innanzitutto all’invecchiamento della popolazione: oggi trattiamo tutta una serie di patologie psichiatriche legate esclusivamente alla terza età. Il numero di pazienti anziani cresce in modo proporzionale alla longevità, un aumento che rappresenta un problema sanitario enorme. Abbiamo più pazienti e meno risorse per potercene occupare».

LEGGI ANCHE: I 40 ANNI DELLA LEGGE BASAGLIA. CARPINIELLO (SIP): «UNA RIVOLUZIONE SOCIALE E CULTURALE. OGGI PERÒ STRUTTURE VECCHIE E POCHI FONDI»

Gli psichiatri devono fare i conti con nuove patologie anche nelle altre fasce di età?

«La diffusione di sostanze psicoattive di ultima generazione ha costruito una nuova psicopatologia dell’età evolutiva e dell’adolescenza. Problemi che preoccupano molto gli specialisti anche per gli effetti che potrebbero avere a lunga distanza nella vita di questi individui, che saranno gli adulti del domani».

E tra gli adulti di oggi ci sono già nuovi disagi da affrontare?

«Non va meglio. Nell’età adulta ci sono stati cambiamenti importanti legati soprattutto alla crisi del mondo del lavoro: dalle famiglie che hanno dovuto imparare a tirare avanti con un solo reddito, alle giovani coppie che non possono formare un proprio nucleo familiare perché disoccupate. Tutto ciò costruisce una bomba che diffonde il disagio psicologico tra tutti gli strati sociali».

Anche le nuove tecnologie contribuiscono ad innescare questo esplosivo?

«Senza dubbio. Oggi trattiamo molti casi di psicopatologie legate all’utilizzo di nuove tecnologie. Le persone si racchiudono in se stesse, sfuggono alla relazione con l’essere umano, si costruiscono uno scudo virtuale che diventa una frattura tra ciò che si è e ciò che si vuole essere. Un rifugio che si trasforma in dipendenza perché, molto spesso, rappresenta l’unico contatto che questi soggetti riescono ad avere con il mondo. Ma questo contatto è manipolato, artefatto, artificiale».

LEGGI ANCHE: PARLA LO PSICHIATRA VITTORINO ANDREOLI: «I SOCIAL NETWORK PORTANO ALLA MORTE DELLA PERSONALITÀ. SCEGLIAMO IL ‘BENDESSERE’…»

Il profondo cambiamento sociale e la conseguente nascita di nuove psicopatologie hanno modificato anche la professione dello psichiatra?

«Queste nuove patologie richiedono una modifica del percorso di studi dei nuovi specialisti. Ma ciò non è ancora avvenuto. Il Miur, per questioni economiche, ha drasticamente ridotto il numero dei posti per quelli che saranno gli psichiatri del domani, una decisione in contraddizione con l’aumento della diffusione delle patologie psichiatriche. Al tempo stesso, però, fortunatamente le Società Scientifiche stanno facendo uno sforzo enorme per poter migliorare ed ammodernare gli strumenti di formazione e  preparare gli psichiatri del futuro ad affrontare al meglio queste nuove sfide. Accanto a quelle di cui abbiamo già discusso ce ne sono altre due che richiedono un’adeguata preparazione: il trattamento psichiatrico nelle carceri e quello per gli immigrati».

Ogni cambiamento richiede un periodo di assestamento. Quanto tempo crede sia necessario per mettersi al passo con queste trasformazioni?

«L’ammodernamento non solo degli specialisti ma di tutta la rete assistenziale potrà avvenire nei prossimi 5-6 anni».

Articoli correlati
Bonus psicologo, al via alle domande online
Sul sito dell'Inps è possibile inviare la domanda per accedere al bonus psicologo. Bisogna fare presto. La precedenza sarà data a chi ha Isee più basso
Il lavoro nobilita, ma deprime, in particolare le donne. Lo Smart working è la soluzione?
La conferma arriva da due studi: uno inglese realizzato prima della pandemia e l’altro italiano fatto durante e dopo il Covid. In entrambi risulta che la qualità del lavoro e le condizioni incidono sulla salute mentale in particolare nelle donne. Ecco perché dallo smart working non si deve più tornare indietro
Depressione e malattie organiche, il legame killer che abbassa l’aspettativa di vita
Numerosi studi internazionali dimostrano un aumento della mortalità legata a patologie non trasmissibili nei soggetti affetti da disturbo depressivo
Vincere la depressione? Oggi si può con uno spray nasale
L’Esketamina è un farmaco realizzato da Janssen. Presentato ieri a Milano è stato approvato da AIFA dopo essere stato testato da vari Istituti con ottimi risultati. Maina (Uni Torino) «Prodotto innovativo per il disturbo depressivo maggiore efficace nel 70% dei casi con una riduzione dei sintomi già dopo 24 ore dalla prima somministrazione»
Abbandono scolastico e disagi psicologici dei giovani, quale connessione?
di dott. Giacinto D'Urso, psicologo
di dott. Giacinto D'Urso, psicologo
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale