Salute 5 Dicembre 2019 12:50

Merck premia la tecnologia e l’innovazione per migliorare il benessere psicofisico dei pazienti con sclerosi multipla

A Milano la quarta edizione del premio Merck in neurologi dedicato a questa grave patologia. Mancardi (SIN): «I pazienti possono continuare ad avere una vita sociale senza dover rimanere confinati in casa. Questo dipende dal grado di disabilità del paziente, ma la tecnologia è utile nelle fasi lievi»

di Federica Bosco

Convivere al meglio con la malattia e migliorare il benessere psicofisico della persona con sclerosi multipla. Con questo intento è stata istituita la quarta edizione del premio Merck in neurologia. Alla call hanno risposto diversi istituti, due progetti hanno convinto la giuria e ieri sono stati premiati a Milano dal Past President della Società Italiana Neurologia Gian Luigi Mancardi.

«È una malattia che può causare profonda disabilità, fortunatamente ora abbiamo numerose terapie a disposizione, alcune anche molto efficaci, ma non siamo ancora alla cura definitiva della malattia.  C’è molta attenzione alla qualità della vita e ai sintomi che i pazienti con sclerosi multipla hanno e questo premio punta a migliorare la vita delle persone attraverso nuove tecnologie. – ha sottolineato il professor Mancardi -. I pazienti possono continuare ad avere una vita sociale senza dover rimanere confinati in casa. Questo dipende dal grado di disabilità del paziente, ma la tecnologia è utile nelle fasi lievi, ma soprattutto nelle fasi più avanzate dove, solo attraverso la tecnologia, magari si riescono a svolgere delle attività che altrimenti non si potrebbero fare».

Perché avete fatto la scelta di premiare questi progetti?

«Il primo progetto riguarda il problema della sensibilità al calore dei pazienti con sclerosi multipla. C’è un’applicazione che informa il paziente sulla variazione della temperatura e dà consigli su come risolverla. Il secondo è un progetto che punta al miglioramento dell’ansia e della depressione e l’inserimento sociale del paziente. Anche qua c’è un’applicazione di high technology che permette di aiutare il paziente a svolgere questa attività. I criteri scelti sono stati: innovatività, fattibilità e ricadute sull’universo delle persone con sclerosi multipla. La commissione, composta da otto membri: psicologi, esperti di tecnologia, pazienti, oltre al sottoscritto, hanno premiato i due progetti indicati, ritenuti migliori all’unanimità».

LEGGI ANCHE: SCLEROSI MULTIPLA, AL SAN CAMILLO DI ROMA APRE LO SPORTELLO DI SOSTEGNO OFFERTO DA PAZIENTI TUTOR

Merck ha destinato due premi del valore di 40mila euro ciascuno al progetto MS+U realizzato presso il dipartimento di Scienze Mediche, Chirurgiche e della Salute dell’Università di Trieste e al progetto MIND4MS (Mindfulness) del campus Bio-medico di Roma.  Per Andrea Paolillo, Medical Affairs Director di Merck in Italia «un’azienda che vuole essere paziente-centrica non deve sviluppare farmaci, ma dare supporto soprattutto nelle malattie croniche per gestire al meglio la quotidianità e la tecnologia digitale rappresenta un validissimo strumento per aiutare questi pazienti. Per questo, quattro anni fa Merck, insieme alla società italiana di Neurologia e all’associazione dei pazienti, ha voluto intraprendere un percorso che potesse sviluppare delle applicazioni che rendessero migliore, e al tempo stesso normale, la quotidianità dei pazienti con sclerosi multipla».

Articoli correlati
Il neonatologo: «Siamo costretti a separare le mamme non vaccinate dai loro figli»
Ambrogio Di Paolo (Presidente SIN Lazio): «Con l’ordinanza della Regione Lazio si può entrare negli ospedali soltanto con il Green pass rafforzato. E molte mamme non sono vaccinate, per disinformazione»
Punti nascita: Italia eccellenza in Europa. Orfeo (SIN): «La TIN non è solo un reparto d’emergenza»
Nata una collaborazione tra la SIN e l’ANUPI TNPEE per implementare studio e diffusione di buone prassi. Bonifacio (ATS ANUPITNPEE): «Con il PNRR costruire un nuovo welfare di comunità per attivare una maggiore sinergia tra la pediatria di base e i professionisti esperti del neuro-sviluppo»
Giornata della prematurità, Orfeo (SIN): «In Italia tassi di mortalità tra i più bassi al mondo»
Il neo eletto presidente della Società Italiana di Neonatologia: «Tra i principali obiettivi del mio mandato l’apertura h24 di tutte le TIN d’Italia e la promozione continua dei percorsi di follow-up»
di Isabella Faggiano
Sclerosi multipla: un modello sperimentale dimostra il ruolo della risposta immunitaria
Un gruppo di ricercatori internazionali, coordinato dal Dipartimento di Scienze cliniche internistiche, anestesiologiche e cardiovascolari della Sapienza, ha dimostrato per la prima volta come la risposta immunitaria peggiori il decorso della malattia nei pazienti affetti da sclerosi multipla. I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista Cell Death & Disease
Congresso mondiale neurologia, 3 miliardi di persone vivono con cefalea e 50 milioni con demenza ed epilessia
Alla conferenza stampa di presentazione del Congresso Sin italiano si è parlato dell’impatto della pandemia sul sistema neurologico, delle ultime novità terapeutiche per ictus e Alzheimer e di malattie rare
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 gennaio, sono 351.635.821 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.596.877 i decessi. Ad oggi, oltre 9,80 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Contributi e Opinioni

«Perché il medico di famiglia non ti risponde al telefono»

di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
Politica

Legge di Bilancio. Dalla stabilizzazione dei precari Covid ai fondi per aggiornare i LEA, tutte le misure per la sanità

Via libera della Camera dopo una maratona di tre giorni. Il Fondo sanitario incrementato di due miliardi all’anno per tre anni, prorogate le USCA e prevista un’indennità per gli ope...
di Francesco Torre