Salute 5 Dicembre 2019 12:50

Merck premia la tecnologia e l’innovazione per migliorare il benessere psicofisico dei pazienti con sclerosi multipla

A Milano la quarta edizione del premio Merck in neurologi dedicato a questa grave patologia. Mancardi (SIN): «I pazienti possono continuare ad avere una vita sociale senza dover rimanere confinati in casa. Questo dipende dal grado di disabilità del paziente, ma la tecnologia è utile nelle fasi lievi»

di Federica Bosco

Convivere al meglio con la malattia e migliorare il benessere psicofisico della persona con sclerosi multipla. Con questo intento è stata istituita la quarta edizione del premio Merck in neurologia. Alla call hanno risposto diversi istituti, due progetti hanno convinto la giuria e ieri sono stati premiati a Milano dal Past President della Società Italiana Neurologia Gian Luigi Mancardi.

«È una malattia che può causare profonda disabilità, fortunatamente ora abbiamo numerose terapie a disposizione, alcune anche molto efficaci, ma non siamo ancora alla cura definitiva della malattia.  C’è molta attenzione alla qualità della vita e ai sintomi che i pazienti con sclerosi multipla hanno e questo premio punta a migliorare la vita delle persone attraverso nuove tecnologie. – ha sottolineato il professor Mancardi -. I pazienti possono continuare ad avere una vita sociale senza dover rimanere confinati in casa. Questo dipende dal grado di disabilità del paziente, ma la tecnologia è utile nelle fasi lievi, ma soprattutto nelle fasi più avanzate dove, solo attraverso la tecnologia, magari si riescono a svolgere delle attività che altrimenti non si potrebbero fare».

Perché avete fatto la scelta di premiare questi progetti?

«Il primo progetto riguarda il problema della sensibilità al calore dei pazienti con sclerosi multipla. C’è un’applicazione che informa il paziente sulla variazione della temperatura e dà consigli su come risolverla. Il secondo è un progetto che punta al miglioramento dell’ansia e della depressione e l’inserimento sociale del paziente. Anche qua c’è un’applicazione di high technology che permette di aiutare il paziente a svolgere questa attività. I criteri scelti sono stati: innovatività, fattibilità e ricadute sull’universo delle persone con sclerosi multipla. La commissione, composta da otto membri: psicologi, esperti di tecnologia, pazienti, oltre al sottoscritto, hanno premiato i due progetti indicati, ritenuti migliori all’unanimità».

LEGGI ANCHE: SCLEROSI MULTIPLA, AL SAN CAMILLO DI ROMA APRE LO SPORTELLO DI SOSTEGNO OFFERTO DA PAZIENTI TUTOR

Merck ha destinato due premi del valore di 40mila euro ciascuno al progetto MS+U realizzato presso il dipartimento di Scienze Mediche, Chirurgiche e della Salute dell’Università di Trieste e al progetto MIND4MS (Mindfulness) del campus Bio-medico di Roma.  Per Andrea Paolillo, Medical Affairs Director di Merck in Italia «un’azienda che vuole essere paziente-centrica non deve sviluppare farmaci, ma dare supporto soprattutto nelle malattie croniche per gestire al meglio la quotidianità e la tecnologia digitale rappresenta un validissimo strumento per aiutare questi pazienti. Per questo, quattro anni fa Merck, insieme alla società italiana di Neurologia e all’associazione dei pazienti, ha voluto intraprendere un percorso che potesse sviluppare delle applicazioni che rendessero migliore, e al tempo stesso normale, la quotidianità dei pazienti con sclerosi multipla».

Articoli correlati
Sclerosi multipla: trapianto di staminali cerebrali sicuro e duraturo
Il trapianto di cellule staminali cerebrali in pazienti affetti da sclerosi multipla secondaria progressiva è sicuro, molto ben tollerato e con possibili effetti duraturi e protettivi da ulteriori danni al cervello dei pazienti. È questo quanto emerge dallo studio coordinato dall’Ospedale IRCCS Casa Sollievo della Sofferenza di San Giovanni Rotondo e ideato da Angelo Vescovi dell’Università di Milano – Bicocca. I risultati di questa sperimentazione clinica di fase 1 sono stati pubblicati in copertina sulla rivista Cell Stem Cell
Sclerosi multipla, la terapia con cellule staminali può rallentare la progressione della malattia recidivante
Un gruppo di ricercatori svedesi ha valutata la sicurezza e l’efficacia della terapia con cellule staminali quando utilizzata come trattamento di routine piuttosto che in condizioni di sperimentazione clinica. I risultati sono stati pubblicati sul Journal of Neurology Neurosurgery & Psychiatry
Sclerosi Multipla, Regimenti (Forza Italia): «Sostenere ricerca e tecnologia per favorire diagnosi precoce»
Per la Responsabile Sanità per l'Europa degli azzurri è importane che «Bruxelles si faccia anche promotrice di politiche per garantire l’uguale accesso alle terapie e ai servizi per le persone con Sclerosi Multipla in tutti i Paesi Europei»
Sclerosi multipla, svelato il mistero della «parentela» con il virus della mononucleosi
Che esista una correlazione tra il virus responsabile della mononucleosi e la sclerosi multipla lo si è ipotizzato per lungo tempo. Ora un nuovo studio del Karolinska Institutet, in Svezia, non solo ha confermato questa teoria, ma ha spiegato anche i meccanismi sottostanti di questa pericolosa «parentela». Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Science Advances
Malattia renale cronica, le nuove linee di indirizzo elaborate in sinergia con i pazienti
Quasi un italiano su dieci ha una malattia renale cronica e non lo sa. In Senato l'evento di aggiornamento del documento di indirizzo
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Cirrosi epatica, i pazienti chiedono meno burocrazia e maggior accesso al teleconsulto

Nella nuova puntata di The Patient Voice, Ivan Gardini (EpaC Ets), Ilenia Malavasi (Affari Sociali) e Francesca Ponziani (Pol. Gemelli)
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...