Salute 9 Dicembre 2021 10:56

Sindrome del vomito ciclico, la storia di Gaia: «Non riuscivo più a mangiare, né a bere. Vomitavo senza sosta»

Romano (gastroenterologo): «Si tratta di una condizione clinica caratterizzata da crisi di vomito incoercibile, spesso associate ad altri sintomi, sia gastrointestinali che neurologici, come cefalea, emicrania, nausea, fotofobia»

Sindrome del vomito ciclico, la storia di Gaia: «Non riuscivo più a mangiare, né a bere. Vomitavo senza sosta»

«Una notte mi sono svegliata, d’improvviso. Ho avuto l’impulso di alzarmi e l’ho fatto: il dolore era sparito. Così ho ripreso a mangiare, come se nulla fosse mai accaduto. Non avevo più la necessità, continua ed impellente, di vomitare». Gaia, 22 anni, comincia da qui, dalla parte migliore della storia, a raccontare la sua malattia. Gaia soffre della sindrome del vomito ciclico, «una condizione clinica caratterizzata da crisi di vomito incoercibile», spiega Claudio Romano, direttore della gastroenterologia pediatrica dell’Università di Messina, consulente scientifico della SICVO e responsabile del Centro di riferimento del sud Italia per la Sindrome del Vomito Ciclico.

Cos’è la sindrome del vomito ciclico

«Il vomito si presenta spesso associato ad altri sintomi, sia gastrointestinali che neurologici, come cefalea, emicrania, nausea, fotofobia. Si tratta di una patologia difficile da diagnosticare, troppo spesso confusa con disturbi del comportamento alimentare o forme di cefalee complesse. Tanto che – aggiunge Romano – si arriva a diagnosticarla solo dopo aver escluso tutte le altre patologie che si presentano con sintomi simili». Gaia alla diagnosi ci è arrivata da sola: «Ero in preda alla disperazione racconta così ho cominciato a studiare, a cercare casi che rispecchiassero il più possibile la mia situazione. A marzo del 2021 ho trovato la risposta: la malattia che mi tormenta da anni si chiama sindrome del vomito ciclico».

La storia di Gaia

La patologia di Gaia è esplosa nell’Aprile del 2016, ma fin da bambina finiva spesso in ospedale in preda a crisi di vomito. «Venivo sottoposta regolarmente ad accertamenti ed analisi, ma l’unica diagnosi che i medici riferivano ai miei genitori era di una semplice intolleranza al lattosio», racconta la giovane. Una diagnosi di cui Gaia si è “accontentata” fino all’adolescenza, poi il malessere è diventato così aggressivo da costringerla a ricercare risposte più soddisfacenti. «Quel maledetto mese di aprile del 2016 ha cambiato radicalmente la mia vita: la sindrome è comparsa, come di consueto, all’improvviso e con estrema violenza. E non mi ha abbandonata per 45 giorni consecutivi. Non riuscivo più a mangiare, né a bere per giorni interi. Avevo la sensazione che qualcuno mi avesse piazzato una lama nello stomaco e che, pian piano, me lo lacerasse. Vomitavo senza sosta. Sono entrata in anoressia: ho perso ben 15 kg. Sono stata sottoposta ad ogni tipo di accertamento, ma senza ottenere alcuna risposta – racconta Gaia – . Ero inguardabile e non riuscivo più ad integrarmi con nessuno. Inutile dirlo che portare avanti qualsiasi tipo di relazione era impossibile: venivo derisa da tutti coloro che conoscevo. Poi, una notte di giugno tutto è sparito, vomito e dolore hanno lasciato il mio corpo».

Una sindrome periodica

In quello stesso anno, il 2016, Gaia ha avuto due crisi e, purtroppo, non sono state le ultime. «Pensavo che il 2016 fosse stato un anno con un brutto ricordo da seppellire. E, invece, l’anno successivo la crisi si è ripresentata. E nemmeno questa volta ho trovato comprensione. Non è che ci si senta semplicemente non capiti – sottolinea Gaia – gli altri ti ritengono “pazza”. Così, ad ogni crisi, anche se ormai so bene cosa mi aspetta, mi demoralizzo. L’eccessiva perdita di peso non è facile da gestire: non riesco a condurre una vita normale, come quella di tutte le ragazze della mia età». La sindrome del vomito ciclico è classificata tra le sindromi periodiche: «Si presenta con una certa regolarità e può manifestarsi a qualsiasi età – spiega il professor Romano -. In ambito pediatrico è la fascia di età 6 -12 la più colpita. La gravità può essere d’intensità variabile: da una crisi all’anno ad una al mese. Così come la fase acuta varia dalle due ore ai 4-5 giorni, tempo in cui il vomito si manifesta, di solito, ogni 10 minuti».

Le terapie sono poco efficaci

Non esistono cure risolutive. «Disponiamo di una terapia di profilassi, che evita la comparsa della crisi o, quanto meno, ne limita la frequenza, e di una terapia della fase acuta, che punta a bloccare la crisi o a diminuirne l’intensità – aggiunge il gastroenterologo -. Purtroppo, la risposta ai farmaci, dagli antiemicranici agli antiepilettici, non è sempre soddisfacente». Anche Gaia segue una terapia, «ma – dice – senza molto effetto». Gaia si definisce una ragazza volenterosa, affettuosa e altruista: «Non ho mai avuto difficoltà ad affrontare un problema – assicura -. Ma con questa malattia è diverso: il pensiero che la “brutta bestia” si ripresenti mi paralizza. Vorrei una cura che potesse trasformare la sindrome in un brutto ricordo. Vorrei riprendere in mano la mia vita e – conclude – vivere i miei vent’anni e tutti quelli che verranno».

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Giornata contro AIDS. Andreoni (Simit): «Il 95% dei pazienti oggi ha una vita normale, negli anni ‘80 moriva»
Il direttore scientifico della Simit: «La maggior parte dei soggetti con HIV in cura è over 60: l’età che avanza è la dimostrazione che le terapie funzionano. Necessario incrementare gli screening: con test eseguiti solo alla comparsa dei sintomi le diagnosi sono tardive»
di Isabella Faggiano
Covid-19, tre categorie per 10 potenziali terapie contro il virus
La Commissione Europea sta definendo una rosa di 10 potenziali terapie per il Covid-19. Come agiscono questi farmaci? Quando è possibile somministrali? A chi? Risponde, a Sanità Informazione, Giuseppe Nocentini, immunofarmacologo della Società Italiana di farmacologia (SiF)
di Isabella Faggiano
Malattie cardiovascolari prima causa di morte in Italia. Il 63% dei medici cerca nuove forme di connessione con pazienti
Lo studio IQVIA-Sanofi, in collaborazione con la Fondazione Italiana per il Cuore, fotografa l'impatto del Covid nelle malattie cardiovascolari. In conseguenza alla riduzione delle visite, anche l’aderenza alle terapie è diminuita in modo significativo
Retinopatia dei prematuri: si diagnostica con un algoritmo, si cura con un farmaco “salva-vista”
Il punto sulla ROP con il professore Domenico Lepore (UOC Oculistica Gemelli): «Quando un bambino nasce prima del termine, le arterie e le vene della retina non sono completamente sviluppate. Nei paesi industrializzati la ROP colpisce prematuri gravi, nati entro le 28 settimane di gestazione»
di Isabella Faggiano
Giornata nazionale contro Leucemie, Mielomi e Linfomi: il punto su ricerca e nuove terapie
Il 21 giugno specialisti ed ematologi di AIL risponderanno alle domande dei pazienti, dalle 8 alle 20, al numero verde 800226524. L'obiettivo è raccontare i progressi della ricerca e il supporto avuto durante la pandemia da Covid dalla telemedicina e dai volontari
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 14 gennaio, sono 320.249.932 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.521.977 i decessi. Ad oggi, oltre 9,56 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Contributi e Opinioni

«Perché il medico di famiglia non ti risponde al telefono»

di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
Politica

Legge di Bilancio. Dalla stabilizzazione dei precari Covid ai fondi per aggiornare i LEA, tutte le misure per la sanità

Via libera della Camera dopo una maratona di tre giorni. Il Fondo sanitario incrementato di due miliardi all’anno per tre anni, prorogate le USCA e prevista un’indennità per gli ope...
di Francesco Torre