Salute 8 Novembre 2021 13:32

Triptani: l’importanza dell’assunzione precoce nel trattamento dell’emicrania

La formulazione in liofilizzato orale di rizptriptan è maneggevole e favorisce una pronta efficacia

Triptani: l’importanza dell’assunzione precoce nel trattamento dell’emicrania

I triptani sono i farmaci di prima scelta per il trattamento dell’emicrania nella forma da moderata a forte e nella forma associata a mestruazioni [1]. Si tratta di una classe di molecole che ha dimostrato la propria efficacia non solo sulla sintomatologia dolorosa, ma anche sui sintomi di  accompagnamento, quali foto- e fonofobia, nausea e vomito, nonché sulla disabilità correlata all’attacco acuto [2]. Da segnalare inoltre che i triptani mostrano notevoli vantaggi in termini di costanza dell’effetto, per la loro efficacia dimostrata nel trattamento di più attacchi, e di assenza di tachifilassi, per la loro efficacia nel trattamento a lungo termine di un numero elevato di crisi nello
stesso paziente [2].
Attualmente esistono diverse formulazioni di triptani, messe a confronto in alcuni studi che hanno evidenziato a riguardo differenze farmacocinetiche e farmacodinamiche. Nonostante ciò, nella pratica clinica non è possibile identificare un unico parametro globale di efficacia che possa stabilire la superiorità di un triptano rispetto all’altro: la scelta terapeutica dev’essere adattata a ogni singolo attacco e a ogni singolo paziente [2].
Tra i triptani di nuova generazione indicati nel trattamento della cefalalgia emicranica si distingue rizatriptan. La sua azione terapeutica è dovuta al suo effetto agonista dei recettori 5-HT1B e 5-HT1D dei vasi sanguigni intracranici extracerebrali, che si dilatano durante un attacco di emicrania e sui nervi sensoriali del trigemino che li innervano. L’effetto è triplice: costrizione dei vasi sanguigni intracranici che generano il dolore; inibizione del rilascio neuropeptidico, con ridotta infiammazione dei tessuti sensitivi; ridotta trasmissione centrale del segnale doloroso trigeminale [3].

Nel caso di rizatriptan, è disponibile, oltre alla formulazione in compresse da 5 o da 10 mg [3], anche una formulazione a rapida dissoluzione orale, caratterizzata da efficacia e da una velocità di raggiungimento di livelli ematici analoghe a quelle della formulazione in compresse dello stesso dosaggio [2]. L’efficacia di rizatriptan liofilizzato orale nel trattamento acuto degli attacchi di emicrania è stata dimostrata in due studi multicentrici, randomizzati, controllati con placebo, che avevano un disegno simile a quello dei trial condotti sul farmaco in compresse.

In uno studio (N=311), a due ore dalla somministrazione, le percentuali di sollievo dai sintomi sono state approssimativamente del 66% per rizatriptan 5 mg e 10 mg, rispetto al 47% di placebo. In uno studio più ampio (N=547), a due ore dalla somministrazione, le percentuali di sollievo dai sintomi sono state del 59% nei pazienti trattati con rizatriptan liofilizzato orale da 5 mg e del 74% con la dose da 10 mg, rispetto al 28% del gruppo placebo [3]. Il liofilizzato orale ha inoltre il grande vantaggio di un’estrema facilità di assunzione, che non necessità di acqua [2]. Ciò consente un’assunzione precoce del farmaco, cioè quando la cefalea ha ancora un’intensità lieve, un parametro considerato dalle linee guida fondamentale per ottenere la massima efficacia [1].

 

Bibliografia
1. trattamento e profilassi dell’emicrania – Vademecum per il medico di Medicina generale. Allegato A al Decreto n. 56 del 18 giugno 2020
2. SISC. linee guida per la diagnosi e la terapia delle cefalee primarie. 2011
3. RCP – MAXALT

Articoli correlati
Dai calcoli renali all’artrite, i 20 dolori peggiori per un essere umano
Tra le condizioni che provocano più dolori, il Servizio Sanitario Nazionale britannico include l'endometriosi, l'artrite, e molte altre
Soffrite di emicrania con aura? Potrebbe dipendere da un buco nel cuore
Uno studio del Centro Cardiologico Monzino e dell’Università Statale di Milano per la prima volta spiega il meccanismo che correla l’emicrania al difetto cardiaco congenito del Forame Ovale Pervio (PFO) e come la regressione delle crisi emicraniche sia possibile a seguito dell’intervento percutaneo di chiusura del foro
Settimana mondiale cervello, Berardelli (Sin): «Non sono solo malattie “per vecchi”, colpiscono anche i giovani»
In Italia, la campagna di sensibilizzazione, che quest’anno sarà dedicata a “Le stagioni del Cervello”, si svolgerà dal 14 al 20 marzo. Sette giorni in cui, in modalità virtuale o in presenza, i neurologi apriranno le proprie porte ai cittadini
Emicrania: come vincerla? Nel Manifesto pubblicato da Fondazione Onda le novità e le linee guida
È la terza patologia più diffusa al mondo, colpisce in prevalenza le donne (in Italia sono 11 milioni), con un costo annuo per paziente pari a 4352 euro. Il manifesto “Uniti contro l’emicrania” vuole informare i pazienti sulle novità farmacologiche e sostiene la formazione dei medici di medicina generale per cercare di ridurre i tempi di attesa per la diagnosi, che oggi arrivano anche a 20 anni
Emicrania moderata-forte: i principi del trattamento con triptani
La scelta del farmaco dovrebbe essere personalizzata in base alla tipologia del singolo attacco e alle preferenze del singolo paziente
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 1° luglio, sono 547.500.575 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.335.874 i decessi. Ad oggi, oltre 11,74 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali