Giovani 5 Febbraio 2019

UniVax Day, i più giovani non cascano nelle fake news sui vaccini. Duse (Siica): «Messaggi di speranza per il futuro»

Migliaia di studenti delle scuole superiori si sono riuniti in 21 università italiane per la giornata di formazione e sensibilizzazione sui vaccini. La presidente della Società italiana di immunologia clinica e allergologia: «Gli operatori sanitari devono vaccinarsi e dare il buon esempio»

Immagine articolo

Ragazzi, vaccinatevi. È il monito che i professori intervenuti all’UniVax Day dell’Università Sapienza di Roma hanno più volte rivolto agli oltre mille studenti degli ultimi due anni di scuola superiore seduti nell’Aula Magna dell’ateneo. Una giornata di formazione e sensibilizzazione sui vaccini organizzata dalla Società italiana di immunologia clinica e allergologia (Siica) che si è svolta contemporaneamente in 21 università italiane.

Semplice il linguaggio utilizzato dai professori, interessanti e mai banali le domande dei ragazzi, che hanno dimostrato di saperne molto di più di quanto ci si aspettasse in tema di vaccini, sistemi immunitari e malattie infettive. Al termine delle relazioni, è stato infatti chiesto loro di rispondere on line ad alcune domande, e le percentuali di studenti che hanno dato risposte corrette erano plebiscitarie. Niente dubbi sul legame tra vaccini e autismo, nessuna domanda sul sistema immunitario sovraccaricato a causa dei vaccini. «Sono tutte fake news senza alcun fondamento scientifico, parole buttate al vento da gente che non ha niente da fare», commenta ai nostri microfoni un ragazzo alla fine del convegno, consapevole del fatto che «i vaccini siano una cosa importante, e l’obbligo necessario».

LEGGI ANCHE: VACCINI, I RAPPORTO OSV. IL COORDINATORE: «OGNI REGIONE CON SUA STRATEGIA. ANAGRAFE VACCINALE LONTANA DA ASPETTATIVE»

Tante invece le domande che i ragazzi hanno rivolto agli esperti per capire meglio il funzionamento del sistema immunitario, soprattutto in gravidanza e nelle persone con immunodeficienze. Ed è proprio questo l’aspetto che più ha colpito Marzia Duse, presidente della Siica, che si dice entusiasta della riuscita della giornata: «Ci ha stupito la curiosità dei ragazzi, che volevano comprendere i meccanismi di difesa dalle malattie attraverso le vaccinazioni».

«Ma il secondo aspetto forse ancor più entusiasmante – prosegue la professoressa – è l’enorme sensibilità che questi ragazzi hanno dimostrato nei confronti delle persone più deboli che non hanno difese, e non possono quindi trarre vantaggio dalle vaccinazioni. È un aspetto che mi ha veramente toccato, perché molti volevano sapere come poter contribuire a difendere e ad aiutare questi ragazzi. È un messaggio di speranza per la società futura, che sarà più sensibile a questi problemi e avrà un maggior senso di responsabilità per la propria salute e per la salute degli altri».

Serve la collaborazione di tutti, infatti, per proteggere dalle infezioni coloro che non sono in grado di combatterle autonomamente. Serve la cosiddetta immunità di gregge, ovvero il 95% di popolazione vaccinata. Una percentuale da cui l’Italia si è allontanata molto negli ultimi anni, anche per colpa di quello scetticismo e di quella paura nei confronti dei vaccini che hanno reso indispensabili l’introduzione dell’obbligo vaccinale e l’organizzazione di manifestazioni come l’UniVax Day.

Ma oltre a rivolgersi ai più giovani, è però importante che messaggi come questo arrivino anche agli adulti, medici compresi: «Noi stiamo facendo un grande sforzo nei confronti degli operatori sanitari, quindi di tutti coloro che lavorano negli ospedali, perché si vaccinino. È un buon esempio che diamo ai nostri assistiti, dimostrando – conclude la professoressa Duse – il nostro impegno a proteggere coloro che vorremmo curare».

LEGGI ANCHE: VACCINI, WALTER RICCIARDI: «OBBLIGO SIA ESTESO ANCHE AI SANITARI. APPLICARE LEGGE SU SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO»

Articoli correlati
Vaccini, aumentano coperture. Allarme su morbillo: «Non si raggiunge il 95%». Ecco tutti i dati 2018
«Migliorano nel 2018 le coperture vaccinali dei bambini e degli adolescenti in Italia. Continua a destare preoccupazione il mancato raggiungimento dell’obiettivo del 95% per la vaccinazione contro morbillo-parotite-rosolia in tutte le fasce d’età considerate». È quanto riportato dal Ministero della Salute
Calendario per la Vita 2019, le Società Scientifiche del Board continuano la loro opera di aggiornamento “scientifico” sulle vaccinazioni
SIP, FIMMG, SITI e FIMP continuano la loro opera di informazione verso i cittadini sull'importanza della protezione vaccinale. «Sosteniamo gli sforzi per colmare le sacche di suscettibilità per morbillo e rosolia, chiediamo particolare attenzione ad elevare le coperture per varicella nelle Regioni che hanno introdotto la vaccinazione di recente per evitare spostamenti della malattia verso l’età adulta», sottolinea Paolo Bonanni, Coordinatore Scientifico
Vaccini, OMS e UNICEF: «20 milioni di bambini non sono immunizzati»
Sono venti milioni i bambini che, in tutto il mondo, nel 2018 non hanno ricevuto i vaccini salvavita, come quelli contro il morbillo, la difterite o il tetano. Oltre il 10% della popolazione infantile mondiale. Secondo quanto emerso dai nuovi dati pubblicati dall’Organizzazione Mondiale della Sanità e dall’UNICEF, dal 2010 le percentuali di copertura delle […]
Vaccini: niente obbligo dei certificati alle scuole entro domani. La SIPPS invita a non abbassare la guardia
Una nota congiunta del Ministero della Pubblica Istruzione e del Ministero della Salute ha precisato che, essendo stata attivata l’Anagrafe Nazionale Vaccinale, istituita con DM del 17 settembre 2018, i genitori non hanno più l’obbligo di presentare alle Scuole, entro domani, mercoledì 10 luglio, la documentazione attestante lo stato vaccinale dei propri figli, poiché è […]
Vaccini, scontro Cunial-Bella alla Camera su studio Corvelva: «Stato non fa analisi». «Davvero pensi ci sia il Viagra?»
Alla fine della conferenza stampa dell’associazione Corvelva alla Camera dei deputati acceso diverbio tra i due ex compagni di partito Sara Cunial (Misto) e Marco Bella (M5S) che ha contestato la validità scientifica dello studio presentato dai no vax
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran

Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici ...
Formazione

«Numero chiuso non sarà abolito, ma dal 2021 il test sarà dopo il primo anno». Parla il relatore della riforma Manuel Tuzi (M5S)

Il deputato Cinque Stelle, medico specializzando, presenterà a breve il testo base della riforma che andrà in discussione a settembre a Montecitorio. Accesso al primo anno comune a diverse facoltà ...