Salute 6 Novembre 2020

Milano, primo giorno di lockdown in zona rossa: rabbia ma rispetto delle regole

Molti controlli da parte delle forze dell’Ordine, ma poche multe. Ristoranti e bar si riconvertono al delivery e la Campania zona gialla non va proprio giù a molti milanesi. La cronaca

di Federica Bosco
Milano, primo giorno di lockdown in zona rossa: rabbia ma rispetto delle regole

Silenzio e rabbia, ma rispetto delle regole. I milanesi questa mattina si sono svegliati nel primo giorno di lockdown in zona rossa (ovvero massime restrizioni) con un senso diffuso di ingiustizia, ma rispettosi delle linee guida dettate dal governo secondo le direttive dei dati di monitoraggio dell’Istituto superiore di sanità. Le saracinesche abbassate delle attività commerciali restituiscono ai pochi cittadini che per motivi di lavoro, salute o per altre ragioni urgenti certificate transitano per le vie del centro l’immagine di una città fantasma. Nella zona della stazione centrale, l’affluenza dei pendolari è ridotta: nessuna fila ai tornelli delle linee gialle e verde della metropolitana mentre i bus che viaggiano in superficie hanno una capienza decisamente inferiore al 50% previsto dal DPCM del presidente del Consiglio.

RISTORANTI E BAR DELIVERY PER SOPRAVVIVERE

Gli effetti della chiusura di negozi, uffici, oltre che della didattica a distanza di studenti delle secondarie di primo e secondo grado sono evidenti. Ma nonostante il flusso business sia ridotto ai minimi termini, tanti bar e ristoranti hanno scelto la versione delivery anziché la chiusura. Una soluzione obbligata per cercare di sopravvivere a questa seconda ondata che, a detta di molti, avrà effetti devastanti da un punto di vista economico e psicologico. Hanno dovuto chiudere invece la maggior parte degli hotel per regole troppo restrittive. Chi ha scelto di sfidare il virus per garantire ospitalità ai pochi professionisti che arriveranno a Milano nei prossimi giorni, dovrà consegnare i pasti in camera.

OVER 65 NON RINUNCIANO ALLA SPESA

A scendere in strada in una mattinata soleggiata e mite sono prevalentemente uomini e donne over sessantacinque che con le borse della spesa si avviano velocemente verso casa, non conoscono bene le regole imposte dal nuovo lockdown. Sono disorientati, spiegano alle forze dell’ordine: per questo Polizia e Carabinieri hanno scelto in questi primi giorni di lockdown di essere più comprensivi. Poche le irregolarità rilevate nelle prime ore, solo qualche multa a chi era privo di ogni giustificativo. Libera circolazione per i giornalisti che proprio questa mattina hanno ottenuto dal Prefetto Renato Saccone, su richiesta del presidente dell’Ordine dei giornalisti della Lombardia, Alessandro Galimberti, l’autorizzazione a spostarsi nell’area metropolitana per motivi di servizio.

MILANESI IN FILA SI INTERROGANO SULLA ZONA GIALLA DELLA CAMPANIA

Dinnanzi ai pochi negozi aperti di alimentari e alle farmacie la gente in fila aspetta il proprio turno approfittando dei momenti di sosta per una telefonata o per scambiare con i vicini, distanziati, due chiacchiere per denunciare il proprio malessere verso le decisioni del governo di chiudere tutto in Lombardia e non in altre zone altrettanto segnate dal Covid. La Campania in zona gialla sembra essere il principale argomento di discussione oggi tra i milanesi che non accettano di buon grado le differenti restrizioni. Non sono mancati i controlli delle forze dell’ordine che sin dalle prime ore della mattina hanno fermato pendolari e milanesi per verificare le autocertificazioni con telefonate alle sedi di lavoro. Chi sembra non aver cambiato abitudini nonostante il lockdown è la popolazione senza fissa dimora che trova riparo sotto i portici di Via Vittor Pisani: nonostante le associazioni abbiano rifornito loro le mascherine, in pochi le indossano. Nessun controllo per loro, perché – ci dicono le forze dell’ordine – oltre la metà del personale della polizia locale, a cui spetta la vigilanza, è in malattia.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid e gravidanza, studio ISS: su 875 donne con virus nessuna morte, il 2% in terapia intensiva
Una rete ISS monitora le donne positive in gravidanza: alla luce dei dati, la trasmissione del virus da madre a neonato sembra possibile ma molto rara e non influenzata dalla modalità del parto, dall’allattamento o dal rooming-in
Covid-19, Gimbe: «Frena contagio, restrizioni funzionano. Ma il colore delle regioni sbiadisce troppo in fretta»
Il monitoraggio settimanale di Gimbe conferma timidi segnali di rallentamento dell’epidemia, ma i numeri sono ancora molto elevati: oltre 165 mila nuovi casi e 5.055 decessi. Quasi 780 mila attualmente positivi, con soglie di saturazione di ospedali superate in 15 regioni e le terapie intensive in 16
Dal 21 dicembre al 6 gennaio vietati spostamenti tra Regioni: il Dl sul Natale “prudente”
Feste di Natale all'insegna di pochi intimi. Vietati i viaggi verso le seconde case. 25, 26 dicembre e 1 gennaio si potranno trascorrere solo nel proprio Comune. Permesso tornare presso la propria residenza
Covid-19, con ruxolitinib e cortisone possibile riduzione della mortalità del 70%
D’Alessio (Policlinico San Marco di Zingonia): «Dopo aver sperimentato diversi farmaci, questo, somministrato precocemente, ha dato risultati interessanti in attesa del vaccino»
di Federica Bosco
Il Covid-19 acuisce ansia e stress. Con “niente paura” arriva un aiuto in piu’!
www.nientepaura.info, un sito dedicato a chi soffre di disturbi d’ansia, stress e insonnia. Consigli degli esperti per gestire questi eventi e ritrovare il benessere psicologico
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 3 dicembre, sono 64.527.868 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.493.348 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 3 dicembre: ...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli