Salute 6 Novembre 2020 16:14

Milano, primo giorno di lockdown in zona rossa: rabbia ma rispetto delle regole

Molti controlli da parte delle forze dell’Ordine, ma poche multe. Ristoranti e bar si riconvertono al delivery e la Campania zona gialla non va proprio giù a molti milanesi. La cronaca

di Federica Bosco
Milano, primo giorno di lockdown in zona rossa: rabbia ma rispetto delle regole

Silenzio e rabbia, ma rispetto delle regole. I milanesi questa mattina si sono svegliati nel primo giorno di lockdown in zona rossa (ovvero massime restrizioni) con un senso diffuso di ingiustizia, ma rispettosi delle linee guida dettate dal governo secondo le direttive dei dati di monitoraggio dell’Istituto superiore di sanità. Le saracinesche abbassate delle attività commerciali restituiscono ai pochi cittadini che per motivi di lavoro, salute o per altre ragioni urgenti certificate transitano per le vie del centro l’immagine di una città fantasma. Nella zona della stazione centrale, l’affluenza dei pendolari è ridotta: nessuna fila ai tornelli delle linee gialle e verde della metropolitana mentre i bus che viaggiano in superficie hanno una capienza decisamente inferiore al 50% previsto dal DPCM del presidente del Consiglio.

RISTORANTI E BAR DELIVERY PER SOPRAVVIVERE

Gli effetti della chiusura di negozi, uffici, oltre che della didattica a distanza di studenti delle secondarie di primo e secondo grado sono evidenti. Ma nonostante il flusso business sia ridotto ai minimi termini, tanti bar e ristoranti hanno scelto la versione delivery anziché la chiusura. Una soluzione obbligata per cercare di sopravvivere a questa seconda ondata che, a detta di molti, avrà effetti devastanti da un punto di vista economico e psicologico. Hanno dovuto chiudere invece la maggior parte degli hotel per regole troppo restrittive. Chi ha scelto di sfidare il virus per garantire ospitalità ai pochi professionisti che arriveranno a Milano nei prossimi giorni, dovrà consegnare i pasti in camera.

OVER 65 NON RINUNCIANO ALLA SPESA

A scendere in strada in una mattinata soleggiata e mite sono prevalentemente uomini e donne over sessantacinque che con le borse della spesa si avviano velocemente verso casa, non conoscono bene le regole imposte dal nuovo lockdown. Sono disorientati, spiegano alle forze dell’ordine: per questo Polizia e Carabinieri hanno scelto in questi primi giorni di lockdown di essere più comprensivi. Poche le irregolarità rilevate nelle prime ore, solo qualche multa a chi era privo di ogni giustificativo. Libera circolazione per i giornalisti che proprio questa mattina hanno ottenuto dal Prefetto Renato Saccone, su richiesta del presidente dell’Ordine dei giornalisti della Lombardia, Alessandro Galimberti, l’autorizzazione a spostarsi nell’area metropolitana per motivi di servizio.

MILANESI IN FILA SI INTERROGANO SULLA ZONA GIALLA DELLA CAMPANIA

Dinnanzi ai pochi negozi aperti di alimentari e alle farmacie la gente in fila aspetta il proprio turno approfittando dei momenti di sosta per una telefonata o per scambiare con i vicini, distanziati, due chiacchiere per denunciare il proprio malessere verso le decisioni del governo di chiudere tutto in Lombardia e non in altre zone altrettanto segnate dal Covid. La Campania in zona gialla sembra essere il principale argomento di discussione oggi tra i milanesi che non accettano di buon grado le differenti restrizioni. Non sono mancati i controlli delle forze dell’ordine che sin dalle prime ore della mattina hanno fermato pendolari e milanesi per verificare le autocertificazioni con telefonate alle sedi di lavoro. Chi sembra non aver cambiato abitudini nonostante il lockdown è la popolazione senza fissa dimora che trova riparo sotto i portici di Via Vittor Pisani: nonostante le associazioni abbiano rifornito loro le mascherine, in pochi le indossano. Nessun controllo per loro, perché – ci dicono le forze dell’ordine – oltre la metà del personale della polizia locale, a cui spetta la vigilanza, è in malattia.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid e gravidanza: l’infezione è più pericolosa nei nove mesi
I ginecologi Siru chiedono la vaccinazione per le future mamme
In Francia le scuole sono rimaste sempre aperte, ma i ragazzi lamentano: «Abbiamo perso persone care»
In Francia c'è stato un grande comandamento: tenere aperte le scuole più a lungo possibile. Non tutte le strutture hanno potuto rispettare i protocolli e molte sono diventate focolai. Alcuni ragazzi hanno perso parenti, come al Delacroix dove in 20 hanno subito un lutto per Covid
Covid: terapia domiciliare fondamentale, no a cortisone e antibiotici
Nel corso di formazione professionale ECM di Consulcesi “La gestione del paziente Covid-19 nel contesto domiciliare” tutte le informazioni più aggiornate con la consulenza di Emanuele Nicastri, direttore malattie infettive Istituto Spallanzani di Roma
Maltrattamenti su minori in aumento per effetto del Covid: dietro una denuncia, nove casi sommersi
Cesvi lancia l’allarme dopo un anno di pandemia: «Cresce il numero di abusi e violenze tra le mura domestiche. È necessario rafforzare le cure e ricostruire un sistema di servizi capace di metterle in atto»
di Federica Bosco
Igiene delle mani, l’OMS dedica la Giornata mondiale agli operatori sanitari: «Pochi secondi possono salvare vite»
Nei paesi a basso reddito solo 1 operatore sanitario su 10 pratica un'igiene delle mani adeguata. Cavallo (Assistenti sanitari): «Azione importante anche nell'atto della vaccinazione»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 6 maggio, sono 155.216.499 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.242.360 i decessi. Ad oggi, oltre 1,20 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Salute

Vaccini e rischi, Peyvandi (EMA): «No ad eparina o aspirina prima dell’inoculazione»

Le raccomandazioni di Flora Peyvandi del comitato scientifico dell’Agenzia: «Non bisogna neppure sospendere la pillola anticoncezionale»
di Federica Bosco