Salute 24 Marzo 2015

S.O.S. morbillo: con il colpo di coda Ebola l’allerta epidemie non dà tregua 

“Non vaccinare i propri figli è un atto criminale”. Intervista esclusiva a Giuseppe Ippolito, direttore scientifico dell’Istituto Lazzaro Spallanzani di Roma

Immagine articolo

Il nuovo grido d’allarme lanciato dalle autorità sanitarie di tutto il mondo ha un’eco sinistra, forse proprio perché familiare. Non evoca posti lontani, come Ebola, né tempi remoti.

Si tratta del morbillo, una patologia diffusa – specie nell’infanzia – e finora gestibile, ma che sta assumendo contorni minacciosi, tanto da far temere una nuova epidemia. La causa? Una su tutte: la crescente diffidenza della popolazione mondiale nei confronti della maggiore “arma di prevenzione di massa”, i vaccini. Sanità Informazione ha chiesto il parere, sul tema, di Giuseppe Ippolito, direttore scientifico dell’Istituto Nazionale per le Malattie Infettive “Lazzaro Spallanzani” di Roma.

Ancora fortissima l’attenzione sull’epidemia di Ebola, ad un anno dall’ultima epidemia: dopo tanti tentativi non c’è ancora una cura. Qual è la situazione?
Le grandi aspettative sono state purtroppo deluse dalla ripresa di un nuovo focolaio di Ebola, soprattutto in Sierra Leone. Ma l’emergenza più importante, adesso, è quest’epidemia di morbillo, un virus contro cui la gente non è vaccinata a causa della distruzione dei sistemi sanitari dei Paesi interessati: una situazione che non farà che aumentare le vittime. La stima del numero di morti per morbillo sarebbe, infatti, addirittura superiore a quella dei decessi registrati a causa di Ebola. Rispetto ad Ebola, inoltre, il morbillo è un problema anche nei Paesi occidentali – inclusa l’Italia – dove nel corso degli anni si è persa la fiducia nelle vaccinazioni. Non vaccinare i propri figli è criminale: significa esporli a rischi enormi, per una fantomatica paura che non ha alcun fondamento scientifico, tantomeno in relazione all’autismo, ha innescato un movimento che spinge oggi la gente a non avvalersi di questo strumento di prevenzione. Far vaccinare i propri figli è fondamentale invece, in primis contro il morbillo.

Nel nostro Paese non si è ancora accesa quella miccia che invece imperversa negli Stati Uniti. Anche per il morbillo, come per Ebola, informare e formare il personale sanitario è determinante.
Bisogna intanto far sì che la classe medica si faccia portavoce dell’importanza delle vaccinazioni, veri e propri strumenti “salva vita”. E’ bene sottolineare che ormai si va sempre più verso un modello che prevede vaccini diversi a seconda delle fasi della vita, distinguendo quelli da effettuarsi in età infantile e quelli per l’età adulta. Ecco lo slogan per gli anni a venire: vaccinatevi contro ogni patologia possibile, perché ogni caso evitato arrecherà un beneficio sia al Paese in termini di risorse sanitarie, sia alle singole persone in termini di salute individuale.

Articoli correlati
Ebola, non si arresta epidemia in Congo. Dalla UE altri 5 milioni di euro per fronteggiare la crisi
L’ebola continua a mietere vittime in Congo e per aiutare la nazione africana si muove l’Ue che sta intensificando l’aiuto umanitario con altri 5 milioni di euro. Il numero di morti confermate dell’epidemia è attualmente di oltre mille persone. Con l’annuncio odierno, il finanziamento totale dell’UE per affrontare la malattia nel paese ammonta a 17 […]
Epidemia morbillo a New York, parla il direttore dell’Istituto USA malattie infettive: «No ad esenzione vaccini per ragioni ‘filosofiche’»
ESCLUSIVA | Le interviste di Sanità Informazione al NYC Department of Health e al direttore del National Institute for Allergy and Infectious Diseases Anthony Fauci, che dichiara: «Il morbillo è una malattia molto pericolosa. Prima del vaccino causava la morte di 2-3 milioni di persone l’anno in tutto il mondo. Le autorità devono far capire meglio alla popolazione che i vaccini sono sicuri ed efficaci in modo che si sottoponga volontariamente alla profilassi»
L’ultimo articolo di Fernando Aiuti: «Vi spiego perché i vaccini sono sicuri. Senza di loro non avremmo mai sconfitto molte malattie infettive»
Ecco l’ultimo scritto dell’immunologo di fama mondiale pubblicato sull’Italian Journal of Prevention, Diagnostic and Therapeutic Medicine: «Il problema fondamentale è sostenere che il rischio beneficio è centinaia di volte a favore dei vaccini rispetto alla malattia. Inoltre è essenziale indicare alla popolazione le evidenze scientifiche»
di Fernando Aiuti
Meningite, primi casi del 2019. Andreoni (Tor Vergata e Simit): «Profilassi indicata per bambini e fasce a rischio. Per gli adulti? Dipende…»
Si riaccende l’attenzione sulla Toscana per un caso di meningococco B. Anche all’Aquila un ricovero. L’intervista a Massimo Andreoni, responsabile Malattie infettive di Tor Vergata e past president del SIMIT
Febbre del Nilo, boom casi in Europa: sono 975. Italia paese con maggior numero di infezioni
Lo rileva bollettino Ecdc. Casi complessivi aumentati di 3,4 volte rispetto al 2017. Vittime per lo più pazienti affetti da altre patologie: in Serbia e Grecia più decessi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran

Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici ...
Salute

Boom di denunce per “malpractice”, i chirurghi non ci stanno: «Nessuno vuole fare più questo mestiere»

Dei 35mila procedimenti che si aprono ogni anno oltre il 90% si risolvono in un nulla di fatto. Il Presidente del Collegio Italiano dei Chirurghi (CIC), Filippo La Torre: «Serve legge che regoli la m...