Salute 8 Febbraio 2018

Mattia Torre: «La sanità pubblica mi ha salvato dal cancro senza chiedermi soldi. Per questo la racconto in Tv»

Il regista e sceneggiatore romano ricorda ai nostri microfoni la sua esperienza in ospedale: «Non esiste solo la malasanità, ma anche strutture di eccellenza in cui lavorano professionisti incredibili». Come il dottor Michele Gallucci, il medico che ha curato Torre e che nella fiction si chiama Zamagna…

Immagine articolo

«Orizzontale sei morto, verticale sei vivo». Così dice in il compagno di stanza di Luigi, Ahmed, in una puntata della serie scritta e diretta da Mattia Torre, “La linea verticale”. Luigi è interpretato da Valerio Mastandrea e rappresenta l’alter ego di Torre, ricoverato e operato per davvero qualche anno fa a causa di un tumore. Un’esperienza che lo ha cambiato e che ha voluto portare sugli schermi italiani per raccontare non solo il lato negativo e tragico della malattia, ma anche quello bello: situazioni divertenti, amicizie che subito diventano profonde, medici che ribaltano lo stereotipo del barone scostante e fanno con amore il proprio mestiere, e tanto altro.

«Come racconta Luigi, il protagonista, alla fine della storia – spiega ai nostri microfoni proprio Torre, già padre di un’altra fortunatissima serie, Boris –, nel corso della degenza riesce a sviluppare una certa consapevolezza di tutto quel che gli è successo. Ad esempio, l’essere finito in un reparto di assoluta eccellenza dimostra che questi luoghi che funzionano, e anche bene, esistono anche in Italia. La mia esperienza è stata questa: sono finito in un ospedale pubblico che non mi ha chiesto neanche un euro per curarmi e che, di fatto, mi ha salvato la vita. Per questo – continua Torre – mi sembrava un pezzo di Paese che andava assolutamente raccontato, visto che ormai siamo abituati a vedere rappresentata sempre e solo la malasanità. Esiste anche altro, e questa consapevolezza è stata per me uno dei motivi più importanti per scrivere questa storia».

Uno degli aspetti più positivi di una sanità spesso bistrattata ingiustamente è rappresentata dal dottor Zamagna (interpretato da Elia Schilton): un medico gentile, rassicurante, che ama il proprio lavoro e lo fa nel migliore dei modi, nel solo interesse del paziente. Ma così come il personaggio di Luigi è ispirato a Torre, anche il dottor Zamagna esiste nella realtà. Si chiama Michele Gallucci, ed è l’urologo che ha curato Torre: «È vero, il personaggio è ispirato a me – confida ai nostri microfoni – ma è un po’ romanzato, nel senso che non sono così perfetto. L’unica cosa che rivedo di me in lui è la passione che provo per questo lavoro. Anche se “lavoro” non è la parola giusta, visto che per me si tratta di una passione, e questo rende tutto molto più facile. Anche il rapporto con i pazienti è fondamentale. Per me è un dare e avere: io do le mie attenzioni al paziente e anche lui, di rimando, mi dà qualcosa». Ma questa serie ha influito sulla sua vita? «La mia vita è effettivamente molto cambiata – spiega ancora il dottor Gallucci – perché si è creata un’atmosfera di armonia attorno alla mia persona. Non ne ero consapevole prima, e questo è un fatto molto importante. Per questo ogni giorno vado a lavorare nel mio ospedale con molta più gioia di prima».

SEGUICI SU FACEBOOK

Articoli correlati
Cellulare e tumore, per i giudici il nesso c’è. L’otorino: «Sicuramente causa cambiamenti fisiologici»
Accolto dalla Corte d'Appello di Torino il ricorso di un lavoratore che ha utilizzato il telefono aziendale per anni e ha sviluppato poi una forma tumorale. L’Inail dovrà corrispondere un vitalizio, ma la scienza sul tema continua ad essere divisa. Il dottor Attanasio: «È vero che non ci sono evidenze scientifiche ma non si può escludere che un’esposizione continua a radiofrequenze non faccia danni»
Aldo, Giovanni e Giacomo con Codice Viola per la ricerca sul tumore al pancreas. Giovanni Storti: «Per guarire servono fortuna e follia»
«Lavoriamo per togliere quel pessimismo cosmico che c’è intorno al tumore del pancreas» sottolinea Pietro Rivizzigno, Presidente dell’Associazione Codice Viola. Un video del trio comico lancia una campagna di raccolta fondi per la ricerca indipendente
di Federica Bosco
Cancro della prostata, una web sitcom per abbattere i tabù e promuovere la prevenzione del tumore maschile più diffuso
Assieme a testicolo e rene, il caricoma della prostata è uno dei più diffusi in Campania tra gli uomini, queste neoplasie fanno contare nel loro complesso 6.000 nuovi casi l’anno e più di 80.000 uomini che secondo stime al ribasso in regione ne sono colpiti. Ora, grazie ad una magistrale interpretazione di Francesco Paolantoni, poliedrico […]
Tumori al seno, diagnosi precoce e innovazione per obiettivo mortalità zero. Il seminario alla Link Campus University
“Fornire informazioni corrette, in merito ai percorsi diagnostici e clinici verso i quali le donne che fanno prevenzione devono essere indirizzate. Anche perché la prevenzione diagnostica di qualità permette di individuare tumori di piccole dimensioni e si basa sul l’impiego di apparecchiature innovative di ultima generazione e nuove metodiche di I e II livello”. Rossella […]
Dal trapianto di microbiota nuove speranze per le terapie oncologiche. Valdagni (Istituto Tumori Milano): «Scoperta sconvolgente»
Dagli studi più recenti emerge che la flora batterica influisce sulle infiammazioni del corpo e, per questo, può essere un’arma per colpire il cancro. Di questo si parlerà al primo convegno internazionale “MIBIOC – The way of the microbiota in Cancer”, in programma il 21 e 22 novembre presso l’istituto dei tumori di Milano
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

Ecm, Commissione nazionale proroga triennio 2017-2019. Un anno per recuperare i crediti mancanti

FNOMCeO: «Fino al 31 dicembre 2020 si possono acquisire crediti anche per il triennio 2014-2016». Confermato l’obbligo di 150 crediti per il periodo formativo 2020-2022. Roberto Stella: «Dopo pro...
Lavoro

Spese sanitarie in contanti e sgravi fiscali, cosa cambia per i professionisti della sanità

I pareri del fiscalista esperto in materia sanitaria Francesco Paolo Cirillo e del Tesoriere Sumai Napoli Luigi Sodano
Lavoro

«Il contratto sia applicato subito con incrementi e arretrati da gennaio 2020». I sindacati della dirigenza sollecitano le aziende

I sindacati che lo scorso 19 dicembre hanno firmato il nuovo contratto hanno sottoscritto una lettera aperta indirizzata agli enti del Servizio sanitario nazionale per chiedere l’immediata applicazi...