Salute 3 Maggio 2021 10:14

Omotransfobia, la psiche del persecutore e le conseguenze su quella della vittima

La discussione sulla Legge Zan si fa sempre più accesa: la discriminazione di persone Lgbt è un fenomeno vasto e reale. Con la dottoressa Biondi, psicologa, esaminiamo le conseguenze delle violenze e la mente di chi le perpetra

Omotransfobia, la psiche del persecutore e le conseguenze su quella della vittima

Dopo oltre un mese di richiami all’attenzione, partecipazione di celebrità e tanti articoli divulgativi, la Commissione Giustizia del Senato ha calendarizzato la discussione del disegno di legge Zan contro discriminazioni e violenza motivata da orientamento sessuale, identità di genere, genere e abilismo. Il Ddl, che ha ottenuto 13 voti favorevoli e 11 contrari, si propone di estendere la legge Mancino a nuovi campi fino ad allora non considerati.

Il dibattito sulla tematica è stato estremamente acceso e lo è ancora, fuori e dentro il Parlamento. Sanità Informazione ha pensato di porre l’accento sull’aspetto psicologico che circonda le aggressioni e gli atteggiamenti discriminatori verso le persone Lgbt, per vittime e persecutori. Per farlo abbiamo interpellato Paola Biondi, psicologa e psicoterapeuta, responsabile dell’area Pari Opportunità per l’Ordine degli psicologi del Lazio.

Qualche dato sulla discriminazione Lgbt

Durante il corso della sua vita una persona Lgbt subisce almeno un episodio di discriminazione o violenza. Secondo il Report 2019 dell’Agenzia Ue dei Diritti Fondamentali, stilato su 140mila partecipanti, 6 persone su 10 evitano di tenere per mano il partner se dello stesso sesso. Due su cinque hanno ammesso di aver subito molestie a causa della propria identità di genere o orientamento sessuale nell’anno precedente al report. Una su cinque si dichiara discriminata sul lavoro, una su tre nei bar o nei ristoranti. Uno studente Lgbt su due dichiara di non sentirsi supportato da compagni e insegnanti.

Il “Minority Stress”

Tutto questo ha delle conseguenze importanti sulla psiche delle vittime, su cui la letteratura scientifica si concentra da anni. Primo tra tutti è il “Minority Stress”, un fenomeno individuato dal dottor Ilan Meyer, che si esplicita in discriminazioni e atti di violenza subiti, stigma percepito e omobilesbotransfobia interiorizzata. «Lo stigma percepito – ci spiega meglio la dottoressa Biondi -, cioè vivere come se ci fosse una reale discriminazione, come se ci fosse un reale atto di violenza anche in assenza di questo. Le persone che appartengono a una minoranza, in questo caso a una minoranza sessuale, vivono in continua allerta come se potessero essere vittime di un’aggressione da un momento all’altro».

Si vive quindi con la consapevolezza di “meritare” di stare nascosti perché “sbagliati”. «Vivono – prosegue Biondi – avendo la percezione fortissima di avere qualcosa che non va, di essere “da riparare”, con sensi di colpa e vergogna per quello che sono. Hanno il terrore di fare coming out, temendo di ferire le persone vicine».

E dove porta questo dolore che non passa mai? «Disturbi d’ansia, depressione, disturbi del sonno e alimentari, disturbi della condotta con abuso di sostanze o autolesionismo – elenca l’esperta -. Tutta la letteratura ha rilevato un aumento di comportamenti a rischio nelle persone Lgbt rispetto al mainstream dei coetanei eterosessuali, un aumento dell’ideazione suicidaria. Si arriva a pensare “se io mi uccido nessuno sta male, né io né gli altri”».

Senso di illegalità e sessualità come punizione

L’aspetto più terribile è che «questo è determinato non sempre dall’aver esperito su di sé atti di violenza veri e propri ma da una generale sensazione di illegalità. Forte in tutte le persone che seguo, ancor di più in persone che appartengono a una religione monoteista, che percepiscono la propria sessualità come una punizione».

Tra i punti della legge Zan si evidenzia con chiarezza l’omotransfobia come movente punibile per aggressioni e discriminazioni. Una indicazione definita “superflua” da alcuni, ma di immenso aiuto alla psiche delle persone Lgbt secondo la dottoressa Biondi.

«La discriminazione e aggressione delle minoranze è di per sé unica – è il commento dell’esperta -. Chiunque può essere aggredito per una rapina, ma nessuno viene aggredito perché è eterosessuale. Mentre venire aggrediti perché si è gay, lesbiche o trans è una realtà.  Ad oggi non si può picchiare una persona per la sua religione grazie alla Legge Mancino, mentre si può farlo verso una persona Lgbt senza incorrere in un’aggravante. Manca la specificità e questo aumenta indirettamente il Minority Stress».

La mente dell’omofobo: i fenomeni più comuni

Alla dottoressa Biondi abbiamo chiesto allora di guidarci nella mente di chi aggredisce e disprezza per omotransfobia. «Già dal ’77 – ci spiega – si è iniziato a ragionare su questo fenomeno, molti studi parlano di omosessualità latente e repressa. In una sperimentazione furono messi a confronto uomini eterosessuali rispetto a stimoli sessuali di persone gay, che provocarono eccitazione sessuale in alcuni dei soggetti. Le persone che avevano questo tipo di reazione fisiologica erano quelle che mostravano un alto tasso di omofobia, come dire: più sei omofobo più tendi ad avere emozioni molto forti di fronte a stimoli omosessuali».

«Uno studio di qualche anno fa su dei tratti di personalità comuni in queste persone, li ha riscontrati legati alla presenza di meccanismi di difesa arcaici, non maturi. Come dire che i soggetti non sono in grado di elaborarli, con successivi sintomi depressivi e un attaccamento insicuro. Caratteristiche trovate in misura maggiore in persone con un alto tasso di omofobia».

Biondi analizza, infine, una matrice che si trova alla base dell’atteggiamento omotransfobico: il sessismo. «Fondamentalmente – conclude – la cosa che dà più noia è che si ha paura di qualcosa che si femminilizza. Le persone omosessuali più sono effeminate più sono discriminate, anche all’interno della stessa comunità Lgbt. Più passano inosservate, meno sarà l’omofobia con cui dovranno confrontarsi. Così le persone trans: le MtoF (male to female) sono più discriminate rispetto ai FtoM (female to male), con una misoginia di fondo, neppure troppo latente».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Sopravvissuti a violenza e torture, a Palermo un ambulatorio specialistico per migranti
Il servizio per la riabilitazione di migranti e rifugiati, è stato inaugurato due mesi fa. Nato dalla collaborazione di Medici Senza Frontiere (MSF) e l’Azienda Sanitaria Provinciale (ASP) di Palermo, offre sostegno psicologico, medico, sociale e legale
di Isabella Faggiano
Giovani violenti, Lavenia (psicoterapeuta): «Non sono “cattivi ragazzi”, ma adolescenti depressi»
Prima un sedicenne malmenato da un gruppo di coetanei per un complimento inopportuno su Facebook, poi una dodicenne disabile accerchiata e picchiata. Sono solo due degli ultimi episodi di violenza di una lunga e interminabile serie. Il presidente di Di.Te: «Dopo un anno di pandemia la salute mentale degli adolescenti è allo stremo»
di Isabella Faggiano
Gli esperti PMA della SIRU: «Basta ipocrisie, tuteliamo anche le coppie omosessuali nell’accesso a PMA»
Antonino Guglielmino, presidente ginecologo della SIRU: «Occorre partire dai dati di realtà e adottare un atteggiamento laico e di salvaguardia delle persone»
Violenza su bambine in conflitto armato, il ruolo della giustizia penale internazionale?
Ne hanno discusso Maeci, Nazioni unite, Unione Europea, Corte penale internazionale, Save the children, Global coalition to protect education from attack con il contributo di Universities network for children in armed conflict
Fondazione Onda: «Ben otto operatori sanitari su dieci testimoni di episodi di violenza fisica o verbale»
Questi sono alcuni dati dell’indagine di Fondazione Onda, Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere, presentata al IV Congresso nazionale, nell’ambito del progetto “Gli stereotipi di genere in sanità: un percorso culturale” dell’iniziativa di Regione Lombardia ‘Progettare le Parità in Lombardia 2019’
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 luglio, sono 194.729.113 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 4.167.758 i decessi. Ad oggi, oltre 3,88 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Covid-19, che fare se...?

Posso bere alcolici prima o dopo il vaccino anti-Covid?

Sbronzarsi nei giorni a cavallo della vaccinazione può compromettere la risposta immunitaria e, dunque, depotenziare gli effetti del vaccino?
Cause

Ex specializzandi, altre sentenze e novità su quantum risarcitorio e prescrizione

Intervista all’avvocato Marco Tortorella che spiega le novità che interessano i medici che non hanno ricevuto il corretto trattamento economico durante gli anni di scuola post-laurea