Salute 5 Febbraio 2021 11:45

Impatto emergenza su pazienti no-Covid, ecco le raccomandazioni per garantire la continuità di cura

Da Agenas e Foce arriva il “Documento di indirizzo e di raccomandazioni per garantire la continuità di cura dei pazienti oncologici, cardiologici ed ematologici”. L’oncologo e presidente Foce Cognetti: «Le conseguenze della pandemia sui pazienti oncologici si vedranno solo tra qualche anno, ma nel 2020 già registrato un aumento del 42% della mortalità cardiovascolare»

Impatto emergenza su pazienti no-Covid, ecco le raccomandazioni per garantire la continuità di cura

Un peggioramento degli indicatori relativi all’infarto, un aumento della mortalità ospedaliera per questa patologia anche a causa del rallentamento dell’afflusso alle UTIC nella prima fase della pandemia. In ambito oncologico, ritardi e rinvii di interventi chirurgici, rallentamento dei programmi di screening e riduzione delle visite di controllo dei pazienti in follow-up. È quanto riportano la Società Italiana di cardiologia, la European Society of Cardiology, l’Associazione Chirurghi Ospedalieri Italiani e l’Associazione italiana di Oncologia Medica -AIOM.

Le raccomandazioni per garantire la continuità di cura

Ma come affrontare le ripercussioni del Covid-19 sui pazienti affetti da patologie oncologiche, oncoematologiche e cardiologiche? Una risposta arriva dal Documento di indirizzo e di raccomandazioni per garantire la continuità di cura elaborato da Agenas con la Federazione degli Oncologi, Cardiologi ed Ematologi (FOCE) e la Segreteria Tecnica del Ministero della Salute.

«L’attuale fase epidemica – si legge nel documento – richiede un profondo cambiamento da un punto di vista organizzativo dell’offerta assistenziale da parte dei servizi sanitari delle Regioni e P.A., per assicurare che vengano erogati i servizi in maniera appropriata e di qualità».

Il testo prevede una serie di indicazioni per le Istituzioni e azioni atte ad assicurare la continuità di cure: dai percorsi dedicati alla piena ripresa degli screening oncologici, dal rafforzamento dell’emergenza cardiologica al fabbisogno di personale, con l’obiettivo di riorganizzare la Medicina del territorio e di Comunità e diffondere l’uso della telemedicina in maniera omogenea su tutto il territorio nazionale.

Continuità di cura, Cognetti (Foce): «Gli effetti del blocco degli screening saranno evidenti tra qualche anno»

«Durante la pandemia – spiega Francesco Cognetti, Professore di Oncologia Medica della Sapienza di Roma e presidente Foce (Federazione degli Oncologi, Cardiologi ed Ematologi) – molti interventi chirurgici per tumore maligno, anche se non urgenti, sono stati cancellati o ritardati per effetto dell’intasamento degli ospedali. Ancora oggi, dopo mesi – precisa a Sanità Informazione – c’è un rallentamento nella ripresa delle attività perché le terapie intensive sono piene di pazienti Covid e i pazienti oncologici devono attendere. Inoltre, sono stati bloccati gli screening e questo significa diagnosi tardive e trovare malattie in una fase più avanzata di cui, purtroppo, ci accorgeremo tra qualche anno, quando assisteremo a un importante aumento della mortalità».

«Il rischio è vanificare i progressi raggiunti negli ultimi vent’anni»

C’è il rischio di annientare tutti gli sforzi fatti in questi anni che hanno permesso di ottenere grandi risultati. «I progressi raggiunti negli ultimi vent’anni potrebbero essere vanificati – aggiunge preoccupato Cognetti -. Bisogna intervenire al più presto con riforme strutturali e organizzative del SSN a livello ospedaliero e territoriale».

«Mi auguro che questo documento possa essere recepito ed applicato dalle regioni: di fatto la gestione della sanità è in mano a loro – puntualizza il presidente Cognetti –. È necessario potenziare e rafforzare gli ospedali: abbiamo un numero di posti letto di degenza ordinaria assolutamente inadeguato, molto più basso rispetto agli altri paesi europei. Si assiste anche alla chiusura di alcuni reparti che ospitano pazienti oncologici o cardiologici. Sebbene i posti letto in terapia intensiva siano stati aumentati, non si arriva ancora a raggiungere la media europea, soprattutto se pensiamo alla Germania, l’Inghilterra e la Francia. Questo comporta un deficit di assistenza nei confronti dei pazienti non Covid» precisa.

«Nel 2020 in Italia +42% mortalità cardiovascolare»

C’è da ricordare, inoltre, che in Europa, nel 2020, si è registrato un aumento di decessi – indipendentemente dalle cause – rispetto agli anni precedenti; questi dati sono utili per valutare gli effetti diretti e indiretti della pandemia da Covid-19. «Noi siamo al 42% di mortalità aggiuntiva per altre patologie e si riferisce soltanto alla mortalità cardiovascolare perché quella oncologica è troppo presto per valutarla, ci vorrà qualche tempo. È un dato terribile» conclude il presidente Foce.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Indagine Agenas, in pandemia dimezzati i ricoveri programmati
Mammografie ridotte del 30% su base nazionale, che arrivano al 40% in Sardegna e Calabria e al 37% nella PA di Trento. Calo del 22% dei ricoveri per ictus ischemico, in Valle d'Aosta si arriva a -54% e quasi -50% in Molise. I dati di "resilienza" del Ssn raccolti da Agenas
Titolo V, conferenza AGENAS: «Modificare la Costituzione non serve, basta riorganizzare»
Nella videoconferenza Agenas si è discusso di Titolo V e necessità di modifiche. Esperti ed esponenti politici hanno confermato che una modifica della Costituzione sarebbe insensata e che il problema che la pandemia ha sottolineato è quello di organizzazione
Vaccini Covid, indagine Agenas: il 70% degli italiani pensa che così torneremo velocemente alla normalità
Il 75% degli italiani vede nel vaccino la soluzione al Covid-19, oltre la metà ritiene giusto inserire limitazioni per chi rifiuta di vaccinarsi. Lo stabilisce un'indagine firmata Agenas e Mes. Mentre un 25% lo ritiene "business per case farmaceutiche"
Cancro, 4 miliardi per il Piano europeo. Bartolazzi (LILT): «Ora renderlo operativo»
La Commissione europea ha presentato lo Europe's Beating Cancer Plan: dalla prevenzione alla lotta alle diseguaglianze. Il presidente del Comitato Scientifico Nazionale della LILT: «Invertire la rotta o incidenza dei tumori e mortalità aumenteranno»
Giornata contro il cancro infantile: stabile il numero di nuovi casi, in aumento le guarigioni
Del Bufalo (oncoematologa): «L’immunoterapia ha rivoluzionato il trattamento della leucemia. Mira ad eliminare il tumore sfruttando il sistema immunitario del paziente, con un impatto di tossicità sugli organi molto più contenuto rispetto a chemioterapia e radioterapia»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 aprile, sono 136.063.656 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.937.096 i decessi. Ad oggi, oltre 773,55 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Vaccini, mai più dosi avanzate: come funzionano le “liste di sostituti” in Lombardia, Lazio e Campania

Le chiamano "panchine", sono le liste straordinarie che le Regioni utilizzano per ottimizzare le dosi dopo l'ordinanza di Figliuolo. Ma chi rientra tra coloro che verranno contattati?
di Federica Bosco e Gloria Frezza
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...