Salute 8 Maggio 2019

“Libertà” e “giù le mani dai bambini”, ‘free vax’ in piazza a Roma tra slogan e delusione

A Piazza Santi Apostoli e in Piazza Monte Citorio si sono radunati tutti i contestatori dell’obbligo vaccinale. Preso di mira il virologo Roberto Burioni. In molti delusi da Lega e M5S: «Ad oggi solo parole, vogliamo la fine dell’obbligo vaccinale»

Immagine articolo

Si sono riuniti a Roma davanti Monte Citorio e piazza Santi Apostoli per ribadire il loro no all’obbligo vaccinale. Sono i ‘no vax’ o, come amano definirsi, ‘free vax’ arrivati a decine nella Capitale per protestare contro l’obbligo vaccinale e manifestare la loro delusione verso il Ddl 770 in discussione al Senato che mira a introdurre un obbligo flessibile con differenze da regione a regione.

Al grido di “libertà, libertà” e “giù le mani dai bambini”, i manifestanti hanno prima guardato con circospezione telecamere e taccuini dei giornalisti, ma poi davanti alla telecamera molti di loro hanno voluto esprimere il loro disappunto anche verso le forze di governo, M5S e Lega, che a loro dire non hanno mantenuto gli impegni presi sulla cancellazione della legge Lorenzin. «Non vogliamo l’obbligo perché nessuna legge può in nessun caso violare i limiti imposti dal rispetto della persona umana. Perché dovete entrare nel mio corpo se io non voglio. Ci appelliamo alla Costituzione, alla Convenzione di Oviedo (sui diritti umani e la biomedicina, ndr): l’interesse e il bene dell’umano devono prevalere sul solo interesse della società e della scienza», scandisce a gran voce un signore di mezza età che porta un mega manifesto con alcuni articoli della Costituzione italiana. Arriva dalla Toscana invece un uomo che contesta il divieto per i bimbi non vaccinati di poter andare a scuola: «Obbligare i bimbi a non andare a scuola con un ricatto sulla vaccinazione non è il massimo della democrazia. In altri Stati non c’è l’obbligo. Per l’obbligo ci deve essere un motivo. Questa è una discriminazione bella e buona».

LEGGI ANCHE: UNIVAX DAY, I PIU’ GIOVANI NON CASCANO NELLE FAKE NEWS SUI VACCINI. DUSE (SIICA): «MESSAGGI DI SPERANZA PER IL FUTURO»

Un signore robusto, con sulle spalle un alto cartello con scritto “Libertà R.I.P.” e “M5S e Lega traditori” spiega la sua delusione verso le forze di governo: «Non è vero che c’è un’emergenza sanitaria perché fare un obbligo vaccinale senza prima fare esami per verificare dove ci sono bambini immunodepressi non ha senso. Se una persona va dal dottore, il dottore non gli dà gli antibiotici senza visitarlo. Vacciniamo i bambini di due mesi e mezzo e non sappiamo se il loro sistema immunitario è pronto o meno riceverli. M5S e Lega avevano promesso che avrebbero tolto l’obbligo vaccinale ma ad oggi solo parole».

Alla manifestazione, nella quale al nome del virologo Roberto Burioni si sono levati boati di disapprovazione, hanno partecipato il medico ‘free vax’ Dario Miedico, e un altro medico Roberto Petrella. Alle piazze non avrà certamente fatto piacere l’annuncio, quasi in contemporanea, del Ministro Giulia Grillo che ha ribadito che sul morbillo l’obbligo non sarà cancellato.

Articoli correlati
Pazienti fragili, i vaccini fondamentali per un’adeguata prevenzione. A rischio anziani, bambini, malati cronici
Chi sono I pazienti fragili? Quali criteri sono alla base di una loro individuazione? Le vaccinazioni del paziente fragile rappresentano un argomento emergente nel panorama sanitario italiano. Le vaccinazioni, in genere, si rivolgono a due categorie di persone: soggetti sani (spesso in età infantile o adolescenziale), con scopo preventivo, e sono le vaccinazioni classiche; i pazienti […]
Rapporto Gimbe, Lorenzin: «Non può non destare preoccupazione. Ci aspetta un autunno difficile»
L’ex ministro della Salute a Farma & Friends: «Necessaria una chiamata alle armi di tutte le forze politiche. Gli operatori della sanità sono preoccupati per i tagli preventivati al settore»
A Milano è il giorno del Patto per la Scienza di Burioni e Silvestri. Garattini: «Metodologia scientifica va insegnata a scuola»
Alla Statale l’evento di presentazione del Patto promosso dai virologi Burioni e Silvestri. Tra gli ospiti l’ex ministro della Salute Lorenzin e l’ex Magistrato Raffaele Guariniello. Presidente del Patto l’epidemiologo Pierluigi Lopalco
Morbillo, quest’anno 864 casi in Italia: un terzo ha sviluppato complicanze. Ecdc: «Aumento in tutta Europa»
I dati riportati sul bollettino dell’Istituto Superiore di Sanità. Due terzi dei casi si sono verificati in Lazio, Emilia-Romagna e Lombardia. L'87% dei casi non era vaccinato al momento del contagio. In tutta Europa 44074 casi dal 2016 al 2019
I Millennials di Instagram non credono alle fake news sui vaccini. Rispetto agli utenti di Facebook, sono più simili ai pesci rossi
Simone Bressan (Zipster): «I medici sono bravissimi a comunicare alla testa dei pazienti, ma ogni tanto dovrebbero prestare maggiore attenzione anche alla loro emozionalità, come fa Bebe Vio»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Anatomia Patologica, viaggio nel laboratorio dove si scoprono i tumori. Virgili (Campus Bio-Medico): «Sanità digitale e I.A. il futuro»

Sanità Informazione è entrata nel laboratorio del Policlinico Campus Bio-Medico di Roma dove vengono analizzati i tessuti: la tecnologia consente precisione e velocità. Il coordinatore Roberto Virg...
Politica

Elezioni europee, ecco gli impegni dei candidati per i medici

Dal presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani ai suoi vice David Sassoli e Fabio Massimo Castaldo, fino al nuovo volto della Lega, l’economista Antonio Maria Rinaldi: le ricette in campo sui ...
Politica

Europee, ecco i risultati. Vanno bene i camici bianchi

Entra nel Parlamento europeo Pietro Bartolo, il medico di Lampedusa candidato con il Partito Democratico che conquista nella circoscrizione insulare oltre 135 mila voti, secondo nelle preferenze solo ...