Salute 8 Maggio 2019

“Libertà” e “giù le mani dai bambini”, ‘free vax’ in piazza a Roma tra slogan e delusione

A Piazza Santi Apostoli e in Piazza Monte Citorio si sono radunati tutti i contestatori dell’obbligo vaccinale. Preso di mira il virologo Roberto Burioni. In molti delusi da Lega e M5S: «Ad oggi solo parole, vogliamo la fine dell’obbligo vaccinale»

Immagine articolo

Si sono riuniti a Roma davanti Monte Citorio e piazza Santi Apostoli per ribadire il loro no all’obbligo vaccinale. Sono i ‘no vax’ o, come amano definirsi, ‘free vax’ arrivati a decine nella Capitale per protestare contro l’obbligo vaccinale e manifestare la loro delusione verso il Ddl 770 in discussione al Senato che mira a introdurre un obbligo flessibile con differenze da regione a regione.

Al grido di “libertà, libertà” e “giù le mani dai bambini”, i manifestanti hanno prima guardato con circospezione telecamere e taccuini dei giornalisti, ma poi davanti alla telecamera molti di loro hanno voluto esprimere il loro disappunto anche verso le forze di governo, M5S e Lega, che a loro dire non hanno mantenuto gli impegni presi sulla cancellazione della legge Lorenzin. «Non vogliamo l’obbligo perché nessuna legge può in nessun caso violare i limiti imposti dal rispetto della persona umana. Perché dovete entrare nel mio corpo se io non voglio. Ci appelliamo alla Costituzione, alla Convenzione di Oviedo (sui diritti umani e la biomedicina, ndr): l’interesse e il bene dell’umano devono prevalere sul solo interesse della società e della scienza», scandisce a gran voce un signore di mezza età che porta un mega manifesto con alcuni articoli della Costituzione italiana. Arriva dalla Toscana invece un uomo che contesta il divieto per i bimbi non vaccinati di poter andare a scuola: «Obbligare i bimbi a non andare a scuola con un ricatto sulla vaccinazione non è il massimo della democrazia. In altri Stati non c’è l’obbligo. Per l’obbligo ci deve essere un motivo. Questa è una discriminazione bella e buona».

LEGGI ANCHE: UNIVAX DAY, I PIU’ GIOVANI NON CASCANO NELLE FAKE NEWS SUI VACCINI. DUSE (SIICA): «MESSAGGI DI SPERANZA PER IL FUTURO»

Un signore robusto, con sulle spalle un alto cartello con scritto “Libertà R.I.P.” e “M5S e Lega traditori” spiega la sua delusione verso le forze di governo: «Non è vero che c’è un’emergenza sanitaria perché fare un obbligo vaccinale senza prima fare esami per verificare dove ci sono bambini immunodepressi non ha senso. Se una persona va dal dottore, il dottore non gli dà gli antibiotici senza visitarlo. Vacciniamo i bambini di due mesi e mezzo e non sappiamo se il loro sistema immunitario è pronto o meno riceverli. M5S e Lega avevano promesso che avrebbero tolto l’obbligo vaccinale ma ad oggi solo parole».

Alla manifestazione, nella quale al nome del virologo Roberto Burioni si sono levati boati di disapprovazione, hanno partecipato il medico ‘free vax’ Dario Miedico, e un altro medico Roberto Petrella. Alle piazze non avrà certamente fatto piacere l’annuncio, quasi in contemporanea, del Ministro Giulia Grillo che ha ribadito che sul morbillo l’obbligo non sarà cancellato.

Articoli correlati
Obbligo vaccinale, gli studenti non in regola potrebbero dover cambiare scuola
Un nuovo emendamento al Ddl vaccini, presentato da Maria Domenica Castellone (M5S), prevede l’inserimento dei bambini non vaccinabili in classi di soli immunizzati. Qualora non fosse possibile la formazione di classi che rispettino questo criterio, i soggetti non vaccinati o non immunizzati saranno trasferiti nella scuola più vicina
Sanità, un anno di Commissione. Sileri: «Risultati importanti. Ora focus su aggiornamento ECM e contenziosi»
Il chirurgo ed esponente M5S traccia il quadro di un anno di lavori nella Commissione da lui presieduta: «Recuperare rapporto medico-paziente, camici bianchi in regola con ECM vanno premiati»
«Passaporto? All’estero chiederanno il tesserino vaccinale», la preoccupazione di Scotti (FIMMG) sulle coperture
Il segretario nazionale della Federazione Italiana Medici di Medicina Generale, Silvestro Scotti ha commentato i dati diffusi dal Ministero della Salute riguardo le coperture a 24 mesi dei vaccini contro la polio e il morbillo
Vaccini, aumentano coperture. Allarme su morbillo: «Non si raggiunge il 95%». Ecco tutti i dati 2018
«Migliorano nel 2018 le coperture vaccinali dei bambini e degli adolescenti in Italia. Continua a destare preoccupazione il mancato raggiungimento dell’obiettivo del 95% per la vaccinazione contro morbillo-parotite-rosolia in tutte le fasce d’età considerate». È quanto riportato dal Ministero della Salute
Calendario per la Vita 2019, le Società Scientifiche del Board continuano la loro opera di aggiornamento “scientifico” sulle vaccinazioni
SIP, FIMMG, SITI e FIMP continuano la loro opera di informazione verso i cittadini sull'importanza della protezione vaccinale. «Sosteniamo gli sforzi per colmare le sacche di suscettibilità per morbillo e rosolia, chiediamo particolare attenzione ad elevare le coperture per varicella nelle Regioni che hanno introdotto la vaccinazione di recente per evitare spostamenti della malattia verso l’età adulta», sottolinea Paolo Bonanni, Coordinatore Scientifico
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Morto Mattia Torre, l’ultima intervista a Sanità Informazione

E’ morto a Roma, in seguito ad una lunga malattia, Mattia Torre, attore, scrittore, autore e sceneggiatore di teatro cinema e tv (tra l’altro della fortunata serie Boris). Aveva 47 anni ed...
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti