Politica 1 Agosto 2019

Lombardia, intesa tra Regione e sindacati su riordino rete territoriale. Via superticket a 625mila persone

L’accordo prevede la realizzazione in ogni Azienda sociosanitaria territoriale di una struttura organizzativa unica in grado di garantire percorsi di accompagnamento e di cura appropriati. Soddisfatti i sindacati: «È una prima risposta ai bisogni di cura ed assistenza delle persone»

di Federica Bosco

Intesa raggiunta tra Regione Lombardia e sindacati Cgil, Cisl e Uil, sindacato dei Pensionati, della Funzione pubblica e Medici, per il riordino della rete delle degenze territoriali o di comunità e sull’esenzione dal superticket per le prestazioni ambulatoriali per alcuni nuclei famigliari ritenuti vulnerabili.

Dopo un lungo confronto, iniziato lo scorso gennaio, alla vigilia della pausa estiva si è concretizzato l’accordo che prevede: la realizzazione in ogni Azienda sociosanitaria territoriale di una struttura organizzativa unica, in grado di garantire percorsi di accompagnamento e di cura appropriati, nel rispetto delle unità d’offerta di degenza di comunità, pubbliche o private accreditate e contrattualizzate, che dovranno comunicare in tempo reale le proprie disponibilità.

LEGGI ANCHE: LOMBARDIA, SIGLATO ACCORDO MEDICI-REGIONE: PIU’ RISORSE PER NUOVE ASSUNZIONI. MAZZACANE (CISL): «PROBLEMI RESTANO SUL CAMPO»

«L’implementazione della rete delle degenze di comunità rappresenta una prima risposta ai bisogni di cura ed assistenza delle persone – il commento dei sindacati Cgil, Cisl e Uil Lombardia – Ad oggi le risposte sono parziali (servizi di assistenza domiciliari) o inappropriate (ricoveri ospedalieri), se non troppo onerose per le famiglie quando è necessario fare ricorso a strutture residenziali o assistenti familiari. È stato compiuto un passo avanti, – ammettono – ma adesso dovranno essere attuati tutti i provvedimenti necessari per mettere le unità organizzative in condizioni di lavorare – affermano i sindacati -. Occorre garantire che le Aziende sociosanitarie territoriali (Asst) possano costituire le unità e dotarle delle risorse economiche, delle competenze e della strumentazione informatica adeguata al ruolo che devono avere».

L’intesa, sottoscritta nella giornata di ieri, prevede inoltre che Regione Lombardia avvii il processo di riordino della rete delle degenze territoriali riclassificando i posti letto esistenti e razionalizzando l’offerta nell’ambito della degenza di comunità. Il dialogo tra le parti proseguirà su altri fronti. «Verrà effettuata un’analisi dei fabbisogni nel territorio, – sottolineano le categorie confederali della funzione pubblica lombarda – per attuare una programmazione delle risorse finanziarie, individuando le risorse e le dotazioni di posti letto classificati per livelli assistenziali previsti, strutture da adibire o riconvertire in Presidi Ospedalieri Territoriali e in Presidi Socio Sanitari territoriali”.  Per le categorie dei Pensionati della Lombardia «si tratta di un passo importante per tutti coloro che devono effettuare un percorso di cura dopo il ricovero, affinché non vengano più lasciati soli, ma accompagnati presso le strutture che offrono la migliore assistenza per una completa guarigione».

Per quanto riguarda i superticket, considerando la disponibilità finanziaria pari a 10,5 milioni di euro, è stata raggiunta l’intesa affinché vengano esentati della sola quota fissa (super ticket) per le prestazioni specialistiche ambulatoriali i nuclei famigliari fiscali con reddito:

  • compreso tra i 18 e i 30 mila euro con almeno un minore presente;
  • superiore a 30 mila e inferiore a 70 mila euro con almeno due minori presenti
  • inferiore o uguale a 90 mila euro con un soggetto affetto da una delle seguenti esenzioni per invalidità: G01, G02, L01, L02, S01, S02, C01, C02, C03, C04, C05, C06.

In totale saranno 315 mila i nuovi esenti nella prima fascia, 260 mila nella seconda e 50 mila nella terza, per un totale di 625mila persone in più; il che comporterà un minor introito da superticket pari a 10,5 milioni di euro. Finora l’esenzione dalla quota fissa del superticket ha riguardato persone con un reddito fino a 18 mila euro.

Articoli correlati
Maculopatia, Regione Lombardia e oculisti raggiungono accordo per terapie salva vista
L'assessore al Welfare Gallera: «Fornite agli specialisti le indicazioni necessarie per procedere alla prescrizione e continuità delle cure». Mazzacane (Goal): «Confidiamo nella collaborazione della Regione Lombardia per superare ogni difficoltà e per proseguire con l’impegno e la dignità professionale che ci contraddistinguono»
di Federica Bosco
“Farmacia Aperta”, la App di Federfarma Lombardia per trovare e raggiungere la farmacia più vicina
Racca (Federfarma Lombardia): «Presto, attraverso la stessa App, sarà possibile individuare tutti i servizi disponibili presso le varie farmacie nelle nostre vicinanze. Auspico che questa tecnologia possa essere usata anche in altre Regioni d’Italia, ponendo le basi per un’applicazione su scala nazionale»
di Isabella Faggiano
Lombardia, autunno di sfide per la sanità. Monti (Comm. Sanità): «Triplicheremo posti in scuole di Formazione MMG»
Colloquio con il Presidente della Commissione Sanità di Palazzo Lombardia Emanuele Monti: «Riorganizzeremo rete di emergenza-urgenza per dare più sicurezza e non avere più cittadini lombardi di serie A e di serie B»
di Federica Bosco
Farmaci generici, Gallera (Ass. Welfare Lombardia): «Ampliare numero persone che ne fanno uso»
«Tenere insieme un sistema universalistico è ambizioso - spiega l’assessore Giulio Gallera -. Tutte le azioni che riescono a garantire economie di scala e recupero delle risorse sono necessarie» 
Lombardia, siglato accordo medici-Regione: più risorse per nuove assunzioni. Mazzacane (Cisl): «Problemi restano sul campo» 
Tra gli obiettivi dell’intesa il riordino della rete di offerta e dal contenimento dei tempi di attesa per la fruizione delle prestazioni ambulatoriali. Il segretario Cisl: «Non possiamo cantare vittoria, troppi medici vanno nel privato per le condizioni sfavorevoli. Serve trasferire nel pubblico il modello privato»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone