Salute 10 Settembre 2021 18:05

Nuovo report Cabina di regia: Rt a 0,92, aumentano ricoveri e terapie intensive. Tre Regioni a rischio moderato

Brusaferro: «In calo casi tra i più giovani, età mediana della diagnosi a 37 anni». Rezza: «Calo vaccini fisiologico»

Nuovo report Cabina di regia: Rt a 0,92, aumentano ricoveri e terapie intensive. Tre Regioni a rischio moderato

Continua a scendere in Italia l’indice Rt che si attesta a 0,92 rispetto allo 0,97 della scorsa settimana, secondo quanto emerge dal monitoraggio settimanale dell’Istituto Superiore di Sanità (ISS) relativo alla settimana 30 agosto-5 settembre, con dati aggiornati all’8 settembre. In calo anche l’incidenza dei casi ogni 100mila abitanti che, secondo gli indicatori decisionali (i quali decretano l’eventuale cambio di colore delle Regioni), nella settimana 3-8 settembre indicano il valore a 64 rispetto a 74 della scorsa settimana. L’incidenza rimane comunque «al di sopra della soglia settimanale di 50 casi ogni 100.000 abitanti che potrebbe consentire il controllo della trasmissione basato sul contenimento ovvero sull’identificazione dei casi e sul tracciamento dei loro contatti».

In lieve aumento ricoveri e terapie intensive

Sono in lieve aumento i ricoveri di malati di Covid nei reparti di terapia intensiva e in quelli di area medica non critica. Nel dettaglio, il tasso di occupazione in terapia intensiva dei pazienti Covid – si legge nel report – aumenta al 6,2% (rilevazione giornaliera ministero della Salute), con il numero di persone ricoverate in aumento da 544 (31/08/2021) a 563 (7/09/2021). Il tasso di occupazione in aree mediche a livello nazionale aumenta leggermente al 7,4%. Il numero di persone ricoverate in queste aree è in aumento da 4.252 (31/08/2021) a 4.307 (7/09/2021).

Scendono da 17 a 3 le Regioni a rischio moderato

Tre Regioni e Province autonome (Friuli Venezia Giulia, Lombardia e Provincia autonoma di Bolzano) risultano classificate a rischio moderato questa settimana contro le 17 della scorsa. Solo una, la Provincia autonoma di Bolzano, riporta un’allerta segnalata. Nessuna riporta molteplici allerte di resilienza.

«Con variante Delta serve aumentare copertura vaccinale»

La circolazione della variante Delta è prevalente in Italia. Questa variante è dominante nell’Unione europea ed è associata ad un aumento nel numero di nuovi casi di infezione anche in altri Paesi con alta copertura vaccinale. Una più elevata copertura vaccinale ed il completamento dei cicli di vaccinazione rappresentano gli strumenti principali per prevenire ulteriori recrudescenze di episodi di aumentata circolazione del virus sostenuta da varianti emergenti con maggiore trasmissibilità. Questa la raccomandazione ribadita nel monitoraggio settimanale dell’epidemia da Covid-19. «È opportuno realizzare un capillare tracciamento e contenimento dei casi, mantenere elevata l’attenzione – spiegano gli esperti – ed applicare e rispettare misure e comportamenti per limitare l’ulteriore aumento della circolazione virale».

Brusaferro: «In calo casi tra i più giovani, età mediana della diagnosi a 37 anni»

«L’età media dei casi scende tra i giovani a 37 anni. E questo ci dice che in qualche modo sono meno coinvolti mentre progressivamente il virus colpisce un po’ tutte le età. È intorno a 60 anni (59 anni) l’età al ricovero, intorno a 63 anni quella del ricovero in terapia intensiva e piuttosto elevata quella del decesso». Lo ha precisato Silvio Brusaferro, presidente dell’ISS, nel suo intervento alla conferenza stampa sull’analisi dei dati del Monitoraggio regionale della Cabina di Regia. Brusaferro ha anche spiegato che «I dati dell’Ecdc mostrano un quadro dell’Italia nel continente europeo che si sta schiarendo, con un’incidenza in calo e con alcune Regioni dove la circolazione è ancora presente. La curva dei nuovi casi in Italia ci dice che siamo in una situazione stabile e lievemente decrescente».

Rezza: «Atteso calo per altre 2-3 settimane ma attenzione ai segnali provenienti da Ue. Calo vaccini fisiologico»

«Ci troviamo di fronte ad una situazione epidemiologica che in questo momento ci solleva, se non fosse per alcuni segnali che arrivano dal resto dell’Ue, altrimenti saremo in una situazione d’animo di tranquillità perché abbiamo una tendenza alla diminuzione dell’incidenza e dell’Rt. Questo ci potrebbe garantire almeno per 2-3 settimane una tendenza dell’incidenza stabile o addirittura in diminuzione”. Così Gianni Rezza, Direttore generale Prevenzione del Ministero della Salute, nel suo intervento alla conferenza stampa della Cabina di Regia. «In questo momento – ha spiegato ancora – vediamo meno dosi giornaliere somministrate e questo è un po’ fisiologico, perché tutti quelli che volevano vaccinarsi sono corsi a farlo. Ora bisogna andare a pescare soprattutto nelle fasce dell’esitazione vaccinale. Sembra esserci invece una buona adesione tra i giovani».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
BPER Banca eroga 100mila euro alle famiglie degli infermieri colpiti da Covid
La donazione alla FNOPI per sostenere la raccolta “Noi con gli infermieri”
Chi è vaccinato contro il Covid-19 può trasmettere l’infezione ad altre persone?
Ma le persone vaccinate contro il Covid-19 possono davvero trasmettere il virus ad altri? Uno dei principali appigli a cui si aggrappa chi nutre dubbi sulla vaccinazione anti-Covid è che essere immunizzati non significherebbe non trasmettere il virus ad altri. Ed in effetti le autorità sanitarie, italiane e internazionali non hanno smentito l’eventualità. AIFA: «Anche […]
Dal post Covid al PNRR. Aiop: «Nel Lazio si punta a sinergia pubblico-privato»
Dopo il Covid e con i finanziamenti inseriti nel PNRR, quale modello di sanità nascerà per i cittadini? Questo il tema dibattuto venerdì sera al Chiostro del Bramante durante la tavola rotonda “La nuova sanità dopo il PNRR” organizzato da AIOP Lazio nel corso della quale, moderati dal giornalista Gerardo D’Amico, si sono confrontati l’Assessore […]
Vaccini, Simedet-Unid: «Ripercorrere la storia dell’Immunologia per capirne l’importanza»
L'argomento è stato al centro dell'incontro “La vaccinazione: strumento culturale di prevenzione e cura. Come l’Immunologia ha cambiato la Medicina” organizzato dalla Società Italiana di Medicina Diagnostica e Terapeutica
Cento milioni di dosi scadranno a breve e i Paesi poveri aspettano impotenti
Passati da tempo i problemi di approvvigionamento, ora c’è una tale quantità di vaccini in circolazione che i Paesi ricchi non riescono più a smaltirli. E mentre la FDA americana approva la terza dose di Pfizer per gli over 65, sia Biden che Draghi promettono nuove donazioni ai Paesi in via di sviluppo
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 28 settembre, sono 232.357.690 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.756.701 i decessi. Ad oggi, oltre 6,12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Formazione

Punteggi anonimi per il test di Medicina 2021, a qualcuno non tornano i conti

Si confrontano i punteggi anonimi del test di Medicina 2021 e si fanno le prime previsioni sulla soglia minima per entrare, che oscilla tra due cifre. Intanto in molti lamentano di non aver ricevuto i...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità, Ferruzzi (Cisl): «Pugno di ferro su adeguamento salariale e revisione classificazione personale»

Tavolo tecnico convocato per il 21 settembre 2021. Dopo due incontri estivi si entra nel vivo della trattativa con le controproposte dei sindacati
di Isabella Faggiano