Salute 22 Febbraio 2023 14:58

Norovirus e influenza intestinale: molte scuole colpite. Pregliasco: «Puntare su riposo e pochi farmaci»

Con questo meteo instabile i virus responsabili dell’influenza intestinale stanno colpendo di più e, in certi casi, più duramente. Il virologo Fabrizio Pregliasco spiega qual è il ruolo degli sbalzi di temperatura e perché non bisogna abusare degli antidiarroici

Norovirus e influenza intestinale: molte scuole colpite. Pregliasco: «Puntare su riposo e pochi farmaci»

Con questo meteo pazzo i virus responsabili dell’influenza intestinale stanno colpendo di più e, in certi casi, più duramente. «Gli sbalzi di temperatura favoriscono una maggiore presenza di questi tipi di virus che possono colpire in maniera più o meno intensa», spiega Fabrizio Pregliasco, direttore sanitario Aziendale IRCCS Ospedale Galeazzi – Sant’Ambrogio e Virologo Università degli Studi di Milano. «Sono piuttosto contagiosi e provocano una infezione gastrointestinale con nausea, vomito e diarrea, che poi migliora solitamente dopo qualche giorno», aggiunge.

Il norovirus è molto contagioso, l’influenza intestinale diffusa nelle scuole

Il norovirus è il principale responsabile della cosiddetta influenza intestinale. Si diffonde facilmente, anche prima che si manifestino i sintomi, e la contagiosità persiste per settimane anche dopo la guarigione. Per questo il norovirus si trasmette facilmente nelle comunità, come negli asili e nelle scuole dove in questi giorni sta colpendo tanti studenti e insegnanti. «Il virus – spiegano gli esperti dell’Ospedale Bambino Gesù di Roma – è presente nelle feci e nel vomito delle persone infette, può contaminare oggetti e superfici, così come le mani, specie se non ci si lava bene dopo aver usato il bagno o cambiato un pannolino. I bambini possono contrarre il virus mettendosi le dita in bocca, dopo aver toccato un giocattolo o una superficie contaminata. Ci si può infettare anche mangiando o bevendo cibo o acqua contaminati o respirando il virus se si sta abbastanza vicini a una persona infetta che vomita».

Vomito, nausea, diarrea e mal di pancia sono i sintomi più comuni

«I sintomi più comuni sono nausea e vomito, diarrea e dolore alla pancia», spiega Pregliasco. «In alcuni casi può anche avere febbre, brividi, mal di testa o dolori muscolari», aggiunge. A volte il norovirus non provoca sintomi, ma coloro che sono infetti possono comunque trasmettere il virus ad altri. «Nei bambini più piccoli e negli anziani quando l’infezione si manifesta con molta diarrea e vomito può provocare disidratazione e a volte ipotensione, vertigini o giramenti di testa», sottolinea Pregliasco. La maggior parte delle infezioni da norovirus migliora da sola. «Serve riposo e attenzione a rimanere idratati», spiega l’esperto, il quale sottolinea che non c’è alcuna cura ma solo terapie per controllare i sintomi.

Pregliasco: «Attenzione a non abusare degli antidiarroici»

Tra questi ci sono gli antidiarroici. «Spesso vengono utilizzati perché non si cerca di evitare che la diarrea comprometta il normale svolgimento delle attività quotidiane, ma vanno assunti con prudenza», sottolinea Pregliasco. «La diarrea è un meccanismo attraverso il quale il nostro organismo usa per buttare fuori il virus e se la blocchiamo si impedisce quindi di eliminarlo», aggiunge. Quindi, niente fretta a tornare alle proprie attività quotidiane. «Meglio aspettare che l’influenza intestinale faccia il suo corso, evitando così anche di contagiare gli altri», conclude Pregliasco.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Fiaso: Covid ancora in calo, ma preoccupa l’influenza
Si conferma in calo l’indice dei ricoveri Covid. La rilevazione degli ospedali sentinella aderenti a Fiaso fa registrare un complessivo -16% nell’ultima settimana del 2023. Secondo l'ultima rilevazione Fiaso i virus influenzali stanno avendo un impatto in termini assoluti maggiore sugli ospedali
di V.A.
Vaccini e prevenzione primaria, i consigli dei pediatri per proteggere i bambini dalla “triade” influenza-RSV-Covid
Siamo vicinissimi a una nuova stagione che rischia di mettere a dura prova i bambini, le famiglie e gli ospedali. Tra il Virus Respiratorio Sinciziale (VRS), l'influenza e il Covid, si temono ancora una volta gli effetti di questa pericolosa "triade". A dare indicazioni utili su come proteggere i più piccoli sono stati gli specialisti della Società Italiana di Pediatria
Aviaria: il Brasile dichiara emergenza sanitaria animale
Sei mesi dopo aver riscontrato diversi casi di influenza aviaria negli uccelli selvatici, il Brasile ha dichiarato lo stati di emergenza sanitaria. Sette casi sono stati segnalati nello stato di Espirito Santo, con un altro scoperto nello stato di Rio de Janeiro. La dichiarazione di emergenza rende più facile per il governo adottare misure per fermare la diffusione del virus altamente infettivo H5N1
L’influenza «maschile» esiste: un cromosoma in meno rende gli uomini più vulnerabili
Non è questione di scarsa resistenza o capacità di sopportazione. L'influenza colpisce più duramente gli uomini che le donne, per davvero. A confermare l'esistenza della cosiddetta «influenza maschile» è un nuovo studio dell’Università della California a Los Angeles (UCLA), pubblicato sulla rivista Nature Immunology. In generale, le donne tendono ad avere sistemi immunitari più forti e questo potrebbe essere dovuto al fatto che le donne hanno due cromosomi X, mentre gli uomini ne hanno solo uno
Vomito e diarrea: norovirus rovina la primavera ad adulti e bambini. Pregliasco: «Attenti ai cibi crudi»
Si presenta in sottotipi diversi ed è fortemente contagioso. Se a questo uniamo un sistema immunitario «sottotono», come era prevedibile dopo 3 anni di pandemia, non c'è affatto da stupirsi se intere famiglie, classi scolastiche e uffici vengano ripetutamente messi KO da un minuscolo agente patogeno. Il norovirus, infatti, sta mietendo una moltitudine di «vittime» tra bambini e adulti
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...