Salute 25 Novembre 2019 11:45

L’ospedale del futuro nasce in Lombardia, Monti (Comm. Sanità): «Investiamo in automazione per ridurre sprechi»

Regione Lombardia ha deciso di investire 202 milioni di euro nella sanità per sostituire apparecchiature e riqualificare strutture. Il Presidente della Commissione Sanità Emanuele Monti: «Per ridurre i tempi di attesa abbiamo inserito un nuovo tipo di negoziazione con il privato accreditato per definire, all’interno del loro budget, una parte dedicata all’attività con il più lungo tempo di attesa»

di Federica Bosco

La parola d’ordine è accelerare per diventare la prima regione al mondo per automazione del percorso farmaci e di dispositivi medici.  In quest’ottica Regione Lombardia ha deciso di investire 202 milioni di euro nella sanità per sostituire apparecchiature e riqualificare strutture, per semplificare processi, ottimizzare il tempo degli operatori sanitari, abbattere il rischio clinico, aumentare la sicurezza dei pazienti ed avere un controllo ottimale dei costi eliminando sprechi ed inefficienze. Un impegno che l’assessore al Welfare Giulio Gallera e il presidente della Commissione Sanità Emanuele Monti hanno ribadito durante il convegno su “Tracciabilità, sicurezza ed efficienza nell’ospedale del futuro” organizzato dall’associazione “Tra dire e fare”.

«In Lombardia abbiamo negli anni fatto dei cantieri di lavoro su automazione ospedaliera di grandissimo rilievo – ha spiegato Emanuele Monti a Sanità Informazione -. Ricordo Vimercate, e poi Pavia oggi vero e proprio modello di best practice in quell’ambito. Il punto allora è accelerare per diminuire gli sprechi e i furti in sede ospedaliera sia di farmaci, che finiscono nel mondo delle dipendenze, ma anche di prodotti di grande valore economico, come farmaci oncologici di ultima generazione. Un progetto a lunga scadenza che ha dei costi che Regione Lombardia sta sostenendo per raggiungere l’obiettivo e proprio per questo è stato approvato nel bilancio un investimento importante per partire con progetti sperimentali su logiche di hub territoriali così da poterci candidare ad essere la prima Regione al mondo su questo tema. Regione Lombardia ha la fortuna di avere una sanità prevalentemente pubblica – a differenza degli Stati Uniti dove il tema dell’automazione è già molto avanzato ma con una sanità privata – e poi i dati per poter gestire al meglio i pazienti».

LEGGI ANCHE: LOMBARDIA, AUTUNNO DI SFIDE PER LA SANITÀ. MONTI (COMM. SANITÀ): «TRIPLICHEREMO POSTI IN SCUOLE DI FORMAZIONE MMG»

Dodici milioni saranno destinati alle cartelle cliniche elettroniche e al sistema PAGO PA per semplificare il lavoro del personale sanitario e consentire al cittadino un’accessibilità diretta alle informazioni mediche nel rispetto delle normative sulla privacy. Con PAGO PA i pazienti non dovranno più recarsi al CUP per il pagamento del ticket, ma potranno farlo attraverso app dedicate presso sportelli bancari, punti sisal, Lottomatica o uffici postali.

«Abbiamo inserito un nuovo sistema nel pubblico per poter lavorare con il privato accreditato. Ad esempio, con i tempi di attesa – che è anche uno degli argomenti più cari alla cittadinanza – per andarli a ridurre in modo concreto abbiamo inserito un nuovo tipo di negoziazione con il privato accreditato per definire, all’interno del loro budget, una parte dedicata all’attività con il più lungo tempo di attesa e maggiore coda per renderla più snella. Questo è stato fatto a Milano e Brescia, lo amplieremo l’anno prossimo a tutta la Lombardia. Siamo passati dunque da una logica di offerta sanitaria puntuale, a un’offerta sanitaria per rete, che può portare il maggior beneficio».

Articoli correlati
Crisi energia: «Costi insostenibili», l’allarme della filiera del farmaco
Farmindustria, Egualia, Assoram, Adf, Federfarma Servizi, Federfarma e Assofarm lanciano l'allarme sulla «insostenibilità dei costi derivanti dalla drammatica crisi energetica che sta seriamente mettendo a rischio le forniture dell'intera filiera della salute». Le associazioni chiedono misure urgenti
Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?
È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
«Coinvolgeteci nei processi decisionali sui farmaci come fa EMA». La richiesta di 43 associazioni dei pazienti ad AIFA
Per Annamaria Mancuso, Coordinatrice del Gruppo “La salute: un bene da difendere, un diritto da promuovere”, «occorre trasparenza, vogliamo capire come vengono assunte alcune decisioni che incidono sulle nostre vite». L’EMA ha istituzionalizzato il coinvolgimento già dal 2005
di Francesco Torre
Tobia (Federfarma): «Garantire ai cittadini europei equo accesso a farmaci»
Si è tenuto oggi a Roma il simposio annuale PGEU, nell'ambito del quale si è discusso della nuova regolamentazione sui farmaci dell'Unione Europea
Aderenza alla terapia, FederAnziani: «4 anziani su 10 non assumono regolarmente i farmaci prescritti»
1 anziano su 3 ammette di dimenticarne spesso l’assunzione. I dati diffusi alla vigilia della Giornata Nazionale per l’Aderenza alle Terapie. Selvi: «Aderenza è battaglia che non si può perdere: promuovere strumenti e interventi per migliorarla»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 23 settembre 2022, sono 614.093.002 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.533.948 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi