Salute 5 Febbraio 2021 11:45

Impatto emergenza su pazienti no-Covid, ecco le raccomandazioni per garantire la continuità di cura

Da Agenas e Foce arriva il “Documento di indirizzo e di raccomandazioni per garantire la continuità di cura dei pazienti oncologici, cardiologici ed ematologici”. L’oncologo e presidente Foce Cognetti: «Le conseguenze della pandemia sui pazienti oncologici si vedranno solo tra qualche anno, ma nel 2020 già registrato un aumento del 42% della mortalità cardiovascolare»

Impatto emergenza su pazienti no-Covid, ecco le raccomandazioni per garantire la continuità di cura

Un peggioramento degli indicatori relativi all’infarto, un aumento della mortalità ospedaliera per questa patologia anche a causa del rallentamento dell’afflusso alle UTIC nella prima fase della pandemia. In ambito oncologico, ritardi e rinvii di interventi chirurgici, rallentamento dei programmi di screening e riduzione delle visite di controllo dei pazienti in follow-up. È quanto riportano la Società Italiana di cardiologia, la European Society of Cardiology, l’Associazione Chirurghi Ospedalieri Italiani e l’Associazione italiana di Oncologia Medica -AIOM.

Le raccomandazioni per garantire la continuità di cura

Ma come affrontare le ripercussioni del Covid-19 sui pazienti affetti da patologie oncologiche, oncoematologiche e cardiologiche? Una risposta arriva dal Documento di indirizzo e di raccomandazioni per garantire la continuità di cura elaborato da Agenas con la Federazione degli Oncologi, Cardiologi ed Ematologi (FOCE) e la Segreteria Tecnica del Ministero della Salute.

«L’attuale fase epidemica – si legge nel documento – richiede un profondo cambiamento da un punto di vista organizzativo dell’offerta assistenziale da parte dei servizi sanitari delle Regioni e P.A., per assicurare che vengano erogati i servizi in maniera appropriata e di qualità».

Il testo prevede una serie di indicazioni per le Istituzioni e azioni atte ad assicurare la continuità di cure: dai percorsi dedicati alla piena ripresa degli screening oncologici, dal rafforzamento dell’emergenza cardiologica al fabbisogno di personale, con l’obiettivo di riorganizzare la Medicina del territorio e di Comunità e diffondere l’uso della telemedicina in maniera omogenea su tutto il territorio nazionale.

Continuità di cura, Cognetti (Foce): «Gli effetti del blocco degli screening saranno evidenti tra qualche anno»

«Durante la pandemia – spiega Francesco Cognetti, Professore di Oncologia Medica della Sapienza di Roma e presidente Foce (Federazione degli Oncologi, Cardiologi ed Ematologi) – molti interventi chirurgici per tumore maligno, anche se non urgenti, sono stati cancellati o ritardati per effetto dell’intasamento degli ospedali. Ancora oggi, dopo mesi – precisa a Sanità Informazione – c’è un rallentamento nella ripresa delle attività perché le terapie intensive sono piene di pazienti Covid e i pazienti oncologici devono attendere. Inoltre, sono stati bloccati gli screening e questo significa diagnosi tardive e trovare malattie in una fase più avanzata di cui, purtroppo, ci accorgeremo tra qualche anno, quando assisteremo a un importante aumento della mortalità».

«Il rischio è vanificare i progressi raggiunti negli ultimi vent’anni»

C’è il rischio di annientare tutti gli sforzi fatti in questi anni che hanno permesso di ottenere grandi risultati. «I progressi raggiunti negli ultimi vent’anni potrebbero essere vanificati – aggiunge preoccupato Cognetti -. Bisogna intervenire al più presto con riforme strutturali e organizzative del SSN a livello ospedaliero e territoriale».

«Mi auguro che questo documento possa essere recepito ed applicato dalle regioni: di fatto la gestione della sanità è in mano a loro – puntualizza il presidente Cognetti –. È necessario potenziare e rafforzare gli ospedali: abbiamo un numero di posti letto di degenza ordinaria assolutamente inadeguato, molto più basso rispetto agli altri paesi europei. Si assiste anche alla chiusura di alcuni reparti che ospitano pazienti oncologici o cardiologici. Sebbene i posti letto in terapia intensiva siano stati aumentati, non si arriva ancora a raggiungere la media europea, soprattutto se pensiamo alla Germania, l’Inghilterra e la Francia. Questo comporta un deficit di assistenza nei confronti dei pazienti non Covid» precisa.

«Nel 2020 in Italia +42% mortalità cardiovascolare»

C’è da ricordare, inoltre, che in Europa, nel 2020, si è registrato un aumento di decessi – indipendentemente dalle cause – rispetto agli anni precedenti; questi dati sono utili per valutare gli effetti diretti e indiretti della pandemia da Covid-19. «Noi siamo al 42% di mortalità aggiuntiva per altre patologie e si riferisce soltanto alla mortalità cardiovascolare perché quella oncologica è troppo presto per valutarla, ci vorrà qualche tempo. È un dato terribile» conclude il presidente Foce.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Sei punti per ridisegnare la sanità. Il documento delle società scientifiche
Le proposte emerse dal Forum Permanente sul Sistema Sanitario Nazionale nel post-Covid: «Subito una campagna di informazione per il ritorno alle cure e un ‘Piano Marshall’ per recuperare i ritardi per visite, screening e interventi. Servono ospedali moderni e tecnologici»
Cancro e sessualità, un progetto per rompere i tabù attraverso scienza e arte
Sex and the cancer nasce per promuovere consapevolezza intorno a un problema di cui troppo poco si parla: i disturbi della sfera sessuale a seguito delle terapie oncologiche
Scoperto meccanismo che permette alle cellule tumorali di resistere alla chemioterapia
Uno studio dell’Università Statale di Milano e dello IEO, coordinato dal professor Stefano Santaguida, ha definito come la variazione del numero dei cromosomi presenti nei tumori sia alla base del meccanismo con cui la cellula tumorale riesce a costruire una barriera che blocca l’azione dei farmaci anticancro
di Federica Bosco
Con il Bullone e Cicatrici i B. Liver combattono la malattia e diventano grandi
Sono giovani tra i 14 e i 35 anni costretti a lottare contro il cancro, l’Hiv, l’anoressia. Hanno deciso di farlo con la Fondazione B.Live Onlus e alcuni volontari. Ne è nato un giornale e una mostra d’arte per raccontare storie di chi nella vita ha lasciato un segno e chi non ha paura di far conoscere le proprie fragilità
di Federica Bosco
Covid-19, Iss: «Da febbraio quasi 99 deceduti su 100 non avevano completato il ciclo vaccinale»
Tra i soggetti vaccinati in modo completo, l'età media è più alta così come il numero medio di patologie pregresse
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 17 settembre, sono 227.070.462 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.670.479 i decessi. Ad oggi, oltre 5,81 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco