Formazione 22 Dicembre 2017 14:06

Tè verde, ananas e avena “alleati” delle donne: ecco i segreti per affrontare sindrome premestruale e menopausa

Con una corretta alimentazione si evitano i fastidiosi sintomi della sindrome premestruale e le complicanze della menopausa. I consigli della nutrizionista Serena Missori

Una dieta corretta, supportata dai giusti integratori alimentari, è la miglior medicina per affrontare la sindrome premestruale e la menopausa. Ad ogni fase della vita della donna, dall’età fertile in poi, corrispondono infatti esigenze e problematiche ben precise, troppo spesso sottovalutate anche per l’imbarazzo delle pazienti nel confidare determinati disturbi al proprio medico. La dottoressa Serena Missori, specialista in endocrinologia, diabetologia e nutrizione, svela consigli utili a sconfiggere la sindrome premestruale e per vivere con maggiore serenità la delicata fase della menopausa.

«La PMS (Premenstrual syndrome) – ricorda la dottoressa Missori – colpisce circa l’80% delle donne in età fertile», tuttavia «si tende, di fatto, a parlarne molto poco; si fa anche molto poco per cercare di risolverla». La sindrome premestruale comporta sintomi fisici e disturbi psichici di varia entità che hanno luogo prima del ciclo mestruale; in alcune circostanze può assumere caratteristiche cliniche importanti, tanto da rientrare in quello che il DSM-5 (il manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali), definisce come “disturbo disforico premestruale”, il quale comporta un elevato livello di gravità e disabilità. Le donne non devono, quindi, «avere anche il timore di dire ‘io ne soffro’: anche i medici ne soffrono, anche io ne ho sofferto», spiega la Missori. Tra le conseguenze più diffuse della PMS troviamo depressione, ansia, irritabilità, cefalea e ritenzione idrica. «Di fatto, attraverso l’alimentazione corretta, la sindrome può essere drasticamente ridotta», sottolinea l’esperta. Ma quali sono gli alimenti e gli integratori più indicati per affrontarla? La dottoressa Missori consiglia cetrioli, sedano, ananas e betulla.

Con il passare degli anni la donna è soggetta a tappe endocrino-metaboliche che hanno rilevanti ricadute sulla qualità della sua vita: la fase della menopausa viene troppo spesso vissuta come una malattia, pur trattandosi di un normale ed inevitabile evento fisiologico. Ciò non significa, tuttavia, sottovalutare i disturbi e le complicanze derivanti dalla menopausa stessa: dalle fluttuazioni emotive fino a gravi patologie quali ipertensione, obesità e osteoporosi. Anche in questo caso, in abbinamento ad un’attività fisica finalizzata, il cibo e gli integratori alimentari sono i migliori alleati delle donne: in particolare, la dottoressa Missori indica l’avena, il tè verde matcha, l’anguria e il biancospino.

Questi ed altri preziosi consigli sono contenuti nel corso ECM FAD “Sindrome premestruale e terapie naturali, menopausa e terapie naturali”, disponibile sul sito www.corsi-ecm-fad.it; attraverso tre lezioni, si pone l’obiettivo di formare e informare i professionisti della Sanità su come affrontare in modo naturale, grazie a una corretta alimentazione, i fastidi della sindrome premestruale e della menopausa. Il corso prevede inoltre un questionario finale che accerta la comprensione dei contenuti e assegna 3 crediti formativi ECM.

Sindrome premestruale e terapie naturali, menopausa e terapie naturalisi aggiunge all’ampio catalogo di oltre 120 corsi FAD offerti dal provider ECM 2506 Sanità in-Formazione, di cui fanno parte anche i Film Formazione: una lista di produzioni che hanno già riscosso enorme successo tra i camici bianchi grazie a film selezionati in prestigiosi festival cinematografici.

Articoli correlati
Colonscopia, anche per vegani una dieta senza sacrifici
«In accordo con i nutrizionisti, abbiamo redatto una serie di consigli specifici per vegani e vegetariani, con diete a bassissimo contenuto di fibre, che ci hanno consentito, di avere ottime preparazioni intestinali i cui valori sono pari a quelle dei pazienti che hanno assunto le preparazioni riportate nelle linee guida internazionali» spiega Luca Pecchioli, responsabile del Servizio di Endoscopia Digestiva dell’INI di Grottaferrata
La lotta al Covid comincia a tavola. I benefici della dieta chetogenica
Caprio (endocrinologo): «Da alcuni studi è emerso che tra i pazienti ricoverati in terapia intensiva sottoposti a dieta chetogenica il rischio di mortalità si è notevolmente ridotto. Questa dieta associata ad esercizio fisico può accelerare anche la ripresa dopo una forma severa di Covid»
Menopausa: solo 5 donne su 100 ricorrono alla terapia ormonale sostitutiva
Sebbene più di una donna su due abbia riscontrato sintomi spesso severi dovuti alla menopausa, esiste una resistenza culturale sull’assunzione della terapia ormonale sostitutiva: un'indagine di Fondazione Onda
di Redazione
La terapia ormonale sostitutiva per le donne in menopausa aumenta la mortalità per Covid-19?
La terapia ormonale sostitutiva non aumenta il rischio di mortalità per Covid-19, anzi diminuisce le probabilità di sviluppare una forma grave dell'infezione
Vuoi che la dieta funzioni? Le potenzialità del coaching nutrizionale
Il biologo nutrizionista Giuseppe Mazzola ha messo a punto un corso di sette lezioni nel quale spiega i segreti per recepire il gusto correttamente, i metodi di cottura ideali e come adottare un corretto stile di vita per ridurre lo stress, gli eccessi alimentari e integrare una adeguata attività fisica
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 19 maggio, sono 525.383.960 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.283.599 i decessi. Ad oggi, oltre 11,42 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Se la linea del tampone rapido appare sbiadita significa che la carica virale è più bassa?

Il tampone rapido, oltre a verificare l'eventuale positività, è anche in grado di definirla in termini quantitativi?
di Valentina Arcovio
Salute

Epatite acuta pediatrica misteriosa. Caso del bimbo di Prato, Basso (Bambino Gesù): «Migliora spontaneamente»

Si sta facendo strada l’ipotesi che possa trattarsi non dei classici virus che danno vita alle epatiti A, B e C, ma di un adenovirus, spesso causa solo di banali raffreddori, che nei bambini pu&...