Salute 13 Giugno 2019 09:00

Le nuove identità sessuali, ecco cosa c’è oltre le dicotomie maschio-femmina e omosessuale-eterosessuale

Giuliani (sessuologa): «La costruzione dell’identità sessuale inizia ancor prima della nostra nascita, non solo a livello cromosomico. È un processo complesso, potenzialmente infinito frutto di un delicato dialogo continuo tra fattori biologici, psicologici, sociali, culturali e affettivi»

di Isabella Faggiano

«Si chiama pansessuale ed è una persona sessualmente o romanticamente attratta dall’altro, indipendentemente dal sesso e dall’identità di genere. È definito poliamoroso, invece, chi intrattiene contemporaneamente  più di una relazione affettiva o intima, con il consenso esplicito di tutti i partner coinvolti. Ancora, esiste il sapiosessuale che ritiene l’intelligenza il fattore principale dell’attrazione fisica, o il demisessuale che sviluppa un’attrazione sessuale solo se con l’altro esiste un forte legame emotivo pre-esistente. Fino all’asessuale che non prova alcun tipo di attrazione o interesse sessuale». È così che Marta Giuliani, psicologa e sessuologa dell’Ordine degli Psicologi del Lazio, descrive alcune delle nuove identità sessuali.

«Il mutamento sociale degli ultimi e la maggiore attenzione del mondo scientifico sul tema – continua l’esperta  – hanno permesso ad un numero crescente di persone di vivere più liberamente la propria sessualità. Le classificazioni classiche, dicotomiche e polarizzate, tra maschile-femminile e omosessuale-eterosessuale, sono così state superate».

La sessualità è un’area che riguarda tutti: «È  un’espressione fondamentale di noi – dice la sessuologa  – che abbraccia un’ampia gamma di manifestazioni: penso alle sensazioni corporee, alle emozioni e alle fantasie, agli aspetti relazionali e alla dimensione di gioco e scoperta». È un tema diffuso e trasversale a cui anche il Festival della psicologia, svoltosi di recente nella Capitale, ha dedicato ampio rilievo.

LEGGI ANCHE: SESSO, ITALIANI SENZA TABU’: AUMENTANO I PARTNER MA CON POCA CONTRACCEZIONE. IL RAPPORTO CENSIS-BAYER

«La costruzione della nostra identità sessuale  – aggiunge Marta Giuliani, tra il relatori del Festival della Psicologia – è un processo complesso, potenzialmente infinito, poiché è il frutto di un delicato dialogo continuo tra fattori biologici, psicologici, sociali, culturali e affettivi. Questa costruzione comincia ancora prima della nostra nascita, ma non solo a livello cromosomico. Inizia quando i due futuri genitori si pongono la fatidica domanda “è maschio o femmina?”. Ecco, in quel momento, iniziano ad essere messi in atto tutta una serie di comportamenti che ci parlano di quanto la cultura influenzi il nostro sviluppo psico-sessuale».

E cosa accade quando questo sviluppo dell’identità sessuale soggettiva si scontra con quelle culture in cui la libertà sessuale rappresenta ancora un tabù? Impedire ad un soggetto di vivere la sua sessualità in modo libero può influire anche sulla suo benessere psico-fisico? «In Italia non c’è una grossa distinzione tra un luogo e l’altro, il pregiudizio legato alla libertà sessuale, purtroppo, è diffuso – sottolinea Giuliani – appartiene alla nostra cultura. È importante dunque che si affrontino sempre più spesso tematiche di questo tipo, affinché l’approccio alla sessualità ed alla libertà sessuale sia scientificamente corretto. Immagino che si tratti di un percorso lungo e difficile, ma necessario. Un processo indispensabile a tirare fuori dall’isolamento chi – conclude – inevitabilmente vi finisce».

Articoli correlati
Psicopandemia, le risposte della politica. Speranza: «Il ruolo dello psicologo è più attuale che mai»
Psicologi nelle scuole, nei servizi del SSN, accanto ai medici di famiglia ed ai pediatri di libera scelta: ecco i luoghi strategici dove garantire il sostegno psicologico. Al webinar del Consiglio nazionale dell’ordine degli psicologi, azioni e proposte di rappresentanti della politica e della sanità
di Isabella Faggiano
Se un figlio è il prediletto: cause, conseguenze e soluzioni del Parental Differential Treatment
Pagliariccio (psicologo): «Generalmente, chi riceve più attenzioni e sostegno matura un carattere più forte e sicuro. A livello internazionale si consiglia di bilanciare un eventuale atteggiamento di preferenza con poche regole chiare e democratiche»
di Isabella Faggiano
Lutto perinatale, la psicologa: «Impossibile fingere che quel bambino non sia mai esistito»
Di recente la Nuova Zelanda ha approvato una legge che riconosce il congedo per lutto retribuito ad entrambi i genitori sia in caso di aborto spontaneo che di bambino nato morto. In Italia, solo dopo 180 giorni dalla data di inizio della gravidanza esiste una sorta di congedo simile alla maternità
di Isabella Faggiano
Festa del papà, non chiamateli “mammi”: sono uomini che fanno i padri
Lo psicologo: «Gli uomini hanno finalmente conquistato un importante diritto: quello di essere pienamente padri. Il ruolo della mamma e del papà sono e devono essere interscambiabili in molte fasi della vita per garantire il benessere e la felicità dei figli»
di Isabella Faggiano
«Ridi con me o di me?». Quegli adolescenti Asperger che sono vittime di bullismo, ma non lo sanno
Oggi è la Giornata mondiale della sindrome di Asperger. Lo psicoterapeuta: «Il 46% dei ragazzi autistici è vittima di bullismo, una percentuale che cresce in modo esponenziale tra i giovani Asperger, “presi in giro” dai compagni per i loro comportamenti insoliti nel 94% dei casi. Sette su 10 subiscono violenze fisiche»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 14 maggio, sono 161.188.177 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.344.757 i decessi. Ad oggi, oltre 1,38 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Cause

Medico denuncia per diffamazione paziente che lo aveva portato in tribunale per lesioni personali. Risarcito

Donna denuncia penalmente dermatologo ma l’accusa cade. Il medico avvia a sua volta un iter processuale verso la paziente che lo aveva accusato pubblicamente. «Una sentenza che farà...