Salute 13 Luglio 2021 17:00

Milano-Bicocca, un programma dual career per gli studenti atleti impegnati in competizioni di alto livello

Il programma prevede flessibilità nella didattica e negli esami, un mental coach e un team di professionisti di medicina dello sport. Tra i 25 studenti selezionati anche Eleonora Marchiando che alle prossime olimpiadi difenderà i colori azzurri nei quattrocento ostacoli e nella staffetta femminile e mista

di Federica Bosco
Milano-Bicocca, un programma dual career per gli studenti atleti impegnati in competizioni di alto livello

Si chiama “Dual career” ed è il programma per gli studenti-atleti lanciato per la prima volta dall’Università Milano Bicocca per agevolare gli atleti professionisti impegnati nello studio a dividersi tra libri, gare e allenamenti. Il progetto prevede flessibilità nella didattica e negli esami, un percorso di orientamento personalizzato, un mental coach e un team di professionisti di medicina dello sport sempre a disposizione presso il Bicocca Stadium.

Dal fisioterapista al nutrizionista; l’obiettivo è permettere agli studenti atleti di conciliare impegni sportivi e studi universitari in modo da garantire la possibilità di raggiungere traguardi brillanti in entrambe le carriere.

«Il progetto è partito un anno fa con un protocollo d’intesa firmato da Coni, CUS (Comitato Universitario sportivo) e Uni sport (rete che unisce tutte le università italiane e riconosciuta dalla conferenza dei rettori) – racconta Lucia Visconti Parisio, delegata per lo Sport dell’università Milano Bicocca –. È molto importante perché vede le università schierarsi in prima linea per il sostegno allo sport. Come tutti sanno, lo sport italiano a livello agonistico oggi è gestito dai corpi militari e quasi tutti gli atleti di alto livello appartengono a loro, mentre anche altri enti potrebbero sostenere lo sport, come le università. Abbiamo un grande patrimonio che sono i giovani; al Bicocca Stadium abbiamo le risorse e i programmi di ricerca e didattica che possono aiutare anche a migliorare la conoscenza sugli atleti e le loro performance».

Professionisti al servizio dello studente atleta con un programma personalizzato

Medici dello sport, nutrizionisti, fisioterapisti e psicologi saranno operativi al Bicocca Stadium dove si terranno visite e incontri sulla base delle esigenze degli studenti-atleti. «Ci sarà massima disponibilità del personale dell’Università Bicocca a dialogare e interagire anche con il team del campione, modulando le esigenze in base alle richieste dello stesso – puntualizza la professoressa Visconti –. Nessuna interferenza da parte dei nostri professionisti nell’attività sportiva degli studenti, ma una stretta collaborazione per garantire i migliori risultati in entrambi gli ambiti. Il tutto sarà modulato tenendo conto della tipologia di sport, se individuale o di squadra, se si tratta di uno sport olimpico o paraolimpico, insomma ci sono molte variabili che rendono necessario un lavoro personalizzato. Noi offriamo delle opportunità e le calibreremo in maniera flessibile a seconda delle esigenze dell’atleta».

Eleonora Marchiando sarà tra i 25 studenti atleti che seguiranno il programma dual career

Sono 9750 gli studenti atleti agonisti che frequentano l’università di Milano Bicocca a diversi livelli, di questi ne saranno selezionati 25 che prenderanno parte per il primo anno al programma dual career. «È stato molto interessante vedere quanto sono attivi oggi gli studenti – commenta Lucia Visconti Parisio –. La selezione terrà conto di alcuni indicatori come: convocazione alle olimpiadi, campionati maggiori, o atleti di interesse nazionale. Quest’anno saranno 25, ma nulla toglie che già dal prossimo anno il numero di iscritti possa essere implementato. Il programma è annuale e confermabile. Essenziale sarà per gli atleti essere studenti attivi, ovvero dovranno almeno aver fatto due o tre esami in un anno, fatto salvo la necessità di interrompere gli esami per i periodi di grande attività agonistica». Tra i 25 selezionati per il programma dual career c’è Eleonora Marchiando, studentessa di economia all’Università Bicocca e atleta della squadra olimpica impegnata nei prossimi giochi di Tokio nei quattrocento ostacoli e nelle staffette quattro per quattrocento mista e femminile. «La sua storia di studente atleta, come la presenza di molti laureati o studenti universitari nella nazionale di calcio impegnata all’europeo quest’anno, testimonia che abbiamo un grande patrimonio da valorizzare e con il programma dual career possiamo offrire didattica e ricerca per aiutare a migliorare anche le loro performance».

Competenza scientifica a supporto degli atleti

Nessuna borsa premio, ma servizi a disposizione degli atleti, questo il principio adottato alla Bicocca, come conferma la coordinatrice: «Seguendo questa linea la rettrice dell’università Milano Bicocca, Giovanna Iannantuoni, ha istituito un bando per individuare uno psicologo motivazionale che coordinerà il progetto. Inoltre, avremo dei tutor, dei nutrizionisti e un altro interessante progetto con la scuola di specializzazione in medicina dello sport per creare all’interno del Bicocca Stadium un centro dedicato alla ricerca di altissimo livello a stretto contatto con gli atleti».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
La storia della ginnasta Alexandra Agiurgiuculese, che dopo il Covid sogna una medaglia a Tokyo
È l'individualista più vincente della storia della ginnastica ritmica italiana e ha un salto che porta il suo nome. Alexandra Agiurgiuculese, 20 anni, dopo essere rimasta lontana dalla pedana per due mesi a causa del Covid è tornata grande per non mancare l’appuntamento olimpico
di Federica Bosco
Con la FitnessWalk il benessere dopo il Covid si ritrova camminando a ritmo di musica
Per la dottoressa Marisa Gualea (medico di medicina dello sport Università di Pavia) è importante camminare e praticare attività aerobica personalizzata. Per provare la FitnessWalk e sostenere il progetto di ricerca per sconfiggere il tumore al seno con le nanosfere d’oro intelligenti, appuntamento con la Yac FitnessWalk il 24 giugno a Pavia
di Federica Bosco
Sport e salute, così Special Olympics si prende cura degli atleti con disabilità intellettiva. E il Covid non ferma le attività di screening
L’associazione, fondata nel 1968 da Eunice Kennedy Shrive, conta in Italia 18mila atleti e 8mila volontari. Alla base non c’è l’agonismo ma una filosofia educativa. La responsabile Area Salute Alice Volpini: «Con gli screening online seguiamo l’atleta non solo nel suo percorso sportivo ma anche nel suo percorso di salute»
Sport e salute, Tuzi (M5S): «L’inattività fisica da lockdown è causa di morte, necessaria approvazione riforma»
«Il mondo sanitario deve unirsi a quello sportivo in un’unica voce di protesta contro la possibilità che la riforma non venga approvata» spiega il deputato e medico M5S Manuel Tuzi
Piste da sci ancora chiuse. Cosa ne pensano i medici sciatori? Le risposte della SIMS
Bertinato (Presidente Squadra Italiana Medici Sciatori): «Rischi alti, necessario lockdown totale». Martini (Segretario SIMS): «Non è l’attività sciistica in sé ad essere rischiosa. Il problema è tutto il resto»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 2 agosto, sono 198.335.925 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 4.224.492 i decessi. Ad oggi, oltre 4.11 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Covid-19, che fare se...?

Posso bere alcolici prima o dopo il vaccino anti-Covid?

Sbronzarsi nei giorni a cavallo della vaccinazione può compromettere la risposta immunitaria e, dunque, depotenziare gli effetti del vaccino?
Salute

Guida al Green pass, può essere revocato? Serve anche ai ragazzi? Le risposte di Cittadinanzattiva

Chi ne è esentato? E cosa deve fare chi è guarito? Intervista a Isabella Mori, Responsabile del servizio tutela di Cittadinanzattiva