Salute 17 Febbraio 2015 19:19

Malattie orfane, benvenute tra i LEA. Il futuro dei pazienti rari non è più così buio

Il convegno organizzato nella Biblioteca del Senato. “Ricerca e innovazione farmaceutica le chiavi giuste”

Malattie orfane, benvenute tra i LEA. Il futuro dei pazienti rari non è più così buio

Le malattie rare sono caratterizzate da una bassa incidenza e da un elevato grado di complessità. Caratteristiche che comportano le maggiori difficoltà per diagnosi e cura, e che rappresentano la causa dello scarso interesse per il loro studio, la produzione di farmaci e l’istituzione di piani sanitari e di assistenza.

Da questa assenza di attenzioni l’appellativo di “malattie orfane”. Ma con l’ingresso di 110 nuove patologie rare nei Livelli Essenziali di Assistenza, la politica sanitaria italiana lancia oggi un segnale importante, dimostrando di saper tenere il passo con i progressi della ricerca scientifica. E proprio il futuro delle malattie orfane, alla luce dei nuovi sviluppi legislativi, è stato il tema del convegno tenutosi nei giorni scorsi a Roma presso la Biblioteca del Senato, organizzato dalla Onlus “Lazio Salute e Sanità per l’Eccellenza” e coordinato dal dottor Stefano De Lillo.

“Il futuro di queste patologie – ha commentato ai nostri microfoni il senatore D’Ambrosio Lettieri  – dipenderà dalla capacità di ridisegnare il nostro sistema sanitario in una logica che garantisca la protezione, l’uguaglianza e l’universalità. Oggi le malattie rare trovano una risposta – continua il senatore – ma dobbiamo prevedere adeguate risorse economiche con un’operazione che lasci impregiudicato il nostro Ssn, e colmi le disuguaglianze fra le persone e tra i territori”. A Lettieri fa eco con entusiasmo la senatrice Laura Bianconi, sua collega in Commissione Igiene e Sanità: “E’ un passaggio straordinario che aspettavamo da 14 anni. Per fortuna la ricerca scientifica è più veloce delle scelte della politica: un segnale positivo per il riconoscimento di altre patologie cui poter dare anche una cura”.

Presenti al convegno anche gli esponenti del mondo farmaceutico. Un mondo che, come ha sottolineato Antonio Tosco, vicepresidente del Gruppo Biotecnologie di Farmindustria, “sta lavorando in questo senso, e sostiene l’innovazione attraverso la ricerca. In Italia ci sono circa 70 studi, molti dei quali in fase 3, ma c’è ancora tanto da fare. La ricerca – osserva Tosco – va sostenuta non solo in senso economico ma anche snellendo e velocizzando le procedure burocratiche”. “Grazie all’impegno della ricerca – sottolinea l’AD della biofarmaceutica Celgene, Pasquale Frega – e dell’industria farmaceutica stanno aumentando le possibilità di cura. Il numero di farmaci approvato dall’EMA è in crescita, e il ruolo dell’industria farmaceutica, di concerto con la classe medica, è anche quello di accendere i riflettori sulla patologia”.

Articoli correlati
Gemmato: «Presto sindrome fibromialgica grave tra malattie con diritto esenzione»
Il Sottosegretario alla Salute Marcello Gemmato ha assicurato ai pazienti dell'Associazione italiana sindrome fibromialgica che il ministero della Salute e il Governo Meloni pone massima attenzione alle loro problematiche
Malattie croniche intestinali in aumento, «incubo» per oltre 7 pazienti su 10
La vita di chi soffre di malattie infiammatorie croniche intestinali  può essere un vero e proprio incubo. E' quanto emerge dall'indagine Better - Bisogni Assistenziali, Lavorativi, Legali e Sociali per la cura dei pazienti affetti da malattie infiammatorie Croniche dell'Intestino – presentata oggi al ministero della Salute da Amici Italia, in occasione di un convegno organizzato dall'associazione, su iniziativa del ministro della Salute, Orazio Schillaci
Fibromialgia, associazioni pazienti: «Vogliamo chiarezza su uso fondi delle Regioni»
Associazione Italiana Sindrome Fibromiagica (Aisf), Associazione Fibromialgici Libellula Libera APS e CFU Comitato Fibromialgici Uniti Italia Odv lanciano un appello alla trasparenza
«Con noi pazienti nella Commissione LEA si possono evitare errori e lentezze»
INTERVISTA | A Sanità Informazione parla Antonella Celano, presidente dell'Associazione nazionale persone con malattie reumatologiche e rare. Spiega le ragioni che hanno spinto ben 163 associazioni dei pazienti a scrivere e inviare una lettera aperta al ministro della Salute, Orazio Schillaci
Fibromialgia: nuova proposta di legge per riconoscerla come malattia invalidante
Si intitola «Disposizioni in favore delle persone affette da fibromialgia o sindrome fibromialgica» la proposta di legge di CFU Italia per il riconoscimento di quella che a tutt’oggi è considerata una patologia «invisibile» anche al Servizio sanitario nazionale. «Questa legge non deve avere colori partitici, così la politica vuole fare polis», commenta il vicepresidente della Camera, Sergio Costa
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Approvato in Consiglio dei Ministri il “decreto anziani”. Normata anche la figura del Caregiver

Approvato in via preliminare il Decreto Legislativo sulle politiche in favore delle persone anziane in attuazione della Legge Delega n. 53 del 23 marzo 2023. Stanziamenti per 500 milioni di euro nel b...
di CdRR
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...