Salute 24 Giugno 2021 11:06

L’influenza tornerà. Gli scienziati studiano la possibilità di somministrare il vaccino antinfluenzale insieme a quello Covid

In inverno saremo senza mascherine all’aperto e l’influenza tornerà a circolare. Come faremo con antinfluenzale e terzo shot anti-Covid? Allo studio la somministrazione contemporanea dei due vaccini

L’influenza tornerà. Gli scienziati studiano la possibilità di somministrare il vaccino antinfluenzale insieme a quello Covid

Sembra strano dirlo a pochi giorni dal solstizio d’estate ma, si sa, agli scienziati piace organizzarsi in anticipo: tornerà l’inverno e, con la stagione, anche l’influenza. L’anno scorso mascherine, distanziamento e lockdown hanno frenato di molto l’ondata ma ora che si prospetta una fine anno diversa i numeri potrebbero tornare a salire. Specie dopo quelli bassissimi del 2020.

Covid e influenza, due vaccini somministrati insieme in inverno?

Gli scienziati temono addirittura che proprio quella protezione in più possa costare un numero maggiore di contagi da influenza quando, si spera, le mascherine all’aperto non saranno più obbligatorie e la vita tornerà a una normalità pre-pandemia. La campagna vaccinale anti-influenza non può e non deve essere dimenticata, specie adesso che l’ipotesi di un terzo shot di vaccino anti-Covid si fa più probabile in autunno. Gli esperti sono anche preoccupati che la coincidenza nei tempi di somministrazione possa creare dei disagi, che stanno provando a prevedere immaginando un’inoculazione contemporanea per evitare appuntamenti che rischiano di ingolfare i sistemi sanitari.

Lo studio ComFluCov

Farlo sulla carta non dovrebbe essere impossibile, con i bambini e le vaccinazioni obbligatorie è realtà da molti anni. A ricordarlo sul Guardian è Adam Finn, professore di pediatria alla Bristol Medical School. A questo fine è partito uno studio, il ComFluCov, che esaminerà gli effetti collaterali per le persone che ricevono il vaccino anti-influenzale insieme a uno shot AstraZeneca o Pfizer, insieme alle risposte immunitarie. I primi risultati sono già stati condivisi con il JCVI inglese (Join committee for vaccination and immunisation), ma quelli finali arriveranno tra agosto e settembre secondo Rajeka Lazarus, il ricercatore a capo.

Quel che si teme è che il corpo, ricevendo due diversi vaccini contemporaneamente, possa rispondere più ad uno che all’altro: dunque produrre una buona risposta per Covid ma debole per l’influenza. La speranza degli scienziati è che l’una stimoli l’altra, ma si attendono conferme dai test.

Qualcuno si è già portato avanti

Ad oggi le uniche due case farmaceutiche che si sono portate avanti in questo senso sono Novavax e Moderna, che sono alle prime fasi di sviluppo di un vaccino combinato per Covid e influenza. La prima ha anche pubblicato uno studio (in attesa di peer review) che mostra come il proprio vaccino sia adatto alla somministrazione congiunta con l’antinfluenzale, senza per questo pesare su anticorpo o effetti collaterali.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid, si inverte la curva dei contagi: +11,3% di casi negli ultimi 7 giorni
Continua la discesa di ricoveri e decessi. Il nuovo monitoraggio GIMBE relativo alla settimana 14-20 settembre
Covid, leggero calo dei ricoveri (-3,3%). In ospedale l’83% dei vaccinati non ha la quarta dose
Migliore (Fiaso): «Meno pressione sugli ospedali ma allerta massima. Da sorvegliare il leggero aumento di ricoveri con Covid in età scolare»
Covid, calano ancora i ricoveri (-23,1%). È il dato migliore delle ultime 6 settimane
Migliore (Fiaso): «L’arrivo dei vaccini bivalenti potrà dare ora un ulteriore contributo nella lotta al virus: ripartire con vigore con la campagna vaccinale per immunocompromessi e anziani»
Cina: milioni di persone in lockdown senza cibo e medicine
Decine di milioni di persone sono bloccate in Cina a causa di lockdown estesi. I residenti denunciano carenze di beni di prima necessità
Via alle prenotazioni per i vaccini aggiornati, ora cosa bisogna fare?
I nuovi vaccini si possono prenotare sui siti regionali già utilizzati per le dosi precedenti. Priorità alle persone over 60, fragili e operatori sanitari
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 23 settembre 2022, sono 614.093.002 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.533.948 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi