Salute 9 Gennaio 2019

Addio a Fernando Aiuti, immunologo di fama mondiale | L’ULTIMA INTERVISTA A SANITA’ INFORMAZIONE

L’ipotesi è quella del suicidio, indaga la procura di Roma. Era ricoverato da tempo al Policlinico Gemelli. Ha fondato l’Anlaids. Quando diceva: «Dovrebbe essere obbligatoria la vaccinazione per gli operatori sanitari…». La Simedet, di cui era responsabile scientifico, gli dedicherà il suo Primo Congresso nazionale

Immagine articolo

È stato un vero pioniere nella lotta all’AIDS, il male del XX secolo, a cui ha dedicato gran parte della sua carriera. Si è spento a Roma l’immunologo Fernando Aiuti, 83 anni, fondatore dell’Anlaids (Associazione Nazionale per la lotta contro l’Aids). Il decesso è avvenuto questa mattina al Policlinico Gemelli di Roma. Sul caso sta facendo accertamenti la procura di Roma: l’ipotesi è quella del suicidio.

«La scienza oggi piange un grande uomo: la scomparsa dell’immunologo Fernando Aiuti, punto di riferimento mondiale per la lotta all’AIDS, mi rattrista molto. Sono certa che il suo grande impegno vivrà attraverso il lavoro di @Anlaids», scrive su twitter il Ministro della Salute Giulia Grillo.

LEGGI L’ULTIMA INTERVISTA DI SANITA’ INFORMAZIONE A FERNANDO AIUTI: «VACCINI, l’IMMUNOLOGO AIUTI: DOVERE SOCIALE PROTEGGERE IMMUNODEPRESSI, SI’ ALL’OBBLIGO PER OPERATORI SANITARI»

Cordoglio anche da parte della Simedet, la Società Italiana di Medicina Diagnostica e Terapeutica, di cui Aiuti era responsabile scientifico: «Con la scomparsa del Prof. Fernando Aiuti, Presidente del Comitato Scientifico della Simedet e Presidente Onorario dell’Anlaids – afferma a Sanità Informazione il Presidente della Simedet Fernando Capuano – perdiamo una delle personalità scientifiche più importanti insieme al Prof. Mauro Moroni nella lotta all’AIDS. Il Prof. Aiuti è stato un pioniere nella ricerca e diagnosi dei prima casi di HIV nel nostro paese presso il Policlinico Umberto I. Nella Simedet insieme a Manuel Monti aveva voluto fortemente l’organizzazione del Convegno sulle vaccinazioni e le fake news. Avevamo in programmazione degli incontri con gli studenti sull’importanza dei vaccini. La Simedet dedicherà al Prof. Fernando Aiuti il suo primo Congresso Nazionale di maggio».

Il decesso è avvenuto a causa «delle complicanze immediate di un trauma da caduta dalla rampa delle scale adiacente il reparto di degenza del Policlinico Gemelli di Roma, dove era ricoverato». Lo fa sapere il nosocomio capitolino. Il professore era in cura «presso il reparto di Medicina generale per il trattamento di una grave cardiopatia ischemica da cui era da tempo affetto e che lo aveva già costretto ad altri ricoveri e a trattamenti anche invasivi. Più recentemente il quadro cardiologico si era aggravato evolvendo verso un franco scompenso cardiaco, in trattamento polifarmacologico», spiega ancora l’ospedale.

Pochi mesi fa, a Sanità Informazione, aveva parlato dell’importanza delle vaccinazioni, anche per gli operatori sanitari:  «I vaccini sono sicuramente un vantaggio perché hanno risparmiato milioni e milioni di morti e anche denaro pubblico per aver evitato malattie – aveva detto Aiuti  – I vaccini sono sicuri. Ovviamente qualche minimo rischio c’è ma il confronto rischio-beneficio tra fare il vaccino e prendere la malattia è migliaia di volte a favore del vaccino rispetto alla malattia naturale».

 

Aiuti, professore emerito a vita all’Università La Sapienza di Roma, è passato alla storia per la lotta all’AIDS e per il famoso ‘bacio’ nel 1991 con Rosaria Iardino, sieropositiva, per smentire platealmente la ‘fake news’ che era possibile contrarre  l’Hiv per via orale. L’immagine fece il giro del mondo. È stato nominato dal Presidente della Repubblica Italiana Cavaliere di Gran Croce al Merito della Repubblica nel 1992, la massima onorificenza che viene consegnata in Italia per meriti o per la carriera. Per lui anche un passato in politica: venne eletto nel 2008 come capolista del Pdl in Campidoglio.

E a proposito dell’AIDS, proprio ai nostri microfoni Aiuti aveva ricordato l’importanza della prevenzione: «I contagi – aveva detto l’immunologo – aumentano nel mondo, in Italia sono costanti ma sempre alti: 3800-4mila nuovi infetti all’anno che poi diventeranno dopo alcuni anni ammalati di AIDS conclamati. Questo perché non si parla più di AIDS. Anche qui manca la cultura della prevenzione così come manca nei confronti di alcune malattie come la tubercolosi, la sifilide, le malattie sessualmente trasmesse».

GIORNATA MONDIALE CONTRO AIDS, FERNANDO AIUTI: «NON RICORDIAMO LA MALATTIA SOLO UN GIORNO ALL’ANNO, IL CONTAGIO NON E’ FINITO»

 

Articoli correlati
Congresso ICAR, l’immunologo Silvestri: «Non abbassare la guardia contro l’Aids, contagi non si stanno fermando»
A Milano il congresso dell’Italian Conference on AIDS and Antiviral Research alla Statale. «Se una persona non si controlla, e non sa di essere infettato, può infettare altri e quindi l’epidemia non si ferma», sottolinea il ricercatore dell'Università di Atlanta
di Federica Bosco
L’ultimo articolo di Fernando Aiuti: «Vi spiego perché i vaccini sono sicuri. Senza di loro non avremmo mai sconfitto molte malattie infettive»
Ecco l’ultimo scritto dell’immunologo di fama mondiale pubblicato sull’Italian Journal of Prevention, Diagnostic and Therapeutic Medicine: «Il problema fondamentale è sostenere che il rischio beneficio è centinaia di volte a favore dei vaccini rispetto alla malattia. Inoltre è essenziale indicare alla popolazione le evidenze scientifiche»
di Fernando Aiuti
AIDS, paziente guarisce dopo trapianto cellule staminali
Per la seconda volta da quando è scoppiata l'epidemia legata all'Hiv, il virus che causa l'Aids, un paziente a Londra sembrerebbe essere stato curato dall'infezione: lo riporta la rivista scientifica Nature
Test Hiv su minori senza consenso genitori, arriva il sì del Garante per l’Infanzia al ministro Grillo
Il ministro Grillo: «Per rendere più semplice l’accesso alla diagnosi per i giovanissimi è essenziale intercettare precocemente l’eventuale contagio da Hiv o da altre malattie sessualmente trasmesse; Per questo, sono molto soddisfatta della positiva risposta dell’Autorità garante per l’infanzia e l’adolescenza alla mia richiesta di lavorare insieme a una norma per superare questa regola ormai obsoleta»
Aids, vaccino italiano abbatte il 90% del virus
Lo studio è condotto in otto centri clinici in Italia e presenta i dati del monitoraggio clinico a lungo termine di 92 volontari vaccinati del precedente studio clinico condotto dall'Iss.
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Lavoro

Ex specializzandi, a Roma l’Appello dà ragione ai camici bianchi. L’avvocato Marco Tortorella: «300mila medici abbandonati dallo Stato, ora giustizia»

L’ultima sentenza della Corte di Appello di Roma ha portato all’assegnazione di rimborsi per 12 milioni di euro per i camici bianchi tutelati dal network legale Consulcesi. «Lo Stato è obbligato...
Salute

Anatomia Patologica, viaggio nel laboratorio dove si scoprono i tumori. Virgili (Campus Bio-Medico): «Sanità digitale e I.A. il futuro»

Sanità Informazione è entrata nel laboratorio del Policlinico Campus Bio-Medico di Roma dove vengono analizzati i tessuti: la tecnologia consente precisione e velocità. Il coordinatore Roberto Virg...