Salute 8 marzo 2018

Maurizio Mattioli e lo psichiatra David Martinelli: l’intervista doppia per conoscere (sorridendo) la dipendenza da Internet

Il dottor Martinelli è responsabile scientifico del corso ECM “Internet e adolescenti: I.A.D. e cyberbullismo” lanciato da Consulcesi Club e dal provider Sanità in-Formazione

Cosa ci fanno l’attore Maurizio Mattioli e lo psichiatra David Martinelli nella stessa stanza? No, non è per una seduta di psicanalisi. È (solo) per una divertente intervista doppia per affrontare un tema, quello della dipendenza da Internet e del cyberbullismo, di cui si occupa il corso ECM, rivolto non solo al personale sanitario ma presto sarà fruibile anche da parte di genitori e pazienti che intendono approfondire l’argomento, dal titolo Internet e adolescenti: I.A.D. e cyberbullismo.

David Martinelli, psichiatra del Centro Pediatrico Interdipartimentale Psicopatologia da Web presso la Fondazione “Policlinico Gemelli” di Roma, è il responsabile scientifico del corso proposto dal provider 2506 Sanità in-Formazione, in collaborazione con Consulcesi Club. Il corso, è on line gratuitamente sul sito www.corsi-ecm-fad.it esplora il mondo dei cosiddetti “nativi digitali” inquadrandone sintomi patologici e relative terapie, è corredato, oltre che dall’intervista doppia, da pillole formative video.

LEGGI ANCHE: SMARTPHONE ALLA GUIDA E SELFIE SUI BINARI: QUANDO L’USO SCORRETTO DEL WEB METTE IN PERICOLO NOI STESSI E GLI ALTRI

Visto il rapido sviluppo di nuove tecnologie di comunicazione che ha portato a profondi cambiamenti nel modo di rapportarsi con la realtà delle nuove generazioni, è fondamentale che medici e personale sanitario si formino adeguatamente in modo da avere tutti gli strumenti necessari per comprendere i nuovi quadri clinici con cui si manifesta il disagio di questi pazienti. I ragazzi di oggi percepiscono infatti la realtà in modo diverso rispetto alle generazioni precedenti, e questo ha anche modificato il modo in cui determinati sintomi si presentano. Necessario allora aggiornare le proprie competenze per dare il giusto valore a questi nuovi fenomeni e per individuare approcci terapeutici specifici.

PER APPROFONDIRE LEGGI LO SPECIALE #SCONNESSIDAY

Articoli correlati
Vamping, Nobili (neuropsichiatra): «Attenti alle luci del pc, alterano melatonina»
«In aumento gli adolescenti deprivati di sonno, incapaci di affrontare gli impegni quotidiani». Così Lino Nobili, responsabile del centro di Medicina del Sonno dell’ospedale Niguarda di Milano
di Isabella Faggiano
Web addiction, Alberto Oliveti (Enpam): «Importante formazione medici per riconoscere sintomi legati al problema»
«Internet è una grande invenzione, ma l’altro lato della medaglia nasconde pericoli che è bene saper affrontare» così il Presidente Enpam sulle dipendenze dal web
Iperconnessione, la psicologa: «Ansia, depressione, problemi sul sonno-veglia e abbandono scolastico sono aumentati»
400 ragazzi romani, dopo la proiezione del film “Sconnessi” di Christian Marazziti, hanno partecipato ad un dibattito sul loro rapporto con Internet e social network con la psicologa Paola Esposito. Ecco cosa ne è emerso
«Cosa faresti se rimanessi senza smartphone per qualche giorno?» Le reazioni dei ragazzi iperconnessi
Nei racconti dei ragazzi che hanno partecipato al Safer Internet Day anche tanti episodi di cyberbullismo: da insulti in chat a foto compromettenti fatte girare in rete. «Dobbiamo imparare ad usare il telefono e non abusare del potere che ha»
«Bambini e adolescenti “iperconnessi”? Quando il problema sono i genitori assenti e con sensi di colpa»
«Il punto non sta nell’iperconnessione, ma in nuove forme di assenza genitoriale: troppo spesso ci facciamo sostituire da tablet e telefonini». L’intervista al Professor Tonioni, Direttore Centro Pediatrico Psicopatologia da Web, Policlinico Gemelli di Roma
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila