Salute 25 Novembre 2019

L’ospedale del futuro nasce in Lombardia, Monti (Comm. Sanità): «Investiamo in automazione per ridurre sprechi»

Regione Lombardia ha deciso di investire 202 milioni di euro nella sanità per sostituire apparecchiature e riqualificare strutture. Il Presidente della Commissione Sanità Emanuele Monti: «Per ridurre i tempi di attesa abbiamo inserito un nuovo tipo di negoziazione con il privato accreditato per definire, all’interno del loro budget, una parte dedicata all’attività con il più lungo tempo di attesa»

di Federica Bosco

La parola d’ordine è accelerare per diventare la prima regione al mondo per automazione del percorso farmaci e di dispositivi medici.  In quest’ottica Regione Lombardia ha deciso di investire 202 milioni di euro nella sanità per sostituire apparecchiature e riqualificare strutture, per semplificare processi, ottimizzare il tempo degli operatori sanitari, abbattere il rischio clinico, aumentare la sicurezza dei pazienti ed avere un controllo ottimale dei costi eliminando sprechi ed inefficienze. Un impegno che l’assessore al Welfare Giulio Gallera e il presidente della Commissione Sanità Emanuele Monti hanno ribadito durante il convegno su “Tracciabilità, sicurezza ed efficienza nell’ospedale del futuro” organizzato dall’associazione “Tra dire e fare”.

«In Lombardia abbiamo negli anni fatto dei cantieri di lavoro su automazione ospedaliera di grandissimo rilievo – ha spiegato Emanuele Monti a Sanità Informazione -. Ricordo Vimercate, e poi Pavia oggi vero e proprio modello di best practice in quell’ambito. Il punto allora è accelerare per diminuire gli sprechi e i furti in sede ospedaliera sia di farmaci, che finiscono nel mondo delle dipendenze, ma anche di prodotti di grande valore economico, come farmaci oncologici di ultima generazione. Un progetto a lunga scadenza che ha dei costi che Regione Lombardia sta sostenendo per raggiungere l’obiettivo e proprio per questo è stato approvato nel bilancio un investimento importante per partire con progetti sperimentali su logiche di hub territoriali così da poterci candidare ad essere la prima Regione al mondo su questo tema. Regione Lombardia ha la fortuna di avere una sanità prevalentemente pubblica – a differenza degli Stati Uniti dove il tema dell’automazione è già molto avanzato ma con una sanità privata – e poi i dati per poter gestire al meglio i pazienti».

LEGGI ANCHE: LOMBARDIA, AUTUNNO DI SFIDE PER LA SANITÀ. MONTI (COMM. SANITÀ): «TRIPLICHEREMO POSTI IN SCUOLE DI FORMAZIONE MMG»

Dodici milioni saranno destinati alle cartelle cliniche elettroniche e al sistema PAGO PA per semplificare il lavoro del personale sanitario e consentire al cittadino un’accessibilità diretta alle informazioni mediche nel rispetto delle normative sulla privacy. Con PAGO PA i pazienti non dovranno più recarsi al CUP per il pagamento del ticket, ma potranno farlo attraverso app dedicate presso sportelli bancari, punti sisal, Lottomatica o uffici postali.

«Abbiamo inserito un nuovo sistema nel pubblico per poter lavorare con il privato accreditato. Ad esempio, con i tempi di attesa – che è anche uno degli argomenti più cari alla cittadinanza – per andarli a ridurre in modo concreto abbiamo inserito un nuovo tipo di negoziazione con il privato accreditato per definire, all’interno del loro budget, una parte dedicata all’attività con il più lungo tempo di attesa e maggiore coda per renderla più snella. Questo è stato fatto a Milano e Brescia, lo amplieremo l’anno prossimo a tutta la Lombardia. Siamo passati dunque da una logica di offerta sanitaria puntuale, a un’offerta sanitaria per rete, che può portare il maggior beneficio».

Articoli correlati
Real World Evidence e Covid, Trifirò (farmacologo): «Con studi sul “mondo reale” dati per decisioni certe»
«In una situazione di emergenza sanitaria i trial clinici non forniscono risultati in tempi ragionevoli. Gli studi osservazionali, basati su dati di Real Evidence, sono più veloci e, se condotti da professionisti esperti, molto attendibili»
di Isabella Faggiano
Aifa “Rapporto Osmed 2019”: spesa farmaceutica cresce a 30,8 miliardi
Nel 2019 in Italia sono state consumate ogni giorno 1.604,5 dosi di medicinali ogni 1000 abitanti, con un aumento del +2% rispetto all'anno precedente. In crescita anche gli equivalenti. Almeno una prescrizione per il 98% degli over 65
La Fase 3 e l’aumento delle psicopatologie: l’importanza di medici e farmacisti
di Giacomo Cicalini, Farmacista
di Giacomo Cicalini, Direzione Tecnica Cofardis SpA
Farmaci e Covid-19, Aifa: «Boom idrossiclorochina, ansiolitici e vitamine»
A fare il punto il Rapporto OsMed presentato dall’Agenzia italiana del farmaco. Il direttore Magrini: «Sforzo di Aifa nella gestione delle carenze. Si è agito per evitare che i malati cronici dovessero andare in ospedale»
Cricelli (Simg): «Ripensare assistenza domiciliare dopo Covid, formare i medici di famiglia per la prescrizione di nuovi farmaci»
Con la telemedicina si è trovato un modo efficace per affiancare l'assistenza a domicilio. Il presidente Simg Claudio Cricelli parla del futuro nella medicina del territorio: «Con Aifa al lavoro per formare i medici di famiglia a prescrivere nuovi farmaci, anti-diabetici e per Bpco»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Lavoro

SIMG, appello ai Ministri Azzolina e Speranza: «Utilizziamo i medici in pensione nelle scuole»

«Una eccezionale risorsa professionale totalmente inutilizzata, professionisti esperti e perfettamente formati con esperienza ultratrentennale, ben aggiornati e spesso in prima linea su Covid-19», s...