Salute 20 Agosto 2021 16:51

Non solo Covid. Moderna inizia i trial clinici per il vaccino anti-Hiv

Moderna ha iniziato su 56 adulti volontari la sperimentazione clinica di un vaccino a mRna contro l’Hiv, che utilizza la stessa tecnologia del vaccino contro Covid. Tempi più lunghi per i primi risultati, ma si tratterebbe di una scoperta epocale

Non solo Covid. Moderna inizia i trial clinici per il vaccino anti-Hiv

È iniziata la sperimentazione clinica del vaccino a mRna contro l’Hiv di Moderna. La casa farmaceutica statunitense nota per il vaccino contro Covid-19, ha deciso di utilizzare la tecnologia che ha prodotto con successo l’arma contro Sars-CoV-2 per una nuova intuizione di cui si parla da tempo.

La sperimentazione coinvolge 56 adulti sani (18-50 anni) e negativi all’Hiv e testerà la loro risposta immunitaria al farmaco. Il vaccino è momentaneamente noto come mRna1644 ed è stato realizzato con l’aiuto prezioso dell’International Aids Vaccine Initiative (IAVI). Moderna ha inoltre preparato due versioni (1644 e 1644v2-Core), entrambe di successo nella sperimentazione sugli animali, per verificare l’efficacia sull’uomo. I volontari vengono divisi in 4 gruppi diversi: uno riceve la versione 1, uno la versione 2 e gli altri due mix leggermente diversi delle due versioni.

Come funzionerà il vaccino

L’obiettivo è quello di generare anticorpi neutralizzanti contro l’Hiv (i bnAbs) stimolando i linfociti B. Gli anticorpi attaccano poi la glicoproteina gp120, che è il lasciapassare che il virus utilizza per infettare le cellule umane e riprodursi. Questa proteina è da sempre uno dei motivi per i quali un vaccino contro Hiv non è stato tentato. Si tratta di un elemento instabile che pretende una tecnologia estremamente precisa per essere stabilizzata e contrastata.

Il “Santo Graal”

Dal 1981 ad oggi sono stati calcolati 37 milioni di vittime dell’Aids, con circa 2 milioni di contagi l’anno. Un ritmo rallentato dalle campagne di prevenzione e un’aspettativa di sopravvivenza di molto migliorata con l’avvento di farmaci antiretrovirali utili a convivere con l’infezione senza sviluppare la malattia Aids.

Dieci anni fa il farmaco per l’Hiv era stato definito il “Santo Graal” della ricerca, un vaccino supererebbe persino questa definizione. Senza dimenticare quale risparmio nelle spese sanitarie sia statali che personali garantirebbe una sola somministrazione a sostituzione di una vita in cura con farmaci antiretrovirali, numerosi e costosi. Uno studio statunitense stima che in 15 anni la spesa per curare l’Aids e prevenire l’Hiv è stata di 526 miliardi a livello globale.

Quali sono le tempistiche

Moderna punta molto su questo vaccino e spera di avere i primi risultati a inizio 2023. Questa la tempistica per la conclusione della fase 1, a cui seguiranno la fase 2 e la 3. Per la conclusione dello studio e l’approvazione serviranno probabilmente 5 anni. Una delle ragioni è la circolazione molto ridotta del virus Hiv rispetto a quella di Sars-CoV-2 per chi facesse confronti sulle tempistiche dei vaccini. Per una validità scientifica dovranno essere raccolti dati sufficienti di persone infettate da Hiv dopo la sperimentazione e tale risultato necessita di tempo dal momento che le sperimentazioni sugli umani non sottopongono deliberatamente al virus i candidati. Moderna non è l’unica azienda interessata a questo tipo di scoperta, ma dopo il successo del vaccino anti-Covid c’è molto su cui ben sperare.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid-19, da AIFA via libera a vaccino Moderna per 12-17enni
L’Agenzia: «I dati disponibili dimostrano l’efficacia e la sicurezza anche per i soggetti compresi in questa fascia di età»
Vaccini, Locatelli e Magrini: «Ritardare seconda dose Pfizer e Moderna non inficia efficacia. Probabile terzo richiamo»
In audizione in Commissione Sanità, il coordinatore del Cts ricorda come le stesse compagnie farmaceutiche avevano presentato all’EMA un dossier in cui la popolazione studiata aveva avuto richiami fino a 42 giorni
Vaccini anti-Covid, quali sono le reazioni avverse più frequenti?
Quali rischi per la salute corre una persona a cui viene iniettato il vaccino anti-Covid? Le risposte dell’AIFA
Vaccino Moderna, domani in Italia le prime 47mila dosi. Si parte dalle Regioni virtuose?
La seconda tranche di vaccini - 66mila dosi - arriverà il 25 gennaio; il 22 febbraio il carico più consistente con 488mila dosi. Ne sono previste 764mila in due mesi
Vaccino Moderna, anche Aifa dà l’ok. Resta il nodo del coinvolgimento di MMG e pediatri
Dopo quello di Pfizer-BioNtech, è il secondo vaccino che riceve la convalida dell'Ema. Già dalla prossima settimana le prime dosi in Italia. Sul coinvolgimento di MMG e pediatri nella somministrazione Fnomceo e Smi favorevoli, frena la Fimmg
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 17 settembre, sono 227.070.462 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.670.479 i decessi. Ad oggi, oltre 5,81 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco