Salute 24 Giugno 2021 11:06

L’influenza tornerà. Gli scienziati studiano la possibilità di somministrare il vaccino antinfluenzale insieme a quello Covid

In inverno saremo senza mascherine all’aperto e l’influenza tornerà a circolare. Come faremo con antinfluenzale e terzo shot anti-Covid? Allo studio la somministrazione contemporanea dei due vaccini

L’influenza tornerà. Gli scienziati studiano la possibilità di somministrare il vaccino antinfluenzale insieme a quello Covid

Sembra strano dirlo a pochi giorni dal solstizio d’estate ma, si sa, agli scienziati piace organizzarsi in anticipo: tornerà l’inverno e, con la stagione, anche l’influenza. L’anno scorso mascherine, distanziamento e lockdown hanno frenato di molto l’ondata ma ora che si prospetta una fine anno diversa i numeri potrebbero tornare a salire. Specie dopo quelli bassissimi del 2020.

Covid e influenza, due vaccini somministrati insieme in inverno?

Gli scienziati temono addirittura che proprio quella protezione in più possa costare un numero maggiore di contagi da influenza quando, si spera, le mascherine all’aperto non saranno più obbligatorie e la vita tornerà a una normalità pre-pandemia. La campagna vaccinale anti-influenza non può e non deve essere dimenticata, specie adesso che l’ipotesi di un terzo shot di vaccino anti-Covid si fa più probabile in autunno. Gli esperti sono anche preoccupati che la coincidenza nei tempi di somministrazione possa creare dei disagi, che stanno provando a prevedere immaginando un’inoculazione contemporanea per evitare appuntamenti che rischiano di ingolfare i sistemi sanitari.

Lo studio ComFluCov

Farlo sulla carta non dovrebbe essere impossibile, con i bambini e le vaccinazioni obbligatorie è realtà da molti anni. A ricordarlo sul Guardian è Adam Finn, professore di pediatria alla Bristol Medical School. A questo fine è partito uno studio, il ComFluCov, che esaminerà gli effetti collaterali per le persone che ricevono il vaccino anti-influenzale insieme a uno shot AstraZeneca o Pfizer, insieme alle risposte immunitarie. I primi risultati sono già stati condivisi con il JCVI inglese (Join committee for vaccination and immunisation), ma quelli finali arriveranno tra agosto e settembre secondo Rajeka Lazarus, il ricercatore a capo.

Quel che si teme è che il corpo, ricevendo due diversi vaccini contemporaneamente, possa rispondere più ad uno che all’altro: dunque produrre una buona risposta per Covid ma debole per l’influenza. La speranza degli scienziati è che l’una stimoli l’altra, ma si attendono conferme dai test.

Qualcuno si è già portato avanti

Ad oggi le uniche due case farmaceutiche che si sono portate avanti in questo senso sono Novavax e Moderna, che sono alle prime fasi di sviluppo di un vaccino combinato per Covid e influenza. La prima ha anche pubblicato uno studio (in attesa di peer review) che mostra come il proprio vaccino sia adatto alla somministrazione congiunta con l’antinfluenzale, senza per questo pesare su anticorpo o effetti collaterali.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Ogni anno i medici regalano all’azienda 10 milioni di ore di straordinario e 5 di ferie arretrate. Il report Anaao
Complice la pandemia e la cronica carenza di personale, i diritti dei medici e dirigenti sanitari vengono sempre meno rispettati e nel 64,2% dei casi le ore in eccedenza non vengono neppure pagate
Vaccino Covid in età pediatrica, Biasci (Fimp): «Siamo disponibili, conterà rapporto fiduciario con famiglie»
«Dateci la possibilità di vaccinare i ragazzi – spiega il presidente della Federazione italiana medici pediatri a Sanità Informazione - ce la metteremo tutta non appena avremo disponibilità di dosi nei nostri studi»
Vaccino Pfizer, lo studio: «Efficacia cala nell’arco di 6 mesi»
Su questo trend poggiano le ulteriori valutazioni avviate dall'azienda, che ha aperto il dibattito sull'opportunità della terza dose di vaccino
Covid-19, da AIFA via libera a vaccino Moderna per 12-17enni
L’Agenzia: «I dati disponibili dimostrano l’efficacia e la sicurezza anche per i soggetti compresi in questa fascia di età»
Quali sono i possibili effetti indesiderati del vaccino anti-Covid per i ragazzi 12-15 anni?
Dalle attività di farmacovigilanza sono emersi segnali di sicurezza potenzialmente rilevanti per questa fascia di età?
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 30 luglio, sono 196.654.595 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 4.199.164 i decessi. Ad oggi, oltre 4 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Posso bere alcolici prima o dopo il vaccino anti-Covid?

Sbronzarsi nei giorni a cavallo della vaccinazione può compromettere la risposta immunitaria e, dunque, depotenziare gli effetti del vaccino?
Salute

Guida al Green pass, può essere revocato? Serve anche ai ragazzi? Le risposte di Cittadinanzattiva

Chi ne è esentato? E cosa deve fare chi è guarito? Intervista a Isabella Mori, Responsabile del servizio tutela di Cittadinanzattiva