Salute 25 giugno 2018

Malaria. Severini (Iss): «In Italia 700 casi ogni anno. Malattia è d’importazione ma non da escludere coinvolgimento di zanzare locali»

«Nel mondo, ogni anno, si contano oltre 200 milioni di nuovi contagi e 445 mila decessi. Oggi manca vaccino efficace e occorre combattere resistenza ai farmaci». L’intervista a Carlo Severini, ricercatore del dipartimento di Malattie Infettive dell’Istituto Superiore di Sanità

di Isabella Faggiano
Immagine articolo

«L’eradicazione della malaria in Italia è avvenuta dopo la seconda guerra mondiale, ma soltanto negli anni ’70 l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha definito la Nazione “Malaria free”. Da quel momento, le attività di lotta e di controllo hanno lasciato il campo ad azioni di sorveglianza. La malaria oggi, in Italia, è una malattia di importazione». Carlo Severini, ricercatore del dipartimento di Malattie Infettive dell’Istituto Superiore di Sanità, mette in luce i risultati raggiunti, ma anche le criticità e le prospettive di un piano di controllo che, in altre zone del mondo, non è di semplice monitoraggio, ma di prevenzione e cura.

LEGGI ANCHE: MALARIA, REZZA (ISS): «IN ITALIA OGNI ANNO CI SONO ANCORA CENTINAIA DI CASI». ECCO COSA FARE IN CASO DI VIAGGI IN ZONE A RISCHIO

«Attualmente vengono importati, ogni anno, nel nostro Paese circa 600-700 casi. Tra questi – ha continuato Severini – alcuni hanno destato maggiore allarme. Si è sospettato che alcuni potessero essere “autoctoni”, cioè acquisiti localmente, attraverso il coinvolgimento di zanzare del posto e non di vettori esteri». Ma è solo un’ipotesi: «finora – ha aggiunto Severini – non è stato mai dimostrato che si trattasse di insetti italiani. Rimangono situazioni definite “criptiche”, proprio perché non è possibile spiegarne la genesi».

Per trovare episodi di questo tipo non è necessario andare molto indietro nel tempo, gli ultimi si sono verificati lo scorso anno: «nel 2017 ci sono stati diversi casi in Italia – ha specificato  il ricercatore del dipartimento di Malattie Infettive dell’Iss –  Alcuni nosocomiali, cioè contagi avvenuti all’interno dell’ospedale, altri sono i cosiddetti “criptici”. Si tratta di 4 casi in particolare, individuati in Puglia, di cui non è stato possibile definire l’esatta eziologia. Condizioni di questo tipo possono destare il sospetto che possa essere coinvolta la zanzara italiana, ma non è stato dimostrato e difficilmente si risalirà alla genesi esatta».

La situazione globale è ben più grave di quella italiana: «Secondo l’ultimo “Word Malaria Report” dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, che cita i dati raccolti nel 2016, nel mondo – ha continuato Severini – si sarebbero verificati 216 milioni di nuovi casi e 445 mila decessi. La zona più colpita dalla malaria è l’Africa subsahariana, dove sono concentrate il 90% delle morti. Ogni 10 vittime 7 sono bambini che non hanno ancora compiuto 5 anni. La situazione è abbastanza grave anche nel sud-est asiatico, luogo in cui la forma più grave di malaria si è mostrata resistente ai farmaci. La diffusione di questi ceppi resistenti potrebbe avere delle gravi conseguenze nei programmi di controllo, soprattutto se dovesse raggiungere l’Africa».

LEGGI ANCHE: IN VIAGGIO CON I BAMBINI: QUALI VACCINI FARE PRIMA DI PARTIRE?

È possibile immaginare un’eradicazione della malaria nel mondo, proprio come avvenuto in Italia 50 anni fa? Carlo Severini, di fronte a questa domanda, mostra ottimismo, ma con cautela: «Bill Gates, il maggiore finanziatore dei programmi di lotta alle malattie legate alla povertà ed in particolare alla malaria – ha spiegato il ricercatore dell’Iss – si è più volte espresso positivamente sull’argomento. È innegabilmente che negli ultimi anni di attività di controllo intergrato siano stati raggiunti degli ottimi risultati. Successi che lasciano pensare alla possibilità di un’eradicazione mondiale della malattia, ma non in tempi recenti».

Prima di arrivare al traguardo definitivo è necessario raggiungere delle mete intermedie: «I problemi da affrontare restano tanti – ha sottolineato il ricercatore dell’Iss –  innanzitutto manca un vaccino efficace. Poi, bisogna far fronte all’insorgere della resistenza ai farmaci, non essendoci medicinali alternativi a breve commercializzazione».

Difficoltà da superare che comunque non impediranno una totale estinzione della malattia: «ci si arriverà – ha ribadito Severini –  ma non a breve. Probabilmente, il primo passo da compiere – ha concluso il ricercatore – è contribuire allo sviluppo economico delle aree dove la malaria è endemica».

Articoli correlati
Blockchain in sanità, Vella (ISS): «PITER, il più grande database nazionale sull’epatite, verrà gestito su catena dei blocchi»
L’Istituto Superiore di Sanità ha ospitato il convegno dedicato alle applicazioni della nuova tecnologia nel mondo sanitario. Il direttore del Centro per la salute globale: «La blockchain è una cassaforte digitale di cui solo alcuni hanno il codice, utilizzabile per tracciabilità del farmaco, trial clinici e formazione ECM»
Emergenza sanitaria in volo, cosa fare? Rosi (ISS): «In Italia non esiste protocollo. Manca una cabina di regia»
Sono tre i voli intercontinentali su cui, in questi giorni, centinaia di passeggeri si sono sentiti male. Come comportarsi in questi casi? «Se succedesse nel nostro Paese sarebbe un problema, in assenza di un coordinamento intersettoriale ognuno rivendica la propria autorità». Lo spiega Luca Rosi, responsabile dell'Unità Affari Internazionali dell'Istituto Superiore di Sanità
Stefano Vella racconta la sua “rabbia”: «Lasciare Aifa scelta dolorosa, ma difendere salute globale del futuro inizia dalla cura dei migranti»
VIDEO INTERVISTA | L’ormai ex presidente dell’Agenzia del Farmaco a qualche giorno di distanza dalla sua irrevocabile lettera di addio ad una delle cariche più prestigiose e ambite della sanità italiana ha ritrovato il filo dei pensieri e accetta di parlare della sua esperienza in AIFA e delle prospettive dell'agenzia e della scelta delle dimissioni come di una pagina dolorosa da superare in fretta per tornare a dedicarsi alla ricerca.
Vaccini, perché in Italia sono obbligatori e in altri Paesi no? Lo spiega Rezza (ISS) sul British Medical Journal
«Non è irragionevole che il governo italiano consideri la possibilità di rivedere l’obbligatorietà dei vaccini. Ma qualunque modifica dovrebbe essere guidata da evidenze scientifiche, supportata da investimenti adeguati e valutata con attenzione, non affrettata con tanta urgenza». Giovanni Rezza, direttore del dipartimento malattie infettive dell’Istituto Superiore di Sanità, interviene sulla questione vaccini con un lungo […]
Amsterdam International Aids Conference 2018: “Rompere le barriere, costruire ponti”
La 22° Conferenza internazionale sull’Aids si terrà ad Amsterdam dal 23 al 27 luglio. Anche l’Osservatorio AiDS – Aids Diritti Salute parteciperà ai lavori insieme alle reti internazionali della società civile, agli attivisti e attiviste che animeranno il corteo del 23 luglio per le vie di Amsterdam, le istituzioni e le agenzie internazionali che operano sui temi della conferenza: dall’uso dei […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

E-fattura, Marino (OMCeO Roma): «Dal 2019 cambia tutto, professionisti sanitari si attivino o rischio sanzioni»

«Per attivare la procedura occorre il ‘sistema d’interscambio’: ecco come funziona» così Emanuela Marino dell’Ufficio relazioni con il pubblico dell’OMCeO Roma parla delle novità in mate...
Salute

Liste d’attesa, Aceti (Cittadinanzattiva): «Prima voce di segnalazione per malcontento cittadini. Ecco cosa cambia con Piano Nazionale»

«50 milioni per abbattimento e interventi regionali. Ridiamo le gambe al SSN per tornare in piedi» Tonino Aceti, coordinatore nazionale del Tribunale per i diritti del malato di Cittadinanzattiva
di Giovanni Cedrone e Serena Santi
Formazione

Rivalidazione, controlli, autoformazione e crediti FAD: tutte le novità ECM in arrivo entro la fine dell’anno

Si avvicina infatti la scadenza del secondo segmento del triennio formativo 2017-2019: la verifica dei crediti ECM raccolti dai medici per il triennio 2014-2016 comincerà con l’inizio del 2019. Ane...