Salute 25 Giugno 2018

Malaria. Severini (Iss): «In Italia 700 casi ogni anno. Malattia è d’importazione ma non da escludere coinvolgimento di zanzare locali»

«Nel mondo, ogni anno, si contano oltre 200 milioni di nuovi contagi e 445 mila decessi. Oggi manca vaccino efficace e occorre combattere resistenza ai farmaci». L’intervista a Carlo Severini, ricercatore del dipartimento di Malattie Infettive dell’Istituto Superiore di Sanità

di Isabella Faggiano
Immagine articolo

«L’eradicazione della malaria in Italia è avvenuta dopo la seconda guerra mondiale, ma soltanto negli anni ’70 l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha definito la Nazione “Malaria free”. Da quel momento, le attività di lotta e di controllo hanno lasciato il campo ad azioni di sorveglianza. La malaria oggi, in Italia, è una malattia di importazione». Carlo Severini, ricercatore del dipartimento di Malattie Infettive dell’Istituto Superiore di Sanità, mette in luce i risultati raggiunti, ma anche le criticità e le prospettive di un piano di controllo che, in altre zone del mondo, non è di semplice monitoraggio, ma di prevenzione e cura.

LEGGI ANCHE: MALARIA, REZZA (ISS): «IN ITALIA OGNI ANNO CI SONO ANCORA CENTINAIA DI CASI». ECCO COSA FARE IN CASO DI VIAGGI IN ZONE A RISCHIO

«Attualmente vengono importati, ogni anno, nel nostro Paese circa 600-700 casi. Tra questi – ha continuato Severini – alcuni hanno destato maggiore allarme. Si è sospettato che alcuni potessero essere “autoctoni”, cioè acquisiti localmente, attraverso il coinvolgimento di zanzare del posto e non di vettori esteri». Ma è solo un’ipotesi: «finora – ha aggiunto Severini – non è stato mai dimostrato che si trattasse di insetti italiani. Rimangono situazioni definite “criptiche”, proprio perché non è possibile spiegarne la genesi».

Per trovare episodi di questo tipo non è necessario andare molto indietro nel tempo, gli ultimi si sono verificati lo scorso anno: «nel 2017 ci sono stati diversi casi in Italia – ha specificato  il ricercatore del dipartimento di Malattie Infettive dell’Iss –  Alcuni nosocomiali, cioè contagi avvenuti all’interno dell’ospedale, altri sono i cosiddetti “criptici”. Si tratta di 4 casi in particolare, individuati in Puglia, di cui non è stato possibile definire l’esatta eziologia. Condizioni di questo tipo possono destare il sospetto che possa essere coinvolta la zanzara italiana, ma non è stato dimostrato e difficilmente si risalirà alla genesi esatta».

La situazione globale è ben più grave di quella italiana: «Secondo l’ultimo “Word Malaria Report” dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, che cita i dati raccolti nel 2016, nel mondo – ha continuato Severini – si sarebbero verificati 216 milioni di nuovi casi e 445 mila decessi. La zona più colpita dalla malaria è l’Africa subsahariana, dove sono concentrate il 90% delle morti. Ogni 10 vittime 7 sono bambini che non hanno ancora compiuto 5 anni. La situazione è abbastanza grave anche nel sud-est asiatico, luogo in cui la forma più grave di malaria si è mostrata resistente ai farmaci. La diffusione di questi ceppi resistenti potrebbe avere delle gravi conseguenze nei programmi di controllo, soprattutto se dovesse raggiungere l’Africa».

LEGGI ANCHE: IN VIAGGIO CON I BAMBINI: QUALI VACCINI FARE PRIMA DI PARTIRE?

È possibile immaginare un’eradicazione della malaria nel mondo, proprio come avvenuto in Italia 50 anni fa? Carlo Severini, di fronte a questa domanda, mostra ottimismo, ma con cautela: «Bill Gates, il maggiore finanziatore dei programmi di lotta alle malattie legate alla povertà ed in particolare alla malaria – ha spiegato il ricercatore dell’Iss – si è più volte espresso positivamente sull’argomento. È innegabilmente che negli ultimi anni di attività di controllo intergrato siano stati raggiunti degli ottimi risultati. Successi che lasciano pensare alla possibilità di un’eradicazione mondiale della malattia, ma non in tempi recenti».

Prima di arrivare al traguardo definitivo è necessario raggiungere delle mete intermedie: «I problemi da affrontare restano tanti – ha sottolineato il ricercatore dell’Iss –  innanzitutto manca un vaccino efficace. Poi, bisogna far fronte all’insorgere della resistenza ai farmaci, non essendoci medicinali alternativi a breve commercializzazione».

Difficoltà da superare che comunque non impediranno una totale estinzione della malattia: «ci si arriverà – ha ribadito Severini –  ma non a breve. Probabilmente, il primo passo da compiere – ha concluso il ricercatore – è contribuire allo sviluppo economico delle aree dove la malaria è endemica».

Articoli correlati
Il primo rapporto OMS sulla salute di migranti e rifugiati, che non portano malattie
Migranti e rifugiati arrivano in Europa in buona salute, ma gli spostamenti e le condizioni di vita nei Paesi ospitanti aumentano il rischio di malattie
Influenza, picco atteso per fine mese. Rezza (ISS): «Impennata richiesta vaccini. Incremento notevole anche per operatori sanitari»
«La richiesta da parte dei sanitari è cresciuta dal 15% al 25%», così Giovanni Rezza, direttore dell’Istituto Superiore di sanità che aggiunge: «Quest’anno il virus è giunto accompagnato da maggiore sensibilità»
Iss, Silvio Brusaferro nominato commissario: «Ringrazio il ministro Grillo. Questo incarico è un onore e una grande responsabilità»
Il ministro della Salute Giulia Grillo: «Il presidente sarà scelto nelle prossime settimane sulla base dei curricula ricevuti». Il professor Brusaferro è Ordinario di Igiene e Medicina Preventiva e Direttore del Dipartimento Area Medica dell’Università degli Studi di Udine
ISS, Ricciardi saluta e fa un bilancio: «Conti risanati e contributi importanti, dai vaccini all’Ilva. Con Grillo nessuna polemica»
Il Presidente dell’Istituto Superiore di Sanità, che lascia dopo quattro anni e mezzo, sottolinea: «Percorso impegnativo ed entusiasmante. Abbiamo stabilizzato 473 unità di personale e destinato 16 milioni di euro a logistica e tecnologie». Nel suo futuro la presidenza della Federazione mondiale delle Società di Sanità pubblica. Da ultimo l’incarico nel Comitato scientifico della Fondazione “Italia in Salute” di Federico Gelli
Iss, dopo le dimissioni di Ricciardi lasciano anche Remuzzi, Santoro e Vitale. E scoppia la polemica
Dopo le dimissioni di Walter Ricciardi, altri tre figure apicali lasciano l’Istituto Superiore di Sanità. Si tratta di Giuseppe Remuzzi (componente del Cda), Armando Santoro e Francesco Vitale (membri del Comitato scientifico). A scatenare la polemica, le dichiarazioni di Remuzzi sulle motivazioni alla base delle dimissioni, riportate dall’Ansa, secondo le quali l’indipendenza scientifica dell’ente non […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone
Politica

Professioni sanitarie, Beatrice Lorenzin: «Ordine importante per combattere abusivismo. Ma dal Governo passi indietro con deregulation»

«Abbiamo bisogno sempre di una maggiore specializzazione e anche di una capacità di intercettare i cambiamenti tecnologici», sottolinea a Sanità Informazione l’ex ministro della Salute, oggi dep...