Giovani 5 Febbraio 2019

UniVax Day, i più giovani non cascano nelle fake news sui vaccini. Duse (Siica): «Messaggi di speranza per il futuro»

Migliaia di studenti delle scuole superiori si sono riuniti in 21 università italiane per la giornata di formazione e sensibilizzazione sui vaccini. La presidente della Società italiana di immunologia clinica e allergologia: «Gli operatori sanitari devono vaccinarsi e dare il buon esempio»

Immagine articolo

Ragazzi, vaccinatevi. È il monito che i professori intervenuti all’UniVax Day dell’Università Sapienza di Roma hanno più volte rivolto agli oltre mille studenti degli ultimi due anni di scuola superiore seduti nell’Aula Magna dell’ateneo. Una giornata di formazione e sensibilizzazione sui vaccini organizzata dalla Società italiana di immunologia clinica e allergologia (Siica) che si è svolta contemporaneamente in 21 università italiane.

Semplice il linguaggio utilizzato dai professori, interessanti e mai banali le domande dei ragazzi, che hanno dimostrato di saperne molto di più di quanto ci si aspettasse in tema di vaccini, sistemi immunitari e malattie infettive. Al termine delle relazioni, è stato infatti chiesto loro di rispondere on line ad alcune domande, e le percentuali di studenti che hanno dato risposte corrette erano plebiscitarie. Niente dubbi sul legame tra vaccini e autismo, nessuna domanda sul sistema immunitario sovraccaricato a causa dei vaccini. «Sono tutte fake news senza alcun fondamento scientifico, parole buttate al vento da gente che non ha niente da fare», commenta ai nostri microfoni un ragazzo alla fine del convegno, consapevole del fatto che «i vaccini siano una cosa importante, e l’obbligo necessario».

LEGGI ANCHE: VACCINI, I RAPPORTO OSV. IL COORDINATORE: «OGNI REGIONE CON SUA STRATEGIA. ANAGRAFE VACCINALE LONTANA DA ASPETTATIVE»

Tante invece le domande che i ragazzi hanno rivolto agli esperti per capire meglio il funzionamento del sistema immunitario, soprattutto in gravidanza e nelle persone con immunodeficienze. Ed è proprio questo l’aspetto che più ha colpito Marzia Duse, presidente della Siica, che si dice entusiasta della riuscita della giornata: «Ci ha stupito la curiosità dei ragazzi, che volevano comprendere i meccanismi di difesa dalle malattie attraverso le vaccinazioni».

«Ma il secondo aspetto forse ancor più entusiasmante – prosegue la professoressa – è l’enorme sensibilità che questi ragazzi hanno dimostrato nei confronti delle persone più deboli che non hanno difese, e non possono quindi trarre vantaggio dalle vaccinazioni. È un aspetto che mi ha veramente toccato, perché molti volevano sapere come poter contribuire a difendere e ad aiutare questi ragazzi. È un messaggio di speranza per la società futura, che sarà più sensibile a questi problemi e avrà un maggior senso di responsabilità per la propria salute e per la salute degli altri».

Serve la collaborazione di tutti, infatti, per proteggere dalle infezioni coloro che non sono in grado di combatterle autonomamente. Serve la cosiddetta immunità di gregge, ovvero il 95% di popolazione vaccinata. Una percentuale da cui l’Italia si è allontanata molto negli ultimi anni, anche per colpa di quello scetticismo e di quella paura nei confronti dei vaccini che hanno reso indispensabili l’introduzione dell’obbligo vaccinale e l’organizzazione di manifestazioni come l’UniVax Day.

Ma oltre a rivolgersi ai più giovani, è però importante che messaggi come questo arrivino anche agli adulti, medici compresi: «Noi stiamo facendo un grande sforzo nei confronti degli operatori sanitari, quindi di tutti coloro che lavorano negli ospedali, perché si vaccinino. È un buon esempio che diamo ai nostri assistiti, dimostrando – conclude la professoressa Duse – il nostro impegno a proteggere coloro che vorremmo curare».

LEGGI ANCHE: VACCINI, WALTER RICCIARDI: «OBBLIGO SIA ESTESO ANCHE AI SANITARI. APPLICARE LEGGE SU SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO»

Articoli correlati
Piano vaccinale, Trizzino (M5S): «Bisogna sensibilizzare popolazione, livello di copertura deve restare alto. Mia battaglia è a difesa della vita»
Il medico e deputato della commissione Affari Sociali: «Le vaccinazioni obbligatorie sono l’unico modo per mantenere un livello di attenzione elevato ed evitare nuove epidemie come quella newyorkese»
di Isabella Faggiano
Epidemia morbillo a New York, parla il direttore dell’Istituto USA malattie infettive: «No ad esenzione vaccini per ragioni ‘filosofiche’»
ESCLUSIVA | Le interviste di Sanità Informazione al NYC Department of Health e al direttore del National Institute for Allergy and Infectious Diseases Anthony Fauci, che dichiara: «Il morbillo è una malattia molto pericolosa. Prima del vaccino causava la morte di 2-3 milioni di persone l’anno in tutto il mondo. Le autorità devono far capire meglio alla popolazione che i vaccini sono sicuri ed efficaci in modo che si sottoponga volontariamente alla profilassi»
Vaccini, Zingaretti: «Proposta di legge nel Lazio per tutelare e garantire accesso scolastico a bambini immunodepressi»
Il Presidente della Regione: «E’ una questione di civiltà. La proposta di Legge passa ora all’esame del Consiglio regionale per l’approvazione definitiva». «Raggiunto risultato straordinario in coperture vaccinali, ora mantenere alta attenzione a tutela della salute dei più piccoli» precisa l'Assessore D’Amato
Specializzandi, Lorenzo Paglione (Chi si cura di te?): «Spesso sopperiscono a carenze di personale ma non hanno forme di welfare diretto»
L'associazione “Chi si cura di te”? nasce per promuovere i diritti dei giovani professionisti della salute, mirando al miglioramento della formazione medica e, di conseguenza, del SSN. «Oggi, il medico è una figura ibrida che deve ritrovare una propria identità e il suo ruolo di garante dell’equità dell’universalismo del SSN e quindi della democrazia, all’interno di un contesto di crisi economica e fortemente cambiato negli anni» così L. Paglione ai nostri microfoni
Giovani e tabacco, alleanza scuola-salute. Coppo (psicologo): «Fondamentali le politiche sui prezzi dei prodotti»
Il 20.7% dei giovani fuma sigarette correntemente e 8 ragazzi su 10 sono esposti a fumo passivo fuori casa (dati indagine GYTS). La promozione della Salute tra i giovani passa anche per la scuola, necessari interventi di prevenzione e promozione della vita senza tabacco.
di Lucia Oggianu
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Equivalenza titoli, TAR Lazio accoglie ricorso ANEP. L’avvocato Croce (Consulcesi & Partners): «Risultato apre strada anche alle altre figure»

Questo provvedimento impone l’avvio di iniziative dirette a far sì che si proceda all’individuazione dei criteri e delle modalità per il riconoscimento dell’equivalenza dei titoli conseguiti c...
Lavoro

Massofisioterapisti e fisioterapisti: uguali o diversi? La posizione di Beux (TSRM e PSTRP)

Alessandro Beux (TSRM e PSTRP): «Iscrizione solo per quelli che hanno conseguito titolo prima 1999»
Salute

Ecco la verità sugli integratori: business o vera salute? Facciamo chiarezza con Alessandro Mugelli (Presidente Società Italiana Farmacologia)

Cosa c’è dietro al boom inarrestabile e miliardario degli integratori alimentari? «Con uno stile di vita corretto ed un’alimentazione varia e completa non c’è nessun motivo di usare integrato...