Salute 24 Aprile 2019 15:58

Operata di tumore al cervello mentre suona il violino, è il primo intervento per il Sud Italia

L’intervento, durato oltre 5 ore, è stato effettuato dall’equipe dell’ospedale ‘Santissima Annunziata di Taranto. Si tratta del primo intervento del genere concepito nel meridione

Operata di tumore al cervello mentre suona il violino, è il primo intervento per il Sud Italia

Una giovane violinista, affetta da neoplasia cerebrale frontale sinistra a basso grado di malignità, è stata sottoposta nei giorni scorsi nell’ospedale Santissima Annunziata di Taranto a un intervento di craniotomia ed asportazione della neoplasia in ‘awake surgery’, cioè a paziente sveglia.

La chirurgia a paziente sveglio viene utilizzata prevalentemente per rimuovere i tumori localizzati vicino alle aree del linguaggio o ad altre aree critiche. Per minimizzare i potenziali danni alle funzioni cerebrali, provocati dalla chirurgia, l’equipe del reparto di Neurochirurgia del nosocomio tarantino ha deciso che non solo la paziente doveva essere sveglia durante l’operazione, ma che avrebbe suonato il violino, in condizione vigile e collaborativa. Si tratta, in assoluto, del primo intervento del genere concepito nel Sud Italia. Pochissimi altri ne sono stati effettuati nel nostro Paese. Il reparto coinvolto è la Neurochirurgia, già punto di riferimento nazionale per interventi in awake surgery.

LEGGI: TUMORI, IL RISCHIO AUMENTA SE SI DISTURBA LA PROGRAMMAZIONE FETALE DEI PRIMI MILLE GIORNI DI VITA

L’intervento, durato oltre 5 ore, è stato effettuato dal direttore dell’Unità Operativa Complessa, Giovanni Battista Costella, e dal dottor Nicola Zelletta, con la fondamentale collaborazione dell’anestesista, Angelo Ciccarese. L’equipe era completata dai dottori Gounaris e Cantone.La metodica chirurgica adottata dall’equipe, implementata dall’ausilio di dispositivi di ultima generazione come il neuronavigatore ed il monitoraggio neurofisiologico di cui dispone il reparto, ha permesso di rimuovere la neoplasia situata in area funzionale, eloquente del parenchima cerebrale, evitando danni neurologici, soprattutto disturbi della parola, cognitivi ed evitare difficoltà nella coordinazione dei gesti.

Stimolando nella fase operatoria specifiche zone cerebrali, sono stati evocati disturbi sensitivi complessi. «Questa tecnica – dichiara il dottor. Costella – è particolarmente indicata nei casi in cui è necessario rimuovere lesioni localizzate in zone critiche. Certo al paziente è richiesta collaborazione e la procedura nel complesso non è una esperienza semplice, ma in sala operatoria c’è un’equipe altamente preparata e un team multidisciplinare composto da anestesisti, neuropsicologi e neurofisiologi oltre che personale infermieristico appositamente addestrato. Sembra surreale ma si fa conversazione con il paziente spiegando cosa si sta facendo in modo da tranquillizzarlo il più possibile e monitorare la situazione in maniera più attenta».

Esprime enorme soddisfazione ed orgoglio Stefano Rossi, direttore dell’Asl Taranto: «Questo innovativo intervento di neurochirurgia – spiega – è la dimostrazione che nei nostri ospedali si riesce a fare, come in molti casi quotidiani meno noti, medicina di alta specializzazione. A livello scientifico parliamo di un intervento senza precedenti, sia per la sua esecuzione tecnica che per il decorso post operatorio».

Articoli correlati
Carcinoma mammario triplo negativo, scoperto meccanismo molecolare che causa le metastasi polmonari
Lo studio dei ricercatori del CEINGE-Biotecnologie Avanzate apre la strada alla diagnosi precoce e a nuove possibili terapie mirate a ridurre il processo metastatico del tumore al seno più aggressivo
Con la pandemia i laboratori di make up per le pazienti oncologiche si trasferiscono online
La Forza e il Sorriso continua la sua attività. La presidente: «Sono tante le donne malate di cancro che, anche in questo periodo di estrema emergenza, hanno chiesto di poter partecipare ai nostri laboratori. Vedersi meglio aiuta a sentirsi in forma»
di Isabella Faggiano
Chirurgia robotica, all’Hesperia di Modena asportato un tumore alla vescica in collegamento con gli Usa
Il professor Ferrari, direttore del dipartimento di Urologia, elogia il robot Da Vinci ma avverte gli studenti: «Non dimenticate il fattore umano»
di Federica Bosco
Tumore del polmone, scoperte le mutazioni che causano resistenza all’immunoterapia
Nuovo studio su Annals of Oncology dell’Istituto Nazionale Tumori Regina Elena in collaborazione con il Polo Oncologico Sapienza
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 22 gennaio, sono 97.536.545 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.091.848 i decessi. Ad oggi, oltre 57,58 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns H...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...
Lavoro

Medici di famiglia vaccinatori, Scotti (Fimmg): «Impensabile coinvolgerci a queste condizioni»

Il Segretario Nazionale si scaglia contro la mancanza di programmazione: «Per noi nessun fondo in Finanziaria, ma non esiste vaccinazione di massa senza medicina del territorio»