Salute 18 Febbraio 2022 18:49

Mascherine e camici inadatti per operatori sanitari donna, allarme globale

I dispositivi di protezione individuale sono stati progettati per gli uomini e per questo le operatrici sanitarie li trovano scomodi e, in alcuni casi, anche pericolosi

Mascherine e camici inadatti per operatori sanitari donna, allarme globale

Mascherine e camici. Ma anche occhiali, guanti e, in generale, tutti i dispositivi di protezione individuale (Dpi) non sono fatti per le donne. Progettati per uomini bianchi, ostacolano il lavoro delle operatrici sanitarie che per questo si sentono «sacrificabili». A denunciarlo è un sondaggio condotto dall’organizzazione no profit Women in Global Health, pubblicato sulla rivista JAMA Network. Le donne, in prima linea dallo scoppio della pandemia Covid-19, sono quindi costrette a lavorare usando strumenti protettivi inadatti alla loro conformazione fisica: camici «sformati», mascherine fastidiose, occhiali e camici troppo grandi. Con conseguenze più o meno pericolose, come una minor protezione dal virus e il rischio di infortuni a causa di movimenti goffi e alterati.

Per oltre 9 operatrici sanitarie su 10 i Dpi sono un ostacolo anche per andare in bagno

I Dpi sono progettati principalmente per gli uomini e quindi spesso non proteggono le donne. Questo, nonostante il 70% degli operatori sanitari del mondo siano donne, anche se solo il 25% ricopre ruoli dirigenziali di alto livello. Nel sondaggio sono state coinvolte 900 operatrici sanitarie di 59 paesi diversi. Le donne hanno riferito che i camici e i Dpi obbligatori sono ostacoli all’uso del bagno o al cambio degli assorbenti nei giorni di il ciclo mestruale. Non stupisce che solo l’11% delle intervistate ha affermato di poter sempre usare il bagno quando necessario.

Le mascherine risultano inadatte anche per persone di varie etnie

E come se non fosse già abbastanza, lo studio ha individuato un altro atteggiamento discriminatorio nei confronti di diverse etnie. Secondo le stime, infatti, le donne che lavorano in climi caldi, in particolare in Asia e Africa, hanno riferito che i Dpi hanno causato problemi come surriscaldamento, svenimento o disidratazione. Anche in paesi come il Regno Unito, dove i test di adattamento dei Dpi sono di routine, le intervistate hanno riferito che le mascherine non si adattavano adeguatamente, in particolare le donne non bianche.

Problemi di vestibilità e sicurezza per operatori sanitari e pazienti

Anche le donne che indossavano foulard o acconciature più grandi hanno segnalato difficoltà a trovare mascherine adatte. Secondo lo studio, in totale circa tre quarti delle donne intervistate dall’organizzazione Women in Global Health hanno segnalato problemi con la vestibilità dei Dpi e solo il 14% ha affermato di indossare esclusivamente Dpi testati, con rischi sulla salute per sé stesse e per i pazienti. «Le donne sono il 90% delle infermiere e rappresentano la stragrande maggioranza degli operatori sanitari che ha affronta la pandemia con i pazienti», si legge nel report. «Pertanto, se i Dpi medici non sono adatti alle donne, non sono adatti alla maggior parte del personale sanitario», aggiunge. Rosemary Morgan, scienziata presso la Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health, specializzata in ricerca di genere. «Covid-19 ha messo in luce le disuguaglianze che ci sono sempre state e sono state esacerbate, e ha attirato l’attenzione su questioni relative al sesso e al genere che non abbiamo mai visto prima», commenta. «Questo è un campanello d’allarme per costruire sistemi sanitari che siano inclusivi e protettivi per gli operatori sanitari prima di arrivare al prossimo punto di crisi», conclude.

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Omicron 4 e 5, impennata contagi. Ricciardi: «Contagiosissime, un rischio aver tolto obbligo mascherina al chiuso»
I dati del monitoraggio Gimbe: +58,9% in una settimana. Aumentano ricoveri ordinari (+14,4%) e terapie intensive (+12,6%). Ricciardi: «Bisogna stare all’erta, con un virus così contagioso negli ambienti chiusi ci si contagia. Tanti i fragili a rischio»
Oltre 46 mld di mascherine usate in Italia. SIMA: «Tsunami per l’ambiente»
Da quando è iniziata la pandemia sono state usate in Italia oltre 46 miliardi di mascherine. Dalla SIMA allarme per inquinamento mari
di Redazione
Arriva la circolare: niente più obbligo di mascherina ai seggi
Si cambia strada con l'ultima circolare sottoscritta da Lamorgese e Speranza, ai seggi mascherina solo fortemente raccomandata
Dal 1 giugno stop al Green Pass per chi arriva in Italia
Dal 1 giugno coloro che vogliono entrare nel nostro paese non avranno l'obbligo di esibire il Green Pass. Scadrà invece a metà giugno l'obbligo di indossare la mascherina negli spettacoli al chiuso
DL Riaperture, via libera dalla Camera. Cosa cambia per mascherine, isolamento, green pass e obbligo vaccinale
Il provvedimento recepisce la fine dello stato di emergenza. Prorogato lo smart working per i lavoratori fragili. Medici in quiescenza potranno continuare a ricevere incarichi di lavoro autonomo
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 4 luglio, sono 549.184.038 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.339.118 i decessi. Ad oggi, oltre 11,75 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nbs...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...