Salute 5 Febbraio 2021 18:01

Monitoraggio Cabina di regia. Brusaferro: «Curva si appiattisce ma decremento lento»

Tre regioni a rischio alto, sette a rischio basso e il resto moderato. Rt a 0.84. Individuata variante inglese in Abruzzo e brasiliana in Umbria

Monitoraggio Cabina di regia. Brusaferro: «Curva si appiattisce ma decremento lento»

«Nell’ultimo periodo la curva in qualche modo si appiattisce, con un decremento lentissimo e una fondamentale stabilità». Silvio Brusaferro, presidente dell’Istituto Superiore di Sanità, apre così la conferenza stampa sul monitoraggio settimanale dell’epidemia in Italia. «L’incidenza a sette giorni rimaste sopra i 13o nuovi casi su 100mila abitanti in tutte le regioni. Ma la PA di Bolzano supera i 600, mentre Umbria e Friuli Venezia Giulia superano i 200», aggiunge.

«L’età media è sotto i 50 anni, in lieve decrescita. Il 50% è asintomatico», chiarisce. L’Rt è 0.84 anche questa settimana, il dato positivo è il decremento dei posti letto che continua, sotto la soglia a livello nazionale. Cinque invece le regioni che oscillano tra 0.95 e 1.03. «Sono tre le Regioni a rischio alto, contro le due della scorsa settimana. Mentre quelle a rischio basso sono sette quando erano 10».

Decremento nell’occupazione dei posti letto

«Continua il decremento dell’occupazione dei posti letto di terapia intensiva e di area medica, che oggi è sotto la soglia a livello nazionale, anche se non lo è completamente in tutte le Regioni. Questo dato viene confermato nelle proiezioni a 30 giorni, che in quasi tutte le Regioni dà una possibilità di resilienza, cioè una capacità di far fronte a infezioni che si dovessero verificare» prosegue Brusaferro.

«Il profilo di chi viene ricoverato in terapia intensiva è sempre lo stesso, pur con un lieve incremento dell’età mediana che dovremo confermare nelle prossime settimane». Invariate infine le caratteristiche dei decessi, «over 80 con più patologie. La curva dei decessi mostra un decremento – conclude Brusaferro – ma piuttosto lieve»

Varianti, casi in Abruzzo e Umbria

Presente anche Gianni Rezza, direttore della Prevenzione per il Ministero della Salute, che ha parlato di grande solerzia italiana nella somministrazione dei vaccini. Con il nostro paese fianco a fianco con la Germania per dosi somministrate. «Resta il problema di approvvigionamento che è indipendente dalla volontà dei paesi europei e che dipende dalle aziende», aggiunge.

Intanto, grazie all’attività delle singole regioni sono stati individuati casi delle nuove varianti “preoccupanti” in circolo nel mondo. In Abruzzo, specifica Rezza, la provincia di Chieti ha individuato casi di variante inglese, caratterizzata da maggiore trasmissibilità. Si attendono nelle prossime ore provvedimenti di “zona rossa” per i comuni in cui è stata individuata.

In Umbria invece due i focolai nel perugino. Uno di matrice ospedaliera, che riguarda la variante brasiliana, per ora non identificata fuori dall’ambiente in cui è partita. Il secondo, con circolazione comunitaria, di variante inglese. «Noi abbiamo identificato la presenza grazie al fatto che la regione umbria invia continuamente dei campioni che vengono testati e accumulati» chiarisce.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Si possono bere alcolici quando si risulta positivi al Sars-CoV-2?
Il consumo di alcolici è controindicato quando si è positivi al virus Sars CoV-2. Gli studi mostrano infatti che gli alcolici possono compromettere il sistema immunitario
Un italiano su 2 usa ausili, oltre il 75% li compra di tasca propria
Un italiano su due utilizza ausili. Secondo l'indagine rATA, gli occhiali sono gli ausili più utilizzati
Dopo quanto tempo ci si può ammalare di nuovo di Covid-19?
Gli studi indicano che le reinfezioni con Omicron sono più frequenti. Una ricerca suggerisce un intervallo tra i 90 e i 640 giorni, un'altra tra i 20 e i 60 giorni
DL Riaperture, via libera dalla Camera. Cosa cambia per mascherine, isolamento, green pass e obbligo vaccinale
Il provvedimento recepisce la fine dello stato di emergenza. Prorogato lo smart working per i lavoratori fragili. Medici in quiescenza potranno continuare a ricevere incarichi di lavoro autonomo
di Francesco Torre
Epatiti misteriose, il microbiologo: «Adenovirus resta indiziato numero 1, non si esclude correlazione con Sars-CoV-2»
Il responsabile di Microbiologia del Bambino Gesù sulle epatiti virali acute nei bambini: «Lockdown e mascherine potrebbero aver scatenato un debito immunitario». Quali sono i sintomi da tenere d'occhio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 giugno, sono 543.612.507 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.329.069 i decessi. Ad oggi, oltre 11,65 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali