Lavoro 12 Febbraio 2019

Contenziosi, Quici (CIMO): «Spostiamo i costi per assicurazioni e processi verso la formazione ECM»

Nel 2016 sono stati spesi 1 miliardo 300 milioni di euro per le assicurazioni e i contenziosi, ma solo 100 milioni per la formazione. Il presidente del sindacato: «Le cause vanno ridotte e il rischio va prevenuto, anche investendo di più sulla formazione degli operatori, altrimenti saranno maggiori le risorse sottratte al SSN. Bene Arbitrato della Salute»

di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Immagine articolo

Per ogni dipendente del Servizio Sanitario Nazionale, vengono spesi 1950 euro in assicurazioni e contenziosi e appena 160 euro per la formazione. Cifra che scende fino a 10 euro pro capite in alcune Regioni e aziende. Per questo Guido Quici, presidente nazionale della CIMO, propone di «spostare progressivamente i costi assicurativi verso la formazione ECM e la sicurezza delle cure».

«Nel 2016 – continua Quici a margine della conferenza stampa ‘Basta odio medici-pazienti’ organizzata da Consulcesi al ministero della Salute – sono stati spesi 1 miliardo 300 milioni di euro per le assicurazioni delle strutture sanitarie, gli accantonamenti per la ritenzione del rischio, i contenziosi in sede civile e le spese processuali; sono stati poi spesi appena 2 miliardi per la manutenzione ordinaria e straordinaria, ma per la formazione si spende meno di 100 milioni».

E se sono 300mila i contenziosi tra pazienti e medici che intasano i tribunali italiani, è necessario intervenire per prevenire le cause. Non solo ristabilendo quel rapporto di fiducia tra le parti ormai leso anche da campagne pubblicitarie che istigano i pazienti ad intentare cause nei confronti dei camici bianchi per presunti errori, ma facendo anche in modo che medici, operatori sanitari e strutture siano nelle condizioni di poter offrire la migliore assistenza possibile, riducendo il rischio clinico. Se il contenzioso aumenta, infatti, «saranno maggiori le risorse sottratte al Servizio Sanitario Nazionale – spiega Quici -. Si compreranno quindi meno farmaci, ci saranno meno presidi e si farà meno manutenzione».

Ma il contenzioso è già «in continuo incremento – prosegue il presidente della CIMO – perché manca il personale e quindi c’è lo stress lavoro correlato; in molti ospedali mancano le tecnologie, alcune strutture sono interamente fatiscenti; da nessuna parte, poi, è presente una struttura di rischio clinico ben fatta, che segua tutto l’andamento, dal fenomeno epidemiologico e la prevenzione del rischio al contenzioso. È un lavoraccio enorme, ma va fatto. Altrimenti il medico sarà portato a giocare in difesa, magari andando in Pronto soccorso con il giubbotto anti-proiettile perché ha paura di essere aggredito mentre svolge il proprio lavoro».

Va quindi «sensibilizzata anche l’opinione pubblica», e superato l’attuale sistema di risoluzione dei contenziosi. Per questo Quici ritiene che l’istituzione di un Arbitrato della Salute, cioè un luogo di recepimento di tutte le istanze fornite dalla cittadinanza che riguardano l’attività sanitaria pubblica e privata, sia una strada percorribile: «È un’idea che va perseguita e struttura bene», conclude il presidente CIMO.

LEGGI ANCHE: CONTENZIOSI SANITARI, BARTOLAZZI (SOTTOSEGRETARIO SALUTE): «SERVE INTERVENTO LEGISLATIVO, ALTRIMENTI È FAR WEST»

 

Articoli correlati
Contratto medici, CIMO lancia petizione per sbloccare trattativa
Pubblicata su change.org, l'iniziativa ha già raggiunto le 5mila sottoscrizioni. «Questa petizione – spiega CIMO – è un dovere morale nei confronti di chi, in questi anni, si è fatto carico di “coprire” i vistosi buchi assistenziali creati dal progressivo sotto finanziamento del SSN»
Contratto medici, riprendono trattative in Aran ma ancora nulla di fatto. Sindacati sul piede di guerra: «Risposte o abbandoneremo tavolo»
Tutto rimandato alla riunione del 21 marzo. Quici (Cimo): «Vogliamo certezze sui problemi economici: RIA, emendamento Gelli, aumento del 3,48%. Solo dopo potremo discutere della parte normativa». Palermo (Anaao-Assomed: «Risorse per remunerazione del disagio e carriera professionale, condizioni di lavoro sono peggiorate»
Contratto medici, per CIMO-FESMED si deve chiudere parte economica e rinviare parte normativa al CCNL 2019-21
La Federazione lancia anche una petizione su change.org per difendere i medici e supportare la class action contro ARAN e Regioni che entrerà nel vivo in questi giorni
Medici sotto processo, Maggiorotti (Amami): «Impatto psicologico devastante. Ma forse il civile è anche peggio…»
Il presidente dell’Associazione per i medici accusati di malpractice ingiustamente: «La polizza assicurativa di un chirurgo costa circa 12-15mila euro l’anno, ma se negli ultimi 10 anni ha ricevuto una richiesta di risarcimento, a prescindere dall’esito, la cifra può raddoppiare o, peggio, il medico può avere difficoltà a trovare una copertura assicurativa, e deve quindi smettere di lavorare»
Blockchain in sanità, la frontiera delle staminali per la ricerca. Totta (Futura Stem Cells): «La catena dei blocchi certifica la conservazione dei campioni»
«La ricerca sta facendo grandi passi avanti, sarebbe opportuno riaprire il dibattito in Italia sulla conservazione autologa solidale con un modello che sta emergendo in Europa e nel resto del mondo» così la dottoressa Pierangela Totta, Direttore Scientifico di Futura Stem Cells, a Sanità Informazione
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «È l’unico modo per programmare un’uscita dal lavoro prima dei 70 anni»

La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitar...
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone