Salute 20 Dicembre 2021 11:02

Malati rari, Nicoletti (Cittadinzattiva): «La pandemia ha creato una sanità sospesa. E i pazienti sono stanchi»

«Il Pnrr è un’occasione da non perdere – spiega la Coordinatrice dell’Associazione malati cronici e rari di Cittadinanzattiva -. Ma i fondi non saranno disponibili nell’immediato. Nel frattempo, le istituzioni devono attivarsi affinché tutte le criticità che oggi incontrano i malati rari siano sanate»

Non sono poi così rare. Ad oggi, sono state identificate quasi 8 mila malattie rare a cui si arriva, spesso, con ritardi nella diagnosi e difficoltà nell’accesso alle cure. Problematiche denunciate dalle associazioni di pazienti, che chiedono di tenerne conto nell’utilizzo dei fondi del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR). È il quinto Rapporto Annuale di Osservatorio Farmaci Orfani-Ossfor a stabilire le priorità su cui investire per migliorare l’assistenza e la cura dei malati rari.

«All’interno dello stesso Pnrr – ha esordito Tiziana Nicoletti, Responsabile Coord. dell’Associazione malati cronici e rari di Cittadinanzattiva nell’intervista a Sanità Informazione – il paziente raro viene citato solo per quanto riguarda l’ambito della ricerca. Vogliamo pensare che questa mancanza sia dovuta al fatto che implicitamente tutte le azioni previste in ambito di salute, sanità e cronicità vengano poi estese in maniera automatica anche al paziente raro».

La dottoressa Nicoletti individua gli aspetti su cui occorre accelerare: «Bisogna partire dai bisogni di salute del paziente raro e della sua famiglia. Spesso parliamo di pazienti in età pediatrica inevitabilmente accompagnati dalla mamma che deve anche rinunciare al lavoro». Integrare l’aspetto sanitario con quello sociale «che purtroppo nel corso degli anni si è perso» è l’auspicio.

Il PNRR è un’occasione da non perdere per migliorare la qualità della vita dei malati rari. «Compito delle associazioni di pazienti monitorare, attraverso uno specifico osservatorio, che le risorse siano utilizzate al meglio. Si parla di 1350 case della comunità – ha aggiunto la Nicoletti – bisogna vedere come saranno organizzate e dove verranno costruite o riconvertite quelle che già ci sono. Ci auguriamo servano come luogo di prossimità a servizio del paziente sia nelle grandi città che nelle piccole aree interne». La dottoressa Nicoletti ci tiene a ricordare che i fondi non saranno disponibili nell’immediato, ma tra qualche anno. «Nel frattempo le istituzioni territoriali, regionali e le Asl devono attivarsi – ha precisato – affinché tutte le criticità che oggi incontrano i pazienti nel gestire la patologia e accedere alle cure, siano sanate».

La pandemia ha purtroppo creato una «sanità sospesa». «I pazienti sono stanchi – ha continuato la Nicoletti – ormai l’emergenza dura da 22 mesi e la patologia rara non si è fermata. In questi mesi non sono state fatte nuove diagnosi, controlli, follow up».

Anche il Fascicolo sanitario elettronico che dovrebbe includere il piano terapeutico del paziente e snellire la burocrazia a carico dei malati, non è attivo in tutte le Regioni; così come l’innovazione tecnologica. «Durante la pandemia – ha spiegato – non tutti hanno potuto accedere e utilizzarla perché il nostro territorio non è servito allo stesso modo nelle varie Regioni. Dovrebbe essere utilizzato da anni – ha concluso – ma sono pochi i medici di base che lo sanno e lo attivano ai pazienti. È importante perché evita continui spostamenti ai malati. Per un’effettiva presa in carico del paziente i dati e le informazioni devono essere aggiornate e integrate da tutti i professionisti che li seguono».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Corruzione in Sanità, sottoscritto protocollo di intesa fra AGENAS e ANAC
Il protocollo ha l’obiettivo di rafforzare la cultura della trasparenza e della legalità nel settore sanitario e di garantire la corretta attuazione e applicazione della normativa in materia di contratti pubblici
In Italia mancano 70mila infermieri, le richieste di Fnopi
Un documento redatto e diffuso della Federazione Nazionale degli Ordini delle Professioni Infermieristiche presenta i numeri delle carenze di infermieri in Italia. Si sottolineano i sacrifici fatti in pandemia e si elencano una serie di richieste alla politica
PNRR, al via la sfida per l’integrazione sociosanitaria tra territorio e digitalizzazione
A Napoli il Laboratorio Sanità 20/30, tra punti cruciali gli investimenti per la formazione e i contratti per la dirigenza
Milano, cittadini contro la Casa di Comunità: «No alla cattedrale nel deserto»
Raccolte 6000 firme dal Comitato Bonola per esprimere il malcontento a Regione Lombardia sulla Casa di Comunità che dovrebbe sorgere tra i palazzi di via Ugo Betti. La vicepresidente: «Mancano i medici di base e il terreno su cui dovrebbe sorgere la Casa di Comunità attende la bonifica dall’amianto»
Digital medicine, i 4 passi prima del decollo: inserimento nei Lea, monitoraggio d’efficacia, 4G e digital assistant
Cicchetti (ALTEMS): «È necessario che ogni prestazione digitale sia inserita nel tariffario dei LEA così da garantirne la rimborsabilità attraverso il Sistema Sanitario Nazionale. La commercializzazione degli strumenti di Digital Medicine, senza le procedure di rimborsabilità e di prezzo, espone tali tecnologie all’acquisto discrezionale da parte delle Regioni e delle ASL, senza assicurare l’unitarietà di accesso per tutti i cittadini»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 23 settembre 2022, sono 614.093.002 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.533.948 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi