Salute 26 Luglio 2016 11:43

Medicinema: al Policlinico Gemelli si sperimenta la “terapia del grande schermo”

Nell’ospedale romano un cinema per alleviare la degenza dei pazienti e migliorare il rapporto con gli operatori sanitari e la loro formazione

Il cinema come strumento terapeutico. È questa l’idea nata venti anni fa in Inghilterra e da poco importata anche in Italia grazie a Fulvia Salvi, presidente di MediCinema Italia Onlus, che ha permesso la realizzazione di una sala cinematografica a misura di paziente all’interno del Policlinico Gemelli di Roma. Un esperimento che ha avuto finora un enorme successo e ha contribuito a portare svago e gioia a tantissimi pazienti, grandi e bambini. L’obiettivo, ovviamente, è quello di continuare su questa strada e di portare “Medicinema” anche in altri ospedali.

«Il Gemelli di Roma – spiega Francesca Medolago Albani, vicepresidente di MediCinema Italia – rappresenta la prima realizzazione organica dell’idea all’interno di una struttura ospedaliera. Si tratta di una vera sala cinematografica costruita ex novo in uno spazio del policlinico. È stata inaugurata lo scorso aprile, dopo circa due anni di lavoro, e in seguito alla sua realizzazione abbiamo cominciato a testare il protocollo che prevede lo spostamento dei pazienti, siano essi autonomi o che si trovano a letto o sulla carrozzina. Le tecnologie che abbiamo installato in questo cinema – spiega ancora la dottoressa Medolago Albani – sono di ultima generazione, in modo tale da dare al paziente un servizio di qualità che gli consenta di allontanarsi per un po’ di tempo dal suo status di malato. Tutto ciò permette ai pazienti di socializzare, di uscire dalla stanza, di prepararsi per qualcosa di diverso dagli appuntamenti abituali della giornata, che sono gli incontri con i medici, le terapie, gli esami, le ansie e le preoccupazioni di un paziente. In questo modo il malato diventa anche maggiormente ricettivo rispetto alle terapie e alle cure che riceve in ospedale».

Il cinema può essere però utilizzato non solo per regalare al paziente un momento di distrazione, ma anche per veicolare dei messaggi che possono aiutarlo a gestire al meglio la degenza in ospedale. «È un obiettivo – spiega ancora il vicepresidente della Onlus – che perseguiamo in due modi: prima di tutto, attraverso la scelta dei film e dei contenuti, che ovviamente devono essere adatti al paziente e devono metterlo nella migliore delle condizioni possibili; in secondo luogo, cercando di fare di questo strumento un aiuto terapeutico, e dunque non solo d’intrattenimento, in maniera tale da provocare tutta una serie di ricadute benefiche sulla condizione del malato».

«Il cinema, così come tutta l’arte, è un elemento importante nella lotta contro le malattie, soprattutto quelle neurologiche», spiega Fulvia Salvi, Presidente di MediCinema Italia Onlus. «I pazienti dichiarano di non sentire dolore mentre guardano un film e la programmazione non è una semplice riproduzione di pellicole, ma una scelta studiata da un importante lavoro di squadra fatto in ospedale grazie all’aiuto di psicologi che possono indicare quali sono i film più indicati non solo dal punto di vista dell’intrattenimento, ma anche da quello del sostegno psicologico». In tutto ciò, il contributo dato dai camici bianchi è fondamentale in quanto, spiega ancora la Presidente Salvi, «hanno investito tanto in questo progetto e hanno accolto con grande interesse e, soprattutto, con grande voglia di sperimentare uno strumento così innovativo».

Articoli correlati
HIV: via a studio su prima “pellicola” vaginale mensile per prevenire i contagi nelle donne
Un nuovo studio, condotto negli Stati Uniti e in Africa Subsahariana, mira a testare la fattibilità e l'accettabilità di un film vaginale progettato per sciogliersi gradualmente in 30 giorni, come possibile metodo di prevenzione dell'HIV per le donne
Laila Perciballi è il primo Garante dei diritti delle persone anziane di Roma
Selezionata tra diversi candidati, l'avvocato Laila Perciballi è stata nominata Garante dei diritti delle persone anziane di Roma. Il suo compito sarà quello di affiancare l'amministrazione capitolina nella promozione di interventi di invecchiamento attivo, di assistenza e cura, di domiciliarità e di prossimità, vigilando sui servizi erogati a tutela del benessere delle persone anziane e nel rispetto dei loro diritti
Herpes Zoster, al Policlinico Gemelli Open Day per vaccinare gratis immunodepressi e fragili
In occasione della “Shingles Awareness Week”, la settimana di sensibilizzazione sull’Herpes Zoster in programma in tutto il mondo dal 28 febbraio al 6 marzo, presso gli ambulatori del CEMI, giovedì 2 marzo, sarà possibile vaccinarsi gratuitamente contro questa infezione
Gemelli, il Centro di Diagnosi Precoce e Riabilitazione Visiva dei bambini con deficit plurisensoriali compie 10 anni
Oggi è stata celebrata la struttura nata dieci anni fa dalla collaborazione del Polo Nazionale Ipovisione della IAPB Italia onlus con la Neuropsichiatria Infantile della Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli IRCSS
Emergenza peste suina, l’esperto: «Nessun rischio per l’uomo, ma salto di specie imprevedibile»
È stato individuato il primo caso di peste suina africana a Roma su un cinghiale morto. Marco Melosi, presidente Associazione nazionale medici veterinari italiani: «il virus non colpisce l'uomo, ma con mutazioni genetiche possibile spillover»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...