Salute 25 Giugno 2018

Malaria. Severini (Iss): «In Italia 700 casi ogni anno. Malattia è d’importazione ma non da escludere coinvolgimento di zanzare locali»

«Nel mondo, ogni anno, si contano oltre 200 milioni di nuovi contagi e 445 mila decessi. Oggi manca vaccino efficace e occorre combattere resistenza ai farmaci». L’intervista a Carlo Severini, ricercatore del dipartimento di Malattie Infettive dell’Istituto Superiore di Sanità

di Isabella Faggiano
Immagine articolo

«L’eradicazione della malaria in Italia è avvenuta dopo la seconda guerra mondiale, ma soltanto negli anni ’70 l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha definito la Nazione “Malaria free”. Da quel momento, le attività di lotta e di controllo hanno lasciato il campo ad azioni di sorveglianza. La malaria oggi, in Italia, è una malattia di importazione». Carlo Severini, ricercatore del dipartimento di Malattie Infettive dell’Istituto Superiore di Sanità, mette in luce i risultati raggiunti, ma anche le criticità e le prospettive di un piano di controllo che, in altre zone del mondo, non è di semplice monitoraggio, ma di prevenzione e cura.

LEGGI ANCHE: MALARIA, REZZA (ISS): «IN ITALIA OGNI ANNO CI SONO ANCORA CENTINAIA DI CASI». ECCO COSA FARE IN CASO DI VIAGGI IN ZONE A RISCHIO

«Attualmente vengono importati, ogni anno, nel nostro Paese circa 600-700 casi. Tra questi – ha continuato Severini – alcuni hanno destato maggiore allarme. Si è sospettato che alcuni potessero essere “autoctoni”, cioè acquisiti localmente, attraverso il coinvolgimento di zanzare del posto e non di vettori esteri». Ma è solo un’ipotesi: «finora – ha aggiunto Severini – non è stato mai dimostrato che si trattasse di insetti italiani. Rimangono situazioni definite “criptiche”, proprio perché non è possibile spiegarne la genesi».

Per trovare episodi di questo tipo non è necessario andare molto indietro nel tempo, gli ultimi si sono verificati lo scorso anno: «nel 2017 ci sono stati diversi casi in Italia – ha specificato  il ricercatore del dipartimento di Malattie Infettive dell’Iss –  Alcuni nosocomiali, cioè contagi avvenuti all’interno dell’ospedale, altri sono i cosiddetti “criptici”. Si tratta di 4 casi in particolare, individuati in Puglia, di cui non è stato possibile definire l’esatta eziologia. Condizioni di questo tipo possono destare il sospetto che possa essere coinvolta la zanzara italiana, ma non è stato dimostrato e difficilmente si risalirà alla genesi esatta».

La situazione globale è ben più grave di quella italiana: «Secondo l’ultimo “Word Malaria Report” dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, che cita i dati raccolti nel 2016, nel mondo – ha continuato Severini – si sarebbero verificati 216 milioni di nuovi casi e 445 mila decessi. La zona più colpita dalla malaria è l’Africa subsahariana, dove sono concentrate il 90% delle morti. Ogni 10 vittime 7 sono bambini che non hanno ancora compiuto 5 anni. La situazione è abbastanza grave anche nel sud-est asiatico, luogo in cui la forma più grave di malaria si è mostrata resistente ai farmaci. La diffusione di questi ceppi resistenti potrebbe avere delle gravi conseguenze nei programmi di controllo, soprattutto se dovesse raggiungere l’Africa».

LEGGI ANCHE: IN VIAGGIO CON I BAMBINI: QUALI VACCINI FARE PRIMA DI PARTIRE?

È possibile immaginare un’eradicazione della malaria nel mondo, proprio come avvenuto in Italia 50 anni fa? Carlo Severini, di fronte a questa domanda, mostra ottimismo, ma con cautela: «Bill Gates, il maggiore finanziatore dei programmi di lotta alle malattie legate alla povertà ed in particolare alla malaria – ha spiegato il ricercatore dell’Iss – si è più volte espresso positivamente sull’argomento. È innegabilmente che negli ultimi anni di attività di controllo intergrato siano stati raggiunti degli ottimi risultati. Successi che lasciano pensare alla possibilità di un’eradicazione mondiale della malattia, ma non in tempi recenti».

Prima di arrivare al traguardo definitivo è necessario raggiungere delle mete intermedie: «I problemi da affrontare restano tanti – ha sottolineato il ricercatore dell’Iss –  innanzitutto manca un vaccino efficace. Poi, bisogna far fronte all’insorgere della resistenza ai farmaci, non essendoci medicinali alternativi a breve commercializzazione».

Difficoltà da superare che comunque non impediranno una totale estinzione della malattia: «ci si arriverà – ha ribadito Severini –  ma non a breve. Probabilmente, il primo passo da compiere – ha concluso il ricercatore – è contribuire allo sviluppo economico delle aree dove la malaria è endemica».

Articoli correlati
Il presidente ISS Brusaferro: «In campo contro antibiotico-resistenza e rischi sigaretta elettronica»
Il nuovo presidente dell’Istituto Superiore di Sanità: «È una bella esperienza. Qui si fa scienza e la si traduce in indicazioni per le scelte strategiche del nostro Paese»
Africa senza poliomielite da tre anni: vicino il traguardo ‘polio-free’
L’Africa si avvicina a un traguardo storico: l’eradicazione ufficiale della poliomielite. L’ultimo Stato del continente ad avere registrato un caso della malattia, la Nigeria, non riporta più contagi da 3 anni. E l’assenza di nuovi infettati nell’arco di un triennio è il primo criterio che un Paese deve centrare per ottenere dall’Organizzazione mondiale della sanità […]
Giornata Mondiale della zanzara, l’insetto da 700mila morti l’anno: 10 regole per difendersi
L’OMS stima che le Malattie Trasmesse da Vettori come la zanzara rappresentano il 17% di tutte le malattie infettive causando oltre 700mila decessi l’anno. La sola malaria ne causa da sola 400mila
Telemedicina e cooperazione: la sfida, vinta, dalla Onlus GHT di Michelangelo Bartolo
GHT è un servizio di teleconsulto multi-specialistico e gratuito attivo in 15 paesi, curato da un pool di specialisti europei che nasce per rispondere ai quesiti medici che arrivano dai luoghi più disagiati del mondo. Ci spiega tutto il medico fondatore Bartolo
Tumori, scoperto un nuovo farmaco che “addormenta” le cellule neoplastiche
La ricerca a cura dell'Istituto Superiore di Sanità è stata pubblicata sulla rivista Cell Death and Disease
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

ECM estesa a tutte le professioni sanitarie. L’Agenas pubblica la delibera

L’Educazione Continua in Medicina sarà obbligatoria per tutte le professioni sanitarie aventi ordini di categoria, prima esclusi dal vincolo formativo
Lavoro

Bilancio 2020: «Caro Ministro, ecco dove trovare i soldi per pagare di più i medici. Senza che lo Stato aggiunga un euro»

Intervista al segretario nazionale Anaao-Assomed Carlo Palermo: «Nei prossimi 8 anni nelle aziende sanitarie ci saranno 250 milioni di euro di “retribuzione individuale di anzianità”. Basterebbe...
Salute

Droga, bambini in astinenza. Parla il neonatologo: «Non c’è un picco, ma a volte conseguenze devastanti»

L'intervista ad Antonello Del Vecchio, neonatologo della Società Italiana di Pediatria: «Mix di droghe devastante, ma il loro utilizzo in gravidanza non è in aumento». E a provocare le crisi non c...