Politica 2 Agosto 2019

Lombardia, autunno di sfide per la sanità. Monti (Comm. Sanità): «Triplicheremo posti in scuole di Formazione MMG»

Colloquio con il Presidente della Commissione Sanità di Palazzo Lombardia Emanuele Monti: «Riorganizzeremo rete di emergenza-urgenza per dare più sicurezza e non avere più cittadini lombardi di serie A e di serie B»

di Federica Bosco
Immagine articolo

Grandi manovre nella sanità lombarda alla vigilia della pausa estiva. Dopo aver stanziato in bilancio 80 milioni di euro per spese di edilizia sanitaria, luglio ha regalato a molti lombardi (circa il 70%) l’esenzione dal super ticket. Per il presidente della commissione sanità di Regione Lombardia, Emanuele Monti (Lega), l’anno politico si chiude dunque con un bilancio positivo nonostante qualche difficoltà con la classe medica.

LEGGI ANCHE: LOMBARDIA, INTESA TRA REGIONE E SINDACATI SU RIORDINO RETE TERRITORIALE. VIA SUPERTICKET A 625MILA PERSONE

Presidente, con la Medicina generale a che punto è il dialogo?

«Il dialogo con tutte le associazioni che rappresentano il mondo di medicina generale è aperto. Dal momento che il 50% dei professionisti di medicina generale andrà in pensione nei prossimi 5 anni, stiamo lavorando sui rinnovi e in quel senso posso dire che triplicheremo i posti nelle scuole di specialità che formeranno i futuri medici».

Per l’autunno quali saranno le novità più importanti? 

«Tra le tante cose, di sicuro la revisione della rete ospedaliera; lo abbiamo scritto nella legge 23 del 2015 ed ora lo stiamo mettendo in pratica con importanti delibere che andranno a ridisegnare in modo chiaro, partendo dalla rete di emergenza-urgenza cioè dal Pronto soccorso, la rete di offerta lombarda, per dare più sicurezza e non avere più cittadini lombardi di serie A e di serie B, ma tutti sullo stesso piano. Questo l’impegno importante che ci siamo dati con il Presidente Attilio Fontana, insieme alla riduzione dei tempi di attesa in Lombardia che sono troppo lunghi».

Il tema dell’autonomia quanto vi permetterebbe di cambiare passo?

«Con l’autonomia potremo finalmente andare oltre a problemi assurdi come l’impossibilità di assumere medici nel sistema ospedaliero pubblico, pur avendo le risorse e la volontà di farlo. E poi la possibilità di investire maggiori risorse nella ricerca e nell’innovazione e la capacità di diminuire i tempi di attesa migliorando con tutta una serie di azioni concrete i nostri ospedali lombardi. Tante azioni, ma anche nel sociale per aiutare ancora di più il mondo della disabilità con investimenti ad hoc per l’inclusione, ma per fare questo servono risorse e l’autonomia decisionale per fare delle scelte».

Articoli correlati
Sanità lombarda: il ruolo delle Professioni Sanitarie nella riforma della L.R. 23/2015. Un ponte fra paziente e territorio
All’incontro del luglio scorso, organizzato dai vertici della Sanità di Regione Lombardia, presenti gli ordini TSRM e PSTRP di Milano, Como, Lecco, Lodi, Monza Brianza e Sondrio per delineare i passi da compiere nell’attuazione della Legge Regionale n. 23/2015 che regola il sistema sociosanitario lombardo
Sanità lombarda: Marco Trivelli punta su diagnosi precoce e dialogo tra medici del territorio e ospedalieri
La ricetta del manager cresciuto con Formigoni ciellino doc: «Tamponi per anticipare i focolai e continuità assistenziale per gestire pazienti covid e cronici»
di Federica Bosco
Lombardia, l’appello dei geriatri: «Aumentare i reparti per acuti e riconoscere il nostro ruolo»
Dopo l'emergenza occorre ripensare l'organizzazione e la diffusione dei reparti ospedalieri di Geriatria per acuti, in Lombardia come in tutto il Paese. L’appello di SIGOT, SIGG e AGE ai vertici della Regione Lombardia e alle istituzioni nazionali per aumentare i posti letto per anziani in ospedale
Medicina di continuità assistenziale, Lombardia punta sul numero unico europeo
Gallera (assessore al Welfare): «Continuità assistenziale e trasporto per i dializzati attivo in tutta la Regione entro fine anno». Zoli (AREU): «Con l’interpretariato telefonico e l’informatizzazione del servizio pazienti e medici più tutelati»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Lavoro

SIMG, appello ai Ministri Azzolina e Speranza: «Utilizziamo i medici in pensione nelle scuole»

«Una eccezionale risorsa professionale totalmente inutilizzata, professionisti esperti e perfettamente formati con esperienza ultratrentennale, ben aggiornati e spesso in prima linea su Covid-19», s...