Salute 4 Marzo 2019

Milano, al Galeazzi primo progetto di Audit Civico per un IRCCS. Pellicciari (Cittadinanzattiva): «Faremo formazione congiunta operatori-cittadini su health technology»

La responsabile Lombardia del Tribunale per i diritti del malato: «C’è la necessità di un maggiore impegno in tema di coinvolgimento dei cittadini e dei pazienti, con un occhio di riguardo anche all’utenza straniera, in termine di mediazione linguistica e culturale». Il direttore sanitario dell’IRCCS Galeazzi Fabrizio Pregliasco: «Avremo poi sistemi informatici come il carrello intelligente per garantire qualità, efficacia, sicurezza nella somministrazione dei farmaci e ancora una app che permetterà agli utenti di destreggiarsi all’interno dei corridori per arrivare al reparto»

di Federica Bosco

Umanizzazione, innovazione, partecipazione questo il responso dato dall’associazione Cittadinanzattiva dopo un anno di studio dell’istituto Ortopedico Galeazzi di Milano con un Audit Civico, primo progetto di valutazione di un IRCCS (Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico). Un lavoro di equipe che ha visto coinvolti cittadini ed operatori per analizzare le qualità diagnostico terapeutiche ed individuare aree di miglioramento. Paola Pellicciari, responsabile regionale del Tribunale per i diritti del malato di Cittadinanzattiva Lombardia ha sottolineato come a fronte di «aree di eccellenza già ben definite – spiega – quali la sicurezza del paziente, la presa in carico, la continuità assistenziale e la tracciabilità dei percorsi pre, post ed intra operatori che costituiscono senza dubbio aspetti sui quali l’Istituto ha fortemente investito, ci sia la necessità di un maggiore impegno in tema di coinvolgimento dei cittadini e dei pazienti, con un occhio di riguardo anche all’utenza straniera, in termine di mediazione linguistica e culturale. Sulla health technology assessment faremo un percorso di formazione congiunta tra cittadini valutatori e operatori dell’Istituto proprio per implementare sempre più queste tecnologie al fine proprio di quel miglioramento continuo e necessario che caratterizza una struttura che si voglia efficiente ed efficace».

L’Audit Civico, fortemente voluto dalla direzione scientifica e sanitaria del Galeazzi, è stato un banco di prova importante dal quale sono emersi alcuni punti di forza e di criticità come ad esempio la necessità di un’area verde e di spazi comuni di cui oggi la struttura non dispone, ma che saranno parte significativa del progetto del nuovo ospedale Galeazzi in costruzione presso il MIND Innovation District, ex Area Expo, che verrà ufficialmente presentato il prossimo 18 giugno. Una struttura che diventerà simbolo di una architettura “per le persone”, caratterizzata da valori come l’accoglienza e da principi quali la qualità dell’assistenza, la riduzione del rischio clinico e l’innovazione tecnologica. Un ulteriore salto di qualità per l’Istituto Ortopedico Galeazzi, oggi tra le 19 strutture di eccellenza del gruppo Ospedaliero San Donato, primo ospedale ortopedico della Lombardia per numero di ricoveri e per interventi effettuati.

LEGGI ANCHE: CONTENZIOSI, MOCCIA (CITTADINANZATTIVA): «DIRITTO A SICUREZZA CURE E’ FONDAMENTALE, MA NECESSARIO MEDIARE I CONFLITTI MEDICI-PAZIENTI»

«Abbiamo degli indicatori di qualità notevoli in termini di operazioni di chirurgia vertebrale e di fratture di femore operate entro le 48 ore – precisa Fabrizio Pregliasco, direttore sanitario dell’IRCCS Galeazzi – Inoltre una serie di device e di sistemi informatici sono già operativi e garantiscono l’efficienza del sistema e la sicurezza del paziente. Avremo poi sistemi informatici come il carrello intelligente per garantire qualità, efficacia, sicurezza nella somministrazione dei farmaci e ancora una app che permetterà agli utenti di destreggiarsi all’interno dei corridori per arrivare al reparto».

Articoli correlati
Farmacie punto di riferimento essenziale per i cittadini durante la pandemia. I dati del “III Rapporto annuale sulla farmacia” di Cittadinanzattiva
Durante la pandemia, anche tra le diverse difficoltà dovute alla contingenza, gran parte dei cittadini ha percepito la farmacia come un luogo “sicuro” e dove trovare le informazioni utili per affrontare l'emergenza sanitaria
Da oggi abolito il superticket in tutta Italia. Speranza: «Nessuno lo pagherà più»
Il provvedimento che cancella il superticket risale allo scorso anno ma entra in vigore oggi, primo settembre. FNOMCeO: «Grande atto di civiltà»
Liste di attesa, l’ex ministro Grillo: «Mettere a bando le prestazioni». Cittadinanzattiva: «Serve piano straordinario»
Il lockdown ha messo in standby milioni di prestazioni sanitarie che ora devono essere recuperate. Per Moccia (Cittadinanzattiva) bisogna tornare al Piano nazionale «che stabilisce tempi massimi per esami e visite». Interpellanza della Grillo a Speranza: «Siano illustrate le modalità di monitoraggio dei tempi di attesa»
Coronavirus, Gaudioso (Cittadinanzattiva): «Malati oncologici e cronici lasciati soli. Necessario sviluppare assistenza domiciliare»
Aumentano le segnalazioni di persone e associazioni che lamentano l’impossibilità di continuare le cure: «In alcuni casi i pazienti non vanno in ospedale per paura del virus, in altri l’assistenza non funziona. Alla fine dell’emergenza conteremo i morti per Covid-19 e di chi non è riuscito a curarsi»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 27 novembre, sono 60.997.052 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.432.299 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 27 novembre...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli