Formazione 22 Dicembre 2017 14:06

Tè verde, ananas e avena “alleati” delle donne: ecco i segreti per affrontare sindrome premestruale e menopausa

Con una corretta alimentazione si evitano i fastidiosi sintomi della sindrome premestruale e le complicanze della menopausa. I consigli della nutrizionista Serena Missori

Una dieta corretta, supportata dai giusti integratori alimentari, è la miglior medicina per affrontare la sindrome premestruale e la menopausa. Ad ogni fase della vita della donna, dall’età fertile in poi, corrispondono infatti esigenze e problematiche ben precise, troppo spesso sottovalutate anche per l’imbarazzo delle pazienti nel confidare determinati disturbi al proprio medico. La dottoressa Serena Missori, specialista in endocrinologia, diabetologia e nutrizione, svela consigli utili a sconfiggere la sindrome premestruale e per vivere con maggiore serenità la delicata fase della menopausa.

«La PMS (Premenstrual syndrome) – ricorda la dottoressa Missori – colpisce circa l’80% delle donne in età fertile», tuttavia «si tende, di fatto, a parlarne molto poco; si fa anche molto poco per cercare di risolverla». La sindrome premestruale comporta sintomi fisici e disturbi psichici di varia entità che hanno luogo prima del ciclo mestruale; in alcune circostanze può assumere caratteristiche cliniche importanti, tanto da rientrare in quello che il DSM-5 (il manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali), definisce come “disturbo disforico premestruale”, il quale comporta un elevato livello di gravità e disabilità. Le donne non devono, quindi, «avere anche il timore di dire ‘io ne soffro’: anche i medici ne soffrono, anche io ne ho sofferto», spiega la Missori. Tra le conseguenze più diffuse della PMS troviamo depressione, ansia, irritabilità, cefalea e ritenzione idrica. «Di fatto, attraverso l’alimentazione corretta, la sindrome può essere drasticamente ridotta», sottolinea l’esperta. Ma quali sono gli alimenti e gli integratori più indicati per affrontarla? La dottoressa Missori consiglia cetrioli, sedano, ananas e betulla.

Con il passare degli anni la donna è soggetta a tappe endocrino-metaboliche che hanno rilevanti ricadute sulla qualità della sua vita: la fase della menopausa viene troppo spesso vissuta come una malattia, pur trattandosi di un normale ed inevitabile evento fisiologico. Ciò non significa, tuttavia, sottovalutare i disturbi e le complicanze derivanti dalla menopausa stessa: dalle fluttuazioni emotive fino a gravi patologie quali ipertensione, obesità e osteoporosi. Anche in questo caso, in abbinamento ad un’attività fisica finalizzata, il cibo e gli integratori alimentari sono i migliori alleati delle donne: in particolare, la dottoressa Missori indica l’avena, il tè verde matcha, l’anguria e il biancospino.

Questi ed altri preziosi consigli sono contenuti nel corso ECM FAD “Sindrome premestruale e terapie naturali, menopausa e terapie naturali”, disponibile sul sito www.corsi-ecm-fad.it; attraverso tre lezioni, si pone l’obiettivo di formare e informare i professionisti della Sanità su come affrontare in modo naturale, grazie a una corretta alimentazione, i fastidi della sindrome premestruale e della menopausa. Il corso prevede inoltre un questionario finale che accerta la comprensione dei contenuti e assegna 3 crediti formativi ECM.

Sindrome premestruale e terapie naturali, menopausa e terapie naturalisi aggiunge all’ampio catalogo di oltre 120 corsi FAD offerti dal provider ECM 2506 Sanità in-Formazione, di cui fanno parte anche i Film Formazione: una lista di produzioni che hanno già riscosso enorme successo tra i camici bianchi grazie a film selezionati in prestigiosi festival cinematografici.

Articoli correlati
Menopausa, non solo vampate: la battaglia è contro lo stigma sociale e le patologie correlate
La neopresidente della IMS (International Menopause Society), prof. Rossella Nappi: «Oggi questa fase coincide sempre più con il momento di maggior realizzazione professionale delle donne: viviamolo al meglio»
Il futuro della nostra alimentazione passa dai cibi Superfood
Lo chef Carmine Mottola ci propone una sua ricetta semplice ma ricca di «super food»: il Risotto con  curcuma, sesamo nero, salsa falafel e Pepe nero
di Stefano Piazza
Giornata mondiale DCA, Valentina adesso sa volare. «Ho imparato ad amarmi. Il diario la mia salvezza»
A Sanità Informazione Valentina Capogna racconta come ha ripreso in mano la sua vita, segnata dai DCA, da anni di bulimia nervosa: «Ho imparato ad ascoltare i segnali del mio corpo, allenare il muscolo del cuore, sciogliere la corazza coperta da chili di cibo. Per donare amore a me stessa e agli altri. Cambiando io, è cambiato tutto il mondo intorno a me»
Colonscopia, anche per vegani una dieta senza sacrifici
«In accordo con i nutrizionisti, abbiamo redatto una serie di consigli specifici per vegani e vegetariani, con diete a bassissimo contenuto di fibre, che ci hanno consentito, di avere ottime preparazioni intestinali i cui valori sono pari a quelle dei pazienti che hanno assunto le preparazioni riportate nelle linee guida internazionali» spiega Luca Pecchioli, responsabile del Servizio di Endoscopia Digestiva dell’INI di Grottaferrata
La lotta al Covid comincia a tavola. I benefici della dieta chetogenica
Caprio (endocrinologo): «Da alcuni studi è emerso che tra i pazienti ricoverati in terapia intensiva sottoposti a dieta chetogenica il rischio di mortalità si è notevolmente ridotto. Questa dieta associata ad esercizio fisico può accelerare anche la ripresa dopo una forma severa di Covid»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 27 gennaio 2023, sono 669.913.624 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.821.347 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Come distinguere la tosse da Covid da quella da influenza?

La tosse da Covid è secca e irritante, quella da influenza tende invece a essere grassa. In ogni caso non esistono rimedi se non palliativi, come gli sciroppi lenitivi. No agli antibiotici: non...
Salute

Kraken, la nuova variante di Omicron dietro il boom di contagi negli Usa

Secondo il Cdc, Kraken ha più che raddoppiato il numero di contagi ogni settimana, passando dal 4% al 41% delle nuove infezioni