Giovani 5 febbraio 2019

UniVax Day, i più giovani non cascano nelle fake news sui vaccini. Duse (Siica): «Messaggi di speranza per il futuro»

Migliaia di studenti delle scuole superiori si sono riuniti in 21 università italiane per la giornata di formazione e sensibilizzazione sui vaccini. La presidente della Società italiana di immunologia clinica e allergologia: «Gli operatori sanitari devono vaccinarsi e dare il buon esempio»

Immagine articolo

Ragazzi, vaccinatevi. È il monito che i professori intervenuti all’UniVax Day dell’Università Sapienza di Roma hanno più volte rivolto agli oltre mille studenti degli ultimi due anni di scuola superiore seduti nell’Aula Magna dell’ateneo. Una giornata di formazione e sensibilizzazione sui vaccini organizzata dalla Società italiana di immunologia clinica e allergologia (Siica) che si è svolta contemporaneamente in 21 università italiane.

Semplice il linguaggio utilizzato dai professori, interessanti e mai banali le domande dei ragazzi, che hanno dimostrato di saperne molto di più di quanto ci si aspettasse in tema di vaccini, sistemi immunitari e malattie infettive. Al termine delle relazioni, è stato infatti chiesto loro di rispondere on line ad alcune domande, e le percentuali di studenti che hanno dato risposte corrette erano plebiscitarie. Niente dubbi sul legame tra vaccini e autismo, nessuna domanda sul sistema immunitario sovraccaricato a causa dei vaccini. «Sono tutte fake news senza alcun fondamento scientifico, parole buttate al vento da gente che non ha niente da fare», commenta ai nostri microfoni un ragazzo alla fine del convegno, consapevole del fatto che «i vaccini siano una cosa importante, e l’obbligo necessario».

LEGGI ANCHE: VACCINI, I RAPPORTO OSV. IL COORDINATORE: «OGNI REGIONE CON SUA STRATEGIA. ANAGRAFE VACCINALE LONTANA DA ASPETTATIVE»

Tante invece le domande che i ragazzi hanno rivolto agli esperti per capire meglio il funzionamento del sistema immunitario, soprattutto in gravidanza e nelle persone con immunodeficienze. Ed è proprio questo l’aspetto che più ha colpito Marzia Duse, presidente della Siica, che si dice entusiasta della riuscita della giornata: «Ci ha stupito la curiosità dei ragazzi, che volevano comprendere i meccanismi di difesa dalle malattie attraverso le vaccinazioni».

«Ma il secondo aspetto forse ancor più entusiasmante – prosegue la professoressa – è l’enorme sensibilità che questi ragazzi hanno dimostrato nei confronti delle persone più deboli che non hanno difese, e non possono quindi trarre vantaggio dalle vaccinazioni. È un aspetto che mi ha veramente toccato, perché molti volevano sapere come poter contribuire a difendere e ad aiutare questi ragazzi. È un messaggio di speranza per la società futura, che sarà più sensibile a questi problemi e avrà un maggior senso di responsabilità per la propria salute e per la salute degli altri».

Serve la collaborazione di tutti, infatti, per proteggere dalle infezioni coloro che non sono in grado di combatterle autonomamente. Serve la cosiddetta immunità di gregge, ovvero il 95% di popolazione vaccinata. Una percentuale da cui l’Italia si è allontanata molto negli ultimi anni, anche per colpa di quello scetticismo e di quella paura nei confronti dei vaccini che hanno reso indispensabili l’introduzione dell’obbligo vaccinale e l’organizzazione di manifestazioni come l’UniVax Day.

Ma oltre a rivolgersi ai più giovani, è però importante che messaggi come questo arrivino anche agli adulti, medici compresi: «Noi stiamo facendo un grande sforzo nei confronti degli operatori sanitari, quindi di tutti coloro che lavorano negli ospedali, perché si vaccinino. È un buon esempio che diamo ai nostri assistiti, dimostrando – conclude la professoressa Duse – il nostro impegno a proteggere coloro che vorremmo curare».

LEGGI ANCHE: VACCINI, WALTER RICCIARDI: «OBBLIGO SIA ESTESO ANCHE AI SANITARI. APPLICARE LEGGE SU SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO»

Articoli correlati
Morbillo, OMS: «Nel 2018 record di casi in Europa. Oltre 82mila contagi e 72 morti»
Nei 53 Paesi della regione aumentano anche le coperture vaccinali, ma i gap esistenti a livello locale lasciano le porte aperte al virus. I dati dell’Organizzazione Mondiale della Sanità
Alimentazione, il caso dei veleni “bianchi”. Farnetti (Medicina interna): «Cerchiamo cibo integro, non maltrattato. Zucchero? Nessuno può essere assolto, va limitato»
«Il mito dell’integrale va sfatato: la priorità è cercare cibi di qualità». Così la dottoressa Sara Farnetti in esclusiva a Sanità Informazione. E sullo zucchero: «Di per sé va contenuto, meglio un dolcificante naturale». Vediamo perché
Gli adolescenti dovrebbero andare dal medico da soli. Lo studio USA spiega perché
A che età è giusto mandare i figli da soli dal medico? Quando è consigliabile lasciar loro un po’ di privacy? Come insegnare ai più giovani ad approcciarsi in autonomia alle visite e al mondo sanitario? Sono alcune delle domande a cui intende rispondere uno studio condotto negli Stati Uniti e pubblicato sul Journal of […]
Ue e sanità, Castaldo (M5S): «Al lavoro per ottenere la certificazione europea dei chirurghi. Per ogni medico che va all’estero perdiamo fino a 500mila euro»
Il vicepresidente del Parlamento europeo sottolinea: «Occorre investire nelle scuole di specializzazione. Professione medica sempre meno attrattiva nel nostro paese per la responsabilità e per l’offerta economica». Sui vaccini: «Polemica surreale, abbiamo sempre sostenuto la volontà di passare dall’obbligatorietà alla raccomandazione proprio per evitare quella contrapposizione tra medico e paziente»
di Giovanni Cedrone e Serena Santi
Meningite, Regione Lazio: «Al via vaccinazioni per studenti Istituto Alberghiero Vespucci»
«A partire da domani mattina e fino alla prossima settimana presso il centro vaccinale della Asl Roma 2 (via Bardanzellu, n°8) i docenti e gli studenti dell’Istituto alberghiero A. Vespucci potranno vaccinarsi contro la meningite. I ragazzi dell’istituto romano hanno ricevuto una lettera della Asl per la prenotazione al servizio e potranno vaccinarsi con il […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...
Mondo

Da Messina alla Nuova Zelanda, la storia del fondatore di Doctors in Fuga: «Così aiuto giovani medici ad andare all’estero»

Stipendi più alti, maggiore attenzione al merito, assenza di contenziosi legali grazie ad una migliore comunicazione tra medici e pazienti. Davide Conti è in Nuova Zelanda da nove anni e non ha alcu...