Lavoro 12 Febbraio 2019

Contenziosi, Quici (CIMO): «Spostiamo i costi per assicurazioni e processi verso la formazione ECM»

Nel 2016 sono stati spesi 1 miliardo 300 milioni di euro per le assicurazioni e i contenziosi, ma solo 100 milioni per la formazione. Il presidente del sindacato: «Le cause vanno ridotte e il rischio va prevenuto, anche investendo di più sulla formazione degli operatori, altrimenti saranno maggiori le risorse sottratte al SSN. Bene Arbitrato della Salute»

di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Immagine articolo

Per ogni dipendente del Servizio Sanitario Nazionale, vengono spesi 1950 euro in assicurazioni e contenziosi e appena 160 euro per la formazione. Cifra che scende fino a 10 euro pro capite in alcune Regioni e aziende. Per questo Guido Quici, presidente nazionale della CIMO, propone di «spostare progressivamente i costi assicurativi verso la formazione ECM e la sicurezza delle cure».

«Nel 2016 – continua Quici a margine della conferenza stampa ‘Basta odio medici-pazienti’ organizzata da Consulcesi al ministero della Salute – sono stati spesi 1 miliardo 300 milioni di euro per le assicurazioni delle strutture sanitarie, gli accantonamenti per la ritenzione del rischio, i contenziosi in sede civile e le spese processuali; sono stati poi spesi appena 2 miliardi per la manutenzione ordinaria e straordinaria, ma per la formazione si spende meno di 100 milioni».

E se sono 300mila i contenziosi tra pazienti e medici che intasano i tribunali italiani, è necessario intervenire per prevenire le cause. Non solo ristabilendo quel rapporto di fiducia tra le parti ormai leso anche da campagne pubblicitarie che istigano i pazienti ad intentare cause nei confronti dei camici bianchi per presunti errori, ma facendo anche in modo che medici, operatori sanitari e strutture siano nelle condizioni di poter offrire la migliore assistenza possibile, riducendo il rischio clinico. Se il contenzioso aumenta, infatti, «saranno maggiori le risorse sottratte al Servizio Sanitario Nazionale – spiega Quici -. Si compreranno quindi meno farmaci, ci saranno meno presidi e si farà meno manutenzione».

Ma il contenzioso è già «in continuo incremento – prosegue il presidente della CIMO – perché manca il personale e quindi c’è lo stress lavoro correlato; in molti ospedali mancano le tecnologie, alcune strutture sono interamente fatiscenti; da nessuna parte, poi, è presente una struttura di rischio clinico ben fatta, che segua tutto l’andamento, dal fenomeno epidemiologico e la prevenzione del rischio al contenzioso. È un lavoraccio enorme, ma va fatto. Altrimenti il medico sarà portato a giocare in difesa, magari andando in Pronto soccorso con il giubbotto anti-proiettile perché ha paura di essere aggredito mentre svolge il proprio lavoro».

Va quindi «sensibilizzata anche l’opinione pubblica», e superato l’attuale sistema di risoluzione dei contenziosi. Per questo Quici ritiene che l’istituzione di un Arbitrato della Salute, cioè un luogo di recepimento di tutte le istanze fornite dalla cittadinanza che riguardano l’attività sanitaria pubblica e privata, sia una strada percorribile: «È un’idea che va perseguita e struttura bene», conclude il presidente CIMO.

LEGGI ANCHE: CONTENZIOSI SANITARI, BARTOLAZZI (SOTTOSEGRETARIO SALUTE): «SERVE INTERVENTO LEGISLATIVO, ALTRIMENTI È FAR WEST»

 

Articoli correlati
#DestinazioneSanità | Liguria, lavori in corso: si sta costruendo una nuova sanità
La sanità ligure sta attraversando un momento di grande trasformazione. Per raccontarlo, siamo andati a Genova e abbiamo incontrato istituzioni, medici, direzioni ospedaliere e sindacalisti che ci hanno raccontato in che direzione sta andando la sanità della Regione tra privatizzazioni, nuovi ospedali, nuove politiche e nuovi modelli assistenziali. Ma con medici sempre più anziani. Cecchini (CIMO): «Sono cambiamenti importanti che richiedono al sindacato una forte attenzione e un forte impegno»
Contenziosi, l’urologo Gallucci: «Uso del robot non esclude complicanze, al paziente va spiegato bene»
Il professore di Urologia della Sapienza commenta l’utilizzo della robotica nel suo settore: «L’urologo è quello che più di tutti utilizza il robot. Praticamente quasi tutte le procedure, non solo la prostatectomia radicale, ma anche interventi molto complessi tipo la rimozione della vescica o la ricostruzione anche dell’intestino totalmente intracorporea o ancora i grandi interventi di tumore del rene possono essere fatti con la robotica»
Marco Camisani Calzolari spiega la blockchain in Sanità: «Renderà tutto molto più trasparente»
A Milano il convegno “Responsabilità professionale e arbitrato della salute” è stata l'occasione per presentare tutte le potenzialità in campo sanitario della nuova tecnologia
Ex specializzandi, lo Stato paga altri 12 milioni di euro a 400 medici. Il Lazio è la Regione più rimborsata
Antonio Magi (Presidente OMCeO Roma): «Importante il lavoro di Consulcesi Group a tutela dei diritti dei medici ex specializzandi. In un momento particolarmente difficile per la professione conforta sapere che ci sono professionisti in grado di far rispettare le leggi e i regolamenti posti in essere in ambito Ue». Andrea Tortorella (AD Consulcesi): «Continuiamo nel nostro lavoro a tutela dei medici con nuove soluzioni e servizi esclusivi sulla nostra rinnovata piattaforma web e con l’innovazione della tecnologia Blockchain anche gli operatori sanitari italiani potranno certificare la loro formazione»
Rischio clinico e contenzioso, Paola Frati (Medicina legale): «Promuovere formazione di qualità per implementare buone pratiche»
«C’è un costante aumento delle denunce penali contro i medici ma oltre il 60% vanno subito in archiviazione. Se poi seguiamo i processi, un altro 25% sono assoluzioni. Non si arriva al 10% di condanne penali ai sanitari» così il professor Vittorio Fineschi a margine del convegno organizzato all’Università Sapienza di Roma
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Lavoro

Ex specializzandi, a Roma l’Appello dà ragione ai camici bianchi. L’avvocato Marco Tortorella: «300mila medici abbandonati dallo Stato, ora giustizia»

L’ultima sentenza della Corte di Appello di Roma ha portato all’assegnazione di rimborsi per 12 milioni di euro per i camici bianchi tutelati dal network legale Consulcesi. «Lo Stato è obbligato...
Salute

Anatomia Patologica, viaggio nel laboratorio dove si scoprono i tumori. Virgili (Campus Bio-Medico): «Sanità digitale e I.A. il futuro»

Sanità Informazione è entrata nel laboratorio del Policlinico Campus Bio-Medico di Roma dove vengono analizzati i tessuti: la tecnologia consente precisione e velocità. Il coordinatore Roberto Virg...