Salute 10 Giugno 2021 12:19

Napoli, ancora violenza al Cardarelli. Il direttore del PS: «Aggressioni si ripercuotono sull’assistenza ai pazienti»

«A seguito del decesso di una paziente, otto familiari hanno aggredito con particolare veemenza il personale in servizio costretto a rifugiarsi nelle stanze e ad interrompere momentaneamente la normale attività»

Napoli, ancora violenza al Cardarelli. Il direttore del PS: «Aggressioni si ripercuotono sull’assistenza ai pazienti»

Ancora una grave aggressione ai danni degli operatori sanitari all’interno degli ospedali, una spirale di violenza che l’emergenza pandemica aveva solo momentaneamente sopito ma che, ora che la situazione Covid va normalizzandosi, ritornano prepotenti nella quotidianità dei nosocomi. Siamo a Napoli, nell’area Pronto Soccorso dell’Ospedale Cardarelli, nella notte di sabato scorso. Un’aggressione ad opera di più persone, perlopiù donne, a seguito del decesso di una loro parente nello stesso ospedale.

Ecco la ricostruzione di cosa è accaduto dalla testimonianza del direttore del Pronto Soccorso del Cardarelli, il dottor Mariano Carafa. «A seguito del decesso di una paziente, una donna affetta da patologia neoplastica in fase avanzata con complicanze di tipo tromboembolico paraneoplastiche, avvenuto per arresto cardiopolmonare irreversibile durante la notte dello scorso sabato nonostante i numerosi tentativi di rianimazione, abbiamo, come da prassi, avvisato telefonicamente i familiari con il dovuto tatto ed empatia. Poco dopo sono giunte otto persone, prevalentemente donne, che hanno aggredito con particolare veemenza il personale in servizio costretto, per difendersi, a rifugiarsi nelle stanze. Questo ha causato purtroppo una temporanea interruzione della normale attività di controllo dei pazienti, compresi quelli in osservazione in area critica».

Quaranta minuti di caos totale, durante i quali sarebbe avvenuto il decesso di un anziano ricoverato in gravissime condizioni proprio in area critica. Se la morte del paziente sia da attribuire anche alla impossibilità, in quel frangente, da parte del personale sanitario a prestare l’ordinaria assistenza, o sarebbe avvenuta comunque, lo stabilirà la magistratura.

«Necessario cambio culturale, noi capro espiatorio»

«Sicuramente un’azione repressiva è necessaria nel momento in cui accadono questi episodi – continua il primario – ma quello che sarebbe realmente efficace, non nella contingenza ma sul lungo periodo, è un cambio culturale nel paradigma distorto che oggigiorno inficia sempre più la relazione tra personale sanitario e pazienti. Noi siamo in prima linea nel prenderci cura dei pazienti – conclude Carafa -, è il nostro ruolo e la nostra missione, ma siamo costantemente considerati il capro espiatorio, la valvola di sfogo immediata in cui si riversa certamente il dolore, ma anche dinamiche familiari e sociali tanto deleterie quanto radicate».

«Occorrono ben altre misure»

«Il personale sanitario non conosce tregua – osserva Maurizio Cappiello, medico di Pronto Soccorso del Cardarelli e dirigente nazionale ANAAO Assomed -. Oltre all’emergenza pandemica che già tanto ha logorato anima e corpo di tutto il personale sanitario, ad aggravare la pressione ci si mettono le continue aggressioni. Ben altre misure occorrono per controllare questo fenomeno, dall’utilizzo dei militari di “operazione strade sicure” alla proposta dello status di “pubblico ufficiale” per garantire una certezza della pena. Questi episodi di violenza non fanno altro che rallentare il processo di ripresa post-emergenza minando l’assistenza attraverso l’interruzione di pubblico servizio. Confidiamo in una presa di posizione – conclude – e in interventi determinati da parte delle istituzioni preposte».

Il grido d’allarme degli infermieri di Nursing Up

« É ora di trovare soluzioni concrete ed efficaci a fatti di questo genere. I numeri delle aggressioni ai danni di infermieri e medici continuano a salire. Solo al Cardarelli sono oltre 30, dal 2020 a oggi, i fatti di cronaca che vedono i professionisti della sanità diventare bersaglio di azioni difficili da arginare, ma ancora più complesse da prevedere – afferma Antonio De Palma, Presidente Nazionale del sindacato Nursing Up -. Le nostre denunce sono amaramente finite nel dimenticatoio, nonostante vadano avanti da anni gli appelli a un piano di sinergia Governo-Regioni-Forze dell’Ordine: non si dimentichi l’indagine da noi condotta sui numeri delle violenze ai danni degli infermieri in Italia, in collaborazione con l’Organizzazione Mondiale della Sanità. E soprattutto – conclude De Palma – siamo stati i primi ad aver urlato ai quattro venti la palese inutilità di una legge che inasprisce le pene, ma che non agisce in alcun modo sulla prevenzione, presentata come al solito con squilli di tromba, e rivelatasi invece totalmente fallimentare».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Dal reinserimento al lavoro alla formazione, nel Lazio una proposta di legge contro le aggressioni ai sanitari
L’ha presentata il consigliere della Lega Daniele Giannini, raccogliendo le proposte dell’associazione AMAD. L’obiettivo è quello di incrementare le tutele introdotte dalla legge 113 del 2020
di Francesco Torre
Aggressioni operatori sanitari, consegnato il premio Federsanità-Simeu “Curare la violenza”
Quattro le aree tematiche individuate dalla Commissione di Valutazione presieduta dalla dott.ssa Maria Pia Ruggieri, past president SIMEU per evidenziare impegno e buone pratiche sulla prevenzione della violenza contro medici ed infermieri messe a punto dalle tante aziende sanitarie e ospedaliere partecipanti
Telecamere e istruttori antiviolenza: Regioni corrono ai ripari contro le aggressioni ai sanitari
Nel post Covid impennata di aggressioni fisiche (+40%) e verbali (+90%). Il Veneto formerà 90 istruttori per diffondere la conoscenza del fenomeno e le strategie utili per affrontarlo. In Lombardia le ambulanze saranno dotate di telecamere e un operatore sanitario avrà la bodycam. De Corato (assessore sicurezza) «Strumenti utili per il forte valore dissuasivo che possono avere in caso di azioni violente e atti vandalici»
Violenza fisica e verbale su operatori sanitari: trend in crescita. Patto tra istituzioni, sindacato e aziende ospedaliere
In occasione della prima giornata nazionale contro la violenza nei confronti degli operatori sanitari, (12 marzo) in Regione Lombardia una tavola rotonda organizzata dal consigliere del Movimento 5 Stelle Gregorio Mammì ha messo a confronto medici, infermieri, sindacati, aziende sanitarie e politica con l’obiettivo di trovare sinergie per ridimensionare il fenomeno
Violenza contro sanitari, Inail: «Tre quarti delle aggressioni riguardano donne. Tecnici salute i più colpiti»
Il 46% degli assalti avviene in ospedali e cliniche. Il 28% nei servizi di assistenza sociale residenziale. In occasione della Giornata nazionale di educazione e prevenzione contro la violenza nei confronti degli operatori sanitari e sociosanitari che si celebra il 12 marzo, l’Istituto analizza gli infortuni lavorativi derivanti da aggressioni e minacce
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Gioco patologico, in uno studio la strategia di “autoesclusione fisica”

Il Dipartimento di Scienze cliniche e Medicina traslazionale dell'Università Tor Vergata ha presentato una misura preventiva mirata a proteggere i giocatori a rischio di sviluppare problemi leg...
Salute

Cervello, le emozioni lo ‘accendono’ come il tatto o il movimento. Lo studio

Dagli scienziati dell'università Bicocca di Milano la prima dimostrazione della 'natura corporea' dei sentimenti, i ricercatori: "Le emozioni attivano regioni corticali che tipicamente rispondo...
Advocacy e Associazioni

Porpora trombotica trombocitopenica. ANPTT Onlus celebra la III Giornata nazionale

Evento “WeHealth” promosso in partnership con Sanofi e in collaborazione con Sics Editore per alzare l’attenzione sulla porpora trombotica trombocitopenica (TTP) e i bisogni ancora i...