Politica 2 Agosto 2019

Lombardia, autunno di sfide per la sanità. Monti (Comm. Sanità): «Triplicheremo posti in scuole di Formazione MMG»

Colloquio con il Presidente della Commissione Sanità di Palazzo Lombardia Emanuele Monti: «Riorganizzeremo rete di emergenza-urgenza per dare più sicurezza e non avere più cittadini lombardi di serie A e di serie B»

di Federica Bosco
Immagine articolo

Grandi manovre nella sanità lombarda alla vigilia della pausa estiva. Dopo aver stanziato in bilancio 80 milioni di euro per spese di edilizia sanitaria, luglio ha regalato a molti lombardi (circa il 70%) l’esenzione dal super ticket. Per il presidente della commissione sanità di Regione Lombardia, Emanuele Monti (Lega), l’anno politico si chiude dunque con un bilancio positivo nonostante qualche difficoltà con la classe medica.

LEGGI ANCHE: LOMBARDIA, INTESA TRA REGIONE E SINDACATI SU RIORDINO RETE TERRITORIALE. VIA SUPERTICKET A 625MILA PERSONE

Presidente, con la Medicina generale a che punto è il dialogo?

«Il dialogo con tutte le associazioni che rappresentano il mondo di medicina generale è aperto. Dal momento che il 50% dei professionisti di medicina generale andrà in pensione nei prossimi 5 anni, stiamo lavorando sui rinnovi e in quel senso posso dire che triplicheremo i posti nelle scuole di specialità che formeranno i futuri medici».

Per l’autunno quali saranno le novità più importanti? 

«Tra le tante cose, di sicuro la revisione della rete ospedaliera; lo abbiamo scritto nella legge 23 del 2015 ed ora lo stiamo mettendo in pratica con importanti delibere che andranno a ridisegnare in modo chiaro, partendo dalla rete di emergenza-urgenza cioè dal Pronto soccorso, la rete di offerta lombarda, per dare più sicurezza e non avere più cittadini lombardi di serie A e di serie B, ma tutti sullo stesso piano. Questo l’impegno importante che ci siamo dati con il Presidente Attilio Fontana, insieme alla riduzione dei tempi di attesa in Lombardia che sono troppo lunghi».

Il tema dell’autonomia quanto vi permetterebbe di cambiare passo?

«Con l’autonomia potremo finalmente andare oltre a problemi assurdi come l’impossibilità di assumere medici nel sistema ospedaliero pubblico, pur avendo le risorse e la volontà di farlo. E poi la possibilità di investire maggiori risorse nella ricerca e nell’innovazione e la capacità di diminuire i tempi di attesa migliorando con tutta una serie di azioni concrete i nostri ospedali lombardi. Tante azioni, ma anche nel sociale per aiutare ancora di più il mondo della disabilità con investimenti ad hoc per l’inclusione, ma per fare questo servono risorse e l’autonomia decisionale per fare delle scelte».

Articoli correlati
MMG, Angelo Testa (Snami): «Medicina generale sotto attacco, vi spiego perché»
Il Presidente del sindacato nazionale autonomo ha scritto al ministro Speranza per lamentare la mancanza di attenzione verso il settore. Dubbi anche sulle figure dell’infermiere e dello psicologo di famiglia
Medici di famiglia, ex Ministro Grillo alle Regioni: «Meno borse di formazione di quelle previste»
«Dovevano essere 2000 da distribuire in tutta Italia, ma le Regioni hanno deciso incredibilmente di formarne solo 666», specifica l'ex Ministro della Salute, Giulia Grillo riferendosi alle borse di studio previste dal decreto Calabria
Lombardia, da novembre oltre 1500 specializzandi in corsia. Gallera (Ass. Welfare): «Non faranno da tappabuchi ma saranno autonomi»
«Non sostituiranno i medici strutturati dal punto di vista dell’accreditamento, ma potranno lavorare nelle corsie, negli ambulatori, in sala operatoria sempre sotto il controllo di un tutor», sottolinea l’assessore lombardo al Welfare Giulio Gallera
di Federica Bosco
Autonomia differenziata, Gaudioso (Cittadinanzattiva): «Basta sovra-costi per i cittadini, in sanità serve l’esigibilità dei servizi»
Servizi accessibili anche nei territori periferici, abolizione del superticket e personalizzazione delle cure: il segretario generale di Cittadinanzattiva, Antonio Gaudioso, elenca gli obiettivi che dovrebbero guidare il governo nella realizzazione della riforma sulle autonomie
Autonomia differenziata, il Ministro Boccia: «Punto di partenza è lotta alle diseguaglianze in sanità»
Partiranno da lunedì la serie di incontri tra il neo ministro per gli Affari Regionali e le Autonomie, Francesco Boccia e i presidenti di Regione. Primi ad essere ascoltati il Presidente del Veneto, Luca Zaia, nel pomeriggio a Bologna incontro con il Presidente dell'Emilia Romagna, Stefano Bonaccini
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Cause

Ex specializzandi, Di Amato: «Scorrette le sentenze contrarie basate su prescrizione»

Dal convegno organizzato dall’università Luiss Guido Carli e Sanità Informazione, le ultime novità in tema di inadempimento del diritto UE da parte dell’Italia in ambito sanitario. Parlano i pr...
Università

Test medicina 2019, l’attesa è finita. La graduatoria è online

Il Miur ha pubblicato la graduatoria ufficiale nominativa nazionale e di merito che stabilisce chi ha superato la prova d’accesso ed è riuscito ad accedere alla Facoltà di Medicina. Per i tanti ch...
Salute

Professioni sanitarie, Beux (maxi Ordine): «Dal 1° ottobre possibile iscriversi agli elenchi speciali»

Il Presidente della Federazione degli Ordini TSRM e PSTRP annuncia l’attivazione sul portale della procedura per iscriversi: «I professionisti, iscrivendosi al relativo elenco speciale a esauriment...