Salute 5 Dicembre 2019

Merck premia la tecnologia e l’innovazione per migliorare il benessere psicofisico dei pazienti con sclerosi multipla

A Milano la quarta edizione del premio Merck in neurologi dedicato a questa grave patologia. Mancardi (SIN): «I pazienti possono continuare ad avere una vita sociale senza dover rimanere confinati in casa. Questo dipende dal grado di disabilità del paziente, ma la tecnologia è utile nelle fasi lievi»

di Federica Bosco

Convivere al meglio con la malattia e migliorare il benessere psicofisico della persona con sclerosi multipla. Con questo intento è stata istituita la quarta edizione del premio Merck in neurologia. Alla call hanno risposto diversi istituti, due progetti hanno convinto la giuria e ieri sono stati premiati a Milano dal Past President della Società Italiana Neurologia Gian Luigi Mancardi.

«È una malattia che può causare profonda disabilità, fortunatamente ora abbiamo numerose terapie a disposizione, alcune anche molto efficaci, ma non siamo ancora alla cura definitiva della malattia.  C’è molta attenzione alla qualità della vita e ai sintomi che i pazienti con sclerosi multipla hanno e questo premio punta a migliorare la vita delle persone attraverso nuove tecnologie. – ha sottolineato il professor Mancardi -. I pazienti possono continuare ad avere una vita sociale senza dover rimanere confinati in casa. Questo dipende dal grado di disabilità del paziente, ma la tecnologia è utile nelle fasi lievi, ma soprattutto nelle fasi più avanzate dove, solo attraverso la tecnologia, magari si riescono a svolgere delle attività che altrimenti non si potrebbero fare».

Perché avete fatto la scelta di premiare questi progetti?

«Il primo progetto riguarda il problema della sensibilità al calore dei pazienti con sclerosi multipla. C’è un’applicazione che informa il paziente sulla variazione della temperatura e dà consigli su come risolverla. Il secondo è un progetto che punta al miglioramento dell’ansia e della depressione e l’inserimento sociale del paziente. Anche qua c’è un’applicazione di high technology che permette di aiutare il paziente a svolgere questa attività. I criteri scelti sono stati: innovatività, fattibilità e ricadute sull’universo delle persone con sclerosi multipla. La commissione, composta da otto membri: psicologi, esperti di tecnologia, pazienti, oltre al sottoscritto, hanno premiato i due progetti indicati, ritenuti migliori all’unanimità».

LEGGI ANCHE: SCLEROSI MULTIPLA, AL SAN CAMILLO DI ROMA APRE LO SPORTELLO DI SOSTEGNO OFFERTO DA PAZIENTI TUTOR

Merck ha destinato due premi del valore di 40mila euro ciascuno al progetto MS+U realizzato presso il dipartimento di Scienze Mediche, Chirurgiche e della Salute dell’Università di Trieste e al progetto MIND4MS (Mindfulness) del campus Bio-medico di Roma.  Per Andrea Paolillo, Medical Affairs Director di Merck in Italia «un’azienda che vuole essere paziente-centrica non deve sviluppare farmaci, ma dare supporto soprattutto nelle malattie croniche per gestire al meglio la quotidianità e la tecnologia digitale rappresenta un validissimo strumento per aiutare questi pazienti. Per questo, quattro anni fa Merck, insieme alla società italiana di Neurologia e all’associazione dei pazienti, ha voluto intraprendere un percorso che potesse sviluppare delle applicazioni che rendessero migliore, e al tempo stesso normale, la quotidianità dei pazienti con sclerosi multipla».

Articoli correlati
Giornata Internazionale Epilessia, colpite 50 milioni di persone nel mondo e 500mila in Italia
Il punto della Società Italiana di Neurologia. «I progressi scientifici recenti – ha dichiarato il Prof. Giancarlo Di Gennaro - hanno fatto registrare numerose scoperte nel campo della genetica e delle scienze di base, con significativi passi avanti nella comprensione dei meccanismi molecolari che generano le crisi epilettiche»
Sclerosi multipla: da Sanremo la storia di Ivan, il ballerino che ha infiammato l’Ariston
Dopo una serie di partecipazioni a importanti trasmissioni, la coppia di ballo composta da Ivan Cottini e la sua partner porta in scena un messaggio di solidarietà e speranza
Sclerosi multipla, Novartis annuncia approvazione da parte dell’UE di Mayzent
Novartis ha annunciato che la Commissione europea (CE) ha approvato Mayzent (siponimod) per il trattamento di pazienti adulti affetti da sclerosi multipla secondariamente progressiva (SMSP) con malattia attiva evidenziata da recidive o caratteristiche di imaging indicanti attività infiammatoria. Sebbene la progressione della sclerosi multipla sia diversa per ogni paziente, fino all’80% dei pazienti con SM recidivante-remittente […]
Malattie neurodegenerative: calciatori più colpiti? Tedeschi (SIN): «Microtraumi e tossine presenti sull’erba possibili cause di Alzheimer e Sla»
Il Presidente della Società italiana di Neurologia: «Si è calcolato che in una singola partita di calcio un atleta professionista tocca la palla di testa dalle 6 alle 12 volte, quindi nella sua vita calcistica la toccherebbe migliaia di volte». Sulla Sla: «L’ipotesi più verosimile è che il tutto sia dovuto a tossine che un tempo erano presenti sui campi di calcio e che si trovano nelle piante dell’isola di Guam»
di Federica Bosco
50° Congresso SIN, il presidente Mancardi: «Investiremo 120 mila euro sulla ricerca nella neurologia di genere»
A Bologna dal 12 al 15 ottobre il 50esimo Congresso della Società Italiana di Neurologia. La dottoressa Arabia: «L’emicrania, ad esempio, colpisce in Italia 4 milioni di donne e due milioni di uomini. Sul Parkinson più colpiti gli uomini»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 29 marzo, sono 665.616 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 30.857 i decessi e 141.746 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA   Bollettino...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...
Salute

Visite domiciliari, cure precoci e controllo da remoto: con il ‘modello Piacenza’ il coronavirus si sconfigge casa per casa

L’oncologo Luigi Cavanna, dell’ospedale di Piacenza, racconta: «Se i sintomi sono quelli del Covid, facciamo un’ecografia e diamo gli antivirali e strumenti di controllo. Poi monitoriamo a dist...