Lavoro 22 Febbraio 2019

Contenziosi, Moccia (Cittadinanzattiva): «Diritto a sicurezza cure è fondamentale, ma necessario mediare i conflitti medici-pazienti»

Il vicesegretario generale dell’organizzazione si schiera a favore di nuove modalità di risoluzione dei contenziosi tra medici e pazienti e chiede a istituzioni e professionisti di investire su sicurezza e formazione

Immagine articolo

«Ben vengano le iniziative volte a ridurre la conflittualità tra cittadini e professionisti del mondo della salute». Così Francesca Moccia, vicesegretario generale di Cittadinanzattiva, commenta la proposta di istituire un Arbitrato della Salute per risolvere in maniera alternativa i sempre più frequenti contenziosi tra medici e pazienti. Sottolinea poi l’importanza del diritto alla sicurezza delle cure e aggiunge: «L’errore umano è sempre possibile, ma per ridurlo oggi ci sono dei modelli di gestione del rischio che funzionano ma che ancora non vengono applicati abbastanza».

LEGGI ANCHE: CONTENZIOSI MEDICI-PAZIENTI, PIERPAOLO SILERI (M5S): «ARBITRATO SALUTE IDEA VINCENTE, RIDUCE I COSTI PER IL SSN E SCORAGGIA LA MEDICINA DIFENSIVA»

Dottoressa, Cittadinanzattiva partecipa a questo evento organizzato da Consulcesi per ragionare sull’eccessiva conflittualità tra medici e pazienti. Voi siete dalla parte dei cittadini e li difendete quando ne hanno giustamente diritto, però siete d’accordo con il compensare queste istanze e far sì che si vada in causa solo per un motivo fondato.

«Cittadinanzattiva si occupa da sempre di prevenire gli errori e gli eventi avversi nel campo della salute, quindi ben vengano tutte le iniziative che vanno a ridurre la conflittualità tra cittadini e professionisti del settore. Oggi possiamo contare sull’articolo 1 della Legge 24, che stabilisce a chiare lettere che il diritto alla sicurezza è parte integrante del diritto alla salute. È un fatto molto importante per i cittadini italiani: curarsi e curarsi in sicurezza sono un nostro diritto. Ma come si fa ad ottenere questo risultato? Bisogna lavorare con gli ospedali, i medici, gli infermieri e le istituzioni per investire sulla sicurezza, perché poi quando il danno è fatto è troppo tardi. Bisogna assolutamente ridurre la possibilità che accada. Poi certo, quando il danno è fatto è essenziale per i cittadini ogni modalità per risarcire giustamente il diritto violato, e noi staremo sempre al loro fianco su questo. Ma Cittadinanzattiva è assolutamente d’accordo ed è in prima linea per trovare modalità alternative volte a conciliare e mediare i conflitti».

Nel corso del convegno sono stati evidenziati alcuni elementi che possono aiutare a ridurre il rischio di errori: strutture adeguate, personale adeguato, ma anche formazione continua e aggiornamento costante.

«La sicurezza è una responsabilità di tutti. È una questione di competenze del personale, ma anche della struttura e dell’organizzazione, che devono funzionare. È stato dimostrato che per ridurre gli eventi avversi è necessaria la competenza e rispettare semplici procedure affinché certi errori non accadano. L’errore umano è sempre possibile, ma per ridurlo oggi ci sono dei modelli di gestione del rischio che funzionano ma che applichiamo ancora troppo poco. La formazione fa certamente parte di tutto questo, ma la sicurezza in un ospedale è un lavoro quotidiano, fatto di formazione e di controlli di certi processi. Quindi ognuno deve fare la sua parte, altrimenti la vittima è chi, oltre ad avere un problema di salute, deve anche purtroppo fare i conti con un evento avverso. E questo poi è un dramma, ci rimettono tutti: non solo i cittadini, ma anche i medici, gli infermieri, l’organizzazione e la sanità pubblica che paga, cioè noi. Quindi, alla fine, è un problema per tutti».

LEGGI ANCHE: CONTENZIOSI, QUICI (CIMO): «SPOSTIAMO I COSTI PER ASSICURAZIONI E PROCESSI VERSO LA FORMAZIONE ECM»

Articoli correlati
Formazione ECM, società scientifiche: «Senza aggiornamento diagnosi e terapie errate»
Inchiesta ANSA sulla formazione ECM e sul 20% di medici non in regola. Anche le associazioni dei pazienti e dei consumatori in pressing: «Sia fatta rispettare la legge». Gli accademici: «Un medico non adeguatamente aggiornato - sottolineano - si rischia di ritardare la diagnosi di una malattia importante»
Nomine in sanità, Cittadinanzattiva: «D’accordo su criterio del merito, ma serve riforma organica e definitiva»
l vicesegretario Anna Lisa Mandorino commenta l'emendamento del M5S per limitare l’intreccio tra politica e sanità: «Da sempre sosteniamo che negli incarichi dirigenziali delle aziende sanitarie la politica non dovrebbe entrare: questi due settori dovrebbero rimanere indipendenti l’uno dall’altro», sottolinea la rappresentante dell’Associazione dei pazienti
“Furbetti dell’ECM”, Cittadinanzattiva: «Paziente deve sapere se medico è in regola con aggiornamento o no»
Dopo l’inchiesta di Striscia la Notizia, le associazioni dei pazienti prendono posizione sull’obbligo dell’aggiornamento professionale per i medici. Mandorino (Cittadinanzattiva): “Noi tuteliamo i diritti dei malati, vogliamo verifiche sulla formazione corretta dei camici bianchi”
Premio Sham 2019, 6mila euro per progetti che migliorano la gestione del rischio e aumentano la qualità delle cure
Ci sarà tempo fino a settembre 2019 per partecipare alla 4a edizione del Premio Sham per la prevenzione dei rischi, un’iniziativa unica in Italia che raccoglie, confronta e promuove i progetti di prevenzione messi in atto dalle strutture sanitarie su tutto il territorio nazionale. Una speciale commissione di Risk Manager deciderà i vincitori a novembre […]
Responsabilità professionale, MISE al lavoro su decreti attuativi legge 24. Gelli: «Contenziosi in diminuzione con risk management»
«Nelle regioni dov’è applicata la Legge si riducono le controversie: finalmente c’è un governo del rischio in sanità e della sicurezza delle cure per i cittadini» ha sottolineato a Sanità Informazione Federico Gelli, relatore della Legge alla Camera e presidente della Fondazione Italia in Salute
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

ECM, finisce a Striscia la Notizia il caso dei medici non in regola. FNOMCeO: «Dal 2020 sanzioni per chi non sarà in regola»

Anche la popolare trasmissione di Canale 5 punta i riflettori sul caso dei tanti medici che non rispettano l’obbligo di legge sull’aggiornamento continuo in medicina. Gerry Scotti: “Pazienti pre...
Formazione

Obbligo ECM, Rosset (OMCeO Aosta): «La formazione tutela la salute pubblica. Con sentenza si esce dall’ambiguità»

«Il rispetto della formazione, la tutela della salute e l’obbligo di rispondere a quanto viene dettato dal legislatore, quindi a osservare la legge, sono cose assolutamente imprescindibili e che re...
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Salute

Guarire dalla balbuzie si può: Chiara Comastri, psicologa ed ex balbuziente, ci spiega come agisce il metodo Psicodizione

Da balbuziente ad esperta di linguaggio: la psicologa Chiara Comastri si racconta a Sanità Informazione e rivela: «Con un approccio di tipo cognitivo comportamentale e un percorso preciso si possono...