Lavoro 22 Febbraio 2019 11:37

Contenziosi, Moccia (Cittadinanzattiva): «Diritto a sicurezza cure è fondamentale, ma necessario mediare i conflitti medici-pazienti»

Il vicesegretario generale dell’organizzazione si schiera a favore di nuove modalità di risoluzione dei contenziosi tra medici e pazienti e chiede a istituzioni e professionisti di investire su sicurezza e formazione

Contenziosi, Moccia (Cittadinanzattiva): «Diritto a sicurezza cure è fondamentale, ma necessario mediare i conflitti medici-pazienti»

«Ben vengano le iniziative volte a ridurre la conflittualità tra cittadini e professionisti del mondo della salute». Così Francesca Moccia, vicesegretario generale di Cittadinanzattiva, commenta la proposta di istituire un Arbitrato della Salute per risolvere in maniera alternativa i sempre più frequenti contenziosi tra medici e pazienti. Sottolinea poi l’importanza del diritto alla sicurezza delle cure e aggiunge: «L’errore umano è sempre possibile, ma per ridurlo oggi ci sono dei modelli di gestione del rischio che funzionano ma che ancora non vengono applicati abbastanza».

LEGGI ANCHE: CONTENZIOSI MEDICI-PAZIENTI, PIERPAOLO SILERI (M5S): «ARBITRATO SALUTE IDEA VINCENTE, RIDUCE I COSTI PER IL SSN E SCORAGGIA LA MEDICINA DIFENSIVA»

Dottoressa, Cittadinanzattiva partecipa a questo evento organizzato da Consulcesi per ragionare sull’eccessiva conflittualità tra medici e pazienti. Voi siete dalla parte dei cittadini e li difendete quando ne hanno giustamente diritto, però siete d’accordo con il compensare queste istanze e far sì che si vada in causa solo per un motivo fondato.

«Cittadinanzattiva si occupa da sempre di prevenire gli errori e gli eventi avversi nel campo della salute, quindi ben vengano tutte le iniziative che vanno a ridurre la conflittualità tra cittadini e professionisti del settore. Oggi possiamo contare sull’articolo 1 della Legge 24, che stabilisce a chiare lettere che il diritto alla sicurezza è parte integrante del diritto alla salute. È un fatto molto importante per i cittadini italiani: curarsi e curarsi in sicurezza sono un nostro diritto. Ma come si fa ad ottenere questo risultato? Bisogna lavorare con gli ospedali, i medici, gli infermieri e le istituzioni per investire sulla sicurezza, perché poi quando il danno è fatto è troppo tardi. Bisogna assolutamente ridurre la possibilità che accada. Poi certo, quando il danno è fatto è essenziale per i cittadini ogni modalità per risarcire giustamente il diritto violato, e noi staremo sempre al loro fianco su questo. Ma Cittadinanzattiva è assolutamente d’accordo ed è in prima linea per trovare modalità alternative volte a conciliare e mediare i conflitti».

Nel corso del convegno sono stati evidenziati alcuni elementi che possono aiutare a ridurre il rischio di errori: strutture adeguate, personale adeguato, ma anche formazione continua e aggiornamento costante.

«La sicurezza è una responsabilità di tutti. È una questione di competenze del personale, ma anche della struttura e dell’organizzazione, che devono funzionare. È stato dimostrato che per ridurre gli eventi avversi è necessaria la competenza e rispettare semplici procedure affinché certi errori non accadano. L’errore umano è sempre possibile, ma per ridurlo oggi ci sono dei modelli di gestione del rischio che funzionano ma che applichiamo ancora troppo poco. La formazione fa certamente parte di tutto questo, ma la sicurezza in un ospedale è un lavoro quotidiano, fatto di formazione e di controlli di certi processi. Quindi ognuno deve fare la sua parte, altrimenti la vittima è chi, oltre ad avere un problema di salute, deve anche purtroppo fare i conti con un evento avverso. E questo poi è un dramma, ci rimettono tutti: non solo i cittadini, ma anche i medici, gli infermieri, l’organizzazione e la sanità pubblica che paga, cioè noi. Quindi, alla fine, è un problema per tutti».

LEGGI ANCHE: CONTENZIOSI, QUICI (CIMO): «SPOSTIAMO I COSTI PER ASSICURAZIONI E PROCESSI VERSO LA FORMAZIONE ECM»

Articoli correlati
Case di Comunità, dalla mappa di Cittadinanzattiva spuntano prime disparità
Cittadinanzattiva ha realizzato una prima mappa della realizzazione delle Case di Comunità, punto essenziale del Pnrr. Sono emerse gravi disparità
di Redazione
Liste d’attesa infinite e i cittadini rinunciano alle cure, allarme di Cittadinanzattiva
Secondo il «Rapporto civico sulla salute 2022. I diritti dei cittadini e il federalismo sanitario» di Cittadinanzattiva 1 cittadino su 3 rinuncia alle cure. Ritardi in esami, screening e interventi chirurgici
di Valentina Arcovio
Decreto tariffe, Omar e Cittadinanzattiva alle regioni: «Aggiornate subito i LEA»
Dal Ministero della Salute arrivano notizie di ulteriori fondi e nuovi aggiornamenti già pronti, ma senza questo decreto tutto rimarrà bloccato
XXX Giornata Mondiale del Malato: «La vera emergenza oggi è la sanità ordinaria». Il punto di Cittadinanzattiva
Mandorino (Tribunale diritti Malato): «Perché prenotare una prestazione sanitaria non è facile quanto prenotare il vaccino antiCovid-19?». E il “paziente al centro” è ancora un miraggio
Farmaci, scuola e Green Pass, Cittadinanzattiva lancia sos per la “covid-burocrazia”
Lettera aperta al ministro della Salute Roberto Speranza e al Commissario Straordinario per l'emergenza Covid, Paolo Francesco Figliuolo
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 1° luglio, sono 547.500.575 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.335.874 i decessi. Ad oggi, oltre 11,74 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...