Salute 5 Giugno 2017 16:51

Mal di testa? «Non dipende dalla vista» lo spiega (e conferma) il dottor Valeriani (Bambino Gesù)

Sollecitato dalle domande dei medici nostri lettori, lo specialista chiarisce: «Dall’oculista solo per la valutazione del fondo dell’occhio, fondamentale per cause gravi di mal di testa». E se un bambino lamenta mal di testa dietro la nuca è meglio rivolgersi a uno specialista: potrebbe essere una cefalea sintomatica

E’ uno dei disturbi più comuni, spesso è ricorrente e invalidante. Ne soffrono più di 25 milioni di italiani, e colpisce soprattutto le donne. Parliamo di mal di testa e, in particolare, del presunto legame tra cefalea e difetti della vista. Se si ha mal di testa, si deve andare dall’oculista? Lo abbiamo chiesto al Dottor Massimiliano Valeriani, responsabile del Centro Cefalee dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù: «La letteratura scientifica sul tema è chiara: non è il difetto di vista che causa il mal di testa. Quando un bambino ha mal di testa non bisogna portarlo dall’oculista per misurare la vista. L’oculista è estremamente utile per la valutazione del fondo dell’occhio, fondamentale per escludere cause del mal di testa legate a un’ipertensione endocranica, quindi mi riferisco sia a situazioni di tumori intracerebrali che di quella che si chiama ipertensione endocranica benigna. Ma al di là di questo la misurazione dell’acuità visiva è assolutamente inutile nel bambino che soffre di mal di testa».

Il dottor Valeriani conferma quindi quanto era stato detto qualche giorno fa in una nota diffusa dal Bambino Gesù e pubblicata da Sanità Informazione, Mal di testa dei bambini? Gli esperti del Bambino Gesù sfatano 10 falsi miti, in cui venivano elencate dieci credenze sul mal di testa dei bambini, commentati e smentiti dai medici del centro cefalee dell’ospedale pediatrico con un vero e proprio decalogo, che ha stimolato l’attenzione e la curiosità di numerosi lettori, molti dei quali hanno chiesto approfondimenti sul tema che abbiamo, appunto, girato allo specialista pediatrico.

«Neanche sforzare la vista per molto tempo davanti al computer, tablet o cellulari causa cefalea, se non si ha una predisposizione genetica – continua il dottor Valeriani -. Gli emicranici poi possono avere mal di testa se si affaticano quando leggono, ma non c’è assolutamente un legame diretto».

Per quanto riguarda poi le differenze tra le zone interessate dal dolore, il dottor Valeriani specifica come, nella stragrande maggioranza dei casi, i bambini e gli adolescenti riferiscano un mal di testa nella zona frontale o fronto-temporale. «Più rara è la localizzazione occipitale, quindi posteriore, del mal di testa. Prendendo in considerazione i bambini che arrivano nel nostro pronto soccorso, abbiamo osservato che la localizzazione occipitale della cefalea sia più spesso associata a cefalee sintomatiche, secondarie, quindi a cause potenzialmente più gravi di mal di testa. Bisogna tuttavia sottolineare che non tutti i bambini che hanno dolori localizzati in sede occipitale debbano avere un tumore cerebrale o qualche altra causa grave di mal di testa».

Articoli correlati
Emicrania: trattamento con monoclonali anti-CGRP riduce gli attacchi in oltre il 90% dei pazienti
Un anno di trattamento con anticorpi monoclonali anti-CGRP fa crollare la frequenza degli attacchi di emicrania nella quasi totalità dei soggetti (91,3%). È il dato emerso da uno studio multicentrico cui hanno partecipato ben 16 centri coordinati dall’IRCCS San Raffaele di Roma e appena pubblicato sulla rivista Journal of Neurology
Sulla responsabilità penale del pediatra
Una recente sentenza si è espressa sulla responsabilità penale del pediatra: non trattenere il minore per accertamenti è omicidio colposo
di Riccardo Cantini, intermediario assicurativo (Iscrizione RUI di IVASS: E000570258)
Stanchezza e mal di testa: studio rivela i sintomi principali del Long Covid
Uno studio del Medical College of Georgia ha rilevato quali sono i sintomi più segnalati dai pazienti a più di quattro mesi dal Covid-19. I principali sono stanchezza e mal di testa, seguono dolori muscolari, tosse, alterazioni dell'olfatto e del gusto, febbre, brividi e congestione nasale
Aumentano diagnosi Covid tramite sintomi, quali sono i principali?
Mentre gli ultimi dati del monitoraggio settimanale diffusi dall'ISS segnalano che sono aumentate le diagnosi di Covid attraverso la comparsa dei sintomi, uno studio britannico rivela quali siano i segnali più comuni. Il mal di gola è in testa
Pediatria, al via il 77° Congresso SIP. Riflettori puntati su medicina di precisione, di genere e ricerca scientifica
La presidente della SIP Annamaria Staiano: «Il filo conduttore di questa edizione sarà la partecipazione dei giovani alla ricerca scientifica che, con l’innovazione tecnologica, rappresenta la chiave di volta per la cura di malattie croniche e rare, che riguardano circa il 20% della popolazione pediatrica»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Advocacy e Associazioni

Screening oncologici, da Pazienti e Clinici la richiesta di un’azione più incisiva per ampliare l’offerta e aumentare l’adesione dei cittadini

Tra le proposte degli esperti: introdurre la prevenzione come materia di insegnamento nelle scuole, digitalizzare i processi di invito allo screening, promuovere un’informazione costante e capil...
di I.F.