Salute 10 Maggio 2021 13:14

Sanità, ambiente e territorio: nasce l’Associazione Terra e Vita, trait d’union tra cittadinanza e istituzioni

I fondatori Cappiello e Rostan: «Mettiamo a sistema idee e competenze in un’ottica di salute globale»

Sanità, ambiente e territorio: nasce l’Associazione Terra e Vita, trait d’union tra cittadinanza e istituzioni

Un vero e proprio laboratorio di idee, animato dalle parole d’ordine “concretezza” e “fattibilità”, con l’obiettivo di porre in essere progetti che colmino le numerose lacune sul territorio in materia di sanità, politiche ambientali e sociali, messe particolarmente in luce dall’emergenza pandemica ma il cui reale impatto emergerà nel prossimo futuro. Nasce sotto una buona stella, in un momento in cui l’Italia si appresta a ripartire con l’approvazione del PNRR, l’Associazione Terra e Vita, ideata e fondata dall’on. Michela Rostan, vicepresidente Commissione Affari Sociali alla Camera, e dal dottor Maurizio Cappiello, medico di Pronto Soccorso e dirigente nazionale Anaao Assomed.

L’Associazione Terra e Vita si propone di essere un trait d’union tra le esigenze del territorio e le istituzioni governative, che ha come mission il benessere a tutto tondo della cittadinanza, con una particolare attenzione alle categorie più fragili. Sanità quindi, migliorando l’assistenza e la presa in carico delle fasce più vulnerabili tra cui gli anziani e i portatori di disabilità, e le condizioni dei loro caregiver. Ma anche politiche sociali e del lavoro, in un territorio, come quello della Campania, dove la disoccupazione e il precariato raggiungono livelli insostenibili, soprattutto tra i giovani.

Così come l’attenzione che sarà rivolta ai bisogni educativi, a partire dagli asili nido: ancora troppo pochi, in Campania, quelli aziendali, che permetterebbero alle donne di poter conciliare al meglio lavoro e famiglia. E ancora, grande spazio sarà dato alle politiche ambientali, con la promozione di iniziative di recupero dell’ambiente marino e del verde cittadino. Sorvegliato speciale, l’inquinamento delle falde acquifere, una piaga, ancora presente in alcune aree della Regione, che impatta sulla salute della persone.

«É evidente come, ragionando in termini di salute globale, ogni ambito impatti sull’altro – afferma Maurizio Cappiello, presidente dell’Associazione -. Non c’è sanità senza interventi incisivi in materia ambientale, né c’è sanità senza politiche di welfare che consentano alle famiglie di assistere i loro cari e di essere a loro volta adeguatamente assistite da una rete territoriale di presa in carico capillare ed efficiente. L’associazione Terra e Vita – conclude – abbracciando tutti questi aspetti, intende mettere a sistema iniziative e progetti in tal senso, che possano poi trovare spazio in sede legislativa».

«Le associazioni come questa, costituite da liberi cittadini, contribuiscono a dare una spinta “civica”, oltre che civile, alle istituzioni, perché riescono a portare a conoscenza delle stesse i reali bisogni della società – sottolinea l’on. Michela Rostan, segretario dell’Associazione -. Salute e solidarietà saranno i pilastri fondanti dell’associazione Terra e Vita. Dobbiamo ridurre i divari tra generi, generazioni e territorio per costruire un mondo migliore nel post pandemia. Fondamentale sarà tenere come faro il concetto di salute unica: l’azione dell’uomo può impattare su più sistemi, e di questo dobbiamo tener conto. Per questo motivo, uno dei nostri capisaldi sarà integrare conoscenze ed esperienze, costruire una rete di professionisti provenienti da diversi ambiti, uniti per migliorare la salute del nostro territorio».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Medicina, meme e “catarsi comica”. Com’è nato e in cosa consiste il fenomeno social Memedical
Intervista a Nicola Gambadoro, fondatore del gruppo Facebook che raccoglie, al momento, oltre 56mila camici bianchi iscritti
Università Bicocca di Milano: nasce la scuola di alta formazione professionale per manager della sanità
Sono 26 gli atenei coinvolti nella SPES, Alta Scuola di Sanità Pubblica a vocazione internazionale. Destinata a studenti con curriculum di eccellenza e in regola con gli esami, la scuola ha due obiettivi innovare e fare rete. Si comincia a settembre con il corso sull’emergenza sanitaria
Napoli, aggressioni Cardarelli. Rostan (Misto): «Subito qualifica pubblico ufficiale a personale sanitario contro impunità violenti»
«È giunto il momento di voltare pagina e offrire a tutti coloro che operano nel settore della sanità, strumenti efficaci per prevenire questi episodi e per garantire pene severe a chi li commette» sottolinea Michela Rostan, vicepresidente della Commissione Affari sociali della Camera
Stroke ischemico, in Campania ancora troppi “vuoti” sulle reti tempo-dipendenti
L’allarme lanciato dal primario UOC Neuroradiologia del Cardarelli di Napoli, Mario Muto: «Zone ad alta densità di popolazione sguarnite. Fondamentale investire sulla formazione specialistica per incrementare personale»
Primario imputato per associazione a delinquere insieme ad un centinaio di colleghi: assolto 7 anni dopo. La sua storia
Giornali e tv, locali e nazionali, diedero la notizia dell’indagine con tanto di nomi e cognomi. «All’assoluzione, invece, al massimo un trafiletto». Quando il mostro sbattuto in prima pagina si rivela innocente non sempre ne viene data notizia. In questi casi c’è il diritto all’oblio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 18 giugno, sono 177.438.001 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.842.377 i decessi. Ad oggi, oltre 2,48 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Ecm

Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM