Salute 10 Maggio 2021 13:14

Sanità, ambiente e territorio: nasce l’Associazione Terra e Vita, trait d’union tra cittadinanza e istituzioni

I fondatori Cappiello e Rostan: «Mettiamo a sistema idee e competenze in un’ottica di salute globale»

Sanità, ambiente e territorio: nasce l’Associazione Terra e Vita, trait d’union tra cittadinanza e istituzioni

Un vero e proprio laboratorio di idee, animato dalle parole d’ordine “concretezza” e “fattibilità”, con l’obiettivo di porre in essere progetti che colmino le numerose lacune sul territorio in materia di sanità, politiche ambientali e sociali, messe particolarmente in luce dall’emergenza pandemica ma il cui reale impatto emergerà nel prossimo futuro. Nasce sotto una buona stella, in un momento in cui l’Italia si appresta a ripartire con l’approvazione del PNRR, l’Associazione Terra e Vita, ideata e fondata dall’on. Michela Rostan, vicepresidente Commissione Affari Sociali alla Camera, e dal dottor Maurizio Cappiello, medico di Pronto Soccorso e dirigente nazionale Anaao Assomed.

L’Associazione Terra e Vita si propone di essere un trait d’union tra le esigenze del territorio e le istituzioni governative, che ha come mission il benessere a tutto tondo della cittadinanza, con una particolare attenzione alle categorie più fragili. Sanità quindi, migliorando l’assistenza e la presa in carico delle fasce più vulnerabili tra cui gli anziani e i portatori di disabilità, e le condizioni dei loro caregiver. Ma anche politiche sociali e del lavoro, in un territorio, come quello della Campania, dove la disoccupazione e il precariato raggiungono livelli insostenibili, soprattutto tra i giovani.

Così come l’attenzione che sarà rivolta ai bisogni educativi, a partire dagli asili nido: ancora troppo pochi, in Campania, quelli aziendali, che permetterebbero alle donne di poter conciliare al meglio lavoro e famiglia. E ancora, grande spazio sarà dato alle politiche ambientali, con la promozione di iniziative di recupero dell’ambiente marino e del verde cittadino. Sorvegliato speciale, l’inquinamento delle falde acquifere, una piaga, ancora presente in alcune aree della Regione, che impatta sulla salute della persone.

«É evidente come, ragionando in termini di salute globale, ogni ambito impatti sull’altro – afferma Maurizio Cappiello, presidente dell’Associazione -. Non c’è sanità senza interventi incisivi in materia ambientale, né c’è sanità senza politiche di welfare che consentano alle famiglie di assistere i loro cari e di essere a loro volta adeguatamente assistite da una rete territoriale di presa in carico capillare ed efficiente. L’associazione Terra e Vita – conclude – abbracciando tutti questi aspetti, intende mettere a sistema iniziative e progetti in tal senso, che possano poi trovare spazio in sede legislativa».

«Le associazioni come questa, costituite da liberi cittadini, contribuiscono a dare una spinta “civica”, oltre che civile, alle istituzioni, perché riescono a portare a conoscenza delle stesse i reali bisogni della società – sottolinea l’on. Michela Rostan, segretario dell’Associazione -. Salute e solidarietà saranno i pilastri fondanti dell’associazione Terra e Vita. Dobbiamo ridurre i divari tra generi, generazioni e territorio per costruire un mondo migliore nel post pandemia. Fondamentale sarà tenere come faro il concetto di salute unica: l’azione dell’uomo può impattare su più sistemi, e di questo dobbiamo tener conto. Per questo motivo, uno dei nostri capisaldi sarà integrare conoscenze ed esperienze, costruire una rete di professionisti provenienti da diversi ambiti, uniti per migliorare la salute del nostro territorio».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Costo energia, tetto di spesa e contratti: i nodi della sanità privata. Cittadini (AIOP): «Pandemia non ha insegnato nulla»
La presidente dell’Associazione italiana ospedalità privata chiede di rivedere il tetto che blocca al 2011 la spesa per il privato accreditato. E poi si dice preoccupata per la diminuzione della spesa sanitaria sul PIL: «Con il PNRR costruiamo le Case di comunità ma poi come le gestiremo con una spesa sanitaria inferiore a quella pre-pandemia?»
di Francesco Torre
PNRR, il modello della nuova sanità digitale non convince. L’esperta: «Lacune su sicurezza e competenze»
Per Sarah Ungaro, avvocato e vicepresidente ANORC professioni, le linee guida per la telemedicina e assistenza domiciliare sono confuse e prive di riferimenti precisi su responsabilità, protezione dei dati e formazione del personale. «Se non in linea con l’Europa si rischia uno spreco di fondi»
Inquinamento: l’UE boccia l’Italia e la Corte la condanna
Miani (SIMA): «La prima causa d’inquinamento atmosferico in Italia è la combustione per il riscaldamento degli edifici, al secondo posto ci sono gli allevamenti intensivi, al terzo il traffico veicolare. Necessario un cambio di rotta immediato: se dovessimo incentivare da domani l’acquisto di auto elettriche ci vorranno almeno 10 anni prima che ogni italiano ne abbia una»
Sanità del futuro, Speranza ai dg: «Management ruolo chiave, PNRR occasione per rafforzare SSN»
Direttori generali a confronto nel webinar a Roma per discutere la sanità di domani. Tanese (Asl Roma 1): «Il mondo della sanità ha bisogno di un management competente, responsabile e capace di gestire i cambiamenti». Frittelli (Federsanità): «Siamo alla vigilia di una grande rivoluzione del SSN»
Dal PNRR nuove tecnologie per la sanità. Ma gli italiani non sanno usarle e l’Italia è troppo poco connessa
Analfabetismo digitale e connessione scadente, Boggetti (Confindustria Dispositivi Medici): «Gli anziani sono tra coloro che avrebbero più bisogno dei servizi di telemedicina, ma non sanno usarli. E la maggior parte di loro vive in zone d’Italia dove si fa fatica pure a fare una telefonata, figuriamoci scambiare dati ad alta risoluzione»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 17 maggio, sono 522.071.859 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.267.246 i decessi. Ad oggi, oltre 11,41 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Se la linea del tampone rapido appare sbiadita significa che la carica virale è più bassa?

Il tampone rapido, oltre a verificare l'eventuale positività, è anche in grado di definirla in termini quantitativi?
di Valentina Arcovio
Salute

Epatite acuta pediatrica misteriosa. Caso del bimbo di Prato, Basso (Bambino Gesù): «Migliora spontaneamente»

Si sta facendo strada l’ipotesi che possa trattarsi non dei classici virus che danno vita alle epatiti A, B e C, ma di un adenovirus, spesso causa solo di banali raffreddori, che nei bambini pu&...