Salute 2 Dicembre 2021 17:05

Omicron, Cavaleri (Ema): «Servono due settimane per capire se evade l’immunità dei vaccini. Presto nuove autorizzazioni»

Il direttore della strategia vaccinale dell’Agenzia europea del farmaco elenca le prossime scadenze e i progetti in cantiere

Omicron, Cavaleri (Ema): «Servono due settimane per capire se evade l’immunità dei vaccini. Presto nuove autorizzazioni»

Come procede il lavoro all’Ema? Lo ha raccontato al Forum Risk Management Marco Cavaleri, direttore della strategia vaccinale dell’Agenzia europea del farmaco. «Intanto decideremo se autorizzare il richiamo dei vaccini a vettore virale – ha esordito -. Al momento riteniamo insufficienti i dati presentati da AstraZeneca, mentre a metà dicembre probabilmente autorizzeremo la seconda dose di Janssen da somministrare due mesi dopo la prima. All’inizio della prossima settimana poi pubblicheremo una raccomandazione sull’uso dei vaccini in modo eterologo, anche sulla base delle evidenze raccolte nei Paesi in cui questa strategia è già in uso e sembra essere di successo. Entro Natale dovremmo quindi concludere la valutazione del vaccino di Novavax, mentre va avanti la revisione dei dati di Sputnik e Sinovac, ed entro la prima metà del 2022 dovremmo riuscire ad approvare altri tre vaccini anti-Covid. Un elemento fondamentale per riuscire ad aiutare i Paesi in cui i vaccini sono arrivati in numero insufficiente».

«Per quanto riguarda la variante Omicron – ha aggiunto – ci servono almeno un paio di settimane per raccogliere e studiare i dati e capire quindi se evade l’immunità dei vaccini, specialmente dopo la dose booster. In ogni caso, siamo pronti ad affrontare il peggio, e stiamo discutendo con altre agenzie regolatorie per capire quali dati e che tempi servono per decidere di cambiare la composizione del vaccino. Ad oggi non siamo minimamente in quella fase – ha specificato Cavaleri – ma vorremmo preparare delle linee guida su cosa fare qualora una nuova variante diventasse predominante e richiedesse lo sviluppo di un nuovo vaccino».

«Stiamo inoltre lavorando insieme all’Ecdc e alle autorità nazionali per dare vita ad una piattaforma europea che consenta di condividere i dati sulla sicurezza e l’efficacia dei vaccini, in modo da avere informazioni in tempo reale come fanno gli Stati Uniti e Israele, e per dare ai cittadini informazioni chiare, basate sulla scienza e adeguate, senza disorientarli con punti di vista diversi», ha concluso.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Non solo Covid. Guido Rasi invita a recuperare le vaccinazioni “in sospeso”
Nel nuovo ebook del direttore Consulcesi, non solo un dettagliato elenco delle vaccinazioni oggi disponibili, ma anche consigli utili agli operatori sanitari per convincere quel 15% della popolazione italiana “esitante”
Covid, si inverte la curva dei contagi: +11,3% di casi negli ultimi 7 giorni
Continua la discesa di ricoveri e decessi. Il nuovo monitoraggio GIMBE relativo alla settimana 14-20 settembre
Il Calendario dei vaccini per la vita, a Firenze l’evento Simedet: «Sviluppare programmi di formazione ed informazione»
L'evento il 27 settembre a Firenze, a cura dell’Azienda Ospedaliero Universitaria Careggi e della Simedet, Società italiana di Medicina Diagnostica e Terapeutica
Via alle prenotazioni per i vaccini aggiornati, ora cosa bisogna fare?
I nuovi vaccini si possono prenotare sui siti regionali già utilizzati per le dosi precedenti. Priorità alle persone over 60, fragili e operatori sanitari
In Italia via libera ai vaccini «aggiornati», che fine faranno i «vecchi»?
L'Aifa ha approvato i due vaccini aggiornati sulla variante Omicron 1. Ma l'Italia ha ancora oltre 2 milioni di dosi di vaccini «vecchi» da utilizzare
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 23 settembre 2022, sono 614.093.002 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.533.948 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi