Politica 2 Agosto 2019 15:40

Lombardia, autunno di sfide per la sanità. Monti (Comm. Sanità): «Triplicheremo posti in scuole di Formazione MMG»

Colloquio con il Presidente della Commissione Sanità di Palazzo Lombardia Emanuele Monti: «Riorganizzeremo rete di emergenza-urgenza per dare più sicurezza e non avere più cittadini lombardi di serie A e di serie B»

di Federica Bosco
Lombardia, autunno di sfide per la sanità. Monti (Comm. Sanità): «Triplicheremo posti in scuole di Formazione MMG»

Grandi manovre nella sanità lombarda alla vigilia della pausa estiva. Dopo aver stanziato in bilancio 80 milioni di euro per spese di edilizia sanitaria, luglio ha regalato a molti lombardi (circa il 70%) l’esenzione dal super ticket. Per il presidente della commissione sanità di Regione Lombardia, Emanuele Monti (Lega), l’anno politico si chiude dunque con un bilancio positivo nonostante qualche difficoltà con la classe medica.

LEGGI ANCHE: LOMBARDIA, INTESA TRA REGIONE E SINDACATI SU RIORDINO RETE TERRITORIALE. VIA SUPERTICKET A 625MILA PERSONE

Presidente, con la Medicina generale a che punto è il dialogo?

«Il dialogo con tutte le associazioni che rappresentano il mondo di medicina generale è aperto. Dal momento che il 50% dei professionisti di medicina generale andrà in pensione nei prossimi 5 anni, stiamo lavorando sui rinnovi e in quel senso posso dire che triplicheremo i posti nelle scuole di specialità che formeranno i futuri medici».

Per l’autunno quali saranno le novità più importanti? 

«Tra le tante cose, di sicuro la revisione della rete ospedaliera; lo abbiamo scritto nella legge 23 del 2015 ed ora lo stiamo mettendo in pratica con importanti delibere che andranno a ridisegnare in modo chiaro, partendo dalla rete di emergenza-urgenza cioè dal Pronto soccorso, la rete di offerta lombarda, per dare più sicurezza e non avere più cittadini lombardi di serie A e di serie B, ma tutti sullo stesso piano. Questo l’impegno importante che ci siamo dati con il Presidente Attilio Fontana, insieme alla riduzione dei tempi di attesa in Lombardia che sono troppo lunghi».

Il tema dell’autonomia quanto vi permetterebbe di cambiare passo?

«Con l’autonomia potremo finalmente andare oltre a problemi assurdi come l’impossibilità di assumere medici nel sistema ospedaliero pubblico, pur avendo le risorse e la volontà di farlo. E poi la possibilità di investire maggiori risorse nella ricerca e nell’innovazione e la capacità di diminuire i tempi di attesa migliorando con tutta una serie di azioni concrete i nostri ospedali lombardi. Tante azioni, ma anche nel sociale per aiutare ancora di più il mondo della disabilità con investimenti ad hoc per l’inclusione, ma per fare questo servono risorse e l’autonomia decisionale per fare delle scelte».

Articoli correlati
Tamponi salivari: da oggi nelle scuole in Lombardia
Viaggio nel laboratorio di microbiologia dell’Università di Milano con la professoressa Elisa Borghi: «Il dispositivo a forma di tubo contiene all’interno una spugna attaccata ad un bastoncino che va succhiata come un lecca-lecca. In laboratorio viene processato in 24 ore»
di Federica Bosco
Rsa, fuga di infermieri verso le Aziende Ospedaliere. Degani (Uneba Lombardia): «Necessario creare nuove figure»
Il presidente di UNEBA Lombardia: «Stato e Regioni devono prevedere una programmazione tale da poter aumentare il numero di infermieri formati o di istituire operatori sociosanitari specializzati, figure para infermieristiche e para sanitarie che possano aiutare le fragilità e le cronicità»
di Federica Bosco
Vaccini, mai più dosi avanzate: come funzionano le “liste di sostituti” in Lombardia, Lazio e Campania
Le chiamano "panchine", sono le liste straordinarie che le Regioni utilizzano per ottimizzare le dosi dopo l'ordinanza di Figliuolo. Ma chi rientra tra coloro che verranno contattati?
di Federica Bosco e Gloria Frezza
«Io, infermiera presa a calci in PS, ho ancora gli incubi mentre i miei aggressori sono a piede libero»
«Hanno anche provato a cavarmi un occhio». Il racconto dell’infermiera del Cardarelli di Napoli: il trauma, la paura, la speranza che la giustizia faccia il suo corso
Vaccino anti-Covid dal medico di famiglia, dopo l’accordo nazionale ecco come verrà attuato il piano nelle Regioni
In Campania si parte a breve anche negli studi, nel Lazio la fornitura è a macchia di leopardo, l’Emilia Romagna marcia a ritmi sostenuti con il personale sanitario
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 7 maggio, sono 156.080.676 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.256.425 i decessi. Ad oggi, oltre 1,22 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Salute

Vaccini e rischi, Peyvandi (EMA): «No ad eparina o aspirina prima dell’inoculazione»

Le raccomandazioni di Flora Peyvandi del comitato scientifico dell’Agenzia: «Non bisogna neppure sospendere la pillola anticoncezionale»
di Federica Bosco